La censura di ARY News da parte del Pakistan dimostra quanto sia diventato disperato il governo d’importazione

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

Questo sviluppo contraddice completamente le pretese delle autorità golpiste post-moderne di essere “democratici che hanno salvato il Pakistan dal fascismo”, quando sono loro stessi a ricorrere alla censura fascista antidemocratica per motivi politici. Il danno che il PMLN e i suoi oscuri protettori hanno arrecato alla reputazione di alcune istituzioni statali, prima impeccabili, nella coscienza pubblica è ciò su cui il governo dovrebbe indagare se fosse davvero indipendente come sostiene di essere, poiché questo danneggia indiscutibilmente il Pakistan nel suo complesso.

La Pakistan Electronic Media Regulatory Authority (PEMRA) ha ordinato la sospensione delle trasmissioni di ARY News sulla base del fatto che questo popolare canale di opposizione “intende diffondere malignità e odio contro l’istituzione statale per i propri interessi acquisiti”. Il canale ha riferito poche ore prima che “la Pakistan Muslim League Nawaz (PML-N) al governo avrebbe attivato la sua cellula mediatica strategica per denigrare il Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) e il suo presidente Imran Khan, oltre a costruire una narrativa per dimostrare che il rivale è una potenza anti-armata”. ARY News ha anche rivelato che “la PM House sarebbe dietro le polemiche e la campagna online lanciata contro il presidente Arif Alvi in merito ai funerali dei martiri dell’incidente dell’elicottero del Balochistan”.

Il PTI ha risposto a questa provocazione antidemocratica, che secondo i suoi sostenitori è in realtà illegale, twittando che “invece di creare una campagna vile e sporca attraverso la vostra cellula mediatica, e poi togliere il più grande canale del Pakistan, il governo importato avrebbe dovuto impegnarsi così tanto per fornire soccorso alle masse. Ma hanno fatto ricorso a queste tattiche vergognose! #RestoreARYNews”. Anche l’ex ministro per i Diritti umani Shireen Mazari, che rimane una forza influente all’interno del suo partito, ha twittato che “In questo momento ARY continua a essere rimosso con forza dagli schermi dal governo importato, perché questa cabala di truffatori non ha alcun fondamento democratico e non può sopportare di essere esposta per quello che è: inetta e corrotta. Al potere solo grazie alla cospirazione degli Stati Uniti per il cambio di regime. #AryUnderAttack #RestoreARYNews”.

Il contesto più ampio in cui si sta svolgendo questo scandalo riguarda lo smottamento del PTI nelle elezioni suppletive del Punjab del mese scorso, nella zona di residenza del PMLN, che ha dimostrato senza ombra di dubbio che “il potere del popolo pakistano sconfiggerà il loro impopolare governo importato”. Invece di prepararsi per elezioni libere, eque e anticipate il prima possibile dopo questo ultimo colpo alla loro falsa legittimità, le autorità golpiste post-moderne hanno apparentemente deciso di raddoppiare i loro sforzi vietando ARY News con pretesti ridicoli, che in realtà sono controproducenti per la loro causa. Questo atteggiamento puzza di disperazione e debolezza, per non parlare del fatto che contraddice completamente le loro pretese di essere “democratici che hanno salvato il Pakistan dal fascismo”, quando sono loro stessi a ricorrere alla censura fascista antidemocratica per motivi politici.

L’accusa delle autorità golpiste post-moderne, secondo cui ARY News “intende diffondere malignità e odio contro l’istituzione statale per i propri interessi”, è ironica, dal momento che il responsabile di tutto ciò è sempre stato nientemeno che il PMLN, anche se i vertici dell’establishment pakistano non sembrano avere alcun problema, come dimostra il loro tacito appoggio al partito attraverso il ruolo indiretto di questa struttura nel suo scandaloso ritorno al potere. I pakistani medi sono rimasti scioccati, soprattutto se si considerano le accuse di cospirazione straniera condivise dall’ex Primo Ministro Imran Khan, che hanno fatto sorgere in molti il sospetto che l’Establishment, di cui si fidavano per garantire i loro oggettivi interessi nazionali, abbia fatto un patto faustiano a scapito di quegli stessi interessi.

Da allora il PMLN non ha fatto nulla per placare questi timori, né l’establishment ha fatto nulla, dato che la totalità delle loro risposte finora è servita ad accrescere questi sospetti. Censurare ARY News è solo l’ultima mossa antidemocratica delle autorità golpiste post-moderne, che comprende soprattutto la violenza immotivata scatenata contro manifestanti in gran parte pacifici durante la Lunga Marcia dell’ex Primo Ministro Khan il 25 maggio. L’aggrapparsi al potere con questi mezzi contro quella che è probabilmente la volontà del popolo, come dimostra la schiacciante vittoria del PTI nelle ultime elezioni parziali del Punjab sul territorio di casa del PMLN, è ciò che è più direttamente responsabile della perdita di fiducia della popolazione nei confronti delle élite che siedono ai vertici delle istituzioni statali, non ARY News che smaschera i piani del PMLN.

Per essere assolutamente chiari, la stragrande maggioranza della popolazione è incrollabilmente solidale con il ruolo storico delle istituzioni statali nel garantire gli interessi nazionali oggettivi del Paese e soprattutto la sua sicurezza di fronte alle minacce esistenziali, ma essere sospettosi sulle motivazioni delle élite dell’establishment e dei loro procuratori del PMLN non significa “avere l’intenzione di diffondere malignità e odio contro le istituzioni statali per i propri interessi personali”. L’errore più grande commesso dai complottisti del colpo di Stato postmoderno è stato quello di sottovalutare l’intelligenza del popolo, supponendo con condiscendenza che si sarebbe bevuto le menzogne vomitate per coprire il loro cambio di regime sostenuto dall’estero contro l’ex Primo Ministro Khan, quando la realtà è che i pakistani lo sapevano bene.

Il Pakistan di oggi non è il Pakistan dei decenni passati, dove l’establishment poteva controllare la narrazione grazie al suo ruolo dominante sui media mainstream del Paese. I tempi sono cambiati, ma le élite di questa struttura non si sono messe al passo, il che dimostra il divario generazionale tra loro e la popolazione a maggioranza giovanile di questo Stato dell’Asia meridionale, che oggi ottiene la maggior parte delle informazioni da fonti online. Ecco perché vietare le trasmissioni di ARY News non intacca la popolarità di questa testata di opposizione, ma anzi ne riafferma le credenziali per aver detto la verità al potere, dopo che le autorità golpiste post-moderne si sono spaventate a tal punto delle sue notizie, soprattutto dopo la pesante sconfitta del PMLN nelle elezioni parziali del Punjab, da farsi prendere dal panico e censurarle nel disperato tentativo di restare al potere.

Questa provocazione antidemocratica non farà altro che aizzare un numero maggiore di persone contro il loro governo importato e aggravare i sospetti sulle motivazioni di quei membri dell’élite dell’establishment che hanno tacitamente avallato questo sviluppo rimanendo “neutrali” e non intervenendo per impedirlo nonostante questa mossa vada contro i loro stessi interessi, come è stato spiegato in precedenza. Il danno che il PMLN e i suoi loschi protettori hanno arrecato alla reputazione di alcune istituzioni statali, prima impeccabili, nella coscienza pubblica è ciò su cui il governo dovrebbe indagare se fosse davvero indipendente come sostiene di essere, poiché questo danneggia indiscutibilmente il Pakistan nel suo complesso. È improbabile che ciò accada sotto le autorità golpiste post-moderne, ma potrebbe accadere se il PTI tornasse democraticamente al potere in caso di elezioni anticipate.

Pubblicato in partnership con One World 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

10 agosto 2022