La guerra di liberazione continentale o la liberazione delle nazioni prigioniere

image_pdfimage_print

di Iurie Rosca

Siamo nazioni prigioniere della plutocrazia globalista, che ci ha devastato economicamente e moralmente, ci ha polverizzati politicamente e ci sta usando ciecamente contro il suo nemico strategico – la Russia. Tutta la storia degli ultimi tre decenni e qualcosa non è che una continua marcia dell’Occidente collettivo sull’area ex-comunista per colonizzarla e sfruttarla. Nel quadro dell’applicazione di questa strategia, agli occidentali non importa quale regime politico sia in Russia, né quale sia esattamente il suo leader, lo zar Nicola II, Stalin o Putin. Le aspettative geopolitiche rimangono incrollabili: la Russia deve essere distrutta.  E solo dopo la distruzione finale della Russia diventa possibile esercitare un dominio assoluto su tutto il continente eurasiatico.

Il 10 marzo, il regime fantoccio di Chisinau, controllato dai centri di comando in Occidente, si è avventato su Iurie Rosca per sopprimere la voce che differisce radicalmente dal coro cacofonico della rete politico-mediatica e associativa che alimenta i suoi conti e lo zelo propagandistico dai generosi fondi della plutocrazia globale.

Il vostro umile servitore, il giornalista Iurie Rosca, ha ricevuto tre colpi in una volta sola: dalla Procura, dal Servizio di Intelligence e Sicurezza e dal social network Facebook.  E tutto questo sarebbe passato inosservato, se il potere non avesse avuto come affidabile alleato la stampa dominata, che ha scatenato una nuova ondata di molestie nei confronti del sottoscritto. L’individuo che ha dato questa direttiva alla Procura e ai servizi segreti è un certo Iulian Groza. Ma prendiamoli uno per uno.

 

L’ufficio del procuratore dice di essere stato avvisato

La Procura ha annunciato di aver rispettato l’ordine politico di Groza e che stava esaminando la storia durante un processo penale. Quel signore convoca la Procura con il seguente testo:

«Ci stavo riprovando! Denuncia pubblica: La Procura Generale della Repubblica di Moldova e il Servizio di Informazione e Sicurezza della Repubblica di Moldova. Chiedo che vengano prese le misure procedurali a seguito della verifica e delle indagini sugli atti del cittadino Iurie Rosca alla luce dei segni di reato previsti dal Codice Penale della Repubblica Moldova, compresi quelli previsti dall’art. 140 del codice penale» (fonte: www.unimedia.info).

Alcune cose emergono dal messaggio di cui sopra. La prima: risulta che questa persona ha già provato alcune volte ad usare l’apparato repressivo dello stato contro di me, ma senza successo. Secondo: sia la Procura che il SIS hanno avuto una reazione istantanea all’esecuzione di tale ordine, cogliendo al volo un messaggio posto da questo terribile guardiano della purezza ideologica. L’attuale regime di Chisinau, composto da una coorte di consumatori di sovvenzioni straniere come quelle offerte da Soros, ha cercato a lungo di mandarmi in prigione.

Iulian Groza fa riferimento all’articolo 140 del Codice Penale della Moldavia, suggerendo ai subordinati della Procura e del SIS come realizzare esattamente la soppressione del giornalista Iurie Rosca. Cito qui di seguito l’articolo completo in questione:

«Articolo 140. Propaganda di guerra

 

(1) La propaganda di guerra, la diffusione di informazioni pretestuose o inventate che incitano alla guerra, o qualsiasi altra azione volta a scatenare la guerra commessa verbalmente; per iscritto; alla radio, alla televisione, al cinema; o con qualsiasi altro mezzo è punita con una multa fino a 500 unità convenzionali o con la reclusione fino a 6 anni, in entrambi i casi con la privazione del diritto a ricoprire determinate posizioni o a esercitare determinate attività fino a 5 anni.

(2) La commissione degli atti di cui al par. (1) da parte di un alto funzionario è punito con un’ammenda da 500 a 1000 unità convenzionali o con la reclusione da 3 a 7 anni, in entrambi i casi con la privazione del diritto di ricoprire certe posizioni o di esercitare certe attività fino a 5 anni.»

Come pretesto per l’accusa di cui sopra è stata usata una frase tagliata dal contesto, che è stata fatta circolare su tutte le stazioni televisive e altri uffici stampa della plutocrazia globalista, più precisamente, da una mia videoconferenza fatta alcuni giorni fa e intitolata La guerra come necessità e come possibilità per la sopravvivenza del mondo (durata 39 minuti). Ecco questa frase:

«Tenete a mente! Pregate non per la fine della guerra, ma per la continuazione di questa guerra e per la vittoria della Russia di Putin sul globalismo satanista».

Ovviamente, questo è un tentativo perverso di manipolare l’opinione pubblica troncando e distorcendo il mio messaggio. Ricordo anche qui che dall’inizio dell’operazione militare della Russia in Ucraina e l’11 marzo ho fatto 11 video con vasti commenti sulle premesse, la posta in gioco e le possibili conseguenze di questa guerra. Mi assumo la piena responsabilità di questi interventi pubblici e chi ha un minimo di discernimento, un’elementare capacità di analisi e almeno un pizzico di buon senso, non può non constatare che nei miei ampi commenti non c’era traccia di “propaganda di guerra”, come sostenuto da chi mi ha denunciato ai servizi segreti e alla procura.

E se si vuole fare un uso serio dell’art. 140 del CP “propaganda di guerra”, allora sotto il suo incisivo cade l’intera rete della stampa dominante, che dal primo secondo dello scatenamento di queste ostilità militari si è iscritta con armi e bagagli nel campo aggressivo dell’Occidente, praticando senza sosta una debosciata propaganda di guerra. Qualche individuo della rete delle ONG, come il signor Groza, ha reagito a questa infinita macchina di propaganda sparata nei termini più violenti dai media mainstream, che sono controllati in Occidente e sostengono aggressivamente il regime di Kiev? E le istituzioni statali? Perché? Ve lo dico un po’ in discesa.

 

Il capo del servizio di sicurezza mostra il suo servilismo di fronte a un mercenario

Riportiamo di seguito il testo del comunicato stampa dei Servizi Segreti:

«Aggiornamento: con ordinanza del direttore del Sis n. 20 del 10 marzo, l’elenco delle fonti con contenuti online che promuovono informazioni che incitano all’odio e alla guerra, nelle condizioni dello stato di emergenza, approvato con la decisione del Parlamento n. 41/2022 è stato completato con i portali:

– flux.md;

– iurierosca.md;

– rosca.md.

Il Servizio di Informazione e Sicurezza ribadisce l’appello pubblico alle fonti mediatiche per impedire l’immediata diffusione ed eliminazione di articoli/informazioni false e contenenti discorsi di odio e/o violenza».

La fonte fornisce anche il link con l’ordine scannerizzato, firmato dal direttore del SIS Alexandr Esaulenco. Così, le tre modeste risorse mediatiche alternative che avevamo sono state bloccate.

In queste condizioni, ha senso parlare di violazione della libertà di espressione, del diritto di opinione e dei valori democratici? Andiamo. Il gioco è finito. Dalla truffa plan-demica di Covid-19 la soppressione di tutte le libertà democratiche e l’esercizio dittatoriale del potere statale è diventata ovunque la norma, e le eccezioni non fanno che confermare la regola.

Inutile esprimere il mio rammarico per il fatto che a capo del nostro servizio di sicurezza c’è una persona totalmente non professionale, incompetente e che non ha alcuno spirito patriottico. Altrimenti, non avrebbe una reazione così obbediente a una richiesta che proviene da un potenziale agente straniero di influenza, che il servizio in questione avrebbe, al contrario, per guardarli da vicino e combattere. Ma così come Esaulenco capisce che il paese è sotto il controllo degli americani e dei loro fanti europei, anche lui fa quello che gli viene ordinato per mantenere la sua posizione di grande capo. 

 

Ritratto di un impostore venduto alla plutocrazia globalista

Vediamo però cosa portava la persona che si è avventata sulla mia umile persona con tanta furia. Da una sommaria navigazione in Internet si scopre senza sorpresa che Iulian Groza è un tipico mangiatore di sovvenzioni della rete delle ONG che viene collocato in varie funzioni statali dalla mafia finanziaria internazionale.  Questo ragazzo cresciuto, addestrato e finanziato dai centri d’influenza in Occidente, sufficientemente infettato dalla piaga dell’adorazione cieca dell’Occidente per servire come pedina di interessi stranieri.  Ha lavorato per diversi anni al Ministero degli Esteri, catturando anche un posto di viceministro e al momento appare come direttore esecutivo – attenzione! – dell’Istituto per le politiche e le riforme europee, una ONG che fa parte del vasto esercito di questa rete. Possiamo, così, essere sicuri che questa persona è un mercenario, un docile strumento dei banchieri internazionali basta andare sul sito di questo cosiddetto istituto e vedere chi lo finanzia. Naturalmente, al primo posto troviamo invariabilmente la Open Society del gangster finanziario internazionale George Soros, seguita da altri centri di finanziamento delle attività sovversive di colonizzazione legislativa, istituzionale, economica e psicologica degli stati del mondo.

Proviamo ad abbozzare un ritratto di gruppo di questa vasta rete di mercenari che costituisce un vero esercito di occupazione non militare, il cui esponente è Iulian Groza. Questa manica di cosmopoliti con lavaggio del cervello, fanatici nello spirito dell’ideologia dominante fino all’annientamento di ogni riflesso di pensiero autonomo, esercita un ruolo chiave nella strategia di dominazione della corporatocrazia atlantista. Il loro compito è quello di plasmare la mentalità collettiva, ma anche di adattare le politiche dello Stato in tutti i settori di attività – dalla politica estera e la lotta alla corruzione alla sanità e all’educazione – secondo il percorso imposto ai paesi situati in posizione di vassalli dell’impero planetario americano.

Per riuscire a distorcere la percezione della realtà da parte delle masse, gli strateghi occidentali avevano bisogno innanzitutto della formazione di un esercito di soldati del fronte di colonizzazione del paese. E dopo 30 anni di selezione, scolarizzazione e organizzazione in una ragnatela che copre tutta la società, i centri di comando occidentali riescono con estrema facilità a generare partiti e governi docili come le marionette moldave di oggi.

Quindi, nella persona di questo impostore abbiamo a che fare con un tipo qualunque che fornisce servizi a chi lo paga. Niente di personale, solo affari. Il denaro non ha odore. Pertanto, questo individuo aggressivo e autosufficiente riesce a svolgere meravigliosamente il compito di agente di influenza straniera sul processo decisionale nel nostro paese.

 

Una potenziale spia nel corpo supremo della difesa e della sicurezza nazionale

Torniamo a Iulian Groza, che ha causato tutto lo scandalo. Questo consumatore di sovvenzioni straniere e quindi servitore di interessi stranieri, che mostra tanta arroganza e fiducia in se stesso, occupa anche una posizione molto importante. È questa funzione che rende la Procura e il Servizio di Sicurezza così docili. Egli rappresenta il potere politico, il governo, il regime di Chisinau in tutto il suo abominio come un gruppo di impostori pescati dalla rete di Soros, dal fantasma imbarazzante che è stato paracadutato nella carica di capo di stato al ridicolo parvenu nella direzione del Parlamento e del Governo. 

Così, scopriamo che questo grottesco personaggio è un membro del Consiglio Supremo di Sicurezza.  Il nostro snob nella galleria del teatro delle marionette è elencato per ultimo nella lista di questo organo statale estremamente importante per la sicurezza nazionale.

Perché dovremmo stupirci che le fessure in questione siano collocate in fondo a questa lista come esponente della “società civile”, se in cima alla lista abbiamo “Maia Sandu – Presidente del Presidente della Repubblica di Moldova, Comandante Supremo delle Forze Armate”?  Con un tale comandante in capo perché non dovremmo avere ancora un altro “occhio vigile” del pesce diavolo Soros?  Ecco perché ho detto che l’attuale governo non è altro che il governo Soros. Niente di più pericoloso e disgustoso potrebbe essere.

È precisamente la ragione della prontezza così improvvisa con cui hanno reagito la Procura e i servizi segreti, ad andare al demerito di questo servitore dei patroni occidentali.

 

La rottura geopolitica in Ucraina come ristabilimento del mondo

La guerra in Ucraina era inevitabile. L’offensiva dell’Occidente nell’area ex-comunista, portata avanti con successo per oltre tre decenni e risultante nella devastazione economica e politica, si è impantanata. La Russia ha deciso di vendicarsi dell’aggressione dell’Occidente, che usa l’Ucraina come una macchina da guerra contro la Russia. Uno degli obiettivi fondamentali della creazione di un’Ucraina antirussa sta nella strategia americana di non ammissione dell’unità continentale eurasiatica. O, in altre parole, all’Ucraina è riservata la funzione di dinamizzare i corridoi di cooperazione energetica e commerciale tra la Russia e l’Europa nell’interesse degli Stati Uniti e, allo stesso tempo, a spese sia dei russi che degli europei.

Vorrei citare qui due libri firmati da autori francesi, che abbiamo tradotto e pubblicato all’Università del Popolo, che sono estremamente utili per capire l’essenza del conflitto militare di oggi: Herve Juvin, Il muro occidentale non è caduto, e Ivan Blot, La colonizzazione dell’Europa. Descrivono in modo molto dettagliato la dominazione militare, economica e culturale dell’impero americano sull’Europa occidentale, che persiste in modo devastante dal dopoguerra, lo stesso modello di dominio e controllo che si estende, dopo la caduta del comunismo sui paesi della nostra area.

 

Una legge storica di ferro: ogni pace è provvisoria, essendo il risultato di una guerra

L’ho già detto e lo ripeto. Il mondo unipolare ha fallito. E un ristabilimento geopolitico delle relazioni internazionali è impossibile senza una guerra. È stato proprio così in tutta la storia dell’umanità. Cos’altro significava la “Pax Romana” se non il dominio di Roma sui popoli conquistati con la forza delle armi, ed è stato così fino e anche dopo l’Impero Romano; ma la Pace di Westfalia significava qualcos’altro? Ricordiamolo. La Pace di Westfalia è un trattato di pace concluso nel 1648, che pose fine alla Guerra dei Trent’anni. E la Pace di Parigi? Ricordiamo di nuovo. La Conferenza di Pace di Parigi iniziò il 18 gennaio 1919, con l’obiettivo di discutere la nuova configurazione politico-territoriale e risolvere i complicati problemi economici e finanziari derivanti dalla Prima guerra mondiale. E la Pace di Yalta?  Anche la Conferenza di Yalta del 1945 fu la conseguenza di un’altra guerra mondiale.  I vincitori si incontrarono per stabilire l’ordine postbellico e l’equilibrio delle forze tra le potenze alleate nella guerra.

Con il crollo dell’URSS, il mondo entrò in una zona di turbolenze geopolitiche senza fine, prodotte specificamente da questo squilibrio suscitato dall’implosione subita da uno dei due poli che assicuravano l’equilibrio strategico su scala planetaria.

 Seguì il “momento unipolare”, quando l’impero americano insistette per stabilire il suo dominio sul mondo intero. I paesi più deboli furono costretti a soccombere alle pressioni dell’egemone. La Russia e la Cina, però, avendo recuperato e accumulato abbastanza potenziale economico e militare, non sono più disposte a tollerare il ruolo di vassallo assegnato dagli americani, rivendicando il loro diritto a rimanere soggetti indipendenti della politica internazionale. Da qui tutti gli attriti tra queste superpotenze, che sono sfociati nella guerra in Ucraina.  In altre parole, l’impero in declino, gli Stati Uniti, non può più mantenere il suo dominio mondiale, perché diversi stati sono diventati capaci di sfidare la sua supremazia.

La natura aborre il vuoto. Lo stesso principio vale in geopolitica.  Pertanto, la guerra era inevitabile e la sconfitta catastrofica degli USA e dei suoi satelliti è imminente. Proprio per questo gli atlantisti stanno ora lottando per fare dell’Ucraina un nuovo Afghanistan, per produrre la “jugoslavizzazione” dell’Ucraina fomentandola, finanziandola e armandola contro la Russia, nonché inviando mercenari da tutto il mondo, liberando i criminali dalle prigioni e distribuendo armi alla popolazione civile senza alcun controllo. 

Così, la Pax Americana è sull’orlo del collasso e con la dissoluzione del colosso americano, si dissolverà anche tutta l’architettura geopolitica postbellica imposta da questo; cioè, la decomposizione della NATO avverrà tanto improvvisamente quanto la rottura del Patto di Varsavia.  E l’UE come sovrastruttura del dominio americano sull’Europa emergerà in modo rapido e spettacolare come l’URSS tre decenni fa.

Il parallelo storico è davvero impressionante.  Gli USA di oggi riproducono fedelmente l’URSS del periodo della fine dell’impero comunista.  La stessa gerontocrazia ha usurpato il potere nello stato, la stessa anchilosi nell’adattarsi alle nuove realtà internazionali, lo stesso dogmatismo ideologico (marxismo contro liberalismo), lo stesso esaurimento del modello economico, la stessa delusione e disillusione del mondo verso il “miracolo americano”.

Il parallelo tra il destino dell’impero sovietico e quello americano mi ha ricordato il libro dell’accademica francese Hélène Carrère d’Encausse, che porta il titolo L’impero infranto: La rivolta delle nazioni in URSS. Sarà proprio la rivolta delle nazioni prigioniere dell’egemone americano a frantumare questo colosso dalle gambe di legno.

Non abbiamo scelta. Il crollo del colosso americano è doloroso e sanguinoso. I tormenti della nascita di un nuovo mondo richiedono grandi sacrifici, ma altrimenti non può essere. Questa è la logica stessa di tutta la storia dell’umanità e da qui la mia tesi “La guerra come necessità o possibilità di sopravvivenza del mondo”. Il resto è propaganda televisiva e la reazione ingenua di una vecchia che piange. La pace non è che un interludio tra l’infinita serie di guerre che accompagneranno la storia umana fino alla fine del mondo.

Cosa seguirà dopo che gli americani si ritireranno dall’Ucraina, così come si sono ritirati dall’Afghanistan? E dopo che i vincitori si siederanno al tavolo dei negoziati per stabilire un nuovo ordine mondiale, che sarà radicalmente diverso da quello che le élite globaliste bramano.  Ecco uno scenario molto probabile, su cui sono totalmente d’accordo.

 

Come sarà il dopoguerra dopo la sconfitta degli americani

Lo scenario che segue può essere rovesciato solo da un’eventuale, ma ancora improbabile, espansione della guerra e dalla sua entrata nella fase terminale dell’olocausto nucleare.  Per il resto, la sua probabilità è massima.

Il ritiro americano dal continente europeo, accompagnato dalla dissoluzione delle due strutture di dominio complementari – NATO e UE – determinerà la riunificazione del continente eurasiatico. Questa visione è stata profetizzata da Carl Schmitt nella sua teoria dei “grandi spazi”, agognata dal generale Charles de Gaulle, prevista dal grande geopolitico e filosofo francese di origine rumena Jean Parvulesco, e teorizzata dal pensatore russo ortodosso Aleksandr Dugin nella Teoria del mondo multipolare.  Abbiamo chiamato questa visione del mondo post-americana destino eurasiatico.

Il sistema di Bretton Woods, che ha assicurato la supremazia americana dal 1944 ad oggi, sta scomparendo con velocità cosmica. La stampa del dollaro non ha più alcun valore, la guerra in Ucraina lo ha fatto esplodere, le sanzioni contro la Russia hanno l’effetto boomerang., il debito degli Stati Uniti verso la plutocrazia globalista supera i 20 trilioni, la bancarotta finanziaria dell’America sarà rapida, totale e irrecuperabile.

Il collasso economico e finanziario degli USA potrebbe causare la rottura territoriale di questa federazione e l’emergere di una serie di stati indipendenti come il Texas, l’Arizona, tutto il Sud con una forte presenza ispanica potrebbe staccarsi dalla federazione.

Il crollo degli Stati Uniti comporterà il rapido ritiro di tutte le basi militari statunitensi in Europa e, molto probabilmente, nel mondo. Per almeno due motivi. L’incapacità finanziaria di sostenerle e la rivolta delle nazioni europee contro l’occupazione militare americana. Il ritiro militare dal continente procederà simultaneamente al ritiro delle imprese transnazionali americane. Queste andranno in bancarotta in serie come risultato del crollo del centro e del sistema economico basato sul dominio del dollaro nel commercio internazionale.

Pertanto, la decolonizzazione militare e la decolonizzazione economica dell’Europa comporteranno la decolonizzazione politica. Le forze politiche sovraniste diventeranno dominanti in tutti i paesi europei.

Lo slogan del periodo storico che si annuncia con forza implacabile sarà “Yankee, go home! “. I popoli d’Europa cacceranno gli americani nelle acque dell’Oceano Atlantico, e non tollereranno mai più la loro brutale interferenza negli affari del nostro continente.

E come la geografia fa la storia, l’Europa raggiungerà una partnership strategica con la Russia e la Cina, cogliendo l’amara lezione storica della perfida politica imperialista degli anglosassoni, che hanno dominato il mondo prima attraverso l’impero britannico, poi attraverso l’impero americano, europei, russi e cinesi avranno cura di tenere lontani i tentacoli di questo mostro a due teste.

Torno ancora una volta a quanto detto sopra. Lo strappo dal mortale abbraccio di ferro degli Stati Uniti può avvenire solo nel contesto di grandi rotture geopolitiche come l’operazione militare della Russia in Ucraina.

Viste da una corretta prospettiva storica e geopolitica, le azioni della Russia risultano essere solo una reazione alla continua offensiva dell’Occidente collettivo. Per la Russia, l’Ucraina è l’ultima ridotta di difesa. Di fronte a questa aggressione, materializzata anche dall’uccisione di circa 14 000 civili in 8 anni nella zona di Donbass e Lugansk da parte del regime di Kiev, la Russia non ha nessun posto dove ritirarsi. Ecco perché l’operazione di oggi è solo una controffensiva.

Possiamo dire così: dal punto di vista russo, questo paese è di nuovo impegnato in una guerra patriottica come quella del 1812 contro l’invasione dell’esercito di Napoleone o le orde naziste di Hitler tra il 1941-1945. Si tratta in realtà di una nuova guerra per la difesa della patria.

La vittoria delle forze continentali sulle forze atlantiste si fortifica in questi giorni nel fuoco purificatore della guerra in Ucraina. La controffensiva della Civiltà della Terra contro la Civiltà del Mare entra nella sua fase decisiva. Dopo un periodo di più di tre decenni di marcia trionfale degli atlantisti nella nostra area, l’offensiva della Talassocrazia ha generato una vigorosa reazione di risposta della Tellurocrazia.  Riprendendosi dalla trance storica, quest’ultima ha contrattaccato.

 

Gli slogan “Abbasso la nomenklatura!” e “Abbasso i mankurts![1]” ritrovano la loro attualità

La mia generazione, che si è sollevata contro il regime comunista e la dominazione straniera, ricorda come cantavamo nei nostri raduni “Abbasso la nomenclatura! In quel periodo storico stavamo combattendo la nomenklatura comunista.

Oggi, una nuova specie di nomenklatura, di parassiti sociali privi di qualsiasi attaccamento ai valori nazionali e alla Patria. Si tratta di ciò che nella letteratura politica si chiama ONG-crazia, espertocrazia e mediacrazia.  Cioè, il dominio su una società, esercitato dall’esercito di mercenari finanziati dall’esterno e asserviti a interessi stranieri, ostili ai nostri interessi nazionali.

Ecco la nuova nomenklatura di cui dobbiamo liberarci. Dobbiamo capire l’essenza di questa coorte di cosmopoliti, di mankurti, di neo-kominternisti, di neo-trotskisti in balia dei più abominevoli gruppi criminali internazionali, guidati da mostri come George Soros e Bill Gates. Questa rete malefica ha riunito ciarlatani con il papillon come Iulian Groza e odalische dell’harem di Soros come Maia Sandu.

Pertanto, la decolonizzazione dei nostri paesi, che seguirà inevitabilmente dopo la vergognosa fuga degli americani dal nostro continente, presuppone necessariamente l’applicazione di una lustrazione. Tale lustrazione deve ripetere il modello di lustrazione applicato all’ex nomenklatura comunista e ai collaboratori degli organi di repressione in diversi paesi della nostra area 30 anni fa. Questa volta, però, quelli inseriti nella lista degli elementi dubbi saranno le ONG e gli artigiani della disinformazione della stampa dominante.

Devono essere interdetti a vita dall’occupare qualsiasi carica pubblica e dall’apparire nello spazio pubblico. Devono essere elencati nei registri dei servizi di sicurezza come persone che hanno lavorato nell’interesse di forze straniere, monitorati e sottoposti a misure profilattiche di disintossicazione ideologica e di lealtà al proprio paese.

La derattizzazione della società da questi elementi ostili deve escludere qualsiasi abuso o violenza da parte dello Stato. Una misura immediata che si richiede dopo il crollo del colosso americano è lo scioglimento di tutte le organizzazioni non governative e strutture mediatiche che sono state finanziate dall’esterno e sono servite come “strumenti di lotta” nella guerra cognitiva condotta dalla plutocrazia globalista contro i nostri popoli. Tutte queste fondazioni, centri, istituti, televisioni, portali, ecc. devono essere proibiti per legge. È anche necessario proibire qualsiasi finanziamento esterno delle organizzazioni non governative e delle strutture mediatiche.

Nota. Senza questa vasta macchina da guerra, fatta di molte migliaia di mercenari sul terreno e di “armi di distruzione di massa mediatica” che hanno distrutto ogni capacità di pensiero e imposto il controllo mentale, l’emergere di simulacri politici come il PAS (il partito Azione e Solidarietà) e di fantasmi politici come Maia Sandu sarebbe stato impossibile.

Questo governo di burattini politici deve essere messo da parte. Questo regime di occupazione straniera sarà disperso dai venti dei grandi cambiamenti che si prevedono sempre più forti.

 

Poscritto

Vorrei fare alcune osservazioni finali per spiegare gli obiettivi principali dei miei nemici e detrattori. La molestia metodica, la denigrazione permanente, la demonizzazione e la distorsione della mia immagine pubblica perseguono due obiettivi allo stesso tempo.

Primo: la “de-credibilizzazione” del mio messaggio pubblico per determinare il suo rifiuto da parte del pubblico. Nella tecnica della disinformazione, questo si chiama “compromettere la fonte” o il mittente del messaggio. Inoltre, la gente comune non sa che le televisioni non trasmettono informazioni, ma stati psico-emotivi che si impiantano direttamente nel subconscio della vittima.  La gente che guarda la televisione diventa portatrice di virus dell’informazione, senza discernimento, senza spirito critico, senza capacità di analisi autonoma.

Le televisioni e altri mezzi di guerra mediatica, specializzati nella mia denigrazione, riescono a indurre atteggiamenti di odio nei miei confronti di un’intensità e virulenza portata al parossismo. Essendo intellettualmente e psicologicamente devastati da queste armi di distruzione di massa, tutti i tipi di “cittadini indignati” stanno mitragliando con messaggi bellicosi sui social media.

Il desiderio di questi “utili idioti” del Sistema è di vedermi morto. Messaggi come “Una pallottola in testa se la merita questo Rosca!”, “Ehi tu, traditore, ti sventreremo le budella!” scorrono sui social media.

Questo ci porta al secondo obiettivo degli strateghi dietro la rete dei media mainstream: l’istigazione ad assassinare Iurie Rosca. “Se lui è l’incarnazione del male assoluto, dobbiamo ucciderlo con ogni mezzo!”, sognano con zelo patriottico tutti i tipi di trogloditi e consumatori televisivi. E, francamente, in questa atmosfera piena di odio viscerale, fanatico e demente, non mi stupirei di trovarmi con un coltello nella schiena o una pallottola sparata nella pancia. Inoltre, un tale finale è perfettamente conveniente. Un “patriota indignato” ha tagliato la gola a Rosca e così ha salvato il paese da lui.

Lavoro come giornalista da più di 40 anni. Ho avuto una lunga carriera come politico, sono stato più volte deputato al Parlamento e al Governo.

Sono stato un dissidente sotto il regime sovietico e sono sopravvissuto. Ora sono un dissidente sotto il regime globalista. 

Essere dissidente due volte nella stessa vita sotto due regimi totalitari è un enorme privilegio.

Ma vedere la caduta dell’impero sovietico e poi dell’impero americano e sopravvivere ad entrambi è un dono divino.

[1] Mankurt è il termine per indicare uno schiavo non pensante nel romanzo di Chinghiz Aitmatov “Il giorno dura più di cento anni” (vedi Wikipedia).

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

18 marzo 2022