La menzogna coloniale celebra 74 anni di falsi e furti di terre

image_pdfimage_print

di Mustafa Fetour

La corsa alla colonizzazione europea per la conquista di altri popoli in tutto il mondo aveva la sua narrativa e le sue giustificazioni per sostenere se stessa e la propria opinione pubblica nello spiegare peccati di occupazione altrimenti inspiegabili. Doveva anche avere un senso. Le maggiori ex potenze coloniali come Francia, Gran Bretagna e Italia hanno utilizzato narrazioni simili per sottolineare la loro invasione militare di altre nazioni. Una narrativa più “moderna” viene utilizzata ancora oggi.

Ad esempio, quando la Francia conquistò l’Algeria, nel 1830, la sua invasione era una missione per modernizzare l’Algeria, e renderla “Algeria francese” era il modo migliore per raggiungere l’obiettivo. L’Algeria è diventata un dipartimento francese semplicemente per il suo “interesse e quello della sua gente”. Alla fine, la “civilizzazione” dell’Algeria si è rivelata il primo annientamento occidentale di un paese arabo dai tempi delle crociate, ed è stata un’avventura costosa in cui hanno perso la vita oltre un milione di algerini. Tuttavia, ironia della sorte, è riuscita a rendere il paese musulmano, l’Algeria, uno dei principali produttori mondiali di vino per soddisfare la crescente domanda del mercato francese della bevanda rossa.

Circa 80 anni dopo, l’Italia coloniale avrebbe usato la stessa idea, tra l’altro, per giustificare la sua colonizzazione della Libia nel 1911. Gli italiani, al culmine della propria follia sotto Benito Mussolini, hanno anche affermato che la Libia, che è quasi 500 volte più grande dell’Italia, è la “quarta sponda di Roma”. Per dare vita a quell’idea, migliaia di famiglie povere italiane, soprattutto grandi famiglie contadine, furono portate in Libia, attraverso il Mediterraneo, per abitare e coltivare le fertili terre costiere. Italo Balbo, il primo governatore militare italiano della “Libia italiana”, voleva che gli italiani facessero della Libia la propria terra a spese dei libici, proprio come i francesi fecero con l’Algeria. Tali bugie sono diventate fatti, anche se per un po’.

Ecco un’infermiera volontaria americana, diventata giornalista al seguito degli invasori, Ruth Ricci Eltse, che descrive la missione dell’esercito italiano come un “compito” solo per “aprire strade attraverso le quali la civiltà affluirà nelle terre ricche per essere fertilizzata dal sudore della sua fronte”.

L’occupante moderno, Israele, userebbe ancora la stessa narrativa, ma con il pretesto in più secondo cui le terre vuote dovrebbero essere conquistate da coloro che sono disposti ad abitarle, indipendentemente dalla popolazione indigena. All’inizio della Nakba palestinese, i pionieri sionisti dei coloni descrissero la Palestina come una “terra senza popolo” rendendola il posto giusto per “persone [ebrei] senza terra”. Alcuni di loro hanno visitato la Palestina e hanno riferito di come la terra fosse, in effetti, vuota e impossessarsene dovrebbe essere una questione semplice, con poca resistenza prevista.

Quell’aspettativa di poca resistenza degli anni Quaranta si rivelò essere la campagna più brutale nella storia umana e l’occupazione più disumana, in corso, dopo la Seconda guerra mondiale.

Moshe Sharett, uno dei primi sionisti, padroneggiò il coraggio di annunciare che la Palestina non era una terra vuota ma un paese popolato, eppure ai sionisti non importava di “conquistarla“, con l’aiuto dell’Impero Britannico, semplicemente spostando il proprio popolo lì. Un ucraino, di Kerson, Sharett, divenne primo ministro di Israele, dal 1953 al 1955, dopo aver prestato servizio come interprete per l’Impero Ottomano, e nessuno si fermò a ritenerlo responsabile delle sue azioni, inclusa la propaganda di una menzogna così palese secondo cui la Palestina fosse disponibile per essere presa. Nel 1914 Sharett scrisse dicendo che i sionisti stanno dimenticando il fatto che non sarebbero venuti in “una terra vuota per ereditarla”, ma avrebbero conquistato “un paese da un popolo che lo abita”. Spiegò che l’unico modo perché questo furto di terra avesse successo diventando Israele fosse assicurarsi che i palestinesi vengano rimossi per sempre, altrimenti l’”impresa” sionista sarà “persa”, come ha detto lui.

Già nel 1899, avvertendo le intenzioni sioniste di invadere la Palestina, Yusuf Diya Al-Khalidi, un politico ottomano ed ex sindaco di Gerusalemme (1842-1906), inorridito, scrisse a Theodor Herzl, l’ebreo ungherese e fondatore del sionismo moderno, mettendo in guardia contro l’idea degli insediamenti ebraici in Palestina, prima di gridare “In nome di Dio, lascia stare la Palestina”.

Nella sua risposta, Herzl scrisse a Yusuf Diya, rassicurandolo, che gli ebrei europei non avrebbero preso il controllo della Palestina né intendevano spostarne gli abitanti. Invece, stavano venendo in Palestina per migliorare la vita della sua popolazione, la stessa vecchia narrativa coloniale. Questo, credeva Herzl, sarebbe accaduto grazie all’”intelligenza” e alle finanze ebraiche. Ha concluso annunciando che, senza dubbio, “il benessere dell’intero Paese sarebbe il felice risultato”, per i palestinesi e i nuovi coloni.

Questo tipo di narrativa, in realtà piuttosto bugie propagandistiche, potrebbe suonare come uno scherzo nel mondo “civilizzato” di oggi ma, sfortunatamente, è diventata un dato di fatto e, questo maggio, quella bugia celebra il suo 74° anniversario, mentre Israele glorifica la sua “indipendenza” dopo aver reso milioni di palestinesi un semplice dettaglio storico, non solo per Israele ma per l’intero mondo “civilizzato”.

Propagare la nuova era coloniale attraverso la menzogna divenne un modo più elusivo, pur mantenendo l’idea di base di “colonizzare” per “modernizzare” e “liberare”, dopo l’emergere degli Stati Uniti come superpotenza dominante dopo la Seconda guerra mondiale.

L’invasione dell’Iraq, hanno detto gli Stati Uniti al mondo, è stata un favore gratuito e un ente di beneficenza per aiutare gli iracheni a costruire un nuovo paese moderno, democratico e pacifico, nonostante oltre un milione di iracheni morti e la distruzione di una delle nazioni più antiche del mondo. Nel 2011, gli Stati Uniti e altre ex potenze coloniali hanno invaso la Libia, ancora una volta, per aiutare i libici a raggiungere il tipo di “paradiso” in cui i loro compagni arabi iracheni sono stati sommersi dall’invasione del 2003.

Tuttavia, la menzogna sionista, che giustifica la colonizzazione della Palestina, si distingue come una situazione unica in cui le bugie vengono riconosciute come fatti, sostenute dalle stesse superpotenze che hanno usato una versione diversa per creare il proprio caso di colonizzazione “moderna”, come hanno fatto in entrambi l’Iraq e Libia. Ciò che è unico nell’occupazione israeliana della Palestina è questo: mentre la Francia ha lasciato l’Algeria, l’Italia ha lasciato la Libia e il Regno Unito ha lasciato l’Egitto, stanno ancora aiutando Israele a prendere più terra palestinese, rifiutare qualsiasi tentativo di pace e mandando più palestinesi in esilio e all’interno spostamento proprio come intendevano i primi sionisti.

Israele a 74 anni è, in un certo senso, una bugia sionista vivente, proprio come le precedenti bugie coloniali secolari, che sono diventate realtà attraverso la brutalità e l’aggressione.

Traduzione a cura di Alessandro Napoli

Foto: Katehon.com

19 maggio 2022