La crisi ucraina e la prospettiva economica mondiale

image_pdfimage_print

di Giulio Chinappi

L’analisi che proponiamo di seguito è stata effettuata dall’economista peruviano Marco Carrasco-Villanueva, funzionario del Ministero delle Donne e delle Popolazioni Vulnerabili di Lima. L’articolo che abbiamo tradotto è stato pubblicato in inglese sulla rivista TI Observer di aprile, curata dall’Istituto Taihe di Pechino.

L’operazione militare speciale russa contro l’Ucraina, iniziata il 24 febbraio 2022, non solo ha provocato danni economici sostanziali a lungo termine sia per la Russia che per l’Ucraina, ma ha avuto un impatto significativo sull’economia globale. In che modo la situazione in Ucraina ha influenzato le prospettive economiche mondiali sottostanti?

L’operazione militare speciale russa contro l’Ucraina, iniziata il 24 febbraio 2022, non solo ha provocato danni economici sostanziali a lungo termine sia per la Russia che per l’Ucraina, ma ha avuto un impatto significativo sull’economia globale. L’immediata risposta occidentale alla crisi ucraina è stata l’imposizione di sanzioni rigorose e di forte impatto alla Russia. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che l’invasione dell’Ucraina è stata un atto di genocidio. Il 12 aprile 2022, il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che i colloqui di pace con l’Ucraina erano a un “vicolo cieco”, segnalando che non si vedeva la fine della crisi.

La Russia e l’Ucraina svolgono un ruolo importante nella produzione di gas naturale e neon, grano, fertilizzanti, prodotti agricoli, legname, nonché acciaio e altri metalli. Sospendendo la produzione di cibo e fertilizzanti, la Russia ha catalizzato il divieto delle merci esportate da altri Paesi. Di conseguenza, i mercati globali di grano, gas naturale e fertilizzanti sono stati sconvolti, aggiungendo ulteriore pressione inflazionistica ai già gonfiati costi alimentari e di produzione. Il 6 aprile 2022, il petrolio era salito a 108 dollari al barile e fino al 10 aprile l’Ucraina aveva perso almeno 1,2 miliardi di dollari in esportazioni di grano. La task force delle Nazioni Unite ha avvertito che la crisi ucraina avrà gravi effetti negativi sulle economie dei Paesi in via di sviluppo che stanno già affrontando una rapida escalation dei costi alimentari ed energetici.

I prezzi dell’energia sono il principale canale di trasmissione dell’inflazione in aumento e del calo della crescita economica derivanti dalla crisi ucraina. In prima linea nel mercato energetico mondiale, la Russia e la sua produzione agricola saranno influenzate negativamente dal conseguente aumento dei prezzi dell’energia. L’agricoltura dipende fortemente dall’energia, assorbendo una quantità elevata direttamente da carburante, gas ed elettricità. In un incontro del 14 aprile, Putin ha accusato i partner occidentali dell’attuale situazione del settore petrolifero e del gas del Paese, sostenendo che erano inadempienti per la fornitura di risorse energetiche russe. Desiderosa di migliorare la situazione, la Russia è pronta a vendere petrolio greggio e prodotti petroliferi ai Paesi favorevoli. Inoltre, le zone di guerra attive dell’Ucraina stanno attualmente affrontando una grave carenza di cibo, acqua ed energia. Le carenze sono dovute all’interruzione della logistica delle catene di approvvigionamento alimentare, della raccolta invernale e della semina primaverile, nonché alla disponibilità limitata di scorte agricole di carburante, fertilizzanti, pesticidi e semi.

Oltre al divieto dei prodotti petroliferi, le recenti sanzioni hanno preso di mira anche beni di consumo comuni e vari servizi [1]. Le aziende alimentari e delle bevande, come McDonald’s, Coca Cola e Heineken, tra le altre, hanno annunciato una sospensione temporanea del servizio in Russia, alcune addirittura dichiarato la fine definitiva delle loro attività. L’introduzione di un altro giro di sanzioni ha incluso la Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali (SWIFT), che ha espulso diverse banche russe dalla sua rete, e sanzioni dirette contro la Banca di Russia.

Il 13 aprile 2022, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha affermato che la Russia ha pianificato più sanzioni in risposta a quelle imposte alla Russia dagli Stati Uniti. Secondo un recente sondaggio Reuters, l’economia russa si è ridotta del 7,3% nel 2022, indicando l’effetto significativo delle sanzioni sull’economia del Paese [2]. Le sanzioni hanno inoltre determinato un significativo deprezzamento del rublo russo, che, nel lungo periodo, potrebbe incidere negativamente sulle prospettive di crescita degli investimenti e della produttività del Paese. In questo contesto difficile, la Cina è uno dei tanti Paesi contrari all’imposizione di sanzioni alla Russia. Questi Paesi e individui sostengono che le sanzioni colpiscono le popolazioni civili con un controllo minimo o nullo sulle questioni di politica estera. Il 4 aprile 2022, la Cina ha chiesto colloqui sulla crisi e ha accusato Washington e la NATO di aver provocato e alimentato il conflitto sostenendo l’Ucraina con armi e soldati.

La Russia dovrà affrontare un forte calo della prosperità economica entro la fine del 2023 poiché il costo della guerra, le sanzioni pregiudizievoli e la fuga delle aziende indeboliscono l’economia. Le statistiche descrivono il triste stato dell’economia russa dopo la crisi. Ad aprile 2022, l’inflazione in Russia era al punto più alto degli ultimi 20 anni. Pertanto, l’economia russa dovrebbe contrarsi del 15% nel 2022, seguita da un calo del 3% nel 2023, lasciando il prodotto interno lordo (PIL) dove era 15 anni fa. Questo deprezzamento significa che oltre 30 miliardi di dollari sono stati rimossi dal PIL annuale della Russia, cosa che avrà implicazioni significative per la sua influenza globale. A meno che la Russia non possa estendere nuove partnership, rimodellando il modo in cui viene percepita la sua posizione nella politica mondiale, la sua influenza futura e le partnership con altri Paesi rimangono incerte.

NOTE

[1]  Kristine Aquino and Netty Idayu Ismail, “Junk Russia Bonds Mirror Ruble Drop as Sanctions Bite“. Bloomberg.com (Bloomberg, 1° marzo 2022).

[2] William MacLean, “Inflation in Russia Hits Highest in More than 20 Years“. Reuters (Reuters, 13 aprile 2022).

Pubblicato su World Politics Blog

Foto: Idee&Azione

23 maggio 2022