La crisi energetica del Pakistan e le opportunità della Russia

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

Il 7 luglio 2022, Bloomberg ha pubblicato un articolo con il titolo “Il fallimento della gara d’appalto per il gas da un miliardo di dollari del Pakistan aggraverà la crisi energetica”.

L’autore, citando alcuni operatori, scrive che la società statale Pakistan LNG non ha ricevuto alcuna offerta nella gara d’appalto per il gas naturale liquefatto da un miliardo di dollari. Questo dimostra sia l’entità della carenza di carburante a livello globale sia la riluttanza dei fornitori a vendere a un Paese in crisi economica.

Il Pakistan voleva acquistare 10 lotti di GNL sul mercato spot da consegnare tra luglio e settembre in una gara che si è conclusa in modo inconcludente. Secondo i dati compilati da BloombergNEF, l’anno scorso il Pakistan ha acquistato quasi la metà del suo GNL sul mercato spot, mentre il resto proveniva da accordi a lungo termine.

Molto probabilmente, nessuno era disposto a correre il rischio, dato che il Paese si trova in una grave crisi economica. Il Pakistan è sotto pressione da parte del Fondo Monetario Internazionale e il governo è costretto a cercare un compromesso nonostante le rigide richieste dei creditori neoliberisti. Allo stesso tempo, in tutto il Paese si verificano frequenti interruzioni di corrente (con conseguenti rivolte) e l’inflazione ha già superato il 20%.

Nel frattempo, i prezzi del gas in Asia sono aumentati notevolmente nelle ultime settimane, poiché alcuni flussi di GNL sono stati dirottati verso l’Europa, che è disposta a pagare di più rispetto ai mercati asiatici. Ovviamente, è la sconsiderata politica di sanzioni degli Stati Uniti e dei suoi satelliti ad aver interrotto la catena di approvvigionamento, anche se Washington e i suoi burattini cercano di dare la colpa di tutto alla Russia.

Ma sorge una domanda legittima: perché gli stessi partner occidentali o i Paesi musulmani come il Qatar, che è un importante produttore e fornitore di GNL, non vengono in aiuto del Pakistan? Dov’è la solidarietà dell’Organizzazione della Cooperazione Islamica? Anche il vicino del Pakistan, l’Iran, ha enormi riserve di gas, ma in questo caso ci sono due gravi limitazioni: le stesse sanzioni e i problemi logistici. A causa delle pressioni degli Stati Uniti, il Pakistan non ha mai costruito una parte del gasdotto Mir sul suo territorio. Non esiste ancora un gasdotto tra gli altri Paesi e il trasporto via mare richiede navi speciali.

Islamabad forse non ha ancora capito che l’Occidente non la aiuterà, una situazione che difficilmente cambierà in meglio, dal momento che le fondamenta stesse dell’attuale ordine mondiale sono in fase di distruzione. Il problema non si risolverà da solo ed è ovvio che occorra prendere subito decisioni importanti che possano salvare il Paese dal collasso.

La Russia può migliorare la situazione nel settore energetico, che a sua volta influirà sulla sostenibilità dell’economia. Non si tratta solo della possibilità di fornire gas naturale, ma di un’operazione complessa. E questo andrà a vantaggio del Pakistan, poiché i progressi saranno evidenti dopo qualche tempo e della Russia, poiché la diversificazione delle esportazioni di energia e la fornitura di servizi in una prospettiva strategica è nell’interesse di Mosca.

Anche il Presidente Vladimir Putin aveva detto il giorno prima che le forniture energetiche dovevano essere reindirizzate verso sud e verso est. È proprio questa la direzione che sta prendendo il Pakistan. Inoltre, la Russia è già impegnata nella costruzione del gasdotto Pakistan Stream, che però ha un percorso limitato all’interno del Paese.

Più in generale, gli oleodotti e i gasdotti sarebbero interessanti non solo per il Pakistan, perché un approccio complesso potrebbe contribuire a risolvere il problema della fame di energia di diversi Stati, dal momento che anche i vicini India e Afghanistan hanno bisogno di forniture affidabili di idrocarburi.

Rimangono questioni di volontà politica da parte della leadership e di decisioni tecniche su come posare gli oleodotti, dato che il terreno montuoso del Pamir presenta alcune sfide. Se si considera la parte settentrionale del Pakistan come punto di ingresso, una delle diramazioni potrebbe raggiungere l’India attraverso il Jammu e il Kashmir. A questo proposito, il ruolo della Russia sarebbe anche quello di pacificatore, dal momento che tra Pakistan e India esistono posizioni inconciliabili sulla proprietà del Kashmir.

Un percorso più conveniente in termini di posa del gasdotto potrebbe collegare Jalalabad sul versante afghano e Peshawar su quello pakistano, passando attraverso le terre pashtun.

In generale, il gasdotto TAPI (Turkmenistan-Afghanistan-Pakistan-India), un tempo supervisionato dagli americani ma a lungo congelato a causa della situazione in Afghanistan, deve rimanere in attesa di attuazione.

Oltre alla possibilità di posare oleodotti, la ristrutturazione delle obsolete reti elettriche pakistane con l’aiuto della Russia potrebbe portare benefici tangibili. Mosca ha molta esperienza in questo settore.

Inoltre, la Russia potrebbe partecipare alla costruzione di nuove centrali nucleari. Tra i partner stranieri, finora solo la Cina lavora in questo settore, ma Islamabad può bilanciare la presenza di Pechino con nuovi contratti. La Commissione pakistana per l’energia atomica ha già fatto piani ambiziosi per la messa in funzione di nuove centrali commerciali (era stato annunciato che 32 centrali nucleari sarebbero state operative entro il 2050), ma nella pratica le cose sono andate a rilento. Islamabad potrebbe studiare l’esperienza della centrale nucleare turca di Akkuyu (dato che le tradizionali relazioni bilaterali tra questi Paesi sono basate sulla fiducia) e prendere la decisione necessaria sulla base di tale esperienza.

Questo tipo di coinvolgimento russo nell’economia pakistana stimolerebbe anche il lavoro in altri settori: dato lo sviluppo delle relazioni bilaterali, il Pakistan avrebbe quindi maggiori opportunità di accedere al mercato russo.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

18 luglio 2022