La Luce di Pasqua della storia russa [3/4]

image_pdfimage_print

di Aleksandr Prokhanov

Sullo sfondo di questa sofferenza russa, sono emerse nuove forme di nazionalismo russo, non tradizionalmente caratteristiche dei russi, ma molto acute e vivaci. Piena di gente sincera e sofferente, una pletora di nazionalisti dice che il popolo russo è stanco, il popolo russo si sta restringendo, i russi non hanno più la forza di reggere grandi spazi, una grande disgrazia si è abbattuta sui russi; dunque, basta alimentare il Caucaso, non dobbiamo nutrire il Caucaso, ma le province russe. La Russia è per i russi.

C’è un’acuta avversione per tutto ciò che non è russo, per tutto ciò che è imperiale che, secondo questi nazionalisti, opprime lo sviluppo russo e allontana l’attuale angoscia e il dramma dell’uomo russo. Dicono: sì, restringiamo i territori, rinunciamo al Caucaso, non abbiamo bisogno dei tartari, non abbiamo bisogno di quelle enclave dove i non russi vivono compatti. Ritirandoci, salveremo la nostra forza, la nostra potenza, e salveremo l’ethnos russo, il popolo russo. Avremo ancora l’opportunità di uscire come un popolo unito, rafforzato e salvato.

Questa filosofia, nella quale c’è molta sincerità e allo stesso tempo malattia, è estremamente pericolosa e ingiusta. Scarichiamo il Caucaso, allontaniamoci dal Tatarstan e tagliamo fuori dalla Russia quei territori della provincia di Tyumen che sono popolati da tatari. Concentriamoci sulle terre delle province di Vologda o Lipetsk, ma se questi territori saranno governati da Abramovich e Lisin, oligarchi, gente per cui la Russia è un luogo per elaborare tecnologie di arricchimento – la situazione del popolo russo in queste province assolutamente russe sarà tragica e terribile, e il genocidio e l’estinzione continueranno lì.

Il senso della vittoria russa, l’avanguardia russa, non è ritirarsi, cedere i territori ed estinguere l’imperialismo, ma al contrario, costruire questo attacco, costruire l’attacco in avanti, nel futuro, perché il significato della russità non sta solo nell’indossare una camicia di pelo, vivere in una capanna con le persiane intagliate, cantare meravigliose canzoni russe o leggere poesie e classici russi. Non è solo questo.

Cos’è la russità? Dov’è il codice profondo che rende una persona russa unica e diversa da tutti gli altri popoli del mondo?

Ci sono due popoli messianici sulla terra. Gli ebrei sono il popolo messianico. L’Antico Testamento racconta la missione degli ebrei, ai quali Dio ha dato la terra, li ha resi il suo popolo eletto e li ha incaricati di unire tutta l’umanità per seguire gli ebrei verso la grande meta divina. Nel corso dell’Antico Testamento e della storia successiva, gli ebrei sono andati oltre questa missione e si sono ribellati. La prima ribellione fu subito dopo che Mosè andò sul monte Sinai per ricevere dal Signore le tavole che registrano questa missione. Quando non era nel campo, gli ebrei costruirono un monumento al vitello d’oro, l’idolo d’oro, e invece di adorare il Dio supremo universale, si misero a fare soldi, e hanno, secondo l’opinione di molti ideologi e pensatori ebrei di oggi, perso la loro missione, hanno speso la loro energia, la loro capacità data da Dio di creare banche, moneta e mercati azionari. Hanno spinto l’umanità con le loro politiche finanziarie mercantili in un’enorme impasse, in quella terribile trappola da cui l’umanità sta cercando di uscire, lottando, cadendo di nuovo. Crisi, guerre, la possibilità di una terza guerra mondiale che incombe in Medio Oriente… Il messianismo ebraico si è trasformato in un messianismo di segno opposto. Gli ebrei hanno perso la battaglia per la storia messianica per la grande tragedia di quei pensatori ebrei che pensano al destino ebraico e alla missione mondiale ebraica.

La seconda nazione messianica è il popolo russo, che è stato creato da Dio sulla terra per compiere una missione. Naturalmente, il compito del popolo russo era quello di sviluppare la terra, ai russi fu dato un terreno terribile: tanto ghiaccio, il Circolo Polare Artico, terre povere, dove non si diradava il grano. I russi sono andati nel nord-ovest, la zona più incolta della terra, coltivandola e portandola alla civiltà. Certamente, la missione di introdurre fette scomode del pianeta nella civiltà è un compito umano enorme. Ma questa non è la missione russa di cui i grandi filosofi, asceti religiosi e pensatori russi parlano da secoli. Hanno visto la missione russa nel fatto che il popolo russo non è soddisfatto di una vera vita terrena basata sul consumo, sul denaro, sul benessere, sulla sistemazione, sull’uso da parte di una persona del lavoro di un’altra persona. I russi vivono con un sogno misterioso sulla vita celeste, sull’esistenza ideale del paradiso, pensano che le relazioni tra le persone debbano essere costruite su principi divini, che le persone siano Dio per le persone, che ci sia un grande futuro luminoso per l’umanità. Noi russi andiamo verso questo futuro, a volte trascurando ciò che è sotto i nostri piedi, trascurando il momentaneo in nome del futuro, forse mai raggiungibile.

L’anziano Filoteo fu il primo a tradurre questo sentimento spontaneo, che viveva nel popolo russo, nella Chiesa russa, prima di tutto nell’immagine di Mosca – la terza Roma. Quando lo zar o il granduca devono stare in guardia dai comandamenti del Vangelo. Cioè, il comandamento evangelico, i significati evangelici diventano il contenuto della politica statale e gli arcieri che affilano le loro berdysh, e gli esattori delle tasse che percorrono i villaggi, e gli scopritori di terre, si scopre che servono allo stesso scopo: che il paradiso arrivi sulla terra. Questo fantastico sogno divino evangelico, proclamato dall’anziano Filoteo, era all’epoca sbalorditivo.

Un altro esempio che cattura l’immaginazione ed è sbalorditivo nella sua enormità è il patriarca Nikon, che visse nel XVII secolo, il quale ebbe improvvisamente un sogno (o credeva, o un sentimento misterioso gli disse, o un angelo apparve in sogno) che la seconda venuta di Cristo (e tutti aspettavano la fine del mondo, aspettando che Cristo venisse sulla terra per la seconda volta) sarebbe avvenuta in Russia, vicino a Mosca. Era la Russia il paese desiderato da Cristo. “Tutto te, terra natale, in forma servile il re del cielo è uscito benedicendoti”, come ha scritto Tyutchev.

Nikon allora mandò degli esploratori – architetti, geometri, teologi – in Terra Santa, a Gerusalemme, ordinando loro di studiare la topografia, la toponomastica di queste terre e di portare dei disegni. Ha effettivamente fondato la Terra Santa vicino a Mosca, ha costruito il monastero della Nuova Gerusalemme, dove c’è il Santo Sepolcro, c’è il monte Tabor, il Giordano è il fiume Istra, c’è il lago di Gennesaret, il giardino del Getsemani, c’è la Via Crucis. Ha fatto cose incredibili, è stato come spostare l’asse terrestre, ha trasferito la toponomastica della Terra Santa a Mosca, credendo che la Russia sia quel luogo celeste di grazia, dove Cristo verrà a stabilire il Regno di Dio sulla terra.

Il terzo esempio grandioso è l’Unione Sovietica rossa di Stalin. Quando è stato fissato il compito straordinario di creare un’altra terra, un altro cielo, un’altra nazione, altri valori, di basare la vita delle persone sull’idea di giustizia. Non sull’idea di ricchezza, non sull’idea della superiorità del talento sul senza talento, del ricco sul povero, del forte sul debole, ma per creare il regno della giustizia. In sostanza, questa è la versione utopica ideale dell’essere, che è diventata il contenuto non di un singolo circolo, strato o setta, ma il contenuto dell’intero enorme paese rosso.

Questo sorprendente messianismo russo è ciò che fa di noi un popolo russo, un popolo messianico, ed è il contenuto principale del profondo codice interiore russo. Non senza motivo i cannoni elettronici sono stati puntati su questo codice per vent’anni. Non è un caso che Gaidar e Chubais abbiano detto che avrebbero dovuto fare il duro lavoro di ricodifica del popolo, che i russi sono un popolo morto, una nazione di schiavi, che tutta la storia russa è stata una frusta, fruste e catene. I liberali dicevano: non abbiamo bisogno di gente così, non si può costruire una società illuminata e uno stato civile con gente così.

In tutti questi formidabili anni la ricodifica del popolo russo era in corso. È come avere un trapianto o una lobotomia. Con l’aiuto di un bisturi televisivo le sacralità profonde sono state tolte dalla coscienza del popolo russo e sono stati posti dei palliativi. Queste persone hanno avuto successo in molti modi, ma non fino alla fine, perché il codice era profondo, depositato nella genetica della persona russa, da dove si è sempre riversata e si sta ancora riversando. Questo sorprendente fattore imperiale, componente imperiale del messianismo russo oggi ha cominciato a realizzarsi nella cosiddetta Unione Eurasiatica.

Parte 3 di 4

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

29 aprile 2022