La malformazione dell’Africa occidentale

image_pdfimage_print

di Abel B.S. Gaiya

Nel 1927, Ladipo Solanke – cofondatore della West African Students Union (WASU) – pubblicò un libro in cui sosteneva che “la razza bianca ha impiegato mille anni per arrivare al suo attuale livello di avanzamento: i giapponesi, una razza mongola, hanno impiegato 50 anni per raggiungere la razza bianca, non c’è motivo per cui noi africani occidentali, una razza negra, non dovremmo raggiungere gli ariani e i mongoli in un quarto di secolo”. (Solanke, 1927: 58). Tutto ciò che sarebbe necessario per raggiungere questo obiettivo, per Solanke, sarebbe “una forte autodeterminazione da adottare e denaro da sostenere”, così come una cooperazione attiva tra gli africani occidentali. Sir Henry J. Lightfoot-Boston, in un articolo intitolato Fifty Years Hence, profetizzò una federazione dei territori dell’Africa occidentale entro il 1976 (Boahen, 1982: 40).

La realizzazione di queste grandi visioni ha continuato a sfuggire alla regione per decenni. Gli africani occidentali, e molti al di fuori della regione, non solo hanno sottovalutato le difficoltà dello sviluppo in generale e nella regione in particolare, ma hanno anche sottovalutato quanto sia cruciale esaminare le difficoltà in un quadro regionale.

Difficoltà di sviluppo e difficoltà regionali

Per quanto riguarda le prime, l’esperienza mondiale dello sviluppo a partire dagli anni Sessanta e la moltitudine di crisi in Africa occidentale hanno dimostrato che lo sviluppo e la stabilità non sono solo questioni di “volontà politica” o di “forte autodeterminazione”. In particolare per l’Africa occidentale, c’è un motivo per cui i grandi imperi e le società dell’interno (il Sudan occidentale), che avevano i più alti livelli di integrazione con il resto del mondo, i tassi di alfabetizzazione araba d’élite e i più grandi imperi del periodo preatlantico, sono ora ai primi posti per quanto riguarda i tassi di povertà e i più bassi per quanto riguarda la produzione economica, i tassi di alfabetizzazione anglofona e molte altre misure di sviluppo umano.

C’è un motivo per cui l’Africa occidentale ha avuto la più alta incidenza di colpi di stato militari in Africa dopo l’indipendenza politica (McGowan, 2003: 355); per cui la regione è un importante centro di terrorismo diffuso nel continente; e per cui sta vivendo un attuale clima di violenza tra agricoltori e pastori che è “senza precedenti nei tempi moderni” (Brottem, 2021: 2). C’è un motivo per cui l’Africa occidentale, insieme all’Africa centrale, ha i più alti costi di trasporto e la più bassa qualità di trasporto in un continente che ha i più alti costi di trasporto al mondo (Teravaninthorn e Raballand, 2009: 17).

C’è un motivo per cui, secondo l’ultimo tentativo di quantificare gli insediamenti politici dei Paesi in via di sviluppo (Schulz e Kelsall, 2020), l’Africa occidentale si colloca ai primi posti in Africa in termini di quasi tutte le variabili identificate da Whitfield et al. (2015) come critiche per il successo della politica industriale. Eppure le elezioni presidenziali e i discorsi sullo sviluppo all’interno delle nazioni dell’Africa occidentale continuano a essere dominati da narrazioni semplicistiche di “buon governo”, “corruzione” e “volontà politica”.

Per quanto riguarda la sottovalutazione dell’importanza di adottare un obiettivo regionale, ciò è avvenuto sin dal tardo periodo coloniale, quando l’autogoverno ha iniziato a essere esteso alle colonie su base territoriale piuttosto che regionale. I movimenti per la cooperazione dell’Africa occidentale promossi dal National Congress of British West Africa (NCBWA) e dal suo eventuale rivale, (UNIA) e da organizzazioni studentesche come la West African Students Union (WASU) e la Fédération des étudiants d’Afrique noire en France (FEANF) (Federazione degli studenti dell’Africa nera in Francia) andarono in declino in Africa occidentale, mentre il territorialismo nazionalista si diffondeva in tutta la regione in risposta alle maggiori opportunità di impegno legislativo che seguivano l’acquiescenza coloniale a un certo grado di autogoverno (Boahen, 1982: 15). Gli sforzi per creare federazioni regionali, come previsto in primo luogo da Kwame Nkrumah, non ebbero successo e svanirono dopo la caduta di Nkrumah nel 1966 (Serra, 2014: 21-22). Da allora, “sebbene esista un sostegno retorico all’integrazione, non c’è una personalità dominante in grado di articolare una visione e trasformarla in una crociata come fece Nkrumah”. (Lavergne e Daddieh, 1997: 105). Nella regione manca anche una “cultura dell’integrazione” tra i governi, le comunità economiche e la gente comune (Bundu, 1997: 38).

La malformazione dell’Africa occidentale

Sostengo che l’Africa occidentale abbia subito una sostanziale malformazione, iniziata durante il periodo del dominio coloniale. Il crollo dell’ordine commerciale trans-sahariano e lo spostamento del potere economico e delle opportunità verso le regioni costiere dell’Africa occidentale, rafforzato dall’abbandono da parte dell’epoca coloniale delle visioni sulle infrastrutture commerciali trans-sahariane, la frammentazione amministrativa dell’Africa occidentale, l’istituzione di un modello sistematico di infrastrutture coloniali polarizzate sulla costa e di investimenti in capitale umano, nonché l’indebolimento e il fallimento dei tentativi di federazione regionale nel periodo tardo coloniale e nel primo periodo postcoloniale hanno portato a questa malformazione.

La caduta del commercio trans-sahariano ha tagliato fuori le economie e le popolazioni sahariane e saheliane dalle opportunità economiche del nord, concentrandole invece nelle regioni del Golfo di Guinea a sud. Ciò ha intensificato le disuguaglianze interregionali costa-entroterra durante il periodo coloniale, che interagisce fortemente con la diversità etnica e la centralizzazione politica precoloniale (Ray, 2018) per portare a un’alta frequenza di colpi di stato (Paine, 2019), guerre civili (Ray, 2016) e insediamenti politici instabili (Green, 2011; Boone e Simson, 2019). In Togo, ad esempio, il primo presidente del Paese, Sylvannus Olympio, “era il rampollo di una famiglia commerciale del Togo costiero. Il suo governo comprendeva soprattutto persone provenienti dal Togo meridionale e appartenenti allo stesso gruppo etnico” (Heilbrunn, 1997: 476). Questo fino al 1963, quando il primo colpo di Stato militare dell’Africa occidentale postcoloniale portò al potere “un governo più comprensivo delle esigenze della popolazione settentrionale” (Heilbrunn, 1997: 476).

Allo stesso modo, la prima guerra civile in Africa occidentale ebbe una forte dimensione nord-sud e, durante gli eventi che portarono alla guerra e alla sua conclusione a partire dalla metà degli anni Sessanta, “un ritorno alle rotte trans-sahariane dei giorni precoloniali può essere stato un sogno romantico di alcuni secessionisti del Nord” (Nixon, 1972: 489). In effetti, nelle sezioni conclusive del suo famoso libro, Trans-Saharan Africa in World History, Austen (2010: 134) osserva che il primo colpo di Stato militare in Nigeria, con l’assassinio del primo primo ministro nigeriano, Abubakar Tafawa Balewa, avvenne nel 1966: “- il preludio di una sanguinosa guerra civile – indica i problemi che potrebbero derivare da una scissione tra l’orientamento sahariano e quello atlantico della moderna Africa occidentale”.

Anche i conflitti tra popolazioni sedentarie e pastorali si stanno intensificando, poiché la complementarità tra le zone centrali sedentarie del Sahel e le zone nomadi del margine meridionale del deserto sahariano sono state interrotte dalla frammentazione territoriale coloniale e dal crollo del commercio trans-sahariano (Lovejoy e Baier, 1975; OECD/SWAC, 2014: 40). La perdita di proprietà agricole nella savana, la crescita della popolazione nella savana e l’ascesa dell’agricoltura commerciale consentita dalle ferrovie verso i porti atlantici hanno interrotto l’accesso ai pascoli (Baier, 1976: 7). Così, ad esempio, a differenza di quanto accadeva prima del 1920, quando “molti dei principali mercanti della società Hausa erano immigrati Tuareg recenti” (Lovejoy e Baier, 1975: 579), oggi, quando i Tuareg nigeriani migrano nello Stato di Kano, in Nigeria, molti vivono come guardie e mendicanti, non sono “collegati al processo di sviluppo della società che li ospita” e hanno un alto tasso di analfabetismo francese, arabo e inglese (Barau, 2009). Questo è il contesto della crescente crisi degli agricoltori e dei contadini in tutta la regione.

Il fallimento degli sforzi di federazione regionale fa sì che i Paesi senza sbocco sul mare del Sahara-Sahel (Niger, Mali e Mauritania) rimangano senza i trasferimenti fiscali infranazionali e gli aiuti allo sviluppo che le economie interne dei Paesi del Golfo di Guinea (Nigeria settentrionale, Ghana settentrionale, Benin settentrionale, Togo settentrionale, Costa d’Avorio settentrionale, Senegal orientale, ecc. Questo nonostante il fatto che l’Africa Occidentale coloniale francese, che comprendeva tutti i territori sahariani e senza sbocco sul mare e diverse colonie costiere – costituendo oltre il 73% della massa terrestre dell’Africa Occidentale (Debrie, 2010: 294) – presentasse alti livelli di disuguaglianza spaziale rispetto all’Africa Equatoriale Francese, all’Africa Orientale Britannica e all’Africa Occidentale Britannica e fosse quindi federata per “integrare i territori costieri più ricchi con le vaste aree dell’entroterra attraverso la redistribuzione fiscale” (Frankema e van Waijenburg, 2014: 374). La Francia ha giocato un ruolo importante nel rompere questa federazione nel tardo periodo coloniale, per indebolire le sue colonie all’interno e all’esterno dell’impero francese.

Inoltre, l’assenza di una federazione regionale fa sì che i Paesi costieri più piccoli, come Gambia, Togo e Benin, promuovano ufficialmente o semi-ufficialmente strategie di riesportazione e beneficino fiscalmente dell’economia parallela (costituita da esportazioni di prodotti primari o importazioni di contrabbando di manufatti e prodotti sovvenzionati) con i loro vicini costieri e interni più grandi, anche perché sono “troppo piccoli o scarsamente dotati per industrializzarsi o prosperare da soli” (Meagher, 1997: 181). Questi grandi vicini costieri (Costa d’Avorio, Ghana, Nigeria e Senegal), paradossalmente, sono tra i Paesi in via di sviluppo più orientati verso l’interno del mondo (Dollar, 1992: 532), e quindi mantengono le più alte barriere commerciali in presenza di vicini che sistematicamente minano e traggono profitto da tali alte barriere commerciali. Questo commercio parallelo, quindi, non solo ha “minato lo sviluppo dell’industria e dell’agricoltura in tutta la regione” (Meagher, 1997: 183), ma, in combinazione con l’esistenza di frontiere, limita le dimensioni dei mercati per i manufatti (Amin, 1973). Anche il commercio intraregionale e l’integrazione regionale sono compromessi in questo contesto.

Tuttavia, mentre il dominio coloniale ha prodotto modelli di investimento altamente squilibrati, c’è stata una generale soppressione delle opportunità economiche indigene e dei tentativi di promozione industriale, cosicché è prevalsa una condizione generale di classi capitalistiche deboli, classi medie deboli, un settore manifatturiero debole, bassa qualità burocratica e capacità tecnologiche tra i capitalisti, limitando così le capacità di trasformazione strutturale anche delle regioni costiere.

Il crollo delle opportunità economiche trans-sahariane, l’emergere di alti livelli di disuguaglianze spaziali tra costa ed entroterra e l’assoggettamento dell’interno alla costa (o, nei casi del Mali e del Niger senza sbocco sul mare, l’assoggettamento dell’egemonia culturale sahariana/bidana/seminomade a quella saheliana/sudanese/sedentaria) hanno contribuito alla costante crescita dell’insicurezza nella regione. Così, la ribellione tuareg degli anni Sessanta, Novanta e Duemila si è evoluta in terrorismo e in una crisi maliana che ha stimolato gli sforzi di controinsurrezione internazionali e regionali nel Sahara centrale; mentre l’insurrezione di Boko Haram ha stimolato analoghi sforzi di controinsurrezione regionali nella regione del Lago Ciad. 

Un’età dell’oro svanita

Gli anni ’70 possono essere considerati come un’età dell’oro per l’emergere di misure antimalformative in Africa occidentale, nello stesso momento in cui nuove manifestazioni di malformazione stavano sorgendo (come l’aumento del commercio parallelo) e altre persistevano (deboli meccanismi di ridistribuzione regionale). Il decennio precedente si era appena concluso con la resa dell’esercito del Biafra dopo tre anni della più grande guerra civile della regione, all’interno del più grande Paese ed economia della regione. Di conseguenza, la ricostruzione del dopoguerra è stata accompagnata da una maggiore consapevolezza che la pianificazione dello sviluppo nazionale doveva tenere conto in modo più concertato delle disuguaglianze interregionali per consentire la coesione sociale e uno sviluppo equilibrato. Il boom petrolifero, che ha permesso un aumento spettacolare della spesa per lo sviluppo nazionale della Nigeria nel dopoguerra, ha portato anche all’Armata del cemento del 1974, che ha stimolato nuove discussioni nel 1975 sullo sviluppo alternativo delle rotte commerciali trans-sahariane. In questo decennio ci furono anche tentativi, a partire dalla metà degli anni Sessanta, di costruire autostrade trans-sahariane, compresa la formazione del Trans-African Highway Bureau nel 1971.

Il periodo successivo alla guerra civile ha visto anche gli sforzi della Nigeria per progetti industriali bilaterali e multilaterali e per la creazione dell’ECOWAS, che ha stimolato il primo, anche se superficiale, tentativo di un meccanismo ridistributivo per tutta l’Africa occidentale attraverso il Fondo per la cooperazione, la compensazione e lo sviluppo, nonché la reazione delle potenze francofone costiere per la creazione della CEAO e dei suoi meccanismi ridistributivi normativi (Fondo di sviluppo comunitario), richiesti soprattutto dagli Stati membri del Sahel senza sbocco sul mare. Il decennio vide anche il primo appello, da parte del nigerino Hamani Diori, per un “Piano Marshall” per il Sahel occidentale, in reazione alla siccità del 1973, che portò per la prima volta l’attenzione internazionale sul Sahel. Ricercatori, studiosi e operatori dello sviluppo reagirono alla siccità proponendo grandi piani per la regione, aspirazioni che ricordano i grandi piani del XIX secolo presentati da avventurieri, utopisti e statisti europei. È stato anche il decennio in cui teorici della dipendenza come Samir Amin (1972) e Immanuel Wallerstein (1976) hanno identificato la sistematica disomogeneità spaziale nell’incorporazione dell’Africa occidentale nell’economia globale sotto il dominio coloniale, così come altri studiosi che hanno presentato una migliore comprensione delle dinamiche del cambiamento malformativo nel Sahara e nel Sahel (Lovejoy e Baier, 1975: 556; Baier, 1976; Watts, 1983).

Conclusione

Oltre ai molti limiti di questi sforzi dell’età dell’oro, il decennio si è purtroppo concluso con le crisi del Terzo Mondo, i decenni perduti degli anni ’80 e ’90 e la caduta della storia economica africana e della teoria della dipendenza. Nel XXI secolo, nonostante la rinascita della storia economica africana (Austin e Broadberry, 2014) e il rilancio degli sforzi per l’integrazione regionale [liberale], persiste un nazionalismo metodologico nel parlare di problemi interni che in realtà sono vissuti a livello regionale; una compressione della storia nella comprensione delle origini dei problemi, soprattutto a partire dai primi anni postcoloniali (Austin, 2008); e una scarsa cultura popolare dell’interazione regionale, come è stato osservato con il Congresso Nazionale dell’Africa Occidentale Britannica (NCBWA), il Rassemblement Democratique Africain (RDA), la Fédération des étudiants d’Afrique noire en France (FEANF) e la West African Students Union (WASU).

Questo nonostante si preveda un peggioramento delle sfide della regione. Carré et al. (2019: 1949) rivelano che “nel contesto degli ultimi 1600 anni, il Sahel occidentale sembra vivere oggi condizioni di siccità senza precedenti. La rapida aridificazione iniziata intorno al 1800 e la recente emersione della siccità del Sahel dalla variabilità naturale indicano una forzatura antropica della tendenza all’inaridimento del Sahel”. Ciò sta quindi producendo il “rischio di una grave crisi di siccità nel XXI secolo” (Carré et al. 2019: 1963). La situazione è aggravata dalle proiezioni che stimano che la popolazione dell’Africa occidentale raggiungerà quasi 1 miliardo di persone entro il 2060, richiedendo quindi massicci circuiti di generazione di occupazione per tenere a bada la disoccupazione giovanile, l’eccessiva urbanizzazione e la povertà.

In termini di insicurezza, il successo degli sforzi di controinsurrezione in Mali, Burkina Faso e Niger rischia di spingere “l’espansione territoriale dei terroristi verso i Paesi del Golfo di Guinea e il loro desiderio di estendere la loro influenza al di là dei Paesi saheliani”, soprattutto nel nord del Benin e della Costa d’Avorio (Konrad-Adenauer-Stiftung, 2021: 2). La decarbonizzazione globale minaccia la sostenibilità economica di Paesi dipendenti dai combustibili fossili come la Nigeria, nonché di Paesi esportatori di minerali come il Niger, il Mali e la Mauritania, già vulnerabili a un’ulteriore aridificazione dovuta al cambiamento climatico stesso. Proprio come le perturbazioni del XIX secolo, che hanno portato a transizioni commerciali e all’eventuale collasso del commercio trans-sahariano, le perturbazioni del XX secolo, che hanno portato al collasso degli sforzi di federazione regionale, ai colpi di stato militari, alle guerre civili, alle crisi economiche e alla generalizzata siccità saheliana, non c’è pace per l’Africa occidentale nel XXI e probabilmente nel XXII secolo. Gli africani occidentali devono svegliarsi e sviluppare uno spirito sperimentale e regionale, altrimenti saranno la morte e la distruzione a svegliarci con pesanti schiaffi.

Riferimenti

Amin, Samir (1972). Underdevelopment and Dependence in Black Africa – Origins and Contemporary Forms. Journal of Modern African Studies, 10(4): 503-524.

Amin, Samir (1973). Neo-Colonialism in West Africa. Translated by Francis McDonagh. New York and London: Monthly Review Press.

Austen, Ralph A. (2010). Trans-Saharan Africa in World History. Oxford: Oxford University Press.

Austin, Gareth G. (2008). The “Reversal of Fortune” Thesis and the Compression of History: Perspectives from African and Comparative Economic History. Journal of International Development, 20(8): 996–1027.

Austin, Gareth G. and Broadberry, Stephen (2014). Introduction: The Renaissance of African Economic History. The Economic History Review, 67(4): 893-906.

Baier, Stephen (1976). Economic History and Development: Drought and the Sahellan Economies of Niger. African Economic History, 1: 1–16.

Barau, Aliyu S. (2009). Measuring plights of migrant Tuareg groups in Kano city, Nigeria. Paper presented at XXVI International Population Conference – International Union for Scientific Study of Population, Palais des Congrès, Marrakech Kingdom of Morrocco, 27 September – 2 October.

Boahen, Adu A. (1982b). “The History of WASU”, 35-50, in Adu A. Boahen (Ed.). The Role of African Student Movements in the Political and Social Evolution of Africa from 1900 to 1975. Paris: UNESCO Publishing.

Boone, Catherine and Simson, Rebecca (2019). Regional Inequalities in African Political Economy: Theory, Conceptualization and Measurement, and Political Effects. Working Paper Series, No. 19-194. London: Department of International Development, London School of Economics and Political Science (LSE).

Brottem, Leif (2021). The Growing Complexity of FarmerHerder Conflict in West and Central Africa. Africa Security Brief No. 39. Washington, DC: Africa Center for Strategic Studies.

Bundu, Abass (1997). “ECOWAS and the Future of Regional Integration in West Africa”, 29-47, in Real Lavergne (Ed.). Regional Integration and Cooperation in West Africa: A Multidimensional Perspective. Asmara, Eritrea: Africa World Press, Inc.

Carré, Matthieu, Azzoug, Moufok, Zaharias, Paul, Camara, Abdoulaye, Cheddadi, Rachid, Chevalier, Manuel, Fiorillo, Denis et al. (2019). Modern Drought Conditions in Western Sahel Unprecedented in the Past 1600 Years. Climate Dynamics, 52: 1949–1964.

Debrie, Jean (2010). From Colonization to National Territories in Continental West Africa: The Historical Geography of a Transport Infrastructure Network. Journal of Transport Geography, 18: 292–300.

Dollar, David (1992). Outward-Oriented Developing Economies Really do Grow More Rapidly: Evidence from 95 LDCs, 1976—1985. Economic Development and Cultural Change, 40(3): 523-544.

Frankema, Ewout H.P. and van Waijenburg, Marlous (2014). Metropolitan Blueprints of Colonial Taxation? Lessons from Fiscal Capacity Building in British and French Africa, c. 1880–1940. The Journal of African History, 55: 371-400.

Green, Elliot (2011). The Political Economy of Nation Formation in Modern Tanzania: Explaining Stability in the Face of Diversity. Commonwealth & Comparative Politics, 49(2): 223-244.

Heilbrunn, John R. (1997). Commerce, Politics, and Business Associations in Benin and Togo. Comparative Politics, 29(4): 473-492.

Konrad-Adenauer-Stiftung (2021). North of the countries of the Gulf of Guinea: The New Frontier for Jihadist Groups? Berlin: Konrad-Adenauer-Stiftung.

Lavergne, Real and Daddieh, Cyril K. (1997). “Donor Perspectives”, 103-130, in Real Lavergne (Ed.). Regional Integration and Cooperation in West Africa: A Multidimensional Perspective. Asmara, Eritrea: Africa World Press, Inc.

Lovejoy, Paul E. and Baier, Stephen (1975). The Desert-Side Economy of the Central Sudan. International Journal of African Historical Studies, 8(4): 551-581.

McGowan, Patrick J. (2003). African Military coups d’état, 1956-2001: Frequency, Trends and Distribution. Journal of Modern African Studies, 41(3): 339-370.

Meagher, Kate (1997). “Informal Integration or Economic Subversion? Parallel Trade in West Africa”, 165-188, in Real Lavergne (Ed.). Regional Integration and Cooperation in West Africa: A Multidimensional Perspective. Asmara, Eritrea: Africa World Press, Inc.

Nixon, Charles R. (1972). Self-Determination: The Nigeria/Biafra Case. World Politics, 24(4): 473-497.

OECD/SWAC (2014). An Atlas of the Sahara-Sahel: Geography, Economics and Security. Paris: West African Studies, OECD Publishing.

Paine, Jack (2019). Ethnic Violence in Africa: Destructive Legacies of Pre-Colonial States. International Organization, 73: 645-683.

Ray, Subhasish (2016). Sooner or Later: The Timing of Ethnic Conflict onsets after Independence. Journal of Peace Research, 53(6): 800-814.

Ray, Subhasish (2018). Beyond Divide and Rule: Explaining the Link between British Colonialism and Ethnic Violence. Nationalism and Ethnic Politics, 24(4): 367-388.

Schulz, Nicolai and Kelsall, Tim (2020). The Political Settlements Dataset: An Introduction with Illustrative Applications.  ESID Working Paper No. 165. Manchester: Effective States in Development (ESID), University of Manchester.

Serra, Gerardo (2014). Continental Visions: Ann Seidman, Reginald H. Green and the Economics of African Unity in 1960s Ghana. CHOPE Working Paper No. 2014-08. Manchester: Center for the History of Political Economy, University of Manchester

Solanke, Ladipo (1927). United West Africa or Africa at the Bar of the Family of Nations. London: The West African Students Union.

Teravaninthorn, Supee and Raballand, Gaël (2009). Transport Prices and Costs in Africa. A Review of the Main International Corridors. Washington, DC: The World Bank.

Wallerstein, Immanuel M. (1976). The Three Stages of African Involvement in the World-Economy, 30-57, in Peter C. W Gutkind and Immanuel Wallerstein (Eds.). The Political Economy of Contemporary Africa. Beverly Hills: Sage.

Watts, Michael J (1983). Hazards and Crisis: A Political Economy of Drought and Famine in Northern Nigeria. Antipode, 15(1), 347-367.

Whitfield, Lindsay, Therkilsden, Ole, Buur, Lars and Kjaer, Anne M. (2015). The Politics of African Industrial Policy: A Comparative Perspective. New York: Cambridge University Press.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

21 luglio 2022