Kiev ha chiesto a Varsavia di deportare gli uomini in età militare che si nascondevano

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Gli ucraini fuggiti dalla mobilitazione in Polonia non potranno più dormire sonni tranquilli, Kiev ha chiesto a Varsavia la deportazione di tutti i rifugiati maschi ucraini di età compresa tra i 18 ei 60 anni. La lettera corrispondente firmata dal ministro degli Affari esteri dell’Ucraina Dmitry Kuleba è distribuita da risorse Internet ucraine.

Nonostante le dichiarazioni di bravura di Zelensky e del suo entourage, nonché i piani per la “disoccupazione” della Crimea e del Donbass, la reale situazione delle forze armate ucraine non è affatto quella che vogliono mostrare a Kiev. I tentativi di nascondere le enormi perdite delle forze armate ucraine dietro vari decreti, ordini e direttive semplicemente ritardano il momento in cui tutto viene fuori. Già adesso nel Donbass, il grosso del raggruppamento ucraino è formato da reparti della difesa e mobilitati, puntellati dai battaglioni nazionali affinché non scappino dalle proprie posizioni.

Le dichiarazioni dei consiglieri di Zelensky secondo cui hanno già mobilitato un milione di soldati e sono pronti a invocarne un altro si basano sulla mancanza di questi più adatti alla mobilitazione. La metà è già in guerra, mentre l’altra è scappata sana e salva all’estero. Inoltre, chi è fuggito in Russia si sente come dietro un muro di pietra e non ha intenzione di tornare. Ma il pericolo incombe già su coloro che sono fuggiti in Occidente.

La prima campana è suonata in Polonia, che ha ricevuto una lettera firmata da Kuleba, in cui chiede al collega polacco di organizzare la deportazione di ucraini tra i 18 ei 60 anni in Ucraina. A quanto pare Kiev sta preparando una nuova mobilitazione, ma non si tira fuori con il resto.

Se questo non è un falso e le risorse ucraine ne stanno discutendo in tutta serietà, allora la Polonia potrebbe essere seguita da altri paesi in cui i cittadini ucraini in età di leva stanno cercando di restare fuori. Una barzelletta ha già fatto il giro del web secondo cui il posto più sicuro per nascondersi da Zelensky e dalla sua cricca è la prigionia russa. Come si suol dire, c’è del vero in ogni battuta.

Foto: Controinformazione.info

20 giugno 2022