La dichiarazione di guerra economica e finanziaria dell’UE contro la Russia potrebbe ritorcersi contro di essa

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

Non ci dovrebbe essere più alcuna illusione sull’armamento degli strumenti economici e finanziari da parte dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti, dopo che il ministro delle finanze francese ha appena dichiarato che l’UE intraprenderà una “guerra economica e finanziaria totale” contro la Russia. Questo dovrebbe terrorizzare il mondo perché significa che paesi relativamente meno forti della grande potenza eurasiatica finiranno inevitabilmente nel suo mirino con il tempo. Saranno presi di mira proprio come la Russia, se oseranno sfidare le richieste egemoniche dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti.

Il presidente Putin ha annunciato l’operazione speciale del suo paese in Ucraina alla fine della settimana scorsa con il pretesto immediato di proteggere il popolo russo indigeno delle repubbliche del Donbass che Mosca ha riconosciuto giorni prima, anche se il grande obiettivo strategico è quello di garantire l’integrità delle sue linee rosse di sicurezza nazionale che la NATO ha attraversato in quel paese. Il mancato intervento al momento giusto avrebbe portato alla neutralizzazione delle capacità nucleari di secondo colpo della Russia e a un imminente attacco convenzionale contro di essa da parte della NATO.

La Russia non è l’unico paese minacciato dall’Occidente, poiché anche la Cina e l’Iran sono tra i suoi obiettivi principali. Questi paesi, però, sono stati a lungo considerati come una sfida al declino dell’egemonia americana ed è per questo che ha sorpreso molti quando l’Etiopia di tutti gli stati è finita recentemente nel loro mirino, paese che era un forte alleato occidentale, ma è stato punito per il pragmatico atto di bilanciamento del suo governo tra le superpotenze americana e cinese.

Il tentativo degli Stati Uniti di reimporre la sua declinante egemonia unipolare su tutti gli altri significa che l’Etiopia non sarà l’ultimo paese del Sud globale ad essere preso di mira, per non parlare dell’ultimo alleato americano finora esistente. Ogni paese che resiste ai tentativi di Washington di dividere il mondo nei cosiddetti blocchi “autoritario a guida cinese” e “democratico a guida americana” sopporterà il peso delle guerre ibride multidimensionali dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti contro di loro, specialmente la guerra economica, finanziaria e dell’informazione.

L’UE è già caduta completamente in linea con il suo patrono americano quando si tratta della Russia, il che implica che potrebbe presto fare lo stesso nei confronti della Cina su richiesta. Gli Stati del Golfo, che recentemente si sono avvicinati molto alle due grandi potenze eurasiatiche, potrebbero presto diventare i prossimi obiettivi dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti, anche se la leva fondamentale che esercitano sul mercato globale dell’energia potrebbe indurre Washington a ripensare alla saggezza di provocarli troppo.

L’ASEAN dovrà camminare su una linea attenta tra gli Stati Uniti e la Cina nel prossimo futuro, poiché non può permettersi di tagliare fuori la Repubblica Popolare con cui i suoi paesi commerciano così tanto. Il blocco del sud-est asiatico è anche parte del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) insieme alla Cina e a diversi altri paesi; quindi, resta da vedere quale effetto potrebbe avere la pressione americana su questa piattaforma. Se questi paesi non si sottomettessero agli Stati Uniti, potrebbero presto essere presi di mira da infowars, come minimo.

Tutta l’Africa ha già visto cosa è successo all’Etiopia, quindi alcuni dei paesi più deboli che sono in relazioni neocoloniali con l’Occidente ovviamente non oseranno sfidare i loro patroni, ma quelli che sono più fiduciosi nel flettere la loro autonomia strategica potrebbero scommettere che è meglio correre il rischio di replicare l’atto di bilanciamento di Addis Abeba nel perseguimento dei loro interessi nazionali. Dopo tutto, l’Etiopia ha anche dato un esempio brillante che i paesi africani possono davvero resistere alla pressione della guerra ibrida occidentale guidata dagli Stati Uniti.

La neutralità di principio dell’India e del Brasile in mezzo alle tensioni russo-NATO potrebbe vedere entrambe queste grandi potenze multipolari e membri del BRICS diventare i prossimi obiettivi delle campagne di pressione occidentali guidate dagli Stati Uniti. Questo sta già accadendo anche prima di questo, quando i media americani hanno iniziato a riferire molto criticamente su questioni interne a questi paesi che i loro governi considerano come affari puramente interni che gli stranieri non dovrebbero nemmeno commentare.

È sempre stato tra le grandi priorità strategiche dell’America di rompere i BRICS, che negli ultimi anni erano comunque diventati in gran parte moribondi, ma hanno mostrato alcuni segni di rinascita nell’ultimo anno, quindi questi scenari sono da aspettarsi. Le conseguenze del loro successo, che sembra più probabile nel caso brasiliano che in quello indiano, potrebbero essere di vasta portata, ed è per questo che è importante che tengano duro di fronte a tale pressione.

Questo non è per dire che Bolsonaro sia il miglior leader per il Brasile, ma solo per sottolineare che i politici dietro di lui, che sono i veri responsabili della neutralità di principio del loro governo in queste circostanze, devono assicurarsi di non essere sostituiti se viene deposto attraverso mezzi democratici (anche se probabilmente sostenuti indirettamente dagli USA) dopo le prossime elezioni. Lo scenario ottimale è che Lula, o chiunque altro possa entrare in carica dopo di lui, mantenga questi esperti a tutti i costi.

Tornando all’argomento principale di questa analisi, tuttavia, la dichiarazione della UE di guerra economica e finanziaria totale contro la Russia è anche una dichiarazione della stessa cosa contro il mondo intero. Dovrebbe terrorizzare quei paesi che stanno resistendo alla continua reimposizione da parte degli Stati Uniti della loro declinante egemonia unipolare, ma potrebbe anche ritorcersi contro di loro se cooperano più strettamente insieme per accelerare la transizione sistemica globale in corso verso la multipolarità, finché i loro leader continuano a resistere con successo alla pressione degli Stati Uniti.

Traduzione a cura di Loreno Maria Pacini

Pubblicato in partnership anche su OneWorld

Foto: Idee&Azione

4 marzo 2022