La guerra come verifica della realtà

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Informazione e realtà

La guerra è sempre un controllo della realtà, una sua verifica. Ciò che la precede e l’accompagna, di regola, ha un carattere virtuale ed è, se non pura disinformazione (da tutte le parti), allora vi si avvicina, ed è quasi impossibile cogliere i temi e le tesi che corrispondono allo stato reale delle cose. Queste sono le leggi della correlazione tra la sfera dell’informazione e la realtà.

Negli ultimi decenni, le proporzioni tra realtà e virtualità stanno cambiando a favore della superiorità della sfera dell’informazione, la quale gioca un ruolo sempre più importante nella guerra moderna. Già negli anni ’90, il Pentagono ha sviluppato sistemi per condurre la guerra in rete. All’inizio, si trattava semplicemente di aumentare la scala e l’importanza dei processi di informazione nei conflitti militari convenzionali. Ma gradualmente la teoria e la pratica (praticata dagli americani in Jugoslavia, Iraq, Afghanistan e durante le rivoluzioni dei colori in Europa e nel mondo arabo) si svilupparono così tanto che nacque l’idea che la guerra poteva essere vinta solo nel campo dell’informazione, e questo avrebbe significato la vittoria completa.

Ma è qui che sono iniziati alcuni problemi. Questa tesi presentava un quadro troppo ipertrofico: le armi classiche e le forme tradizionali di guerra, compresa la guerriglia e la guerra urbana, non avevano perso tutto il loro significato e molto spesso si rivelavano decisive; inoltre, la sostituzione dei processi politici con quelli virtuali non ha sempre avuto successo. Esempi di questo sono il fallimento dei progetti Guaido, Tikhanovskaya o Navalny, che hanno portato a risultati pietosi nonostante il loro “trionfo” nella sfera virtuale. Il vergognoso ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan è un’ulteriore prova che con il controllo totale della sfera dell’informazione su scala globale, il risultato reale può essere la sconfitta.  La guerra è l’ultima forma di juxta che pone il virtuale con il reale. Questo è esattamente ciò che vediamo oggi nell’operazione militare della Russia nel Donbass e in tutta l’Ucraina.

 

Problemi a est: la chiave del vero stato delle cose

Quello che Kiev, l’Occidente in generale, e anche il presidente russo Vladimir Putin hanno detto alla vigilia dell’operazione erano tutti punti di conversazione virtuali. Nessuna delle due parti, per ovvie ragioni, ha comunicato il reale stato delle cose. Solo pochi giorni dopo l’inizio dell’operazione il controllo della realtà è diventato possibile, e quando il primo shock dell’impeto degli eventi dei primi giorni è un po’ passato, possiamo valutare con relativa obiettività tutto ciò che sta accadendo.

Il fattore chiave è il quadro dell’azione militare nelle diverse regioni dell’Ucraina, è qui che si trovano le risposte alle domande principali, la principale delle quali è, ovviamente, perché il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato un’operazione su così larga scala in tutta l’Ucraina, nonostante i costi evidenti per il paese?

La più importante è la reale difficoltà che le truppe russe e le milizie della DPR e della LPR hanno affrontato per liberare i territori delle rispettive repubbliche. Qui, i successi nell’avanzata delle forze russe e filorusse sono in netto contrasto con altre parti del teatro delle operazioni militari. Nel nord dell’Ucraina e nelle regioni centrali, compresi i territori adiacenti alla capitale stessa, le azioni delle forze armate russe sono molto più impressionanti e di successo, ma l’est, in questo contesto, presenta un problema preciso. Anche se molti dei resoconti vittoriosi nei media ucraini e occidentali riguardanti le “vittorie schiaccianti” dell’AFU (forze armate dell’Ucraina) nel Donbass, compresa la cattura di un certo numero di insediamenti precedentemente sotto il controllo della DPR – come Gorlovka – appartengono alla sfera virtuale, in tutta la Novorossiya le unità e le milizie russe affrontano una seria resistenza, una strategia efficace, anche se disumana, di difesa delle città con scudi di civili e anche contrattacchi – come il bombardamento di Donetsk.

Superando piuttosto facilmente la resistenza dell’AFU e delle formazioni nazionaliste in altre regioni dell’Ucraina, è nell’est e ancora più specificamente nella DPR e LPR, così come a Charkiv, che la Russia sta affrontando una forte resistenza, e questo nonostante il fatto che l’operazione militare fin dall’inizio sia stata condotta su scala massima, includendo un’offensiva simultanea in 5 direzioni, attacchi aerei sulle infrastrutture militari del nemico in tutto il territorio dell’Ucraina, un assedio decisivo delle principali città e la cattura di Kiev sul ring. Seppur con successi schiaccianti nel complesso, l’azione militare nel Donbass è stata molto più lenta e difficile che altrove. Questo nonostante il fatto che non si tratta semplicemente di rinforzare le milizie del DPR e del LPR con truppe russe e superiorità aerea assoluta, ma di un coinvolgimento di massa delle forze militari russe nella condotta delle operazioni militari.

 

Mosca ha riportato la verità

Cosa ne consegue? Ne consegue praticamente tutto. E soprattutto, tra il flusso di disinformazione prebellica, le più vicine allo stato reale delle cose sono state le dichiarazioni del presidente Putin e della parte russa. CIò non significa che i nostri non abbiano fatto ricorso alla disinformazione su punti specifici, in guerra come in guerra, ma il quadro generale dell’equilibrio di potere e della logica geopolitica di Mosca è stato descritto in modo molto più realistico.

Cosa si intende con questo? Se con un’operazione militare su larga scala che coinvolge un enorme potenziale militare della Russia, che ha messo in gioco quasi tutto e ha già sacrificato le relazioni con l’Occidente, con tutti gli assalti dell’offensiva russa e la risolutezza delle azioni, compresa la distruzione di strutture strategiche importanti – compresi i centri di guerra dell’informazione in tutto il territorio del nemico – il ripristino del controllo sul Donbass è così difficile, questo può significare solo una cosa: è nel Donbass che la Russia ha affrontato la massima concentrazione di forze armate ucraine e formazioni nazionaliste, che avevano preparato non solo ogni metro di territorio per una difesa profonda ed efficace, ma anche ovviamente – ora è ovvio! – ma chiaramente intenzionati a scatenare tutta questa potenza sulla DPR e LPR in un futuro molto prossimo; e se immaginiamo che Mosca non inizierebbe un’operazione militare senza prima riconoscere la DPR e la LPR, non solo queste repubbliche non sarebbero in grado di resistere all’attacco ucraino, ma anche il sostegno della Russia alla loro difesa sarebbe insufficiente. Se le forze dell’AFU, concentrate a est, oppongono una resistenza così feroce e con un’operazione militare su larga scala, cosa accadrebbe se la DPR e la LPR si trovassero faccia a faccia con il nemico paralizzate o minime, costrette a guardare indietro ad ogni dettaglio dell’aiuto di Mosca? È abbastanza ovvio che se Putin non avesse deciso di lanciare un’operazione militare, riconoscendo prima il DPR e il LPR, la situazione sarebbe stata completamente diversa: l’AFU – contrariamente a qualsiasi grado di eroismo del DPR e del LPR – avrebbe catturato questi territori, sottoposto la popolazione locale al genocidio totale, e in estasi dalle loro “imprese” si sarebbero mossi per “liberare la Crimea”. O immediatamente, o dopo una pausa, e Kiev avrebbe potuto semplicemente ignorare le proteste rabbiose di Mosca e persino le minacce nucleari: La Russia avrebbe perso peso critico se avesse ceduto il suo.

In altre parole, l’iniziatore di questa operazione militare non era in realtà Putin. Questo è difficile da credere, e non si vuole – né amici né nemici – ma Mosca non aveva davvero altra scelta, non c’era nulla di personale nella decisione dell’operazione militare, è stata forzata e inevitabile. Non era né un piano astuto né una strategia sofisticata: era un imperativo diretto di sicurezza nazionale e una richiesta di preservare la sovranità della Russia. Senza sminuire in alcun modo i meriti del presidente russo, chiunque al suo posto, tranne un nemico diretto o un completo idiota, avrebbe dovuto fare la stessa cosa. Mosca non poteva che lanciare un’offensiva a tutto campo, perché senza di essa non sarebbe stata in grado di ottenere alcun successo locale nel territorio del Donbass – e anche all’interno dei vecchi e patetici confini.

 

Cosa osservano gli osservatori?

Nel 2014, ho espresso una formula sul Canale Uno della televisione russa: “Se la Russia perde il Donbass, perderà la Crimea. Se perde la Crimea, perderà se stessa”.

Questa è stata la mia ultima apparizione sui canali centrali perché è stata considerata “aggressiva” e “militarista”. Non era nessuna di queste cose, stavo semplicemente descrivendo la situazione geopolitica oggettiva e le sue inevitabili conseguenze, certamente avevo la mia posizione – patriottica -, ma non era questo il punto, quello di cui parlavo non era una formula di propaganda, ma una fredda e obiettiva – scientifica – dichiarazione dello stato reale delle cose.

Oggi tutti ripetono questa formula, solo perché contiene verità, non solo la nostra verità russa, la verità in quanto tale, da qualunque parte la si guardi. Kiev pensava allo stato delle cose esattamente allo stesso modo e tutte le affermazioni di Kiev e dell’Occidente sulla disponibilità della Russia a lanciare una “invasione” erano di natura preventiva: se ti stai preparando ad attaccare, accusa il tuo avversario di farlo. E se l’intera infosfera mondiale è dietro di te, il pubblico può credere a qualsiasi cosa. Nessuno studierà lo stato reale delle cose sui fronti, soprattutto perché ogni osservatore ha a che fare con una delle parti, e questa è l’ideologia e l’assunzione di una posizione geopolitica ben precisa. Ogni osservatore osserva a modo suo, nella misura delle sue peculiarità civili e politiche. Pertanto, nessuno può sapere con certezza prima dell’inizio della guerra come un controllo della realtà.

Washington. Gli strateghi occidentali hanno capito che era una cosa seria e giustificata e hanno iniziato a muoversi verso la completa sottomissione dell’est esattamente nel momento in cui noi stessi ci siamo fermati, avendo tracciato le nostre linee rosse – solo la Crimea e parte del Donbass. Noi ci siamo fermati, e loro, al contrario, hanno ripreso la causa, e hanno preparato la battaglia per la Novorossiya, cioè per la cattura e il genocidio del Donbass, e poi della Crimea, instancabilmente per otto anni.

Oggi vediamo qual è lo stato d’animo delle autorità di Kiev: anche nella loro attuale miserabile posizione, praticamente circondati e avendo perso tutte le infrastrutture militari, insistono disperatamente sulla loro allucinante – virtuale – immagine del mondo. È molto simile allo staff di Eco di Mosca, che, per inciso, è fuggito a Kiev di tanto in tanto. È davvero possibile che tali folli governanti di un’Ucraina nazificata e militarizzata siano spaventati solo dall’uso teorico di un accerchiamento nucleare da parte della Russia in caso di attacco alla Crimea? Non essere ridicolo. Non accettano la realtà che si trovano in una Kiev densamente circondata dalle truppe russe, dove la fame dilaga, i saccheggiatori imperversano e i neonazisti pazzi imperversano. E sarebbero stati fermati dalle semplici parole di Mosca che “la Crimea è nostra ed è per sempre”?

Putin non ha anticipato la storia. Ha fatto esattamente ciò che era necessario e inevitabile. E mi sembra, soggettivamente, che non volesse farlo. Se avesse voluto, avrebbe iniziato prima. Le nostre truppe, naturalmente, in 8 anni erano perfettamente preparate, ma anche il nemico era preparato. E la giunta di Kiev non è crollata, e gli oligarchi ucraini corrotti non hanno causato proteste di massa. L’Ucraina non è nella forma migliore, ma il declino economico e il collasso sociale sono abilmente compensati dalla propaganda isterica nazionalista e russofoba. Ora, a proposito, è chiaro perché e per quale motivo questa frenetica russofobia razzista ha svolto una funzione pragmatica. Senza di essa, l’Ucraina non potrebbe essere tenuta, e l’Occidente cinico ha dato per scontati tali eccessi, chiudendo un occhio sul nazismo ucraino. Non si può fare ovunque, ma a Kiev sì. Senza questo, il governo ucraino filo-occidentale, ma totalmente inefficace, non sarebbe sopravvissuto a lungo e così è stato. Tutto stava cadendo, e il nazismo e il militarismo stavano crescendo.

E da qui le nostre azioni di oggi. La difesa inevitabile e giustificata.

L’ultima cosa che Putin voleva era rompere le relazioni con l’Occidente, ed è per questo che ha tollerato con fermezza i liberali nella Russia stessa – gli oligarchi, la quinta colonna, le figure culturali e il blocco economico nel governo stesso. Era ben consapevole di chi fossero e del danno che stavano facendo al paese, ma Putin li ha tenuti come ponte di comunicazione con l’Occidente; ha soppresso solo le forme più estreme; ha optato per un’operazione militare solo perché non c’era altra via d’uscita; ha seguito l’unica linea possibile. Quindi non solo ha esitato e procrastinato, ma non voleva affatto un’operazione militare o un ritiro dalla moderna civiltà occidentale. Quando parla direttamente e onestamente di questo, non viene creduto. Pensano che sia solo un altro pezzo di disinformazione, ma Putin dice la pura verità.

È una difesa inevitabile e completamente giustificata dal punto di vista logico, non solo in retrospettiva rispetto a ciò che l’Occidente ha imposto ai precedenti governanti russi negli anni ’80 e ’90, ma proprio ora, nelle condizioni che ci saranno entro febbraio 2022. Naturalmente, non è iniziato ora, e per tutti i trenta e passa anni dopo il crollo dell’URSS, l’Occidente ha continuato ad attaccare ciò che ne è rimasto. Senza fermarsi un attimo. Finché si poteva in qualche modo conviverci, Putin viveva, ma venne il momento in cui non fu più possibile. Lo status quo geopolitico e ideologico non è più compatibile con la vita di un paese sovrano.

La Russia, quindi, sta dicendo la verità. Naturalmente, nessuno ci crederà, ma si scopre che in questo caso è proprio così. 

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

3 marzo 2022