La galassia della guerra

image_pdfimage_print

di Alexander Prokhanov

Le galassie sono rotoli giganti dell’universo. Quando una forza universale sconosciuta prende nel suo vortice miliardi di stelle, innumerevoli soli e pianeti. Le infinite matrici di materia universale, le onde di energia si arricciano da qualche parte in una spirale e possiamo solo indovinare il conflitto originale che ha sconvolto l’equilibrio dell’universo, strappando trilioni di corpi celesti dalle loro orbite e arricciandoli in una spirale osservando queste spirali rombanti nello spazio attraverso i telescopi. Le galassie dell’universo sono un conflitto a spirale dell’universo con una fine imprevedibile dell’universo.

I conflitti terrestri si sviluppano secondo le stesse leggi. A partire da un piccolo focolaio, soggetto alla volontà di chi ha iniziato il conflitto, il conflitto si espande, si evolve, catturando sempre più fenomeni nelle sue sfere. Il conflitto diventa sempre più difficile da gestire, sempre più difficile da calcolare e predeterminare le sue fasi successive. Infine, non è più gestibile, è fuori controllo e si evolve da solo, fuori dalla camicia di forza, trasformandosi in un grandioso caos di fenomeni storici. Tutte le precedenti tecnologie di controllo si estinguono e diventano prive di significato. La storia viene strappata dalla morsa della tecnologia e inizia la creatività storica, che porta alla morte degli Stati, alla scomparsa di re e governanti, alla disintegrazione di sistemi e credenze. Un nuovo mondo nasce dolorosamente dal conflitto, come un pulcino da un uovo rotto.

Un’operazione militare speciale in Ucraina sembrava comprensibile, a breve termine e gestibile. L’esercito russo sta entrando in Ucraina da diverse direzioni. Circondando città e centri strategici, dimostra una potenza schiacciante. Sostenute da questo potere, le forze filorusse salgono al potere. La guerra in Ucraina si conclude con la ridistribuzione del territorio, la rimozione della più potente testa di ponte antirussa costruita dall’Occidente.

Questa è stata la prima, breve fase del conflitto. La seconda fase era l’intenzione di prendere l’enorme raggruppamento di truppe ucraine insediato nel Donbass, tagliarlo fuori dai suoi centri di rifornimento e schiacciarlo con l’intera massa di forze terrestri e aerospaziali. E questa seconda fase dell’operazione militare speciale non è stata completata.

È stato sostituito da un terzo. Il raggruppamento ucraino è stato frammentato in una serie di calderoni, ognuno dei quali è stato distrutto singolarmente. Il gruppo ucraino nel Donbas veniva espulso, si scioglieva, l’Ucraina veniva privata del suo esercito e si avviava alla resa.

Ma anche questa fase non è stata completata. La lotta divenne una guerra di posizione prolungata, con un fronte che si estendeva per migliaia di chilometri. La guerra di posizione è stata accompagnata da un bombardamento brutale e senza precedenti su Donetsk. Attacchi di sabotatori e droni ucraini raggiungono Bryansk, Voronezh, Belgorod e la Crimea. I sabotatori ucraini si stanno avvicinando alla centrale nucleare di Kursk. Nella stessa Ucraina, l’enorme centrale nucleare di Zaporozhye è stata presa di mira dagli obici ucraini. E una bomba sporca, che avvelena l’Europa con i suoi veleni, diventa una macabra realtà. Il ponte di Crimea è sotto attacco. Questo ponte non è solo una struttura. È il “Grande Stile” di Putin, il simbolo del nuovo Stato russo.

Il conflitto, pur rallentando il suo sviluppo sul campo di battaglia, si sta rapidamente diffondendo al di fuori di esso, coinvolgendo nella sua spirale molti fenomeni precedentemente sopiti.

L’Occidente ha dichiarato una guerra economica totale alla Russia. Lo ha privato dei suoi mercati. Tecnologia negata. Ha ritirato dalla Russia molte imprese high-tech di successo. Ha recintato la Russia con una cortina di ferro di innumerevoli divieti. E come parte di questa cortina di ferro, ha lanciato il progetto della russofobia.

Dalla Russia, come cavallette, sono volati via tutti gli occidentali che non molto tempo fa dettavano la moda politica in Russia e che ora sono emigrati in preda al panico in Israele. Temendo la mobilitazione e il servizio militare, molti giovani imprenditori, programmatori e creatori di alta tecnologia sono fuggiti. La guerra sul campo di battaglia fu accompagnata da una guerra del gas, una guerra di sanzioni economiche, attacchi ideologici e mentali, trasformata in una guerra di significati storici e categorie metafisiche, avvicinandosi a un pericoloso orizzonte su cui stavano per spuntare i funghi atomici.

Il mondo ha ricevuto una scossa. In questo scossone del mondo, il conflitto tra America e Cina cominciò a scaldarsi e a intensificarsi. Gli oceani vicino a Taiwan si sono affollati di navi cinesi e americane.

In Russia, molte imprese congelate hanno preso vita e sono andate avanti. Il settore pubblico dell’economia è in forte crescita. C’è una dimensione sempre più pianificata, un desiderio di nuove forme di gestione dell’industria. Il crollo dell’idea liberale, infine confermato dalla fuga dalla Russia di oligarchi e intellettuali liberali, questo crollo ha aperto uno spazio per le forze patriottiche che erano state intrappolate in camere di congelamento per decenni. L’ideologia di Stato si sta spostando sempre più dai significati liberali a quelli storici russi tradizionali. Tra questi significati, tra i rapidi cambiamenti nella politica, nell’economia e nella cultura, l’immagine del nuovo Stato russo sta diventando sempre più chiara. Il ruolo pianificato e progettuale dello Stato è in grado di realizzare progetti grandiosi, che si tratti di un progetto artico, di un progetto spaziale o di un progetto di ricostruzione dell’economia russa distrutta dai liberali.

Accanto allo Stato, c’è un settore in crescita di liberi imprenditori, scienziati di libero pensiero e artisti. Questi due settori sono in concorrenza. Affinché questa lotta non diventi una guerra, lo Stato ha una struttura normativa e regolatrice che mantiene un equilibrio stabile tra i due settori della realtà russa. Il piano “Grande Disegno”, che delinea queste tre componenti del nuovo Stato russo, è in fase di attuazione.

La quarta componente più potente è l’impregnazione di questo schema razionale, seccamente delineato, con i significati russi, i codici creatori russi, che rendono il progetto razionale il progetto russo, ponendo davanti al Paese un obiettivo strategico imperiale, chiamato Sogno russo. È il desiderio di uno Stato potente, prospero, spiritualmente significativo, con al centro la giustizia divina, la creatività umana e l’indovinare le leggi dello sviluppo sociale.

La battaglia in Ucraina, che si evolve a spirale, attraverserà molte fasi imprevedibili e pericolose, in cui si verificherà una valanga di distruzione del vecchio ordine mondiale. In questa valanga storica un nuovo volto del mondo e dell’umanità, un nuovo volto della Russia: il suo Quinto Impero.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

26 agosto 2022