La caccia di Israele all’Imam Mahdi, l’Iran e la guerra in Ucraina?

image_pdfimage_print

di Shaban Syed

Il presidente Biden ha fatto un’affermazione sbagliata su quanto “poco” sapesse dei “dettagli dell’Islam”: “Ne sapevo qualcosa, ma non sapevo che differenza ci fosse.  Non sapevo cosa fosse l’Imam nascosto” e ha cambiato rapidamente argomento, sapendo che non avrebbe dovuto menzionare ad alta voce un segreto aperto. L’ossessione del sionismo globale di istigare una guerra con l’Iran non ha tanto a che fare con il programma nucleare del Paese, ma si basa piuttosto sulla “convinzione messianica” dei leader israeliani che “l’Iran sciita stia spianando la strada al ritorno dell’Imam nascosto che porterà l’Armageddon sul mondo”.

Si può solo supporre che le osservazioni di Biden siano state un lapsus freudiano, dal momento che questo autoproclamato sionista conosce la differenza tra sunniti e sciiti, soprattutto dopo aver negoziato con l’Iran per diversi governi statunitensi. Il Pentagono non è stato contento, si può presumere, dal momento che ha spinto la narrativa secondo cui è stata soprattutto la Russia a sconfiggere gli sforzi degli Stati Uniti per deporre il presidente Assad in Siria, sminuendo intenzionalmente il ruolo cruciale che il martire generale Soleimani ha svolto mobilitando e addestrando le milizie sciite. Secondo un articolo del 2018, il generale Soleimani era riuscito a mobilitare circa 80.000 reclute sciite provenienti principalmente dall’Iran, dall’Afghanistan e dal Pakistan, nonché combattenti di Hezbollah e membri delle Forze di Difesa Locali per combattere l’ISIS e i gruppi legati ad Al Qaeda.

Un rapporto del Pentagono afferma che durante l’operazione Iraqi Freedom “un morto americano su sei è stato attribuito all’Iran”, le morti sono state attribuite alle milizie sciite sponsorizzate dalla Guardia rivoluzionaria islamica iraniana. In un’intervista a un soldato americano che ha prestato servizio in Iraq, egli afferma: “È stato a causa degli iraniani e di Hezbollah che sono morti così tanti soldati americani che non abbiamo avuto altra scelta che ritirarci dall’Iraq”.

Dopo l’occupazione statunitense dell’Iraq, nei corridoi del potere dei Paesi occidentali era risaputo che erano state le milizie sciite e gli Hezbollah a rovesciare il progetto sionista della Grande Israele di “far fuori 7 Paesi in 5 anni”.

Il piano per il Grande Israele faceva parte della strategia della “Guerra al Terrore” ideata dai politici di Israele come Dick Cheney, Richard Myers, Paul Wolfowitz e Donald Rumsfeld per destabilizzare la regione in modo che Israele potesse controllarne il petrolio e le risorse naturali. Questo piano messianico prevede anche la distruzione di Masjid Al Aqsa per far posto al Tempio ebraico, aprendo la strada all’atteso Messia ebraico che porterà Israele a dominare il mondo. Anche se gli israeliani affermeranno che si tratta di un’invenzione, i movimenti per il Monte del Tempio che attaccano continuamente i fedeli musulmani ad Al Aqsa sono protetti dalla polizia israeliana e finanziati dal governo israeliano.

Mentre l’ebraismo cerca di creare le condizioni per far entrare il proprio Messia, i sionisti globali si preoccupano soprattutto del Messia musulmano che, secondo le profezie, emergerà insieme al profeta Gesù per combattere l’ingiustizia e la tirannia e un sistema economico che ha reso schiava l’umanità.

Mentre Biden parla dell’Islam e dell’“Imam nascosto”, sta sottolineando che la sua principale preoccupazione è l’Islam sciita. Poiché gli sciiti credono che l’Imam sia vivo e attivo ma in occultazione, mentre i sunniti credono che verrà a combattere l’ingiustizia ma non è ancora nato.

In un articolo intitolato “Perché Israele cerca l’Imam Mahdi” si sostiene che in un’epoca guidata dalla scienza secolare in cui le profezie sulla fine dei tempi sono viste come miti, in cui molti nell’Islam sunnita credono che l’Imam non sia ancora nato, perché Israele cerca l’Imam Mahdi?

Questo è diventato evidente durante l’occupazione statunitense dell’Iraq nel 2003, quando “era routine torturare gli iracheni nelle prigioni… e una delle domande più sconcertanti poste durante gli interrogatori era “Dov’è l’uomo chiamato Imam Mahdi, dove si nasconde?””.

Secondo i rapporti, la paura dell’Imam nascosto è così credibile che la CIA e l’MI6 si sono recati in Iraq dopo la rivoluzione iraniana del 1979, dove hanno torturato studiosi religiosi e abitanti innocenti dei villaggi per chiedere dove fosse stato visto l’Imam l’ultima volta. Con internet monitorato e i media mainstream che promuovono le politiche governative come notizie, le informazioni su quanto la CIA e il Mossad si siano spinti a raccogliere queste informazioni sono state evidenziate da testimoni e rapporti locali.

Nel 2006 la tomba dell’Imam Al-Askari a Samarra, il padre dell’Imam Mahdi, è stata bombardata da uomini vestiti da forze di sicurezza. Secondo il custode “gli uomini sono entrati nella tomba, hanno legato i custodi, hanno riempito l’area di bombe mentre gli agenti di sicurezza aprivano la tomba per prendere qualcosa”. Molti ritengono che abbiano preso alcuni indumenti dal corpo dell’Imam Al-Askari nel tentativo di determinare il DNA dell’Imam.

L’ex presidente Ahmadinejad, spesso demonizzato dai media occidentali, ha dato credibilità alle notizie sulla ricerca dell’Imam affermando “che membri di istituzioni accademiche statunitensi erano impegnati in studi volti a localizzare l’Imam e hanno completato un caso contro l’Imam nascosto e lo hanno chiuso anche per il suo arresto… l’unica [prova] che manca è la sua foto”, ha aggiunto.

Ha anche involontariamente indicato la risposta alla domanda sul perché Israele sia ossessionato dall’idea di spingere gli Stati Uniti alla guerra contro l’Iran e contro qualsiasi accordo nucleare, quando afferma che “sono stati escogitati molti piani per impedire la venuta dell’Imam nascosto, perché sanno che la nazione iraniana è quella che preparerà il terreno per la sua venuta e sarà la sostenitrice del suo governo”.

Mentre i media occidentali e le nazioni del Golfo hanno ridicolizzato le parole di Ahmadinejad, il sionismo globale ha compreso la gravità delle sue dichiarazioni. I media aziendali statunitensi hanno iniziato a mandare in onda sinistri documentari che ritraggono il Messia sciita nascosto come l’anti-Cristo. Mentre personalità sioniste rabbiose come Melanie Phillips nel Regno Unito e Daniel Pipes negli Stati Uniti hanno intensificato una campagna mediatica per esortare i governi occidentali ad attaccare l’Iran “se non volete che l’Imam nascosto emerga e porti l’apocalisse e l’Armageddon”.

Phillips e Pipes hanno sottolineato il fatto che entrambi fanno parte della tribù che il Primo Ministro israeliano Ben Gurion ha descritto quando ha detto: “Quando un ebreo, in America o in Sudafrica, parla ai suoi compagni ebrei del ‘nostro’ governo, intende il governo di Israele”. Allo stesso modo, quando oggi si parla del governo degli Stati Uniti e dei media aziendali, i critici sanno che stiamo parlando di un Congresso degli Stati Uniti pieno di doppi cittadinistatunitensi/israeliani e di media internazionali controllati dai sionisti.

Phillips ha cercato di continuare la pressione su ogni programma televisivo o articolo sostenendo che: “Come ho scritto più e più volte, … il regime iraniano è dominato da persone … che credono che il messia sciita, il Mahdi, tornerà sulla terra come risultato o per realizzare l’apocalittica fine dei giorni”.

Questa narrazione non ha impressionato l’opinione pubblica laica occidentale, così Netanyahu ha iniziato a fare il giro dei corridoi del potere con imbarazzanti immagini a fumetti della bomba iraniana, anche se l’AIEA, dopo aver effettuato numerose ispezioni, non era d’accordo.

Le osservazioni di Biden non hanno turbato solo gli israeliani, ma anche i Paesi arabi del Golfo, che sottovalutano il ruolo del Mahdi e il cui odio per gli sciiti è sulla stessa linea di quello dell’ISIS. La loro rabbia per le osservazioni di Biden si basa sul fatto che i leader sauditi e del Golfo hanno speso miliardi, secondo Wikileaks, per propagare l’Islam wahabita, che considera gli sciiti come eretici e sminuisce il ruolo del Mahdi, mentre Biden con una frase ha confermato l’importanza del Mahdi.

Dal momento che Israele prende così sul serio le profezie islamiche, sarebbe opportuno sottolineare che secoli fa è stato profetizzato anche che “pochissimi arabi sosterranno l’Imam” e che invece staranno dalla parte dei tiranni. E questo è chiaramente evidente se guardiamo alle azioni dei Paesi del Golfo e dei gruppi jihadisti finanziati dai sauditi che, su ordine dei globalisti, non vanno in Israele ma in Siria, Iraq, Afghanistan e ora in Ucraina e, mentre gridano “Allah O Akbar”, uccidono, decapitano e “mangiano il fegato” di sciiti, cristiani, drusi e ora russi.

Questo è lo stesso marchio di Islam propagandato dall’Arabia Saudita che ha combattuto per conto di Stati Uniti e Israele contro le milizie sciite in Iraq e Siria e che poi, secondo un articolo di Alex Rubinstein, è stato opportunamente “trasportato con elicotteri statunitensi in Afghanistan per mantenerli come insorti” e successivamente sguinzagliato come agente del caos in “Asia centrale contro Russia, Cina e Iran”.

Non sorprende quindi che il Ministro della Difesa israeliano Moshe Yaalon abbia dichiarato: “Vorrei vedere l’ISIS dominare tutta la Siria (per deduzione, l’intera regione – RG); l’ISIS e le sue propaggini non rappresentano una minaccia per lo Stato israeliano. L’Iran rimane il nemico principale!”.

Il recente viaggio del sedicente sionista in Arabia Saudita fa ancora parte del progetto della Grande Israele, dove Biden punta a formare una NATO araba per contrastare le presunte “minacce dell’Iran” e la “crescente integrazione di Israele nella grande regione”. Anche la guerra in Ucraina contro la Russia fa parte del progetto di Israele, dove dopo un’altra gaffe Biden ha rivelato che: “Ci sarà un nuovo ordine mondiale là fuori e noi dobbiamo guidarlo”. Inutile dire che l’Ucraina è il luogo da cui sono emersi i khazari che oggi controllano Israele.

Mentre Biden fa un viaggio in Medio Oriente per radunare una NATO araba per il sionismo globale che rappresenta, dimentica che l’Iran non è lo stesso Paese debole che fu attaccato nella guerra Iran-Iraq del 1980, in cui più di metà delle nazioni del mondo si unirono agli Stati Uniti per fornire supporto logistico, aereo, di armi e finanziario a Saddam Hussein. Sotto pesanti sanzioni, l’Iran è riuscito a sviluppare il suo programma spaziale, la tecnologia AI e, secondo l’Istituto di Washington, “il programma di droni ha superato diverse tappe di armamento”.

La parte più minacciosa dell’emergere della profezia dell’Imam nascosto per Israele è che essa menziona l’alleanza alla fine dei tempi tra l’Islam e la Russia cristiana ortodossa, quando il Profeta Gesù emergerà con l’Imam Mahdi per sradicare l’ordine mondiale liberale che ha schiavizzato l’umanità.

Phillips e l’industria dell’islamofobia finanziata dalle lobby israeliane amano dipingere l’Imam come l’anti-Cristo, ignorando il fatto che il Corano cita continuamente il Profeta Gesù in termini reverenziali, mentre il Talmud afferma che “Gesù il Nazareno era sessualmente immorale, adorava statue di pietra, fu tagliato fuori dal popolo ebraico per la sua malvagità e rifiutò di pentirsi (Sanhedrin 107b; Sotah 47a)”.

Si può già vedere questa alleanza tra la Russia cristiana ortodossa e l’Iran: in primo luogo, entrambi i Paesi sono contro l’ordine edonistico liberale occidentale che è impegnato a diffondere la cultura LGBT e l’orgoglio di essere gay attraverso tutti i media, spingendo l’etichettatura non di genere, distruggendo le strutture familiari e ignorando le guerre incessanti dei loro governi che creano povertà, fame e rifugiati in tutto il mondo. Entrambi i Paesi hanno lavorato insieme in Siria per combattere contro le risorse della CIA e del Mossad, che includono mercenari e gruppi Takfiri e l’esercito segreto sotto copertura del Pentagono, composto da oltre 60.000 reclute. Entrambi i Paesi fanno parte dell’alleanza polare con la Cina, che si basa su progetti di sviluppo economico pacifico legati alla Belt and Road Initiative cinese e alla Grande Eurasia russa.

In un’intervista della NBC al Presidente Ahmadinejad nel 2009, l’intervistatore ha cercato di provocarlo perché parlasse dell’Imam nascosto che porterebbe “un’apocalisse sull’Occidente”. Ahmadinejad ha invece dichiarato:

“Quello che si dice su una guerra apocalittica e – guerra globale… Questo è quello che sostengono i sionisti. L’Imam verrà con la logica, con la cultura, con la scienza. Verrà in modo che non ci sia più guerra. Niente più inimicizia, odio. Niente più conflitto… tornerà con Gesù Cristo. I due torneranno insieme. E lavorando insieme, riempiranno questo mondo di amore”.

Mentre l’illusione dei globalisti di dominare il mondo va fuori controllo con centinaia di basi militari, pericolosi laboratori biologici e armi nucleari in giro per l’Iran, Russia e Cina rischiano una guerra nucleare; mentre le masse sono state istruite attraverso un indottrinamento 24 ore su 24 che le ha convinte che “l’Iraq aveva armi di distruzione di massa”, o che hanno dovuto chiudere i battenti per un’influenza che non era mortale per ordine dei globalisti del “Grande Reset”.

Non c’è da stupirsi che il bisogno di un salvatore mistico stia crescendo, lo stesso bisogno che il defunto Hugo Chavez, la cui vita è stata dedicata alla lotta contro l’imperialismo statunitense, espresse quando disse: “Per noi cristiani autentici Gerusalemme è un luogo molto sacro dove il Profeta Gesù verrà mano nella mano con Hazrat Mahdi e allora la pace prevarrà in tutto il mondo”.  

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: imammahdiac.org

15 luglio 2022