La più lunga guerra del XXI secolo

image_pdfimage_print

di Konrad Rekas

Gli Stati Uniti e la Russia negoziano sulla limitazione della corsa agli armamenti, che ora è ancora più ovvia. I media centroeuropei minacciano l’opinione pubblica con lo slogan “Nuova Yalta”, promettendo allo stesso tempo l’inevitabile vittoria dell’unico sistema euro-atlantico di destra. Nel frattempo, la situazione geopolitica e geostrategica è più complessa e molto più pericolosa, non solo per l’intera Europa, essendo qualcosa di diverso dalla semplice nuova demarcazione di sfere di influenza tra i poteri.

Zona senza missili

La Guerra Fredda è sempre stata più vicina alla transizione verso un periodo caldo quando si trattava di equilibrio strategico di potere misurato dal dispiegamento e dalla portata dei sistemi missilistici. Questo è stato il caso quando, nel 1962, l’Unione Sovietica ha annullato un tentativo di localizzare missili americani in Turchia, ciò che è noto con il nome fuorviante di “crisi cubana”. A ciò fece seguito quanto accaduto negli anni ’80, quando i simboli dell’imperialismo aggressivo di Reagan e della Thatcher erano i Pershing, i Tomahawk e il Sistema Trident (ancora usato dal Regno Unito). Ogni volta che i falchi di guerra prevalgono nella zona euro-atlantica, lo si può vedere nella traslocazione dei sistemi di combattimento offensivi, avvicinandosi sempre di più ai confini della Federazione Russa.

In pratica, dal momento che la politica anti-cinese di Donald Trump ha ucciso l’INF, non esiste un’efficace regolamentazione internazionale per la corsa agli armamenti in corso, sebbene non ufficialmente annunciata, tra gli Stati Uniti e il resto del mondo. Certo, una corsa molto unilaterale, perché sebbene nessuno neghi la modernità e l’addestramento delle Forze armate della Federazione Russa e il potere dell’Esercito popolare di liberazione, qui sono gli americani, tuttavia, che spendono di più (778 miliardi di dollari) sugli armamenti rispetto ai successivi undici Paesi in questa lista messi insieme, otto dei quali sono alleati americani e Paesi dipendenti. Questa massiccia dipendenza della politica statunitense dagli interessi del complesso militare-industriale, immutato dalla Guerra Fredda, lascia sempre un margine di preoccupazione se un arsenale così vasto indurrà qualcuno a essere finalmente utilizzato. Anche solo per fare spazio ai nuovi acquisti…

Si rendono quindi necessari negoziati di disarmo o almeno di non proliferazione, urgenti come durante le crisi più pericolose dell’era dei due blocchi. Negli anni ’50 un esempio di tale iniziativa fu il Piano Rapacki. Il ministro degli Affari esteri polacco, Adam Rapacki, ha proposto l’istituzione di una zona denuclearizzata nell’Europa centrale, che comprendesse i territori di entrambi i blocchi, ovvero entrambi gli Stati tedeschi, la Polonia e la Cecoslovacchia. Nonostante il sostegno di Mosca, Praga e Berlino Est, nonché un’accoglienza molto comprensiva da parte dei circoli occidentali contro la guerra, questa proposta fallì di fronte alla resistenza dei militaristi atlantici. Tuttavia, varrebbe sicuramente la pena di farvi riferimento oggi creando una tale zona esclusa dalla ricollocazione dei sistemi missilistici, tra cui almeno Polonia, Ucraina, Romania, Repubblica Ceca, Slovacchia, Scandinavia e Stati baltici. A seconda della volontà degli Stati interessati, trattati simili potrebbero essere firmati anche in Asia e in altre regioni del mondo. Altrimenti, saremo minacciati da uno stato permanente di guerra ibrida universale, con la possibilità di trasformarsi in qualsiasi momento in un conflitto globale in piena regola.

I russi invaderanno l’Ucraina? Li invito a cena!

Naturalmente, gli USA, il Regno Unito e la NATO spiegano tutte le loro azioni espansive in Oriente con “i piani aggressivi della Russia nei confronti dell’Ucraina”. Dobbiamo aggiungere che questi piani sono così segreti e diabolici che grazie ai media e ai politici occidentali, la gente ne parla davanti a una birra in un pub e ai pranzi di famiglia. Sono così ovvi e noti a tutti… Probabilmente non è difficile intuire che se qualcosa è oggetto di una campagna di propaganda così chiara e invadente, possiamo essere assolutamente sicuri che non c’è relazione con la realtà. L’ho ripetuto molte volte, negli ultimi sette anni, quando quasi ogni giorno dopo l’Euromaidan è stata annunciata l’invasione russa in Ucraina: se solo la Russia volesse, dopo l’appello mattutino a Rostov, i suoi soldati pranzerebbero a Kharkiv, cenerebbero a Kiev e avrebbero ancora abbastanza tempo per il tè pomeridiano nei caffè di Leopoli. E per cena li inviterei all’attuale confine polacco-ucraino, vicino al quale abito…

Sfortunatamente, tuttavia, la Russia non ha attaccato, perché i russi non sono responsabili della risoluzione dei problemi di altre nazioni. Dal momento che sappiamo di più sui primi anni delle Repubbliche popolari nel Donbas, più leggiamo e sentiamo parlare del ruolo moderatore della Russia, [capiamo] che ha cercato di fermare l’escalation del conflitto. Non è questa la sede per giudicare se fosse giusto afferrare le mani dei comandanti sul campo del Donbas, non lasciandoli andare troppo a ovest. Il fatto è, tuttavia, che è stato così. La Russia avrebbe potuto liberare tutta l’Ucraina (o conquistarla se qualcuno lo preferisce) molto tempo fa, e nessuno, almeno l’Occidente, avrebbe potuto farci nulla. Perché allora dovrebbe cambiare improvvisamente la politica e interferire con tutto questo pasticcio ucraino, soprattutto annunciando il proprio ingresso con una rincorsa così lunga? Solo per aiutare i falchi di guerra occidentali, i produttori di armi e il divertente cacicco di Kiev che sogna la guerra per salvare il proprio sgabello?

Ad ogni modo, anche nei media occidentali possiamo sentire ora le trombe del ritiro. Dopo diversi mesi di conteggi continui, su quante migliaia di carri armati russi stanno per irrompere in una pacifica Ucraina – all’improvviso possiamo sentire e leggere che probabilmente era… “un bluff di Putin” e che forse la Russia non vuole invadere nessuno. Per i lettori esperti nella lettura tra le righe – il cambiamento del messaggio è dunque chiaro: “Non ammetteremo mai di aver mentito, ma ora possiamo dire che non ci sarà la guerra”. Ebbene, guardando l’impressionante bilancio bellico dell’Ucraina (323 miliardi di grivna, oltre 11 miliardi di dollari!) va notato che la “guerra russo-ucraina” ha già svolto alcuni dei suoi compiti. Il denaro che l’Occidente “presta” a Kiev gli ritorna sotto forma di acquisti militari, gli affari vanno a gonfie vele e il complesso militare-industriale, con i media a libro paga, conta i profitti.

Per il Nuovo Ordine Internazionale

Pertanto, non c’è dubbio che il periodo dell’unipolarità mondiale sia giunto al termine, ma il nuovo ordine internazionale non è ancora stato definito in modo chiaro. Tutte queste collisioni e conflitti sono un modo assolutamente naturale per stabilire nuove regole e definire nuove sfere di influenza. Gli imperi in fase calante spesso lottano con tali problemi, specialmente se prima si sono nascosti e hanno negato la propria debolezza e decadenza. Gli Stati Uniti devono semplicemente assumere una faccia cattiva, flettere i muscoli e mostrare i missili più lunghi. È così che intendono il loro prestigio, questi sono i loro bisogni interni ed è così che vogliono garantire la subordinazione dei restanti vassalli. Uscire dalla crisi con un recente tentativo di espansione, distrarre i rivali, ritardare l’inevitabile: questi sono normali trucchi tattici. Sfortunatamente, anche cercare di spostare la realtà gettando tutto su una carta e creando una minaccia di guerra globale è un’opzione sul tavolo. E non è un segreto che ci siano circoli americani che non esiterebbero a dare fuoco al mondo intero credendo nel “tutto o niente” e “se non noi, nessuno!”.

Certo, però, ci sono anche i pragmatici, oltre a quella parte del capitale finanziario scettico sulle politiche messe in atto dagli Stati, che fanno notare che si tratta di grandi corporazioni, non di grandi potenze, che sono diventate i veri soggetti dell’ordine internazionale. Questi grandi interessi decideranno GUERRA o PACE e finora (come possiamo vedere) le argomentazioni sono soppesate. Non solo tra Washington e Mosca, ma ancor di più tra Wall Street, City e Pechino/Shanghai.

E per quanto riguarda la povera Ucraina… Ebbene, sarà oggetto di un conflitto tra Occidente e Russia finché ci sarà ancora qualcosa da rubare. Sebbene il saccheggio organizzato sia andato avanti praticamente dai primi istanti dopo l’Euromaidan, l’Ucraina è ancora un Paese potenzialmente molto ricco. Non ricordiamo come durante la precedente guerra mondiale i tedeschi addirittura sradicarono i terreni neri e li portarono via con i treni? Se gli stessi ucraini non faranno nulla al riguardo, il loro Paese sarà abbandonato a sé stesso solo quando l’ultimo treno con le loro risorse sarà partito per l’Occidente. E anche allora, all’Ucraina verrà assegnato il ruolo di campo di battaglia, compreso quello atomico.

Come sappiamo, la squadra di Zelensky ha già legalizzato la privatizzazione dei terreni, privilegiando le grandi proprietà straniere, precedentemente nascoste sotto forma di locazioni e joint venture. Nel 2022 ci sarà un affare con 700 delle 3.500 imprese statali rimaste, in particolare l’industria energetica, mineraria e metallurgica. Questo è un motivo per cui Zelensky ha annunciato il suo cabaret “guerra con gli oligarchi” (che significa con sé stesso?) – quindi nessuno impedirebbe al capitale occidentale di pascolare con la ricchezza ucraina. Per consumarlo in pace, il capitale deve minacciare la guerra. Questo è l’intero segreto dei “piani di aggressione russa contro l’Ucraina”…

Non ci sarà un’altra fine del mondo

Quindi, la minaccia di un conflitto globale è solo una specie di trucco di marketing? Non esattamente o probabilmente non solo. Alcuni anni fa, c’era una teoria abbastanza popolare secondo cui la terza guerra mondiale era già iniziata, ma non ne vedevamo ancora tutti i sintomi. La mancanza di momenti più drammatici ha fatto sì che gli scettici mettessero in discussione questa ipotesi – dopo tutto o meglio o peggio, ma in qualche modo viviamo. La situazione internazionale è abbastanza normale, anche se di crisi in crisi e in generale possiamo concentrarci su altre questioni, dalle celebrità al clima, alla pandemia. Il problema è che i profeti della terza guerra mondiale avevano ragione. Solo, come nella poesia del poeta polacco-lituano Czesław Miłosz sulla fine del mondo che nessuno ha notato, forse non ci sarà più guerra globale se non una guerra permanentemente ibrida. E gli abitanti delle parti del mondo non infette dubiteranno che sia reale. Ma una guerra senza fine per il Nuovo Ordine Mondiale si diffonderà ovunque su sempre più fronti.

Una guerra che già conosciamo dal Donbass, Siria, Yemen, Transcaucasia, ora anche Kazakistan, presto forse Taiwan, Ucraina o Stati baltici. Ma anche molti, molti altri conflitti in cui i nemici di un teatro operativo spesso e improvvisamente diventeranno alleati tattici altrove. Questa può essere una guerra non solo tra Stati, perché sappiamo già che è possibile combattere quasi interamente con capitali privati, assumendo solo Stati per effettuare attacchi aerei più pesanti. Infine, è una guerra in cui intere città possono scomparire sotto bombe e missili, come è successo fino ad ora. Ma anche quella in cui qualche assassino silenzioso volerà da una finestra e questa cosa simile a un giocattolo per bambini vincerà la battaglia decisiva.

E la maggior parte di noi, con un po’ di fortuna, potrebbe non accorgersene mai…

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

4 febbraio 2022