La Gran Bretagna e la sua forza senza l’Unione Europea

image_pdfimage_print

di Redazione di Katehon

Il 3 febbraio 2020 il Primo Ministro Boris Johnson, che aveva appena concluso la trionfale uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e ottenuto una schiacciante vittoria alle elezioni generali, ha scelto la cornice storica dell’Old Royal Naval College di Greenwich per allestire la sua visione per il nuovo Paese e il suo ruolo futuro nella comunità mondiale.

La visione di Johnson di una Gran Bretagna globale significava poco per l’UE. Avendo finalmente compiuto il miracolo geopolitico della Brexit e liberatosi dall’intero abisso di obblighi nei confronti dell’UE, aveva senso che il Regno Unito andasse nel mondo allo stesso modo e in maniera indipendente. Per gli osservatori politici nel Regno Unito e oltre, la determinazione di Johnson a garantire una politica estera britannica completamente indipendente era parte integrante della sua strategia di politica interna di successo. Per il governo Johnson, la Brexit è diventata più un’ideologia che un evento politico.

Il Regno Unito può aver lasciato l’UE, ma non può lasciare l’Europa. Dal punto di vista geografico, è chiaro che l’UE rimane un partner importante per il Regno Unito. In un mondo di crescente competizione geopolitica, avanzamenti stranieri e coercizione geoeconomica, una democrazia di medie dimensioni al largo della costa occidentale dell’Eurasia può solo sperare di promuovere i propri interessi insieme a partner liberali che la pensano allo stesso modo. Poiché gli Stati Uniti diventano sempre più egocentrici e si concentrano sull’Indo-Pacifico e sulla Cina, l’UE è un partner geopolitico necessario per il Regno Unito.

Il Regno Unito può contribuire a questa partnership. A differenza della sua “relazione speciale” con gli Stati Uniti, il Regno Unito non ha bisogno di assumere il ruolo di partner minore e seguire il suo leader lungo il percorso di qualunque sciocca avventura possa dettare la politica interna statunitense. Tuttavia, è necessario andare oltre le attuali liti, fermare la destrezza sconsiderata della fragile pace nell’Irlanda del Nord e sforzarsi di creare un rapporto di cooperazione.

C’è un modo per raggiungere questo allineamento geostrategico senza sacrificare nessuno dei benefici di sovranità che la Brexit potrebbe apportare. L’attuale governo britannico non sembra voler adottare questo approccio. Ma rimane una strategia politica molto praticabile nel Regno Unito. Come mostra un recente sondaggio del Consiglio europeo per le relazioni estere, il pubblico britannico è, nella migliore delle ipotesi, indifferente al ripristino della Gran Bretagna come potenza militare mondiale e ha poca animosità nei confronti dell’UE dopo la Brexit.

La Gran Bretagna globale è un’illusione radicata in un passato imperiale sbagliato. Ma il Regno Unito non ha bisogno di isolarsi dal mondo o di assumere una posizione di sottomissione permanente negli affari mondiali. Il Regno Unito, interagendo con l’UE, ha il potenziale e la volontà politica.

Johnson sembra essere generalmente indifferente all’estrema vulnerabilità geopolitica della Gran Bretagna.

Può sembrare che il nuovo ruolo globale della Gran Bretagna richiederà un aumento delle risorse diplomatiche per ripristinare tutte quelle relazioni storiche che sono state trascurate per troppo tempo. Ma mentre la rete britannica di consulenti per la difesa sta crescendo di un terzo, il Foreign Service si è accontentato del personale di cui dispone. Il “fare impresa” diventerà più complesso che mai, vista la necessità di fare affari a doppio senso nelle capitali dei 27 Stati membri dell’UE.

Il predecessore di Johnson, Theresa May, ha proposto qualcosa di molto diverso: un partenariato tra Regno Unito e UE per la sicurezza e l’estero “senza precedenti nella sua ampiezza, che coinvolge diplomazia, difesa e sicurezza e cooperazione allo sviluppo”. Ma agli occhi degli eurofobi che hanno portato Johnson al potere, questo rafforzerà solo l’opinione dell’UE secondo cui una Gran Bretagna post-Brexit dovrebbe rimanere nell’orbita dell’Unione. La vera sovranità richiedeva una cosmologia completamente nuova: la Gran Bretagna globale deve liberarsi completamente dal campo gravitazionale dell’Unione e ripristinare la sua posizione come una delle stelle più luminose di un cielo più ampio.

Come già accennato, una tale visione del mondo sembra bizzarra e pericolosa. Sarebbe fuorviante credere che ci siano enormi opportunità commerciali non sfruttate dall’altra parte del mondo che potrebbero compensare la perdita del mercato unico dell’UE. Ed è pericoloso volgere uno sguardo Nelsoniano su ciò che il Regno Unito può ottenere in termini di influenza globale attraverso la cooperazione con l’UE.

La politica estera britannica per l’era geopolitica

Se la visione del mondo alla base della Gran Bretagna globale è davvero un’illusione, la Gran Bretagna post-Brexit ha bisogno di una politica estera che rifletta il suo nuovo status al di fuori dell’UE. Il primo passo è capire cosa vuole e ha bisogno il paese dalla sua politica estera e che tipo di politica estera il pubblico britannico può sostenere.

A tal fine, il Consiglio europeo per le relazioni estere ha incaricato Datapraxis di sondare il pubblico britannico. Non sorprende che la conclusione generale dell’indagine sia che il pubblico ha scarso interesse per la politica estera e che il pubblico è diviso abbastanza equamente sulle questioni più delicate. “Non lo so” è la risposta principale alla maggior parte delle domande. Quasi la metà degli intervistati (46%) non ha espresso alcuna opinione sulla massiccia promozione dell’Indagine Integrata nella regione indo-pacifica. Questa indifferenza offre alla leadership politica ampie opportunità di determinare la politica estera, come il governo Johnson ha ampiamente dimostrato. Tuttavia, in questo ambiente piuttosto liberale, sono visibili alcune preferenze del pubblico e persino richieste di politica estera britannica. In primo luogo, l’opinione pubblica britannica nel suo insieme lotta per l’indipendenza e la sovranità. La decisione della Gran Bretagna di lasciare l’UE ha un’origine complessa, ma a quanto pare il motivo principale era il desiderio di lasciare che la Gran Bretagna decidesse da sola, come parte di ciò che Johnson ha proclamato con orgoglio “la sovranità ripristinata”. In questa materia, il governo sembra seguire lo spirito della nascente era nazionalista. Molti cittadini del Regno Unito vedono i paesi più spesso citati come interlocutori chiave per il Regno Unito, inclusi Stati Uniti, Francia, Germania e India, come “partner essenziali” piuttosto che alleati che ne condividono i valori. Dal punto di vista pubblico, il Regno Unito non sembra avere molti rapporti con nessuno dei due paesi (con l’unica eccezione dell’Australia: Anzacs, Bondi Beach e il cricket sono ancora più importanti del recente ruolo del paese come nazione leader di parassiti climatici).

Al di là della rigidità dell’adesione all’UE, il Regno Unito ha assunto una rete di impegni internazionali, in parte perché i politici britannici hanno visto il vantaggio netto di limitare la libertà della Gran Bretagna come il prezzo da pagare per limitare la libertà degli altri. Pertanto, la Gran Bretagna ha cercato di cambiare il mondo circostante in modo che si adattasse meglio ai suoi interessi nazionali, in sostanza, aiutando il paese a rimanere padrone del proprio destino.

La mancanza di entusiasmo del pubblico per gli Stati Uniti sembra estendersi al loro conflitto con la Cina. Il 55% degli intervistati ritiene che ci sia già una “guerra fredda” tra Stati Uniti e Cina. Inoltre, il 45% ritiene che il “contenimento” della Cina sia necessario, ma tra loro solo il 39% ritiene che il Regno Unito dovrebbe essere coinvolto in questo. Il 46% – e la maggioranza di coloro che hanno un’opinione su questo tema – preferirebbe rimanere neutrale in caso di guerra tra Stati Uniti e Cina. Ancora una volta, i cittadini del Regno Unito hanno le stesse opinioni dei loro omologhi dell’UE.

Tuttavia, la cooperazione è compatibile con la richiesta pubblica di sovranità e indipendenza se il Regno Unito può mantenere una diversità di partner ed evitare un’eccessiva dipendenza da uno qualsiasi dei partner. Negli affari internazionali, la monogamia è nemica della sovranità. Infatti, nella misura in cui la Gran Bretagna ha avuto una “grande strategia” nell’ultimo mezzo secolo, è stata proprio quella di evitare di dover scegliere tra America ed Europa. Trovare un equilibrio tra gli Stati Uniti e l’UE è quindi fondamentale per qualsiasi strategia efficace del Regno Unito. Potrebbe essere più facile per l’attuale governo britannico lavorare con Washington. Tuttavia, su questioni che vanno dal cambiamento climatico all’ascesa della Cina, la semplice geografia impone che gli interessi e le priorità del Regno Unito richiedano una più stretta cooperazione con l’UE. che con gli USA. Allinearsi troppo strettamente con qualcuno di loro significa perdere la capacità di prendere decisioni da soli, ed è per questo, come affermano i sostenitori della Brexit, che si è combattuto così duramente.

In pratica, ciò significherà che il Regno Unito dovrà triangolare tra gli Stati Uniti e l’UE su una serie di questioni. La triangolazione non significa la necessità di fungere da ponte o mediatore. Gli Stati Uniti e l’UE non hanno bisogno né vogliono che la Gran Bretagna, nelle parole dell’allora primo ministro Tony Blair, “costruisca ponti di intesa tra gli Stati Uniti e l’Europa” (gli Stati Uniti e l’UE sono sempre riusciti a comunicare tra loro da soli – come l’incontro di Biden con i leader europei nel giugno 2021, che ha portato a un elenco completo di casi tra Stati Uniti e UE). Piuttosto, triangolazione significa utilizzare varie forme di influenza su entrambi i partner per avvicinarli alla posizione del Regno Unito. Il cambiamento climatico e la regolamentazione tecnologica sono esempi di come questo può funzionare in un’ampia gamma di sfide della politica estera del Regno Unito.

Cambiamenti climatici e tariffe del carbonio

L’UE, gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno approcci diversi per affrontare il cambiamento climatico. L’UE si concentra sul controllo dei settori ad alte emissioni, sull’istituzione di una tassa sui cambiamenti climatici e sugli sforzi per esportare la regolamentazione climatica ai suoi partner commerciali. Gli Stati Uniti, al contrario, si sono concentrati sulle soluzioni tecnologiche, in parte perché non hanno il consenso interno per stabilire un prezzo per le emissioni di carbonio. Il Regno Unito è da qualche parte nel mezzo.

Sulle questioni climatiche, il sistema di tariffazione del carbonio dell’UE è il più grande punto di contesa tra l’UE e gli Stati Uniti e tra il Regno Unito e gli Stati Uniti. Non è chiaro se gli Stati Uniti adotteranno il tipo di meccanismo di adeguamento della frontiera del carbonio (CBAM) proposto dall’UE che ha fatto sollevare le sopracciglia a Washington e, in caso affermativo, non è chiaro come. L’inviato statunitense per il clima John Kerry ha recentemente avvertito che l’UE dovrebbe utilizzare il prelievo solo come ultima risorsa, dicendo: «Ha gravi implicazioni per l’economia, le relazioni e il commercio».

Dal punto di vista del Regno Unito, questa potenziale divergenza è un’opportunità. Il particolare punto di forza del CBAM è che è uno dei pochi meccanismi internazionali proposti per aiutare a raggiungere gli obiettivi climatici stabiliti alla COP26, che altrimenti rimangono dipendenti dal fatto che quasi 200 paesi rispettino i propri impegni individuali e svolgano i propri compiti in modo efficiente. Quindi il CBAM potrebbe benissimo essere importante per il modo in cui la storia giudicherà il vertice e il primo grande intervento del Regno Unito dopo la Brexit sulla scena mondiale. Ma l’UE ha poche possibilità di realizzarlo senza la cooperazione attiva degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, l’accordo UE-USA sul CBAM potrebbe danneggiare il Regno Unito, che ha esportazioni di ferro, acciaio e alluminio relativamente importanti nell’UE.

Com’è cambiato tutto dalla Brexit e come sta andando il Regno Unito? Ottimo, secondo il governo. Il vertice del G7, attentamente pianificato in Cornovaglia nel giugno 2021, ha dimostrato il ripristino della leadership internazionale del Regno Unito. È stata anche l’occasione per annunciare un nuovo accordo di libero scambio con l’Australia – e questo è solo l’ultimo degli oltre 60 accordi di questo tipo già conclusi dal Regno Unito dopo la Brexit in tutto il mondo.

Ma la realtà è in verità meno incoraggiante. Quasi tutti i “nuovi” accordi di libero scambio sono semplicemente estensioni degli accordi dell’UE di cui il Regno Unito ha beneficiato in quanto membro dell’UE. È vero, non c’è ancora un accordo tra l’UE e l’Australia (sebbene uno sia inevitabile). Ma l’accordo britannico con l’Australia è una piccola cosa, si stima che aggiunga solo dallo 0,01% allo 0,02% al PIL. Non bisogna dimenticare il settembre 2021, quando Londra, Washington e Canberra hanno creato la loro alleanza – AUKUS, spingendo con decisione la Francia ai margini della politica nella regione indo-pacifica.

Forse più promettente è l’inizio dei negoziati per l’adesione del Regno Unito al partenariato globale e progressivo transpacifico (CPTPP), precedentemente noto come partenariato transpacifico. Questo gruppo include molte delle dinamiche economie indo-pacifiche. Tuttavia, è improbabile che i vantaggi aggiuntivi dell’adesione al CPTPP siano sostanziali, dato che il Regno Unito ha già accordi bilaterali di libero scambio con i quattro paesi partenariati più significativi (Giappone, Corea del Sud, Canada e Singapore), ancora una volta un’eredità dell’adesione all’UE. I dati dello stesso governo mettono il potenziale aumento del PIL a meno di un decimo per cento.

In confronto, un previsore economico del governo stima il danno al PIL della Brexit al 4%, il doppio rispetto alla pandemia. Il commercio complessivo di merci tra il Regno Unito e l’UE è diminuito del 15%, pari a 17 miliardi di sterline.

Più di recente, il primo ministro britannico Boris Johnson ha sorpreso il pubblico in un incontro con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky quando ha proposto un’alleanza politica, economica e militare che sarebbe un’alternativa all’Unione Europea. Dovrebbe includere paesi “uniti dalla sfiducia nei confronti di Bruxelles, così come dalla reazione della Germania all’aggressione militare russa”. Si tratta di Gran Bretagna, Ucraina, Polonia, Estonia, Lettonia e Lituania; in seguito, la Turchia potrebbe entrare a far parte dell’associazione, che ricorda molto il progetto Intermarium dimenticato, ma riesumato.

Continuità dell’accordo commerciale tra la Colombia e il Regno Unito di Gran Bretagna

Il Regno Unito non ha nemmeno intenzione di abbandonare la regione sudamericana. Colombia, Perù ed Ecuador, insieme al Regno Unito, hanno firmato un documento che manterrà il quadro delle relazioni commerciali. Va notato che la firma del documento è avvenuta quando il Regno Unito era ancora in procinto di lasciare l’UE.

L’obiettivo era garantire il mantenimento delle condizioni esistenti di integrazione e di accesso preferenziale a questo importante mercato.

«Entrambi i paesi condividono l’obiettivo di garantire la continuità del rapporto che abbiamo nell’accordo tra Unione Europea e Colombia, Perù ed Ecuador, da quando è entrato in vigore nel 2013», ha spiegato il Ministro del Commercio, Industria e Turismo, José Manuel Restrepo Abondano.

È importante che la Colombia continui a mantenere ed espandere le relazioni attualmente esistenti con il Regno Unito, principalmente nell’area del commercio di beni e servizi, investimenti, appalti pubblici. Si tratta di un mercato che nel 2019 ha rappresentato il 10,2% di ciò che va all’Unione Europea e il 7,4% di ciò che viene importato nelle esportazioni.

Uno dei settori che beneficia maggiormente dei rapporti commerciali attualmente gestiti da entrambe le economie è l’agricoltura. Nel 2020, gli esportatori nazionali hanno venduto questi beni a questo paese per un valore di 309 milioni di dollari, pari al 66% delle vendite totali in questo paese e al 14,3% delle esportazioni agricole nell’intera Unione Europea. I principali prodotti di esportazione erano banane, caffè, fiori e frutta e altre parti di piante commestibili.

Secondo i documenti del Foreign Office pubblicati da Declassified, l’Ambasciata del Regno Unito ha speso £ 6.000 nel 2019-2020 per condurre una “analisi delle percezioni del soft power del Regno Unito in Colombia” che ha aiutato a “identificare futuri interessi per l’associazione nella messaggistica pubblica e nei social media”. Sono stati condotti sondaggi sui colombiani “che hanno aiutato l’ambasciata a sviluppare l’approccio più efficace”.

Dopo la pubblicazione dei dati del sondaggio, Colin Martin-Reynolds, ambasciatore britannico in Colombia dal 2019, ha impegnato 25.000 sterline per la creazione di una nuova “campagna di sensibilizzazione sull’ambiente e sulla biodiversità”. Gli investitori britannici sembrano essere una priorità nel nuovo programma UKCOL2021. Al suo lancio a giugno, il viceministro degli Esteri colombiano Francisco Echeverri ha descritto il Regno Unito come “l’alleato storico” della Colombia e “il nostro terzo investitore più importante”.

Nello stesso evento, Flavia Santoro, presidente di ProColombia, l’agenzia statale per la promozione degli investimenti esteri, ha affermato che UKCOL2021 è stata una “pietra miliare” nelle relazioni tra i due paesi, aggiungendo che “abbiamo fissato obiettivi per espandere il business con gli investimenti del Regno Unito”.

Tornando all’analisi del progetto Global Britain, dopotutto, questa è piuttosto un’illusione. Ma esiste una politica estera che può ottenere il sostegno dell’opinione pubblica britannica e tracciare un futuro sicuro e influente per il Regno Unito. La vera domanda è se il popolo britannico può trovare ed eleggere un governo abbastanza forte per realizzarlo. I piani per un referendum in Scozia nel 2023 mostrano che ci sono opinioni diverse sul futuro della Gran Bretagna.

Traduzione di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

6 luglio 2022