1

La CIA recluta combattenti ISIS per la guerra in Ucraina

di Luciano Lago

Gli Stati Uniti sono stati accusati di aver reclutato centinaia di militanti da Daesh (ISIS), Hayat Tahrir al-Sham (HTS) e al-Qaeda per combattere al fianco di Kiev.

La CIA sta reclutando attivamente militanti dell’ISIS imprigionati dalle forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti nel nord-est della Siria perchè si uniscano alla lotta contro l’esercito russo in Ucraina.

Secondo una fonte informata che ha parlato a Sputnik News, le forze armate statunitensi stanno trasferendo i militanti alla base militare di Al-Tanf nel sud della Siria per fornire loro l’addestramento necessario.

I trasferimenti avvengono con il pretesto di “svolgere ulteriori indagini”.

“Finora i curdi hanno consegnato agli americani diversi leader di alto rango e circa 90 combattenti dell’Isis, la maggior parte dei quali sono cittadini dei paesi dell’Unione Europea e dell’Iraq, nonché immigrati dalla Cecenia e dall’Iraq e dalla regione autonoma uigura dello Xinjiang della Cina”, secondo la fonte dello Sputnik.

“In futuro, Washington intende inviare questi militanti in Ucraina in modo che possano prendere parte alle ostilità contro le forze armate russe”, ha aggiunto la fonte.

Questo è l’ultimo rapporto dalla Siria secondo cui militanti estremisti vengono reclutati per combattere a nome di Kiev contro le forze del Cremlino.

Dall’inizio dell’invasione militare russa dell’Ucraina, centinaia di militanti appartenenti ad Al-Qaeda, Hayat Tahrir al-Sham (HTS) e ISIS sarebbero stati trasferiti nell’Europa orientale dopo essere stati addestrati ad Al-Tanf.

Mosca ha anche avvertito che gli istruttori della controversa organizzazione non governativa (ONG) Caschi Bianchi sono stati schierati in Ucraina, con il presunto obiettivo di organizzare un “attacco chimico sotto falsa bandiera” da attribuire alla Russia.

Secondo un rapporto di RT Arabic TV, circa 500 combattenti e militanti dell’ISIS provenienti dal Caucaso e dai paesi dell’Asia centrale sono in fase di addestramento presso la base statunitense per effettuare attacchi contro unità dell’esercito russo in Siria e Ucraina.

Il mese scorso, il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha affermato che mercenari e specialisti militari di 64 paesi stavano prendendo parte alle ostilità in Ucraina.

Mercenari stranieri da tutto il mondo si sono uniti all’Ucraina dopo che il presidente Volodymyr Zelensky ha chiesto aiuti globali in seguito all’invasione militare della Russia, con molti di questi mercenari provenienti da Israele.

L’esercito americano è stato a lungo accusato di offrire supporto ai combattenti dell’Isis in Iraq e Siria.

Nel 2015, dopo l’inizio del conflitto tra l’Ucraina e le repubbliche separatiste del Donbass, il New York Times ha riferito che i combattenti dell’ISIS si sono apertamente schierati con l’Ucraina per combattere i separatisti sostenuti dalla Russia.

Foto: Wayne Hills Patriot Press

4 luglio 2022