La consapevolezza della difesa

image_pdfimage_print

di Aleksandr Prokhanov

Un antico mito narra di un cavaliere che fu colpito in battaglia. I suoi nemici lo squartarono e il suo corpo mozzato fu disperso in ogni parte del mondo. Lo stregone raccolse il corpo sanguinante e smembrato, vi versò sopra dell’acqua morta e il corpo guarì. Il cavaliere si alzò, prese la lancia e saltò a cavallo.

La Russia nel 1991 è stata spaccata e smembrata, ha disperso le sue terre e il suo popolo in diverse parti del mondo. La Russia divisa ha sofferto. Ma uno stregone apparve e cominciò a radunare la Russia. La Russia ha salvato osseti e abkhazi dalle grinfie dei georgiani e li ha stretti al suo cuore. La Crimea fu incoronata dalla Russia e il sole di Crimea sorse. Ora il Donbass – formidabile, possente, tra fumi e incendi, si fonde con la Madrepatria. E la Madrepatria lo abbraccia con braccia amorevoli, nel fuoco della polvere da sparo.

La storia russa è come una pulsar: comprime e riduce la Russia a un punto, e poi, da questo punto di superdensità, la molla della storia russa si raddrizza di nuovo. La Russia reclama i suoi territori annessi, erigendo paletti di confine lungo le frontiere del mondo russo. Le scosse della storia, e da questi colpi le capitali del mondo tremano, le fondamenta degli edifici tremano, le tazze della mensa tintinnano, i cuori delle persone si riempiono di orrore e poi di gioia.

Oggi in Russia si sentono due parole: referendum e mobilitazione. Nella parola “referendum” si sente la vibrazione della pace nata dalla guerra nel Donbass. Nella parola “mobilitazione” si sente il fischio della molla russa che viene raddrizzata. Nel Donbass scorre acqua viva e morta: lacrime e sangue russo.

La coscienza della difesa è il codice russo profondo. Difendendosi dall’assalto dei nemici, la Russia ampliò i propri confini. L’Impero russo è il frutto della difesa. Tutte le grandi battaglie russe, siano esse Kulikovo, Ghiaccio, Borodino o Prokhorov, sono battaglie di difesa. L’intera filosofia e cultura russa, l’intera fede ortodossa russa: questa è la difesa dei preziosi tesori spirituali contro l’assalto delle tenebre, sia che queste provengano dall’altra parte del mare sia che salgano dagli inferi.

La coscienza difensiva è una sfaccettatura dell’abbagliante sogno russo di un regno divino e giusto, al quale la Russia ha teso in tutti i secoli, bruciando nei fuochi, respingendo le invasioni, cadendo negli abissi della storia. La coscienza difensiva è il tratto che rende i russi una nazione guerriera, una nazione martire, una nazione creatrice. La coscienza della difesa è uno scoiattolo che spara e una “quarantapiatka”, un arco e un razzo “Kalibr”, un proverbio popolare e un verso di Pushkin, un salmo della chiesa e un giuramento militare, “Lungo San Pietroburgo” e “Varyag”, la Stella Polare e un dente di leone nel campo. La coscienza della difesa è il Discorso della Montagna russo, che trasmette l’inevitabile vittoria russa – terrena e celeste.

La Russia fu sconfitta e fatta prigioniera nel 1991. La sua coscienza di difesa è stata sconfitta. La Russia non solo è stata privata delle sue cinture di difesa, le sue fortezze di confine sono state distrutte, non solo le sue guarnigioni e le sue fabbriche di difesa sono state distrutte. Ma è stata eseguita un’operazione chirurgica per rimuovere dal cervello del russo la parte sensibile a qualsiasi pericolo.

La Russia non conosceva i suoi nemici, non sentiva il dolore – viveva sotto anestesia. Non si è accorta di come il nemico le porta via i suoi tesori, di come le vengono sottratte le sue ricchezze. Come i suoi studiosi, i suoi saggi, i suoi ingegneri sono stati portati via. Ha respirato il gas esilarante di innumerevoli divertimenti. Si divertiva con gli scherzi e le prese in giro. È stata sostituita da leader, falsi insegnanti e falsi idoli. La Russia è stata tagliata e tagliata, e lei ha sorriso in un sogno narcotico. Dormiva con gli occhi aperti. Come una sonnambula, camminava sul filo del rasoio.

Ma poi le campane della storia hanno suonato, il risveglio è iniziato. Pesantemente, scuotendo le ossa, debolmente, con un gemito, la Russia si alzò dal letto di morte. I tagli bruciano di dolore, gli occhi pieni di lacrime lacrimano, i muscoli delle mani flosce si tendono: la mobilitazione è iniziata.

Si svolge negli uffici di reclutamento, dove gli uomini, salutati con un bacio dalle mogli e dalle madri, si presentano. Si svolge nelle fabbriche della difesa, dove si costruiscono carri armati, aerei e macchine da combattimento in tre turni, senza riposo. Si svolge nella cultura, dove scoppiano le bolle di sapone dello show business e nascono la musica e la poesia russa. Si sta svolgendo nelle élite, da cui sono fuggiti i traditori e i disertori che hanno disertato il nemico. Rimangono coloro che antepongono il servizio all’acquisizione.

La mobilitazione è possibile quando un altro codice russo – Causa Comune – inizia a lavorare. Quando l’onere della difesa grava sull’intera nazione, il principe si siede sul suo cavallo e taglia le prime linee della battaglia, ricevendo i colpi delle frecce nemiche. Quando lo zar estrae la spada dal fodero e guida i suoi reggimenti a Poltava. Quando il capo manda i suoi figli al fronte, e il professore e il vecchio contadino sono al suo fianco nella milizia.

Non molto tempo fa dicevamo, dopo Gorchakov, “la Russia si sta concentrando”. Ora diciamo: “La Russia sta militando”. La Russia è un grande miliziano: con una mano tiene la scheda del referendum e con l’altra preme il grilletto di una mitragliatrice.

A Stalingrado, sul Mamayev Kurgan, è apparsa un’aureola sulla scultura “Madrepatria”.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

2 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube