La battaglia per il Cosmo nella Filosofia Eurasiatista [1/3]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Lo stato del cosmo nella visione del mondo eurasiatica

Gli eurasiatisti non sono mai stati materialisti. Su questo punto si trovarono in opposizione alle principali tendenze della scienza moderna. Allo stesso tempo, però, per loro era importante non solo affermare la priorità di elementi e principi eterni – da qui la principale tesi eurasiatica sull’ideocrazia, l’idea-regola, il dominio delle idee – ma insistere sul fatto che il mondo intero e tutta la realtà, dalla politica all’economia e dalla religione alla scienza, fossero permeati di idee. Petr Savitsky ha insistito sul concetto di sviluppo dei luoghi o topogenesi (mestorazvitie). Il luogo-sviluppo è la congiunzione dello spazio fisico e la continuità dei significati, della semantica e degli eventi storici. Il territorio è inestricabilmente legato alla Storia, e la Storia, a sua volta, è una continuità di idee che rivela un’unica immagine di eternità monumentale che si dispiega attraverso l’umanità e nel suo percorso spirituale attraverso il tempo.

Questo definisce la comprensione eurasiatica del cosmo. Il cosmo eurasiatico è il territorio generalizzante del luogo-sviluppo dello spirito. È l’ordine spirituale che penetra tutti i livelli della realtà, sia sottile che grossolana, animica e corporea, sociale e naturale. Il cosmo eurasiatico è permeato da traiettorie sottili percorse da idee ardenti ed eterne e da significati alati. Leggere queste traiettorie, rivelarle dall’occultamento ed estrarre significati complessi dal plasma corporeo di fatti e fenomeni disparati è il compito dell’umanità. Per gli eurasiatici, il cosmo è una nozione interiore. Si rivela non attraverso l’espansione, ma piuttosto, o al contrario, attraverso l’immersione nel suo profondo, attraverso la concentrazione sugli aspetti nascosti della realtà data qui e ora. La coscienza cosmica si dispiega non in ampiezza, ma in profondità, all’interno del soggetto umano. È l’essere dentro l’uno o l’altro punto del mondo del soggetto che fa di questo punto un luogo-sviluppo, una topogenesi. Lo stesso termine greco κόσμος significa “ordine”, “struttura”, “insieme organizzato e ordinato”. Il cosmo è in uno stato di divenire, di sviluppo, diventando sempre più se stesso. Il mondo in quanto tale, come semplice realtà dell’ambiente circostante, non è un cosmo, il mondo deve solo diventare un cosmo, e questo non avviene da sé: il mondo si trasforma in cosmo grazie al soggetto, portatore di mente e spirito; solo allora, una volta fissata la presenza pensante, questo mondo si trasforma in un luogo-sviluppo e, inoltre, solo una volta stabiliti i due poli, il soggettivo e l’oggettivo, si muovono in una coppia inseparabile, dando forma allo speciale campo intelligente dell’essere.

Sottolineiamo ancora una volta: gli eurasiatici non accettano categoricamente il materialismo. Ciò significa che l’uomo non è semplicemente un riflesso del mondo esterno. Non è creato dalla natura ma, al contrario, sono lo spirito e la natura, in stretta interazione e a volte in opposizione dialettica, che costituiscono insieme il cosmo. Il cosmo è impossibile senza la natura, ma è anche impossibile senza l’uomo; l’uomo è sempre essenzialmente bipolare, e questi poli sono fusi insieme attraverso una complessa rete di interrelazioni. Questa drammatica interconnessione si svolge come Storia – non semplicemente come storia del soggetto, ma come storia del soggetto che interagisce con l’oggetto. Il cosmo, quindi, è un essere vivente. In un certo senso, esso stesso è Storia – non semplicemente il suo sfondo o abbigliamento, e non l’oggetto da solo, ma la sintesi di soggetto e oggetto.

 

Il cosmo russo

Tutti gli altri aspetti applicati della visione del mondo eurasiatica diventano chiari da una tale analisi filosofica. Quando gli eurasiatisti insistono sul fatto che la Russia non è semplicemente uno stato, non è semplicemente un paese, e che i russi non sono semplicemente una tra le altre società europee periferiche, si basano proprio su questa profonda comprensione della dimensione cosmica dell’essere. I russi sono in sostanza il soggetto. Eppure questo soggetto non è collocato in un vuoto (in realtà, non esiste alcun vuoto), ma in un territorio speciale, esistenziale, intessuto innanzitutto di idee, significati ed eventi, e a volte anche avvolto nel paesaggio e nell’ambiente naturale. La terra russa in quanto mondo russo costituisce il polo oggettivo del cosmo russo, nella misura in cui la sua essenza sono precisamente le idee. L’altro polo del cosmo russo è l’uomo russo. Il cosmo russo comprende due poli – se sottraiamo uno dei due, distruggiamo immediatamente la loro unità viva, luminosa, semantica, l’unità della santa, sacra Rus’.

Il mondo russo è il luogo-sviluppo del cosmo russo; pertanto, comprende sia lo spazio che il tempo, la geografia e la storia. È impossibile dividere il popolo russo dalla natura russa, perché insieme costituiscono qualcosa di intero: un unico insieme spirituale-corporeo.

È da questa posizione che gli eurasiatisti consideravano l’elemento principale della loro filosofia: la Russia-Eurasia è luogo-sviluppo, cioè l’espressione diretta e pienamente concreta del cosmo russo. Allo stesso tempo, gli eurasiatisti insistevano sul fatto che interpretare questo cosmo, studiarlo, viverlo e conoscerlo non richiede altro che il soggetto russo. Se si studia il paesaggio russo dalla posizione di un tedesco, di un francese, di un inglese, o più in generale di qualsiasi europeo, allora l’oggetto stesso dello studio cambia irrevocabilmente. La sua costituzione cosmica scompare. L’oggetto viene strappato dal soggetto e noi perdiamo così il suo significato, la sua importanza, il suo riempimento ideativo.

Lo stesso accade se gli stranieri tentano di costruire un modello di storia russa: vedono in essa solo quegli eventi che significano qualcosa per la loro soggettività, per i criteri e le valutazioni del cosmo europeo; ma per gli eurasiatisti, come gli slavofili o Nikolai Danilevsky prima di loro, era ovvio che le civiltà o i tipi storico-culturali sono forme diverse che non possono essere ridotte a nessun modello normativo. Quindi, hanno insistito che la Russia è un “continente”, un mondo speciale, una civiltà separata. In altre parole, la visione del mondo degli eurasiatisti è costruita sul riconoscimento del pluralismo cosmico.

 

Sulla difficile via dell’universo

A questo punto potrebbe sorgere una questione teorica. L’eurasiatismo è costruito sul principio di relatività, ma se esistono molti cosmi, allora la questione in questione non è una sorta di soggettivismo culturale? Lo sforzo di affermare un solo cosmo non è forse quella volontà molto profonda dell’umanità verso una verità superiore?

In risposta a questo si potrebbe dire quanto segue. Il pluralismo cosmico non esclude affatto un unico cosmo, ma questo cosmo non può essere acquisito come una semplice somma di “cosmi locali”. Inoltre, nessuna singola civiltà può essere presa come qualcosa di universale, imponendo così l’esperienza della propria concettualizzazione di sviluppo del luogo agli altri. Il cosmo è una nozione estremamente sottile. Ci avviciniamo ad esso attraverso un percorso che porta all’interno di noi, nel dominio della mente, dell’anima e dello spirito. Lì, al centro della soggettività – che è sempre specifica ed è sempre associata a nient’altro che al mondo oggettivo che la circonda – è conservata la chiave per afferrare il tutto. Non si tratta di un’espansione verso l’esterno, non di un dialogo con altri cosmi, e non di un’aggiunta meccanica di altre visioni locali, ma dell’immersione nel nucleo luminoso dell’Idea – la Russia come Idea, l’Europa come Idea, la Cina come Idea, ecc. – che ci avvicina alla verità comune. Se ognuno andasse in profondità nel proprio cosmo, si avvicinerebbe al comune – nascosto, “apofatico” – vero soggetto e oggetto in quanto tale. In altre parole, il russo diventa un tutto-uomo nella misura in cui è sempre più russo, e non viceversa, senza perdere la sua russità in cambio di qualcosa di formale ed esteriore preso in prestito da altri popoli e culture. Lo stesso si può dire di qualsiasi rappresentante di qualsiasi altro cosmo, ma la presenza di questa unità sovracosmica non può essere un dato noto. Deve essere sperimentata nella pratica. Si deve percorrere tutto il cammino. Si potrebbe sperare che alla fine del proprio cammino verso se stessi nelle proprie radici cosmiche, una persona raggiunga il nucleo comune dell’umanità, cioè la matrice del cosmo in quanto tale, il suo centro segreto, ma questo non può essere preteso in anticipo. Inoltre, sarebbe un errore sostituire l’esperienza concreta di una cultura con il presentarla in anticipo come qualcosa di comune a tutti e universale. L’approccio eurasiatista alla pluralità dei cosmi non è dunque un approccio relativista. È solo un approccio responsabile, fondato sul profondo rispetto per le differenze di tutte le culture e società, da parte di coloro che tendono all’universalità ma che percorrono questo cammino in modo onesto, aperto e coerente, evitando di prendere a tutti i costi il desiderato per il reale. Il filosofo Martin Heidegger disse: «La questione se esista o meno un solo Dio dovrebbe essere lasciata alla decisione degli dèi stessi». Solo chi ha raggiunto il cuore del proprio cosmo può emettere un giudizio pesante e solido sull’universale. La volontà verso il tutto umano è meravigliosa, ma non può essere realizzata senza la tappa più importante, necessaria e preliminare di diventare un russo perfetto, un umano tutto russo. Muoversi in qualsiasi altra direzione non fa che allontanarci dalla nostra mèta.

Parte 1 di 3

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

13 aprile 2022