La dimensione umanitaria poco discussa della posizione dell’Ungheria verso il conflitto ucraino

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

Sarebbe un tradimento degli interessi nazionali oggettivi dell’Ungheria armare l’Ucraina, poiché ciò metterebbe indirettamente in pericolo i suoi co-etnici a causa dell’aumento della probabilità di attacchi russi nella regione storica del loro Paese, amputata da Stalin, e li metterebbe direttamente in pericolo se Kiev decidesse di reprimere violentemente la minoranza ungherese con qualsiasi pretesto inventato.

L’Ungheria è molto criticata dai media occidentali guidati dagli Stati Uniti per la sua posizione pragmatica nei confronti del conflitto ucraino, in cui Budapest si rifiuta di partecipare militarmente alla guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso quel Paese, pur sostenendo la maggior parte delle sanzioni antirusse (ma soprattutto non tutte). Questo approccio è pienamente in linea con la volontà della popolazione, come dimostrato da una recente consultazione nazionale su questo tema, che è sempre più noto, ma la sua dimensione umanitaria rimane poco discussa.

Budapest spera però di cambiare questa situazione e per questo ha ricominciato a parlarne di recente. La scorsa settimana il ministro degli Esteri Peter Szijjarto ha informato l’élite mondiale a Davos che “non stiamo consegnando armi perché potremmo farlo solo attraverso la parte occidentale dell’Ucraina, dove c’è una significativa comunità ungherese. Non vogliamo che quella comunità diventi un obiettivo per qualsiasi tipo di attacco”.

Il Segretario di Stato Tomas Menczer ha fatto seguito qualche giorno dopo, sensibilizzando l’opinione pubblica sulla situazione dei coetanei del suo Paese nella regione storicamente ungherese, oggi governata dall’Ucraina e ufficialmente nota come “Oblast’ di Zakarpattia”. A suo dire, “le azioni anti-ungheresi sono inaccettabili”, come la recente rimozione delle bandiere e delle scritte ungheresi da Mukachevo e la risoluzione del contratto di lavoro del preside della scuola ungherese locale.

Ha poi aggiunto che “ci aspettiamo che i leader nazionali dell’Ucraina facciano tutto il possibile per assicurarsi che le autorità locali agiscano in modo equo e che cessino le vessazioni e le persecuzioni contro gli ungheresi”. Questa dura dichiarazione potrebbe sorprendere la gente comune in Occidente, che probabilmente non sapeva nemmeno che Stalin aveva amputato questa regione storica dall’Ungheria dopo la Seconda guerra mondiale e l’aveva aggiunta artificialmente al mini-impero innaturale di Lenin, l’Ucraina, per ragioni puramente politiche.

Probabilmente non hanno nemmeno mai sentito parlare della feroce persecuzione di Kiev nei confronti della minoranza ungherese, peggiorata sotto Zelensky e particolarmente intensa dall’inizio dell’operazione speciale della Russia, 11 mesi fa. Il Primo Ministro Viktor Orban viene erroneamente dipinto dai media liberal-globalisti come un cosiddetto “dittatore”, pur essendo in realtà il leader della controrivoluzione conservatrice dell’Occidente, per cui si può perdonare agli osservatori occasionali di non considerarlo un appassionato difensore dei diritti umani.

La realtà, tuttavia, è che gran parte dell’atteggiamento pragmatico del suo governo nei confronti del conflitto ucraino è plasmato da queste considerazioni, poiché è giustamente preoccupato per la sicurezza dei suoi co-etnici, costretti da circostanze fuori dal loro controllo a vivere come cittadini di seconda classe in Ucraina. Il loro diritto umano fondamentale, sancito dalle Nazioni Unite, di parlare la propria lingua madre è già minacciato, e potrebbe rapidamente trasformarsi in altre violazioni, tra cui la pulizia etnica.

Sarebbe quindi un tradimento degli interessi nazionali oggettivi dell’Ungheria armare l’Ucraina, poiché ciò metterebbe indirettamente in pericolo i suoi co-etnici a causa dell’aumento della probabilità di attacchi russi nella regione storica del loro Paese, oltre a mettere direttamente in pericolo anche loro se Kiev decidesse di reprimere violentemente la minoranza ungherese con qualsiasi pretesto inventato. Nessuna leadership veramente patriottica e rispettosa di sé rischierebbe mai questi scenari credibili, ecco perché Orban ha formulato questa politica sensata.

La cosiddetta “influenza russa” sul suo governo non ha giocato alcun ruolo in questi calcoli prudenti, poiché è stata la dimensione umanitaria appena descritta, più di ogni altra cosa, a determinare questa posizione pragmatica nei confronti del conflitto ucraino. Se Kiev non avesse oppresso sciovinisticamente la sua minoranza ungherese per motivi fascisti-suprematisti, Budapest l’avrebbe probabilmente armata fin dall’inizio, ma non c’è modo di farlo in mezzo a queste peggiori violazioni dei diritti umani.

Pubblicato in partnership su One World – Korybko Substack

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

23 gennaio 2023

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube