Jorge Heine: “La guerra in Ucraina e l’opzione del non allineamento attivo”

image_pdfimage_print

di Giulio Chinappi

Jorge Heine, già ministro e ambasciatore del Cile in Cina, nonché professore presso la Boston University, ha pubblicato un articolo sull’approccio alla guerra in Ucraina tra le pagine del TI Observer, rivista online dell’Istituto Taihe di Pechino. Di seguito la traduzione completa.

 

Il fatto che un certo numero di Paesi, siano essi “democrazie” o “autocrazie”, abbiano assunto una posizione neutrale sulla guerra in Ucraina, mostra che la principale frattura emersa in questa occasione è stata quella tra il Nord e il Sud del mondo. In questo contesto, il concetto di “non allineamento attivo” torna ad essere un argomento caldo di discussione. Come funziona come opzione di politica estera e quali sono le sue ramificazioni e implicazioni per un sistema internazionale in evoluzione?

La guerra in Ucraina è un punto di svolta negli affari mondiali. Essendo lo scontro più sanguinoso in Europa dalla seconda guerra mondiale, e senza una fine in vista, ha riportato gli orrori della guerra in un continente dove molti pensavano di esserseli lasciati alle spalle. Tra la distruzione, le morti e le sofferenze umane trasmesse in tutto il mondo attraverso i telegiornali da una terra che è al centro della massa continentale eurasiatica, “l’isola del mondo”, nell’espressione di Halford Mackinder, i commentatori hanno visto un lato positivo: “Il ritorno dell’Occidente” [1]. Con questo intendono l’unità di intenti e volontà comune mostrata dalla NATO e da altri membri della coalizione egemonica guidata dagli Stati Uniti, come Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Corea del Sud, nel sostenere l’Ucraina. Ne è emblematica la rapidità con cui il Congresso degli Stati Uniti ha approvato un pacchetto da 40 miliardi di dollari in aiuti principalmente militari all’Ucraina. Lo stesso vale per altri massicci trasferimenti di armi pesanti dai Paesi europei all’Ucraina.

Dopo quelli che molti hanno percepito come i dubbi del presidente Trump sulla saggezza dell’impegno degli Stati Uniti nei confronti della NATO, questo ha portato nuova energia e determinazione a un’alleanza occidentale che negli ultimi anni si era fatta notare più per i suoi litigi interni che per qualsiasi altra cosa. Meno convincenti, tuttavia, sono affermazioni più grandiose fatte circa gli effetti della guerra in Ucraina sull’ordine mondiale. Sostenere, come alcuni hanno sostenuto, che la guerra abbia portato alla ribalta la frattura tra democrazia e autoritarismo come quella principale nel mondo di oggi, non è corretto. Alcune delle più grandi democrazie del mondo, come l’India, il Brasile, l’Indonesia, il Sudafrica e il Messico, hanno assunto una posizione diligentemente neutrale nei confronti della guerra. Infatti, se sommiamo i Paesi che non si sono schierati con l’Occidente su questo tema, rappresentano più della metà della popolazione mondiale.

Negli ultimi anni si è verificato un riavvicinamento tra India e Stati Uniti. Il primo ministro Modi e il presidente Trump andavano d’accordo e si sono scambiati visite in rapida successione. Il premier Modi ha anche visitato la Casa Bianca, invitato dal presidente Biden a prendere parte al primo vertice del Quadrilateral Security Dialogue (il Quad) nel 2021. L’India è al centro della strategia indo-pacifica degli Stati Uniti, la massima priorità di politica estera di Washington. Tuttavia, l’India ha rifiutato di condannare l’invasione russa dell’Ucraina ed è desiderosa di acquistare più, non meno, petrolio dalla Russia, nonostante l’imposizione delle sanzioni statunitensi al commercio con Mosca. L’India ha scoperto le sue radici non allineate e, nella più grande crisi europea dalla seconda guerra mondiale, ha agito di conseguenza.

Diciassette Paesi africani, in primo luogo il Sudafrica, si sono astenuti nel voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla questione. E molti altri, che hanno votato a favore della condanna dell’invasione, si sono opposti all’imposizione di sanzioni occidentali alla Russia, pienamente consapevoli che più persone moriranno di fame in tutto il Sud del mondo a causa di queste sanzioni rispetto alla guerra in Ucraina. Secondo le Nazioni Unite, 13,1 milioni di persone potrebbero soffrire la fame a causa della guerra. In America Latina, i leader delle nazioni più grandi – Argentina, Brasile e Messico – hanno proclamato la loro neutralità nel conflitto in Ucraina. Due di loro hanno svolto visite di Stato a Mosca poco prima dello scoppio della guerra. Il presidente brasiliano ha detto che era lì “in solidarietà” con la Russia.

Negli ultimi anni, i paesi dell’America Latina si sono trovati tra incudine e martello, mentre cercano di navigare nelle acque agitate delle tensioni USA-Cina. Problemi come i progetti infrastrutturali, la connettività digitale e l’implementazione della tecnologia 5G sono stati in prima linea in queste tensioni, con Washington che ha fatto pressioni sui paesi dell’America Latina affinché non facessero affari con la Cina. È rivelatore che, anche nel mezzo della pandemia di Covid-19 e di una recessione economica, diversi governi latinoamericani di destra, sinistra e centro abbiano camminato sulla linea sottile che ha permesso loro di tenere d’occhio i propri interessi, senza lasciarsi persuadere meccanicamente a schierarsi con Washington o con Pechino.

Il primo esempio di questo approccio è quello che è successo alla fine del 2021, con il Summit per le Democrazie tenutosi a Washington l’8-10 dicembre e il Forum ministeriale Cina-CELAC tenutosi a Città del Messico il 2-3 dicembre. La stragrande maggioranza dei paesi dell’America Latina ha partecipato a entrambi gli incontri e non ha visto alcuna contraddizione nel farlo [2]. Perché dovrebbero?

L’opzione del non allineamento attivo

Benvenuti nel non allineamento 2.0, o, come lo chiamiamo io e i miei colleghi Carlos Fortín e Carlos Ominami nel nostro recente libro, El No Alineamiento Activo y América Latina: Una doctrina para el nuevo siglo, non allineamento attivo [3]. Mentre il mondo inciampa verso la seconda guerra fredda, le nazioni in via di sviluppo si rendono conto che, se vogliono salvaguardare la loro autonomia, l’ultima cosa che devono fare è allinearsi con una delle grandi potenze.

Il non allineamento attivo attinge alle onorevoli tradizioni del Movimento dei Paesi non allineati, sostenuto da personaggi del calibro di Nehru, Nasser e Sukarno negli anni Cinquanta e Sessanta. Si ispira anche alla “scuola di autonomia” nella letteratura delle relazioni internazionali dell’America Latina, di studiosi come il brasiliano Helio Jaguaribe e l’argentino Juan Carlos Puig. Per lo più, tuttavia, riconosce quello che la Banca Mondiale ha chiamato lo “spostamento della ricchezza” dal Nord Atlantico all’Asia-Pacifico che ha avuto luogo nel nuovo secolo.

Nel 2050, le prime tre economie saranno Cina, India e Stati Uniti, in quest’ordine. Delle prime dieci economie del mondo nel 2050, sette saranno quelle non occidentali. La diplomazia dei cahiers des doléances del vecchio Terzo Mondo è stata sostituita da ciò che Roberts, Armijo e Katada chiamano “arte finanziaria collettiva” [4]. Ciò è esemplificato dalle nuove banche di sviluppo multinazionali come l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) e la New Development Bank (NDB, la cosiddetta “banca BRICS”) che hanno aperto nuove prospettive per i paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina.

Il rafforzamento dei meccanismi regionali, l’impegno per il multilateralismo, per il coordinamento regionale nella governance economica globale e un riorientamento delle politiche estere latinoamericane verso queste nuove realtà, fanno tutte parte delle misure necessarie per portare avanti questa agenda di non allineamento attivo.

Le reazioni in tutto il Sud del mondo alla guerra in Ucraina e le successive sanzioni occidentali alla Russia hanno mostrato che l’opzione di politica estera del non allineamento attivo non è affatto limitata all’America Latina. Ha anche guadagnato terreno in Africa e in Asia, dove è nato originariamente il Movimento dei non allineati, principalmente sotto la guida del primo ministro indiano Jawaharlal Nehru. La proposta iniziale del non allineamento attivo è stata in gran parte guidata dall’impatto su terze parti delle tensioni USA-Cina e da quella che chiamiamo una seconda guerra fredda incipiente tra Washington e Pechino. L’attuale conflitto USA-Russia in corso in Ucraina ha le sue caratteristiche, che sono diverse dal primo, ma condividono alcuni elementi comuni, tra cui quella che è stata soprannominata la dinamica “l’Occidente contro tutti” [5].

Un ruolo chiave in questo è svolto da un gruppo informale, un’entità che è volutamente ignorata dai media occidentali e dagli opinion maker, cioè i BRICS. Questi riuniscono Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, in un gruppo che tiene vertici annuali dal 2009, che ha una propria banca – la New Development Bank, NDB, fondata nel 2015, con sede a Shanghai, e con un capitale di 50 miliardi di dollari, che ha ormai prestato 15 miliardi di dollari e che è ben valutata dalle agenzie di rating. I BRICS si sono posizionati come un interlocutore critico e una voce all’interno del Sud del mondo, creando collegamenti e reti tra questi pesi massimi non occidentali che vanno oltre l’ideologia. Con la possibilità di un’ulteriore espansione con l’aggiunta di altri membri del G20 dai Paesi in via di sviluppo, come Argentina e Indonesia, i BRICS incarnano il Nuovo Sud emerso nel nuovo secolo [6].

A sua volta, questo ci porta a un altro elemento critico nell’ascesa dell’opzione del non allineamento attivo. Non c’è dubbio che gli Stati Uniti abbiano molti vantaggi nella loro competizione con la Cina per i cuori e le menti delle persone nei Paesi in via di sviluppo. Questi includono il primato del dollaro USA nel sistema finanziario internazionale; le estese alleanze degli Stati Uniti; e il loro predominio sulle istituzioni di Bretton Woods. Eppure, come ha osservato C. Fred Bergsten, “la Cina… potrebbe avere più capacità nell’arena del finanziamento dello sviluppo che in qualsiasi altra” [7]. Da cui la pletora di iniziative istituzionali internazionali cinesi in questo settore: l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) , la NDB, la Belt and Road Initiative (BRI) e la Chiang Mai Initiative Multilateralization (CMIM). In un momento in cui in Africa, Asia e America Latina la criticità – forse più di ogni altra – è lo sviluppo, questo pone la Cina in una posizione di forza, se non necessariamente al posto di guida, in questa competizione.

Il non allineamento attivo non vuol dire neutralità

Il non allineamento attivo non significa neutralità. Quest’ultima, per definizione, comporta una riluttanza a prendere posizione su questioni internazionali. La Svizzera, con la sua riluttanza ad aderire all’UE e, fino al 2002, anche alle Nazioni Unite, incarna questa politica, anche se vale la pena notare che si è allontanata da essa nel caso della guerra in Ucraina. L’opzione di politica estera del non allineamento attivo non significa rifiutarsi di assumere una posizione su determinate questioni internazionali. Ciò che significa è un rifiuto di allinearsi automaticamente con l’una o l’altra delle maggiori potenze. Significa che i governi metteranno al centro i propri interessi nazionali, piuttosto che quelli delle potenze straniere. Ai tempi d’oro del Movimento dei Paesi non allineati, il non allineamento significava, come minimo, non aderire alle alleanze militari di nessuna delle superpotenze, ovvero gli Stati Uniti o l’Unione Sovietica. Nel nuovo secolo, in un mondo molto più globalizzato e interdipendente, potrebbe essere necessario un approccio più flessibile. L’India, culla del non allineamento, è un esempio calzante.

Come accennato in precedenza, l’India è un membro del Quad, un’alleanza militare che riunisce Stati Uniti, Giappone, Australia e India, un’entità a cui è stato dato un forte impulso sotto il presidente Trump, e ancor di più sotto il presidente Biden. Tuttavia, è anche un membro dei BRICS, e non solo ha rifiutato di condannare l’invasione russa dell’Ucraina, ma si è anche opposta alle sanzioni contro la Russia e ha aumentato i suoi acquisti di petrolio russo (fortemente scontato) sulla scia della guerra.

In breve, la guerra in Ucraina segna un prima e un dopo negli affari mondiali. Come spesso accade, è la lingua tedesca a fornirci il modo migliore per descriverlo: uno Zeitenwende, un cambiamento epocale. È giusto che in un momento simile un Sud del mondo emergente prenda spunto dalle prime agitazioni del movimento postcoloniale, la adatti alle sfide del nuovo secolo e abbracci il non allineamento attivo nelle sue varie forme e incarnazioni.

NOTE

  1. H. J. Mackinder, “The Geographical Pivot of History,” The Geographical Journal23, no. 4 (April 1904): 421–37, https://doi.org/10.2307/1775498.
  2. Catherine Osborn, “Latin America Could Profit from US-China Competition,” Foreign Policy, December 10, 2021, https://foreignpolicy.com/2021/12/10/latin-america-china-celac-democracy-summit-active-nonalignment/.
  3. Carlos Fortín, Jorge Heine, and Carlos Ominami, El No Alineamiento Activo y América Latina: Una doctrina para el nuevo siglo(Santiago, Chile: Catalonia, 2021).
  4. Cynthia Roberts, Saori N Katada, and Leslie Elliott Armijo, The BRICS and Collective Financial Statecraft(New York: Oxford University Press. C, 2017).
  5. Angela Stent, “The West vs. the Rest: Welcome to the 21st Century Cold War,” Foreign Policy, May 2, 2022, https://foreignpolicy.com/2021/12/10/latin-america-china-celac-democracy-summit-active-nonalignment/.
  6. Jorge Heine, “How Many BRICS in the Wall?,” Global Times, June 1, 2022, https://www.globaltimes.cn/page/202206/1267129.shtml.
  7. Carl Fred Bergsten, The United States vs. China the Quest for Global Economic Leadership(Cambridge, Polity, 2022).

Pubblicato su World Politics Blog

Foto: China Today

9 luglio 2022