La battaglia per il Cosmo nella Filosofia Eurasiatista [2/3]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Rifiutare il nazionalismo

Non c’è un solo cosmo, ci sono molti cosmi. Il cosmo russo può essere conosciuto, decifrato e affermato solo dal soggetto russo, di cui è parte inalienabile. Non c’è nessun “nazionalismo” in questo. Gli eurasiatisti riconoscevano il pluralismo cosmico non solo nei confronti dei russi, ma anche di altre culture e civiltà. Inoltre, per loro il cosmo russo stesso non era un monolite con una rigida dominante etno-culturale. Piuttosto, la particolarità della Russia-Eurasia consiste nel fatto che comprende un cosmo continentale di numerose galassie particolari, costellazioni, sistemi solari e insiemi planetari. Nikolai Trubetzkoy ha designato questo con il termine non troppo riuscito di nazionalismo pan-eurasiatico, che nella sua interpretazione significava l’armonia multilivello delle costellazioni etniche entro i confini comuni del sistema cosmico eurasiatico unificato. Evocare il concetto politico di “nazione”, basato com’è sull’identità individuale e preso in prestito dall’esperienza storica dell’Europa borghese della modernità (Tempo Nuovo), distorce il pensiero di Trubetzkoy, che aveva in mente un’armonia di costellazioni culturali, non un’associazione meccanica di cittadini in un sistema politico imposto dall’alto.

L’Eurasia è un cosmo di cosmi. Tuttavia non pretende l’universalità, perché oltre il cosmo eurasiatico esistono altri cosmi, altre civiltà: quella europea, cinese, islamica, indiana, ecc. Tutte hanno i loro luoghi-sviluppi, i loro modelli, i loro contorni di congiunzione tra soggetto e oggetto, tra pensiero umano e paesaggio circostante. La maggior parte delle civiltà umane, pur essendo convinte della propria universalità, ammettono di fatto l’altro al di là dei loro confini, cioè un altro mondo, un altro cosmo, più o meno conosciuto, a volte ostile, a volte esoticamente attraente, a volte indifferente. Solo l’Europa della modernità, avendo intrapreso il cammino del progresso tecnologico, dell’ateismo, del secolarismo e della scienza materialista, ha violato questo equilibrio precolombiano delle civiltà che si potrebbe chiamare “l’era degli Imperi”. Furono proprio tali Imperi a rappresentare le espressioni politiche di quell’unità cosmica che gli eurasiatisti insegnavano. La Riforma e l’Illuminismo lanciarono la guerra contro il principio stesso dell’Impero e distrussero gradualmente queste strutture cosmiche che, il più delle volte, erano unite da elementi religiosi, spirituali e celestiali. Le distrussero prima in Occidente, poi in Oriente e in altre parti del mondo. La colonizzazione divenne così un processo di distruzione del pluralismo cosmico. Nel Nuovo Tempo, gli europei iniziarono a stabilire tra l’umanità, con la forza e l’inganno, una fede nella nozione che solo il cosmo scientifico-materialista, quello descritto e studiato dalla moderna scienza occidentale, è la verità in ultima istanza. Tutti gli altri punti di vista strutturati diversamente dalla filosofia razionale occidentale del Nuovo Tempo e dalla scienza che ne deriva sono miti, deliri e pregiudizi. Nel Nuovo Tempo della Modernità, l’Occidente si è proposto di “disincantare il mondo” (à la Max Weber), di dividere il soggetto dall’oggetto, e quindi di distruggere i sottili legami dialettici del cosmo, che venivano fatti crollare da tale innaturale scissione. Così, l’Occidente – con la sua scienza, la sua politica, la sua filosofia, la sua economia e la sua tecnologia – divenne una minaccia per tutta l’umanità. Ovunque l’Occidente andasse, sia come amministrazione coloniale che come oggetto di imitazione nella scienza, nella politica, nella vita sociale, nella cultura e nell’arte, il cosmo subiva una scissione (in soggetto e oggetto) e, di conseguenza, il cosmo veniva abolito. Non si poteva più parlare della Santa Rus’ o del “mondo russo”. Impero, religione, tradizione e identità divennero categorie negative, e solo le concezioni scientifico-naturali che riflettevano la storia, il luogo-sviluppo dell’Europa occidentale moderna furono considerate degne di fiducia e criteri di progresso.

Gli eurasiatisti si opponevano a questa strategia coloniale dell’Occidente moderno. Non semplicemente l’Occidente, ma nient’altro che l’Occidente moderno, materialista, ateo, secolare, era ai loro occhi la sfida principale e persino il nemico principale, e la cosa peggiore in questo nemico non era tanto il fatto che rifiutasse il “cosmo russo” e ci imponesse il proprio cosmo europeo – questo sarebbe solo la metà del problema (anche se di per sé non va bene), ma la questione era molto più dura: l’Occidente moderno si sforzava di distruggere il cosmo in quanto tale, di abolire la stessa unità soggetto-oggetto dell’uomo e del mondo, l’armonia dialettica di mente e corpo. Questo non ha riguardato solo i russi, che sono stati oggetto di continue pretese storiche da parte dell’Occidente. La civiltà occidentale moderna ha distrutto anche il proprio cosmo greco-romano e poi medievale, e ha sradicato l’autocoscienza del cosmo di tutti quei popoli che, forzatamente o volontariamente, sono finiti sotto la sua influenza. Questa idea è stata coerentemente presentata da Nikolai Trubetzkoy nella sua opera programmatica Europa e Umanità, che ha segnato il punto di partenza del movimento eurasiatista nel suo complesso. L’Occidente moderno non è semplicemente una civiltà tra le altre, ma un’anomalia storica, il risultato di una catastrofe spirituale, cosmica. Questo Occidente è un virus gnoseologico e ontologico, che ha costruito una civiltà tecnologica antinaturale, ha rifiutato le proprie origini e ha cercato di rovesciare le stesse in tutti gli altri popoli. Così, per opporsi ad esso, non basta difendere un solo mondo, un solo cosmo, anche così grande e multidimensionale come quello russo, eurasiatico, ma, come credeva Trubetzkoy, è necessario formare un fronte unito di tutte le civiltà tradizionali che difendano all’unisono i propri cosmi, diversi da ogni altro e comprensibili solo alle proprie civiltà, alle proprie culture, ai propri popoli, alle proprie religioni, contro l’Occidente moderno.

Così, fin dal momento della sua comparsa, l’Eurasiatismo non fu semplicemente un’apologia del cosmo russo, ma un appello per un’alleanza cosmica di popoli e civiltà contro la piaga aggressiva della modernità occidentale anticosmica.

 

Cosmo, ma non cosmismo

Questa nozione di cosmo si trova al centro stesso della filosofia eurasiatica. Ciò diventa particolarmente evidente se consideriamo lo scisma che ebbe luogo tra i primi eurasiatisti alla fine degli anni ’20, quando l’ala parigina del movimento prese apertamente nel suo arsenale la filosofia del cosmismo russo di Nikolai Fedorov. Questo attirò la rinuncia da parte dei fondatori e principali teorici dell’eurasiatismo, cioè Trubetzkoy e Savitsky. Anche se le dispute tra le due fazioni del movimento eurasiatico ruotavano in gran parte intorno a motivi politici e soprattutto all’atteggiamento nei confronti dell’URSS, con la quale gli eurasiatisti parigini si sforzavano di unirsi alle condizioni dei bolscevichi, lo sfondo filosofico del penoso scisma di Clamart è eloquente.

Caratteristica del cosmismo russo era la mescolanza di soggetto e oggetto, riconoscendo alcuni aspetti della scienza materialista, e combinando artificialmente quest’ultima con una comprensione idiosincratica e tutt’altro che ortodossa del cristianesimo. Non sorprende che molti dei cosmisti russi, come Andrey Platonov e Marietta Shaginyan, si siano inizialmente schierati con i bolscevichi, non vedendo nulla di antinaturale e inaccettabile nel materialismo, nell’ateismo e nel progressismo. Per gli intellettuali e filosofi profondamente ortodossi Trubetzkoy, Savitsky e gli eurasiatisti della prima ondata a loro vicini, un tale approccio era impossibile. Il cosmo degli eurasiatisti, essendo intriso di significati e permeato di idee, era pensato come incommensurabile con:

  • i calcoli della scienza materialista, l’atomismo e la tecnocrazia (nello spirito del sogno di Fedorov di amministrare i fenomeni naturali);
  • i sogni oscuri di resuscitare i morti con le tecnologie scientifiche;
  • una libera interpretazione, a volte puramente eretica, del dogma cristiano;
  • un’infatuazione esaltata per la natura;
  • l’apologetica del fanatismo bolscevico verso la società, la religione e la natura.

Il cosmo dell’eurasiatismo ortodosso non ha nulla in comune con quello del cosmismo. Il cosmo eurasiatista è completamente diverso, è strutturato come una lingua (non è un caso che Trubetzkoy fosse un linguista riconosciuto a livello mondiale) e si manifesta nella storia (la linea storica dell’eurasiatismo fu sviluppata dallo storico George Vernadsky e dal filosofo Lev Karsavin). Il cosmo eurasiatista rappresenta più un orizzonte esistenziale con una pronunciata verticalità soggettiva e una mente chiara basata sulla gerarchia platonica delle idee e una visione del mondo cristiana ortodossa a pieno titolo. Su questo punto gli eurasiatisti erano gli eredi diretti degli slavofili russi. Tra di loro non vediamo alcun accenno a una fissazione esaltata del naturalismo, tanto meno del progresso tecnologico, essendo questo un’espressione dello sciopero anticosmico della modernità occidentale-europea. Il cosmo russo degli eurasiatisti differisce nettamente, ontologicamente, da quello del cosmismo russo, e lo scisma di Clamart non ha fatto che sottolinearlo più chiaramente.

Parte 2 di 3

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

14 aprile 2022