La diaspora palestinese: passato e presente

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

“Nella mia casa abbandonata sulla terra portata via, ho lasciato non solo i miei ricordi, ma anche me stesso”. (da una conversazione con un rifugiato palestinese)

Recentemente, un gruppo di attivisti palestinesi ha utilizzato un’azione diretta per costringere l’azienda israeliana di armi Elbit a lasciare Londra.

Questo precedente dimostra quanto possa essere efficace il “nazionalismo a distanza”, quando le persone di un certo Paese si uniscono per aiutare i loro connazionali. Naturalmente, il caso dei palestinesi è unico perché vivono nella loro patria sotto la politica di apartheid delle autorità di occupazione israeliane.

Il numero di palestinesi nel mondo è di circa 14 milioni. Tra i 9 e gli 11 milioni si trovano fuori dalla Palestina e circa 4 milioni all’interno, di cui 2,8 in Cisgiordania e 1,7 nella Striscia di Gaza, dove il numero di rifugiati è del 44%.

Il fenomeno dell’emigrazione palestinese è iniziato dopo il 1947, quando fu dichiarata guerra ai palestinesi e più di 700.000 palestinesi furono sfollati. Questo spostamento è stato fondamentale per la dispersione della società palestinese e l’appropriazione dei suoi beni, che ha portato all’espulsione dalla sua terra. La Nakba palestinese è avvenuta nel 1948, quando 400-600 villaggi palestinesi sono stati distrutti e la storia palestinese è stata giudaizzata.

I palestinesi sono emigrati per paura di diventare vittime delle milizie israeliane e sono stati espulsi dalle loro case, villaggi e città in una pulizia etnica, perché a coloro che sono stati espulsi è stato impedito di tornare e rivendicare i propri diritti. Un punto di vista israeliano è che i palestinesi hanno lasciato la loro patria per volere delle alte sfere arabe per usarla per la guerra, e nel corso del tempo la posizione di Israele sulle ragioni dello sfollamento è cambiata: sono nati giornali neutrali, alcuni dei quali affermano che i palestinesi sono immigrati di loro spontanea volontà, altri che sono immigrati perché gli arabi li hanno spinti ad andarsene per evitare la morte, e altri ancora che sono stati cacciati dall’occupazione. Sajaf e alcuni storici neutrali hanno aderito al punto di vista palestinese, mentre i loro narratori, come Ilan Papi Al-Di, hanno sostenuto che lo sfollamento fu un processo di pulizia etnica e hanno parlato di un gruppo che pianificò la più grande espulsione di palestinesi. Ha anche detto: “Ci sono circostanze nella storia che giustificano la pulizia etnica… Quando la scelta è tra la pulizia etnica o il genocidio del tuo intero popolo, preferisco la pulizia etnica”. Ancora oggi, i palestinesi sfollati lottano contro coloro che li hanno derubati e chiedono il diritto di tornare nella loro patria e di essere risarciti.

Nel 1949 la Commissione delle Nazioni Unite per la riconciliazione in Palestina stimò che c’erano più di 711.000 rifugiati palestinesi nella diaspora e un quarto di questo numero, ovvero 160.000, si trovava nei territori interni occupati come rifugiati interni.

I palestinesi sono emigrati al di fuori della Palestina in Giordania, Egitto, Siria e Libano e il loro numero ha superato le 30.000 unità. Molti erano leader palestinesi e provenivano da famiglie della classe media e alta che vivevano in città piuttosto che nei villaggi.

Lo sfollamento dei palestinesi ha portato alla devastazione economica, poiché i saccheggi si sono diffusi nei luoghi in cui i residenti sono stati abbandonati dalle truppe israeliane. “Risulta che la maggior parte degli ebrei sono ladri”, ha detto David Ben-Gurion.

Ciò ha dato origine anche alla legge sulla prevenzione dell’invasione. I palestinesi hanno cercato in un modo o nell’altro di tornare in patria, ma le forze israeliane hanno bloccato tutte le strade di fronte ai rimpatriati e li hanno ostacolati, con mezzi armati o meno, e hanno considerato gli infiltrati come trasgressori della legge.

Sono nate leggi riguardanti la terra e la proprietà, perché si è deciso di dare all’esercito il diritto di decidere se chiudere o aprire certe aree e non permettere ai palestinesi di entrarvi senza permesso. E anche la legge sulla proprietà degli assenti, che stabilisce che se si trova terra per coloro che sono emigrati e hanno lasciato la terra, Israele può prendere la loro proprietà come assenteista e disporne come meglio crede.

Per quanto riguarda la risposta alla domanda: “Dove sono emigrati i palestinesi?”. In primo luogo, sono emigrati in Giordania, dove vivono più di due milioni di rifugiati palestinesi. Hanno la cittadinanza giordana e tessere gialle che li distinguono dal resto dei palestinesi sfollati nei campi costruiti dall’UNRWA, ma tutti possono accedere ai servizi pubblici come l’istruzione e l’assistenza sanitaria.

Sono immigrati anche in Libano, dove ci sono cinque campi per i palestinesi. Un gran numero di rifugiati è stato naturalizzato, mentre agli altri è stata negata la cittadinanza, ma hanno un documento di viaggio per rifugiati palestinesi. I rifugiati sono soggetti a diverse leggi che impediscono loro di lavorare, partecipare all’economia libanese e migliorare le proprie condizioni di vita.

Molti sono anche immigrati in Siria e sono diventati parte della società siriana. In Siria ci sono 10 campi riconosciuti e alcuni campi non riconosciuti. La Siria ha permesso ai rifugiati di ottenere i documenti di viaggio. Ma non concede loro la cittadinanza siriana perché conservano la loro identità nazionale e sperano di tornare. Per quanto riguarda i nati in Siria, essi sono trattati come siriani e hanno anche le responsabilità del popolo siriano, come il servizio militare e il pagamento delle tasse. I palestinesi non possono partecipare alle elezioni e hanno problemi a viaggiare fuori dal Paese per lavoro, studio e cure mediche.

Alcuni palestinesi sono immigrati anche in Iraq, che ha permesso loro di reinsediarsi nel proprio Paese prima della caduta del regime di Saddam Hussein. La situazione dei palestinesi è peggiorata e sono diventati bersaglio di vessazioni e violenze da parte della maggior parte dei gruppi armati sciiti.

Per quanto riguarda l’Egitto, i palestinesi erano al sicuro fino alla firma dell’accordo di pace di Camp David tra Egitto e Palestina e all’assassinio del ministro della Cultura egiziano Yousef Al-Sibay da parte dell’organizzazione ribelle Abu Nidal. Il primo ministro egiziano annunciò allora che “dopo oggi non ci sarà più la Palestina”.

Se guardiamo all’identità palestinese, è chiaro che il popolo palestinese è un popolo che non si lascerà dimenticare. I palestinesi trovano il modo di tirarsi fuori dalla loro situazione. Perciò si uniscono e si confrontano pacificamente e stringono rapporti pratici e accademici. E si assimilano al Paese in cui sono emigrati in ogni modo possibile. Molti palestinesi vengono in Russia per studiare e lavorare, gli studenti palestinesi partecipano a molte attività universitarie e aspirano a diventare famosi in patria e all’estero, come il giornalista Maxim Al-Turi. Diventano anche medici di altissimo livello. In America, ad esempio, la famiglia Hadid, sfollata da Nazareth, è diventata una delle più forti sostenitrici della causa palestinese negli Stati Uniti e sta portando la voce palestinese a quanti più possibile attraverso le sue pagine sui social media, come fa l’ormai famosa modella, la palestinese Bella Hadid.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: NR-Italia

10 luglio 2022