La Battaglia per la Storia: parte 2

image_pdfimage_print

di Vladimir Karpets

“Rinuncia al tuo sangue e accetta lo Spirito”, dicevano gli antichi Padri della Chiesa (San Pietro di Damasco, il beato padre Longino e altri). Non sono stati loro a inventare questa frase. Si tratta di una profonda unità metafisica, e non solo in senso ascetico e morale, che pure sono presenti.

Il sangue ha una doppia natura. È composto da due elementi fondamentali: i globuli rossi e i globuli bianchi. Nella liturgia ortodossa, i paramenti rossi della Settimana di Passione vengono scambiati con vesti bianche nel Grande Sabato e nuovamente scambiati con vesti rosse durante la notte della Santa Resurrezione. Il simbolismo del bianco e del rosso accompagna l’intera storia della razza umana. Nella filosofia naturale medievale si usavano le immagini del vino rosso e del vino bianco. Gli antichi ariani consideravano il bianco il colore dei varna sacerdotali e il rosso il segno della classe dirigente e militare. In seguito, il bianco fu collegato alla purezza e il rosso al furore sacro e alla guerra santa.

I “bianchi” e i “rossi” si sono combattuti fin dall’antichità (sacerdoti contro guerrieri, il Sacerdozio contro il Sovrano), ma non potevano fare a meno l’uno dell’altro, poiché questa battaglia ha sempre avuto un significato sacro. In seguito, le pure delimitazioni degli antichi varnas sono state cancellate: così, le guerre della Rosa Scarlatta e della Rosa Bianca sono apparse come uno scontro all’interno di un’unica linea reale, mentre durante la Rivoluzione francese la “bianca” ha unito il clero e l’aristocrazia, mentre la “rossa” è stata catturata dalla borghesia e dalla gente comune. Ma la ragione di ciò non sta solo nella mescolanza dei varnas. Il fatto è che i Sacri Imperatori, in un certo senso, unirono in sé il sacro e il militante. Senza questo, non possiamo nemmeno capire il significato della nostra “guerra civile”.

Scrivo consapevolmente questo termine tra virgolette. Una “guerra civile” è possibile solo in un luogo dove ci sono cittadini: un territorio autonomo, urbano, borghese (“borghese” significa proprio “cittadino”). L’Impero russo era la patria dei sudditi dello zar, e i “cittadini” sono apparsi solo durante la decadenza dell’Impero, e anche allora costituivano una minuscola minoranza. I sudditi si sono mossi contro lo zar, dopodiché hanno iniziato ad attaccarsi l’un l’altro. Non si tratta di una “guerra civile”, ma di un classico momento di difficoltà [1]. È per questo che continua ancora oggi.

Il simbolismo degli antichi re assiro-babilonesi (e gli zar russi erano successori dell’impero romano, che, secondo il Libro di Daniele, era succeduto all’impero babilonese – gli scribi russi hanno sviluppato questa eredità nel “Racconto del Regno di Babilonia” e nel “Racconto di Borma Yaryzhka” [2]) comprendeva un toro rosso e un falco bianco (o cervo bianco). Lo zar russo era uno zar bianco, cioè autonomo, non dipendente da nessuno (in ambito sociale, il “regno bianco” è legato alle “città bianche” e al “clero bianco” [3]) e uno zar rosso, il comandante unto dell’esercito. La cospirazione di febbraio era guidata dai generali e dall’episcopato [4]. Quest’ultimo punto va riconosciuto, perché non contraddice la versione sovietica (e il suo opposto speculare, l’antisovietica) del “clero monarchico”. Le indagini dello storico Mikhail Babkin hanno messo a nudo questo problema. Hanno anche spiegato molto bene perché l’idea di una monarchia ortodossa è impopolare nei circoli ecclesiastici contemporanei.

L’inizio dei problemi russi del XX secolo fu la distruzione del potere imperiale come centro di sangue e spirito unito, il bianco e il rosso. I bianchi e i rossi hanno marciato l’uno contro l’altro. Questo è identico ai globuli rossi e bianchi nella pratica medica fanatica (gay?). Una famosa canzone di quell’epoca (musicata da una melodia hassidica) canta: “L’Armata Bianca e il Barone Nero [5] / ci preparano di nuovo il trono dello Zar / ma dalla taiga al mare britannico, / l’Armata Rossa è la più forte di tutte” – questa è una formula alchemica completa.

L’Armata Rossa non fu una creazione di Lenin e Trotsky. È stata una creazione dell’Alto comando imperiale. L’aristocrazia militare era alle sue origini. La classe degli ufficiali russi era divisa in due. L’autore di questo articolo ha già avuto modo di scrivere su questo tema nell’articolo “Il precedente di Lenin-Potapov” (Zavtra, 2010, n. 16). Per quanto paradossale possa sembrare, il “fattore sociale” è secondario.

Sia i bianchi che i rossi avevano ragione. I bianchi avevano l’estetica e l’etica (a proposito, di quale etica si può parlare dopo il dominio dello zar?). I rossi avevano soprattutto il rifiuto della compravendita della terra (“La terra appartiene a Dio e allo zar, e quindi non appartiene a nessuno”), proprio perché la terra è Sangue e Spirito (“il lunedì di Pentecoste è il giorno del nome della terra” [6]). Il paradosso sta nel fatto che i bianchi, che agivano nell’interesse di una “Russia una e indivisa”, si trovarono ad essere gli ostaggi degli interventisti stranieri (soprattutto inglesi) che cercavano di dividere la Russia; i rossi, a loro volta, unirono ancora una volta la terra russa dai Carpazi al Pacifico, il tutto tenendo discorsi sull'”Internazionale” e sul “diritto delle nazioni all’autodeterminazione”.

Ma la rivoluzione stessa era la componente “nera” della formula. Né i bianchi né i rossi erano all’altezza del “nero più nero delle masse nere” – gli anarchici, invece, lo erano. L’anarchia è la madre (in senso letterale) dell’ordine. È ciò che viene prima, la Madre Terra Umida [8]. Avendo nascosto lo Zar dentro di sé, è destinata a farlo risorgere. Né i bianchi, né i rossi, né gli anarchici lo capirono. V. V. Rozanov scrisse [9] che se le bandiere della rivoluzione non avessero recato le parole “Lavoratori di tutto il mondo, unitevi!” ma “La moda di questo mondo passa [10]”, tutto sarebbe stato diverso. Così, i bianchi hanno fallito nel “compito bianco” e i rossi nel “compito rosso”. Questo nel lungo periodo e se guardiamo all’intera storia del XX secolo.

Perciò, unire queste due correnti della Rus’ (queste rugiade o vene) è la nostra raison d’etre e il nostro obiettivo finale. In senso storico-politico, possiamo (o non possiamo) chiamarlo “monarchismo sociale”.

“E un sorbo rosso brillante

Su una scogliera bianca come il gesso”

(Anatoly Zhigulin [11]).

 

 

 

Note del traduttore:

[1]: Il termine russo смута non può essere tradotto direttamente. È legato a una radice che significa “dolore” e indica un periodo di grande e terribile catastrofe. Il più delle volte viene usato per riferirsi al Periodo dei Problemi dell’inizio del XVII secolo, che per poco non si rivelò la rovina dello Stato moscovita.

[2]: Si tratta di due antiche fiabe russe che sono state prese in prestito dai Bizantini e a cui è stata data una colorazione russa. Entrambi i racconti narrano che l’imperatore bizantino/russo inviò una missione diplomatica a Babilonia, dopo la quale i diplomatici tornarono con una corona da imperatore e un documento che confermava l’imperatore in questione come legittimo successore di Babilonia.

[3]: Le “città bianche” (белые слободы) erano insediamenti esenti da tasse nella Russia moscovita. Il “clero bianco” (белое духовенство) si riferisce ai membri del clero che possono sposarsi. Il “clero nero” non può sposarsi ed è composto da monaci e vescovi.

[4]: Riferimento alla Rivoluzione di febbraio, in cui i rappresentanti del Comando supremo russo, dell’alto clero e dell’élite politica costrinsero gentilmente Nicola II ad abdicare al trono russo.

[5]: Il “barone nero” a cui si fa riferimento è il barone Pëtr Nikolaevič Wrangel (1878-1928), ufficiale di cavalleria e generale bianco, temuto dai rossi per la sua fedeltà allo zar e per la sua abilità sul campo di battaglia.

[6]: Questo proverbio russo di difficile traduzione (в Духов день Земля – именинница) ha due elementi importanti: in primo luogo, il lunedì di Pentecoste è spesso chiamato “giorno dello Spirito Santo” nell’ortodossia orientale; in secondo luogo, il lunedì di Pentecoste è (secondo il proverbio) il giorno del nome della Terra. Gli “onomastici” sono un’antica usanza slava che assomiglia alla pratica occidentale dei compleanni, con la differenza che una persona viene onorata nello stesso giorno in cui viene venerato il santo con cui condivide il nome.

[7]: Un’altra frase difficile da tradurre in inglese (черному черне чёрной черни), è un riferimento alla classe contadina della società russa, storicamente chiamata “nera” (чернь). Una traduzione più espressiva sarebbe “più nero del nero più nero”, ma ho ritenuto necessario rinunciare a una traduzione precisa di чернь.

[8]: La Madre Terra Umida (Мать Сыра Земля) è una personificazione della terra nella mitologia slava. In seguito è diventato un appellativo folkloristico-cristiano per la Santa Vergine.

[9]: Vasilij Vasielevich Rozanov (1856-1919) è stato un giornalista, critico letterario, teologo e filosofo russo che ha esercitato una piccola ma significativa influenza sulla poesia e sulla filosofia russa dell’età d’argento. È famoso soprattutto per i suoi tentativi di conciliare attività sessuale e cristianesimo.

[10]: 1 Corinzi 7:31 (KJV).

[11]: Anatoly Vladimirovich Zhigulin (1930-2000) è stato un poeta e scrittore di prosa russo, oggi noto soprattutto per le sue “Pietre nere” (Черные камни, 1989-1990), una serie di poesie e racconti autobiografici. I versi qui citati sono tratti dalla poesia Belogorye (traduzione mia).

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

12 giugno 2022