La multipolarità come immagine del futuro e della postmodernità terrestre

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

La multipolarità come concetto innovativo d’avanguardia

La teoria multipolare è una tendenza particolare che non può essere qualificata semplicisticamente in termini di progresso/conservatorismo, vecchio/nuovo, sviluppo/stagnazione, ecc. La visione unipolare della Storia e, di conseguenza, la prospettiva globalista presentano il processo storico come un movimento lineare dal peggio al meglio, dal non sviluppato allo sviluppato, ecc. La globalizzazione è allora vista come l’orizzonte di un futuro universale, mentre tutto ciò che ostacola la globalizzazione è visto come l’inerzia del passato, l’atavismo o il desiderio di conservare lo status quo ad ogni costo. In virtù di un tale atteggiamento il globalismo e la “civiltà del mare” cercano anche di interpretare la multipolarità, che viene interpretata esclusivamente come una posizione conservatrice di resistenza contro il “cambiamento inevitabile”. Se la globalizzazione è il Postmoderno (società globale), allora la multipolarità è presentata come una resistenza al Postmoderno (dove ci sono elementi del Moderno e persino del Premoderno).

È infatti possibile guardare le cose da una prospettiva diversa e mettere da parte il dogma del progresso lineare96 (o “processo monotono “97). La nozione di tempo come categoria sociologica, su cui si basa la filosofia della multipolarità, aiuta a interpretare il paradigma generale della multipolarità in un quadro di riferimento completamente diverso.

La multipolarità rispetto all’unipolarità e al globalismo non è semplicemente un ritorno al vecchio, una chiamata a mantenere le cose come sono. La multipolarità non insiste sulla conservazione degli stati nazionali (il mondo westfaliano), né sulla restaurazione di un modello bipolare (il mondo di Yalta), né sul congelamento dello stato di transizione in cui si trova ora la vita internazionale.

La multipolarità è una visione del futuro (di un tipo mai visto prima), un progetto di organizzazione e ordine mondiale basato su principi e fondamenti completamente nuovi, una seria revisione degli assiomi su cui poggia la modernità in senso ideologico, filosofico e sociologico.

La multipolarità, proprio come l’unipolarità e la globalizzazione, è orientata alla costruzione di qualcosa che non è mai stato prima, alla tensione creativa dello spirito libero, alla ricerca filosofica e all’aspirazione di costruire una società migliore, più perfetta, giusta, armoniosa e felice. Ma solo l’immagine di questa società, i suoi principi e valori, così come i metodi di costruzione delle sue fondamenta sono visti radicalmente diversi (dai globalisti). La multipolarità vede il futuro come multidimensionale, variabile, differenziato, eterogeneo, conservando un’ampia tavolozza di scelte di auto-identificazione (collettiva e individuale), così come mezzi toni di società limitrofe, con una sovrapposizione di diverse matrici di identificazione. È un modello della “complessità che fiorisce” del mondo, dove molti luoghi si combinano con molti tempi, dove attori collettivi e individuali di diversa scala entrano in dialogo, chiarendo, e talvolta trasformando, le loro identità nel corso di tale dialogo. La cultura, la filosofia, la politica, l’economia, la tecnologia occidentale è vista in questo mondo futuro come un fenomeno locale, in nessun modo superiore alla cultura, alla filosofia, alla politica, all’economia e alla tecnologia delle società asiatiche, e persino delle tribù arcaiche. Tutto ciò con cui abbiamo a che fare sotto forma di diverse etnie, popoli, nazioni e civiltà sono variazioni uguali della “società umana” (Menschliche Gesellschaft), alcune “incantate” (M. Weber) e materialmente sviluppate, altre povere e semplici, ma “incantate” (M. Eliade), sacre, che vivono in armonia e in equilibrio con l’esistenza circostante. Il multipolarismo accetta qualsiasi scelta di una società, ma qualsiasi scelta diventa significativa solo quando è legata a uno spazio e a un momento storico, e quindi rimane locale. La stessa cultura occidentale, percepita come qualcosa di locale, può essere ammirata e ammirata, ma la sua pretesa di universalità e separazione dal contesto storico la trasforma in un simulacro, uno “pseudo-Occidente”, una caricatura e un kitsch. In una certa misura, questo è quello che è successo alla cultura americana, in cui l’Europa è facilmente riconoscibile, ma un’Europa ipertrofizzata, sterilizzata, priva di armonia interna e di proporzioni, di fascino e di tradizione, l’Europa come progetto universalista piuttosto che come fenomeno storico e spaziale organico, sebbene complesso, paradossale, drammatico, tragico e contraddittorio.

 

Multipolarità come postmodernità

Se ci rivolgiamo al passato, possiamo facilmente scoprire che non c’è mai stato un mondo multipolare, cioè un ordine internazionale basato sul principio della multipolarità. La multipolarità è dunque precisamente un progetto, un piano, una strategia per il futuro, e non una semplice inerzia o una resistenza indifferente alla globalizzazione. La multipolarità guarda al futuro, ma lo vede in modo radicalmente diverso dai sostenitori dell’unipolarismo, dell’universalismo e della globalizzazione, e cerca di tradurre la sua visione in realtà.

Queste considerazioni mostrano che, in un certo senso, la multipolarità è anche postmoderna (e non moderna o premoderna), ma solo diversa dal postmoderno globalista e unipolare. E in questo particolare senso la filosofia multipolare concorda sul fatto che l’attuale ordine mondiale, così come quello di ieri (nazionale o bipolare), è imperfetto e richiede un radicale rimodellamento. Un mondo multipolare non è una difesa del “secondo” e “terzo nomos della terra” (secondo C. Schmitt), ma una battaglia per un quarto nomos che sostituisca il presente e il passato. Nello stesso grado la multipolarità non è un rifiuto del postmoderno, ma un’affermazione di un postmoderno radicalmente diverso rispetto a quello proposto dai globalisti neoliberali e dai sostenitori di un mondo unipolare, e rispetto alla posizione critica antiglobalista e alterglobalista, che si basa sullo stesso universalismo del neoliberismo, solo con un segno opposto. Il postmoderno multipolare rappresenta quindi qualcosa di diverso dal moderno, dal premoderno, dal globalismo neoliberale, dall’imperialismo unipolare USA-centrico e dall’antiglobalismo e alterglobalismo di sinistra. Pertanto, nel caso dell’inquadramento della multipolarità in un’ideologia sistematizzata, si tratta della “quarta teoria politica”.

L’idea multipolare riconosce che gli stati nazionali non rispondono alle sfide della storia e, inoltre, sono solo una fase preparatoria della globalizzazione, e così sostiene i processi di integrazione in regioni specifiche, insistendo sul fatto che le loro frontiere tengano conto delle caratteristiche di civiltà delle società storicamente stabilite in quei territori (questo è un tratto abbastanza postmodernista).

Il progetto multipolare ammette che nella politica internazionale l’importanza dei nuovi attori non statali dovrebbe aumentare, ma questi attori dovrebbero essere, prima di tutto, società organiche distinte, storicamente stabilite e spazialmente legate (come le etnie), che dovrebbero essere ascoltate molto più che in passato (anche questo è un tratto postmodernista).

L’idea multipolare rifiuta le “grandi narrazioni” universali, il logocentrismo europeo, le rigide gerarchie di potere e un implicito patriarcato normativo. Invece, afferma il valore delle identità locali, diverse e asimmetriche che riflettono lo spirito di ogni particolare cultura, qualunque essa sia e per quanto aliena e repellente possa sembrare agli altri (e questo è un tratto postmoderno).

L’idea multipolare rifiuta un approccio meccanicistico alla realtà, una divisione cartesiana in soggetto e oggetto, affermando l’integrità, l’olismo e un approccio integrale al mondo – organico ed equilibrato, basato più sulla “geometria della natura” (B. Mandelbrot) che sulla “geometria della macchina”. Da qui l’ecologismo del mondo multipolare, il rifiuto del concetto di “conquista della natura” (F. Bacon) e il passaggio a un “dialogo con la natura” (questo è il tratto più postmoderno).

 

Postmoderno multipolare contro unipolare (globalista/antiglobalista) Postmoderno

Quando si tratta della misura delle cose nel mondo del futuro, la teoria multipolare e il postmodernismo cominciano ad avere serie contraddizioni. Il postmodernismo liberale e neomarxista operano con le nozioni di base dell'”individuo” e del “progresso” lineare, che sono concepiti nella prospettiva della “liberazione dell’individuo”, e nell’ultima fase nella prospettiva della “liberazione dell’individuo” e del passaggio al postumano, al cyborg, al mutante, al rizoma, al clone. Inoltre, è il principio di individualità che considerano universale.

In queste questioni l’idea multipolare diverge nettamente dalla linea principale del postmodernismo e afferma la società, la personalità collettiva, la coscienza collettiva (E. Durkheim) e l’inconscio collettivo (C. G. Jung) al centro delle cose. La società è la matrice dell’essere; crea individui, persone, lingue, culture, economie, sistemi politici, tempo e spazio. Ma non c’è una sola società, ma ci sono molte società, e sono incommensurabili tra loro. Solo in un tipo di società, quella europea occidentale, l’individuo è diventato la “misura delle cose” in una forma così assoluta e completa. E in altre società non è diventato e non diventerà tale, perché sono organizzate in modo completamente diverso. E bisogna riconoscere ad ogni società il diritto inalienabile di essere ciò che vuole, di creare la realtà secondo i propri intrugli, dando o non dando un valore superiore all’individuo e all’essere umano.

Lo stesso vale per il “progresso”. Poiché il tempo è un fenomeno sociale, è strutturato diversamente in ogni società. In una società contiene un’escalation del ruolo dell’individuo nella storia, mentre in un’altra no. Pertanto, non esiste una predeterminazione sulla scala di tutte le società della Terra per quanto riguarda l’individualismo e la post-umanità. Questo è probabilmente il destino dell’Occidente, legato alla logica della sua storia, ma per altre società e popoli, l’individualismo è indirettamente rilevante, e se è presente nella loro cultura, di solito è sotto forma di atteggiamenti coloniali imposti dall’esterno ed estranei al paradigma delle società locali stesse, ma è l’universalismo coloniale imperialista dell’Occidente il principale avversario dell’idea multipolare.

Usando i termini della geopolitica, possiamo dire che la multipolarità è una versione terrestre, continentale e tellurica del postmoderno, mentre il globalismo (così come l’antiglobalismo) è la sua versione marittima e talassocratica.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

11 aprile 2022