La Polonia sta cercando di provocare la Terza Guerra Mondiale o di esporre l’inaffidabilità degli Stati Uniti come alleati?

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

Si pensava che le relazioni polacco-americane, precedentemente tese e afflitte dall’ingerenza degli Stati Uniti negli affari interni del suo partner regionale, fossero improvvisamente migliorate dopo la loro reazione comune all’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, ma le ultime mosse di Varsavia sollevano dubbi su questa conclusione. L’aspirante leader dell’Europa centrale e orientale (CEE) ha annunciato inaspettatamente che è pronto a schierare immediatamente tutti i suoi jet MiG-29 nella base aerea statunitense di Rammstein in Germania per l’uso di Kiev contro la Russia e ha chiesto che tutti i membri della NATO seguano l’esempio. Questo è arrivato appena un giorno dopo che il Segretario di Stato americano Blinken ha dichiarato di aver dato al blocco militare antirusso il “via libera” per inviare aerei da combattimento in Ucraina e un giorno prima della visita del vicepresidente Harris a Varsavia.

Doveva ringraziare la Polonia per aver ospitato più di un milione di rifugiati ucraini, ma l’Associated Press ha riferito che il suo viaggio è diventato più complicato politicamente, poiché i funzionari statunitensi hanno affermato che la Polonia non li ha informati della sua decisione. Il sottosegretario di Stato per gli affari politici Nuland, “l’infame” di EuroMaidan, ha detto a un’udienza della Commissione per le Relazioni Estere del Senato che “Per quanto ne so, non è stato pre-consultato con noi che hanno pianificato di darci questi aerei. Quindi penso che sia stata una mossa a sorpresa da parte dei polacchi”. Nel frattempo, il portavoce del Pentagono Kirby ha detto che i jet che partono da una base statunitense “nello spazio aereo che è contestato con la Russia sull’Ucraina solleva serie preoccupazioni per l’intera alleanza della NATO”, concludendo che questo rende la proposta della Polonia insostenibile.

È difficile capire cosa sta succedendo, dal momento che la Polonia sembra aver appena tolto il tappeto da sotto i piedi del suo partner americano più anziano, nonostante si sia attivamente posizionata per essere il principale alleato regionale anti-russo del suo patrono. Gli osservatori sono divisi sul fatto che la Polonia stesse cercando di provocare la terza guerra mondiale che l’operazione militare speciale della Russia in Ucraina si pensava avesse evitato per un pelo o se stesse semplicemente cercando di esporre l’inaffidabilità degli Stati Uniti come alleato a causa delle preoccupazioni che l’America stessa non sta facendo abbastanza per aiutare Kiev. Per spiegare, la prima possibilità potrebbe innescare un conflitto globale poiché la Russia probabilmente difenderà le sue forze da un tale intervento militare straniero, mentre la seconda potrebbe essere stata intrapresa per pubblicizzare le crescenti differenze sull’approccio di quei due all’Ucraina.

Elaborando sull’ultimo menzionato, la Polonia è ufficialmente soddisfatta di tutto ciò che gli Stati Uniti hanno fatto per provocare regionalmente la Russia – specialmente il dispiegamento da parte dell’America di “sistemi anti-missile” e di armi d’attacco vicino al suo confine, destinati a neutralizzare gradualmente le capacità nucleari di secondo colpo del suo obiettivo – ma potrebbe sentirsi più a suo agio con l’America che “guida dal fronte” per quanto riguarda l’invio di jet alle forze di Kiev, invece di “condividere il peso” facendo in modo che la Polonia metta in gioco la sua sicurezza facendolo per suo conto. La questione principale è che la Russia presumibilmente ha un occhio su praticamente tutto ciò che accade in Ucraina e quasi certamente rileverebbe il momento in cui jet stranieri entrano nel suo spazio aereo. Né gli Stati Uniti né la Polonia apparentemente si sentono a proprio agio al momento di rischiare la possibile risposta della Russia.

Naturalmente, un’alternativa potrebbe essere quella di farli entrare in quel paese via terra, trainandoli verso campi d’aviazione invece di farli volare, ma anche questo potrebbe molto probabilmente attirare l’attenzione e quindi indurre anche la rappresaglia russa. Fondamentalmente, mentre gli Stati Uniti e la Polonia sono d’accordo che Kiev ha bisogno di più jet da combattimento, non vogliono correre il rischio di consegnarli direttamente alle sue forze. Varsavia potrebbe sentire che Washington sta spostando questo pericoloso “fardello” sulle sue spalle, spingendo la Polonia nella mischia invece di farlo fare direttamente da questa superpotenza nucleare, se davvero sostenesse questa pericolosissima escalation. Questo potrebbe essere il motivo per cui ha annunciato inaspettatamente che invierà tutti i suoi MiG-29 alla base aerea americana di Rammstein in Germania, in modo che l’America stessa possa consegnarli direttamente all’Ucraina, se davvero lo vuole.

Gli Stati Uniti non hanno anticipato il piano d’azione della Polonia perché hanno dato per scontato, con condiscendenza, il sostegno del suo partner minore alla loro comune strategia regionale anti-russa, credendo arrogantemente che Varsavia metterà il suo collo sulla linea per solidarietà con Kiev e Washington, mentre il suo governo conservatore-nazionalista al potere evidentemente non si sente a suo agio a farlo, almeno in questo momento. Riorientando l’attenzione verso gli Stati Uniti, che non si stancano mai di riaffermare il loro impegno nei confronti degli impegni di mutua difesa dell’articolo 5 della NATO, la Polonia ha molto abilmente capovolto le dinamiche militari-strategiche, mettendo pressione direttamente sugli Stati Uniti e alleviando quella che prima era stata messa su di sé per fare invece una mossa così pericolosa.

Con la Harris in viaggio verso la Polonia, le autorità del paese ospitante hanno probabilmente pensato che questo sarebbe stato il momento perfetto per il loro stratagemma per indurla a negoziare direttamente i dettagli del loro piano ufficialmente condiviso sui cui dettagli differiscono ufficiosamente. La Polonia è stata probabilmente prevista come l’ultimo paese che avrebbe mai fatto questo agli Stati Uniti, eppure è proprio quello che è appena successo perché Varsavia è molto chiaramente preoccupata per la pressione di Washington per far sì che questo aspirante leader regionale rischi la ritorsione della Russia se tali jet entrano nello spazio aereo dell’Ucraina dal suo territorio. La situazione rimane molto fluida, quindi è difficile prevedere cosa accadrà presto, ma è abbastanza per concludere con fiducia, sulla base delle intuizioni condivise in questa analisi, che la Polonia sta tentando di giocare a “palla dura” con i suoi patroni statunitensi.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Pubblicato in partnership su OneWorld

Foto: Idee&Azione

11 marzo 2022