La pagliuzza nell’occhio: l’impatto paralizzante dell’etnocentrismo sulla strategia

image_pdfimage_print

di Joe McGiffin

“L’esperienza è una buona scuola, ma gli sciocchi non impareranno nient’altro” [1]. Il numero di conflitti internazionali nella storia in cui gli osservatori hanno predetto una vittoria rapida e decisiva per una delle parti, e poi sono rimasti sbalorditi dal modo in cui gli eventi si sono svolti, è così sorprendente che il concetto di primato della strategia può sembrare farsesco [2]. Gli Stati Uniti non fanno eccezione poiché continuano a lottare per conquiste strategiche decisive. Il recente ritiro dall’Afghanistan, decenni dopo il ritiro dal Vietnam, mostra un chiaro fallimento: anni di sforzi e ingenti dispendio di manodopera e risorse non portano i benefici politici di cui una superpotenza mondiale avrebbe bisogno. Questi fallimenti non erano il risultato di avere un solo asset di potere strategico; infatti, lo sforzo non ha raggiunto gli obiettivi sperati, nonostante il vantaggio militare, politico ed economico. Un’esplicazione potente e plausibile per questo schema è un difetto nella struttura strategica statunitense associata al più antico postulato di strategia e guerra: conosci il tuo nemico. Più specificamente, il pregiudizio etnocentrico implicito nel processo decisionale distorce il processo altrimenti efficace di collegare fini, modi e mezzi ai risultati politici. Senza sforzi deliberati per controllare le tendenze etnocentriche nel processo strategico, gli Stati Uniti continueranno a perseguire linee d’azione strategiche inefficaci dato il duplice impatto dell’etnocentrismo sulla costruzione della nazione: percezioni errate del sé e stereotipi degli altri.

Di tutti i pensieri progettuali che gli strateghi e gli statisti devono considerare, il nemico è il più importante, ma anche il meno considerato.

In ogni domanda, in ogni storia, non c’è solo un lato. Pianificando e agendo senza comprenderlo non porterà a nient’altro che accettare semplicemente una certa situazione strategica – un percorso “per tentativi ed errori” costoso e inefficiente. Sebbene alcuni studiosi sostengano che i problemi di cui sopra mostrano che il concetto di strategia è una finzione irraggiungibile, questa affermazione non riflette il ruolo del pregiudizio nel processo strategico [3]. Di tutti gli aspetti della pianificazione che gli strateghi e gli uomini di stato devono considerare, il nemico è il più importante, ma il meno considerato. Citano Sun Tzu sull’importanza di conoscere il nemico, ma non elaborano cosa significhi o come raggiungerlo. Ironia della sorte, il passaggio in questione contiene esattamente questa formula:

Se conosci il nemico e conosci te stesso, non devi temere il risultato di cento battaglie. Se conosci te stesso, ma non conosci il nemico, allora per ogni vittoria ottenuta ci sarà una sconfitta. Se non conosci né il nemico né te stesso, sarai sconfitto in ogni battaglia.

Comprendere il nemico è una valutazione superficiale e relativa, un giudizio di valore che tiene conto della disposizione del soggetto nel momento in cui è stato formulato. Comprendere il nemico è il fulcro del successo continuo. Al contrario, capire se stessi, come e perché avviene il processo decisionale strategico, è fondamentale per evitare la sconfitta. Questo non solo pregiudica la validità del ragionamento strategico, ma crea anche vulnerabilità, scappatoie che possono essere sfruttate dal nemico.

“Perché guardi la pagliuzza negli occhi di tuo fratello, ma non vedi la trave nei tuoi occhi?” [5].

La ricerca psicologica mostra costantemente che le persone usano processi euristici istintivi per valutare gli elementi e le altre persone nell’ambiente e valutare le minacce e le opportunità [6]. Questo è probabilmente integrato nel processo decisionale che si è evoluto per garantire la sopravvivenza della specie. Se in condizioni primitive questo serviva alla sopravvivenza, allora in una società composta da persone disparate, questo è meno favorevole per costruire relazioni positive [7]. L’etnocentrismo è un atteggiamento implicito nel processo decisionale che crea una vulnerabilità nella strategia. Sebbene abbia servito a uno scopo utile nelle scienze naturali, invariabilmente causa problemi sociali interni. Garantire un’analisi obiettiva delle azioni degli altri partecipanti richiede uno sforzo deliberato a causa della naturale tendenza a valutare gli altri in relazione alle proprie inclinazioni. Identificando obiettivi comuni tra gli altri, gli individui lavorano quindi insieme contro un gruppo in competizione. Tuttavia, poiché anche i giudizi di gruppo sono relativi dal punto di vista del gruppo stesso, gli altri gruppi sono trattati come minacce competitive fino a prova contraria. Il processo decisionale strategico non è diverso da questo fenomeno psicologico fondamentale, ma su scala sistematica e molto più ampia. Pertanto, è anche soggetto a pregiudizi etnocentrici.

Non c’è una quantità significativa di letteratura che consideri la strategia nei termini di questa connessione culturale-psicologica, ma c’è abbastanza per dimostrare che l’interesse per essa non è morto con Sun Tzu. Il teorico politico Colin Gray sostiene fortemente la cultura strategica, abbracciando questo problema, concentrandosi in particolare su come la cultura gioca un ruolo esplicito in questo processo, nonostante il fatto che la saggezza tradizionale sostenga una logica oggettiva della guerra [8]. Più direttamente, l’antropologo Ken Booth ha pubblicato uno studio completo sull’impatto dell’etnocentrismo sulla strategia. Più recentemente, il generale H. R. McMaster, ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha pubblicato un libro sul duplice concetto di narcisismo strategico ed empatia [9].

Questo paradigma egocentrico è il fulcro dell’etnocentrismo e influenza sia l’analisi dell’avversario che l’introspezione. Ken Booth fornisce tre aspetti di questo fenomeno nel suo studio Strategy and Ethnocentrism, un’opera meno nota che Colin Gray definisce “classica secondo qualsiasi standard ragionevole” [10]:

  • Il sentimento di superiorità e importanza del gruppo;
  • Un termine tecnico per un tipo di pregiudizio nelle scienze sociali; e
  • Sinonimo di “collegamento alla cultura” [11].

Più recentemente, H. R. McMaster ha pubblicato Battlegrounds: The Fight to Defend the Free World, in cui ha delineato la sua visione del narcisismo strategico: la tendenza a vedere il mondo solo in relazione agli Stati Uniti e a credere che il corso futuro degli eventi dipenda principalmente da decisioni o piani statunitensi [12]. “McMaster sviluppa questo concetto come un modo di pensare lineare che pone le azioni degli Stati Uniti come una forza centrale nella politica mondiale, sottovalutando le strategie e le posizioni degli altri attori” [13]. Il risultato di tale influenza, secondo lui, è un fallimento strategico: il piano non porta i risultati politici sperati. McMaster indica i 20 anni in cui gli Stati Uniti hanno cercato di fare progressi in Afghanistan; Booth sottolinea i tanti errori commessi da vari paesi nel corso della storia, soprattutto nelle manovre e nelle politiche della Guerra Fredda.

McMaster e Booth offrono anche soluzioni a questo problema: rispettivamente empatia strategica e relativismo culturale. Il primo contrasta i pregiudizi narcisistici costringendo strateghi e politici a personificare il proprio avversario in modo tale da penetrare nella sua psiche [14]. Booth, invece, si spinge ancora oltre nella sua argomentazione, esaminando come gli strateghi non tengano conto delle considerazioni del nemico:

“Conoscere il nemico è sempre stato il postulato cardinale della strategia. Se questo obiettivo deve essere raggiunto con maggiore regolarità in futuro che in passato, allora il relativismo culturale deve trovare il suo posto nel lessico dello stratega. Conoscere il nemico è alla base dell’approccio strategico: le teorie strategiche sono, in confronto, problemi di secondo ordine. Concentrarsi sulle dottrine prima dei nemici significa mettere il carro teorico davanti al cavallo reale: un doppio errore”.

Poiché la strategia deve essere sviluppata in relazione ad altri attori, è importante comprendere il nemico a un livello fondamentale.

Come accennato in precedenza, la strategia è il processo decisionale di gruppo su una scala più ampia e sistemica. Di conseguenza, è progettato in relazione a ciò che l’attore desidera rispetto all’attore in competizione. Come sottolinea ripetutamente Booth: “La strategia, come la natura, non tollera il vuoto… Senza nemici, la strategia è senza forma: è come una casa senza muri… A volte l’assunzione di relazioni nemiche sarà giustificata, a volte lo sarà errato. A volte i nemici saranno reali, a volte immaginari”. [16]. Poiché la strategia deve essere sviluppata in relazione ad altri attori, è importante comprendere il nemico a un livello fondamentale. Che il nemico sia reale o meno, la necessità di una strategia per costruire attori in questi ruoli comparabili ha due euristiche imperfette: prendere in considerazione la filosofia e l’approccio alla guerra del nemico e tenere conto del suo processo strategico [17].

Due tendenze negative incoraggiate dall’etnocentrismo sono l’imposizione di decisioni strategiche stereotipate e valori culturali al nemico. Ad esempio, il moderno clima strategico degli Stati Uniti è pieno di riferimenti ai fondatori della teoria militare: Clausewitz, Mahan, Corbett, Douhet e altri nomi famosi. Come osserva Booth, “la filosofia della guerra, come le teorie strategiche, sono prodotti del tempo e del luogo” [18]. Ci sono sempre variabili condizionali dal momento e dal luogo in cui hanno scritto questi teorici, che devono essere coerenti con l’ambiente operativo attuale. Le loro conclusioni devono essere applicate a circostanze mutevoli e riviste nel tempo, altrimenti la strategia diventerà una funzione appresa di una determinata società, che può essere aggirata dal nemico senza troppi sforzi da parte sua.

Oltre al sistema decisionale, anche il processo decisionale stesso è stereotipato, dando l’impressione che le decisioni dell’avversario non siano razionali, non comprensibili e che sia solo fortunato. Booth sostiene che questi attriti sono causati dal presupposto che il processo decisionale dell’avversario sia una “scatola nera” che opera su un modello di agenzia razionale; cioè, l’avversario utilizza un ragionamento simile e un processo simile e, indipendentemente da altri fattori, mirerà sempre a risultati che massimizzino i costi. Tuttavia, se consideriamo il razionale o il ragionevole come un valore oggettivo, allora si tratta di una valutazione relativa basata sull’etica e sui valori personali [19]. Senza una comprensione di questi valori, è impossibile anticipare il processo strategico o gli obiettivi dell’altro.

In generale, conoscere il proprio nemico, fino al suo sistema di valori culturali ed etici, è la chiave della vittoria. Tuttavia, conoscere i propri pregiudizi e i propri valori di giudizio è essenziale per evitare la sconfitta. Bilanciare i valori di entrambe le parti e sviluppare una strategia per ciascuna non fa parte del processo strategico statunitense, che porta alla previsione accurata di Sun Tzu. Se gli Stati Uniti possono identificare e controllare le proprie tendenze etnocentriche nella propria strategia, allora otterranno un successo più duraturo.

Note

[1] Richard Saunders, Il povero Richard, 1743 (Benjamin Franklin, 1743). https://founders.archives.gov/documents/Franklin/01-02-02-0089

[2] Richard K. Betts, “Piani e risultati: la strategia è un’illusione?” American Force (NY: Columbia University Press, 2012): 236.

[3] Scommesse, American Force , 250.

[4] Sun Tzu, L’arte della guerra : 3-18.

[5] Bibbia: Vangelo di Matteo 7:3.

[6] Gupta, Divya. “La psicologia del processo decisionale”. Minds Healer Agosto 2020. La psicologia del processo decisionale (mindshealer.com).

[7] Pratto, Felicia e Demis E Glasford. “L’etnocentrismo e il valore di una vita umana”. Rivista di personalità e psicologia sociale 95, n. 6 (2008): 1411–1428. Questo studio si concentra sul ruolo delle dinamiche intergruppo e su come l’etnocentrismo e la politica “in gruppo” influenzano la percezione dei gruppi in competizione e come i membri apprezzano la vita umana.

[8] Gray, Colin S. (2007) “Out of the Wilderness: Prime Time for Strategic Culture”, Strategia comparativa 26:1, 1-20, DOI: 10.1080/01495930701271478

[9] McMaster, HR Battlegrounds: The Fight to Defender the Free World (Stati Uniti: Harper, 2020). L’autore attribuisce al giurista Hans Morganthau il merito di aver originariamente coniato il termine.

[10] Gray, Colin S. “L’antropologo strategico”. Affari internazionali 89, 5 (2013).

[11] Cabina, Ken. Strategia ed etnocentrismo (Londra: Croom Helm Ltd, 1979).

[12] McMaster, HR Battlegrounds: The Fight to Defend the Free World (USA: Harper, 2020): 32.

[13] McMaster, HR “HR McMaster consiglia su come superare il narcisismo strategico – Brief sulla politica”. 29 aprile 2021. https://www.youtube.com/watch?v=uGIaF3SfpoE

[14] McMaster, HR Battlegrounds: The Fight to Defend the Free World (Stati Uniti: Harper, 2020).

[15] Booth, Ken. Strategia ed etnocentrismo (Londra: Croom Helm Ltd, 1979).

[16] Stand, 24.

[17] Booth, 37-8.

[18] Stand, 75.

[19] Stand, 23 e 64.

Traduzione di Alessandro Napoli 

Foto: Katehon.com

15 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube