La Germania e la politica militare dell’UE

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

La Germania ha recentemente deciso di aumentare il proprio budget per la difesa, il che avrà ripercussioni sia sul nuovo personale della Bundeswehr sia sul complesso militare-industriale dello Stato. Questa decisione può essere interpretata in due modi: come un tentativo di Berlino di creare una forza armata sufficientemente indipendente e come un desiderio di compiacere i suoi padroni della NATO, cioè gli Stati Uniti. Dopo tutto, le capacità militari della Germania potrebbero essere utilizzate nel conflitto in Ucraina (attraverso il trasferimento di sistemi d’arma) e come minaccia per la Russia. D’altro canto, Berlino potrebbe cercare di rafforzare il proprio ruolo e prestigio sia all’interno dell’UE che come attore separato. Pertanto, in una prospettiva più ampia, vediamo crescere le ambizioni della Germania e dell’UE nel suo complesso, anche se ci sono altri attori oltre a Berlino che rivendicano il ruolo di primo violino.

Recentemente, gli Stati membri dell’UE hanno lanciato il Meccanismo di Cooperazione Strutturata Permanente (PESCO), che consente agli Stati membri di aumentare la cooperazione nella pianificazione, nello sviluppo e nell’investimento in capacità di sicurezza e difesa comuni. Mentre la Francia ha esercitato un’attiva pressione per espandere tale cooperazione tra gli Stati volenterosi e capaci e ha mostrato un livello di ambizione più elevato all’interno della PESCO, la Germania ha mediato un accordo per includere tutti gli Stati membri nella PESCO che era molto al di sotto dei desideri di Parigi. Allo stesso modo, la Germania ha evitato di partecipare militarmente alla più recente coalizione di difesa europea ad hoc, la Task Force Tacuba. Questa unità è composta da forze speciali di Paesi europei ed è integrata nella missione francese Barkhan in Mali.

L’UE ritiene che questo approccio “paneuropeo” alla cooperazione militare e di difesa abbia senso per legittimare le missioni dell’UE all’estero. Tuttavia, queste missioni sono spesso basate sul minimo comune denominatore, il che va a scapito dell’ambizione e della capacità di Bruxelles di reagire rapidamente, e limita gli Stati membri che potrebbero voler adottare altre misure, come un mandato antiterrorismo. Per questo motivo la Bussola strategica dell’UE, il primo libro bianco sulla politica di sicurezza e di difesa, adottato nel marzo 2022, invita gli Stati membri dell’UE a concordare una definizione di linee guida per l’applicazione dell’articolo 44 del Trattato UE entro la fine del 2022. Questo articolo consente all’UE di delegare i compiti previsti dalla Politica di Sicurezza e Difesa Comune (PSDC) a un gruppo di Stati membri disposti e in grado di attuarli, in altre parole una “coalizione dei volenterosi” nelle strutture dell’UE. Finora gli Stati membri dell’UE hanno evitato di applicare questo articolo, sebbene si tratti di uno strumento potente.

La Germania vede nella Bussola strategica un punto di partenza ideale per cambiare la propria posizione nei confronti delle coalizioni di Stati che hanno una volontà politica. Oltre alla sua moderazione, la Germania ha sottolineato negli anni possibili vincoli costituzionali per spiegare la sua astensione dalla partecipazione a queste coalizioni. Nel complesso, la partecipazione a coalizioni militari ad hoc al di fuori dell’UE è un atto di bilanciamento legale per la Germania, poiché la sua Costituzione richiede che il dispiegamento di forze armate sia parte del “sistema di sicurezza collettiva” (articolo 24). Secondo questo articolo, il dispiegamento di forze in coalizioni al di fuori dell’UE o delle Nazioni Unite richiederebbe, come minimo, una ragionevole valutazione legale.

Per evitare questo ostacolo, la Germania potrebbe concentrarsi sulla costruzione di una sorta di “coalizione dei volenterosi” all’interno dell’UE. Nella Bussola strategica, gli Stati membri dell’UE si sono impegnati a decidere le modalità pratiche di attuazione dell’articolo 44 entro il 2023. Poiché questo calendario è stato concordato all’unanimità dagli Stati membri, rappresenta un’ottima opportunità per la Germania di abbandonare l’approccio “solo UE-27” e di giustificare le proprie aspirazioni. In un recente discorso sulla strategia di sicurezza della Germania, il ministro della Difesa tedesco Christine Lambrecht ha annunciato l’obiettivo della Germania di diventare leader nella difesa europea. L’uso dell’articolo 44 e la partecipazione attiva al gruppo di Paesi che svolgono compiti DSLE potrebbero, infatti, consentire alla Germania di diventare un attore più attivo nella difesa europea, soprattutto quando si tratta di missioni a lungo termine.

La Germania è ora consapevole del fatto che non dovrebbe limitare la sua cooperazione militare all’UE, ma pensare anche al di fuori delle strutture dell’Unione Europea. Ciò è particolarmente vero per Berlino, poiché la delega del compito della PSDC a un gruppo di Stati membri volenterosi e capaci richiede l’unanimità del Consiglio europeo, il che significa che i singoli Stati hanno ancora il diritto di porre il veto all’azione europea. Inoltre, la cooperazione militare con il Regno Unito sarebbe realisticamente impossibile attraverso le strutture dell’UE, anche se di fatto il Regno Unito rimane un partner fondamentale per l’Europa. La costruzione di “coalizioni di volenterosi” è quindi vista come una soluzione pragmatica in Germania.

Detto questo, la Costituzione tedesca può offrire una maggiore flessibilità in questo senso. In una decisione del 2015, la Corte costituzionale tedesca ha concluso che il dispiegamento di forze armate è possibile anche in “coalizioni di volenterosi” per la difesa collettiva, purché queste coalizioni servano a fornire assistenza di emergenza a un partner della NATO o dell’UE, o anche a uno Stato terzo. In altre parole, il sostegno a una “coalizione dei volenterosi” non dipende tanto dalla natura di tale coalizione, quanto piuttosto dalla volontà politica, compresa la volontà di impegnarsi in dibattiti pubblici e parlamentari sull’impiego delle forze armate all’estero. Nei possibili scenari in cui è necessaria un’azione rapida e una decisione dell’UE potrebbe richiedere troppo tempo, la cooperazione con la Francia e il Regno Unito, così come con altri europei nella forma di “coalizioni di volenterosi”, sembra ora un passo coerente per la Germania per giustificare la sua pretesa di essere un partner credibile e leader nella difesa europea.

È probabile che la revisione del bilancio militare tedesco sia indirettamente legata a questo obiettivo. Poiché il diritto di guidare deve essere guadagnato, la Germania sta cercando di costruire questa capacità riformando le sue forze armate e l’approccio politico generale. Il fattore Ucraina gioca a loro favore, poiché le spese fiscali per la difesa possono essere giustificate da questo conflitto.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

25 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube