La posizione della Germania nel Nuovo Ordine Mondiale americano

image_pdfimage_print

di Michael Hudson

Alla Germania e ad altri paesi della NATO è stato detto di imporre sanzioni commerciali e di investimento su se stessi che sopravviveranno all’odierna guerra per procura in Ucraina. Il presidente degli Stati Uniti Biden e i suoi portavoce del Dipartimento di Stato hanno spiegato che l’Ucraina è solo l’arena di apertura in una dinamica molto più ampia che sta dividendo il mondo in due serie opposte di alleanze economiche. Questa frattura globale promette di essere una lotta di dieci o vent’anni per determinare se l’economia mondiale sarà un’economia unipolare incentrata sul dollaro e dominata dagli Stati Uniti o un mondo multipolare e multivaluta incentrato sul cuore dell’Eurasia con economie miste pubblico/privato.

Il presidente Biden ha caratterizzato questa divisione come tra democrazie e autocrazie. La terminologia si basa sul tipico doppio senso orwelliano. Per “democrazie” intende gli Stati Uniti e le oligarchie finanziarie occidentali alleate. Il loro scopo è spostare la pianificazione economica dalle mani dei governi eletti in quelle di Wall Street e altri centri finanziari sotto il controllo degli Stati Uniti. I diplomatici statunitensi utilizzano il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale per chiedere la privatizzazione delle infrastrutture mondiali e la dipendenza dalle esportazioni di tecnologia, petrolio e cibo statunitensi.

Per “autocrazia”, Biden intende i paesi che resistono a questa acquisizione di finanziarizzazione e privatizzazione. In pratica, la retorica statunitense significa promuovere la propria crescita economica e il proprio tenore di vita, mantenendo la finanza e le banche come servizi di pubblica utilità. La questione fondamentalmente è se le economie saranno pianificate dai centri bancari per creare ricchezza finanziaria – privatizzando le infrastrutture di base, i servizi pubblici e i servizi sociali come l’assistenza sanitaria in monopoli – o aumentando il tenore di vita e la prosperità mantenendo le banche e la creazione di denaro, sanità pubblica, istruzione, trasporti e comunicazioni in mano pubblica.

Il Paese che subisce più “danni collaterali” in questa frattura globale è la Germania. Essendo l’economia industriale più avanzata d’Europa, l’acciaio, i prodotti chimici, i macchinari, l’automotive e altri beni di consumo tedeschi sono i più fortemente dipendenti dalle importazioni di gas, petrolio e metalli russi dall’alluminio al titanio e al palladio. Eppure, nonostante due gasdotti Nord Stream costruiti per fornire alla Germania energia a basso prezzo, alla Germania è stato detto di isolarsi dal gas russo e deindustrializzare. Ciò significa la fine della sua preminenza economica. La chiave per la crescita del PIL in Germania, come in altri paesi, è il consumo di energia per lavoratore.

Queste sanzioni anti-russe rendono l’odierna Nuova Guerra Fredda intrinsecamente anti-tedesca. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che la Germania dovrebbe sostituire il gasdotto russo a basso prezzo con il gas GNL americano a prezzo elevato. Per importare questo gas, la Germania dovrà spendere rapidamente oltre 5 miliardi di dollari per implementare la capacità portuale di gestire le navi cisterna di GNL. L’effetto sarà quello di rendere l’industria tedesca non competitiva. I fallimenti si diffonderanno, l’occupazione diminuirà e i leader tedeschi pro-NATO imporranno una depressione cronica e standard di vita in calo.

La maggior parte delle teorie politiche presuppone che le nazioni agiscano nel proprio interesse personale. Altrimenti sono paesi satelliti, non in controllo del proprio destino. La Germania sta subordinando la sua industria e il suo tenore di vita ai dettami della diplomazia statunitense e all’interesse personale del settore petrolifero e del gas americano. Lo sta facendo volontariamente – non a causa della forza militare ma per una convinzione ideologica che l’economia mondiale dovrebbe essere gestita dai pianificatori della Guerra Fredda degli Stati Uniti.

A volte è più facile comprendere le dinamiche odierne allontanandosi dalla propria situazione immediata per guardare esempi storici del tipo di diplomazia politica che si vede dividere il mondo di oggi. Il parallelo più vicino che posso trovare è la lotta dell’Europa medievale del papato romano contro i re tedeschi – gli imperatori del Sacro Romano Impero – nel XIII secolo. Quel conflitto ha diviso l’Europa secondo linee molto simili a quelle di oggi. Una serie di papi scomunicò Federico II e altri re tedeschi e mobilitò gli alleati per combattere contro la Germania e il suo controllo dell’Italia meridionale e della Sicilia.

L’antagonismo dell’Occidente contro l’Oriente è stato incitato dalle Crociate (1095-1291), proprio come l’odierna Guerra Fredda è una crociata contro le economie che minacciano il dominio degli Stati Uniti nel mondo. La guerra medievale contro la Germania era finita su chi doveva controllare l’Europa cristiana: il papato, con i papi che diventavano imperatori mondani, o governanti secolari di singoli regni rivendicando il potere di legittimarli moralmente e accettarli.

L’analogo dell’Europa medievale alla Nuova Guerra Fredda americana contro Cina e Russia fu il Grande Scisma nel 1054. Richiedendo il controllo unipolare sulla cristianità, Leone IX scomunicò la Chiesa ortodossa con sede a Costantinopoli e l’intera popolazione cristiana che ne faceva parte. Un unico vescovado, Roma, si separò dall’intero mondo cristiano dell’epoca, compresi gli antichi Patriarcati di Alessandria, Antiochia, Costantinopoli e Gerusalemme.

Questa rottura creò un problema politico per la diplomazia romana: come tenere tutti i regni dell’Europa occidentale sotto il suo controllo e rivendicare da loro il diritto a un sussidio finanziario. Questo scopo richiedeva di subordinare i re secolari all’autorità religiosa papale. Nel 1074, Gregorio VII, Ildebrando, annunciò 27 Dettati papali che delineavano la strategia amministrativa per Roma per bloccare il suo potere sull’Europa.

Queste richieste papali sono in sorprendente parallelo con l’odierna diplomazia statunitense. In entrambi i casi gli interessi militari e quelli mondani richiedono una sublimazione sotto forma di spirito crociato ideologico per cementare il senso di solidarietà che richiede qualsiasi sistema di dominio imperiale. La logica è senza tempo e universale.

I dettati papali erano radicali in due modi principali. Innanzitutto elevarono il vescovo di Roma al di sopra di tutti gli altri vescovati, creando il papato moderno. La clausola 3 stabiliva che solo il papa aveva il potere di investitura per nominare vescovi o per deporli o reintegrarli. A sostegno di ciò, la clausola 25 dava il diritto di nominare (o deporre) vescovi al papa, non ai governanti locali. E la clausola 12 dava al papa il diritto di deporre gli imperatori, seguendo la clausola 9, obbligando “tutti i principi a baciare i piedi del solo papa” per essere ritenuti governanti legittimi.

Allo stesso modo oggi, i diplomatici statunitensi rivendicano il diritto di nominare chi dovrebbe essere riconosciuto come Capo di Stato di una nazione. Nel 1953 rovesciarono il leader eletto dell’Iran e lo sostituirono con la dittatura militare dello Scià. Questo principio dà ai diplomatici statunitensi il diritto di sponsorizzare “rivoluzioni colorate” per il cambio di regime, come la loro sponsorizzazione di dittature militari latinoamericane che creano oligarchie clienti per servire gli interessi aziendali e finanziari degli Stati Uniti. Il colpo di stato del 2014 in Ucraina è solo l’ultimo esercizio di questo diritto degli Stati Uniti di nominare e deporre i leader.

Più recentemente, i diplomatici statunitensi hanno nominato Juan Guaidó Capo di Stato del Venezuela invece che presidente eletto, e gli hanno consegnato le riserve auree di quel paese. Il presidente Biden ha insistito sul fatto che la Russia deve rimuovere Putin e mettere al suo posto un leader più pro-USA. Questo “diritto” di selezionare i capi di stato è stata una costante nella politica statunitense che copre la sua lunga storia di ingerenza politica negli affari politici europei dalla seconda guerra mondiale.

La seconda caratteristica radicale dei Dittati papali era la loro esclusione di ogni ideologia e politica che si discostasse dall’autorità papale. La clausola 2 affermava che solo il Papa poteva essere chiamato “Universale”. Qualsiasi disaccordo era, per definizione, eretico. La clausola 17 affermava che nessun capitolo o libro poteva essere considerato canonico senza l’autorità papale.

Una richiesta simile a quella avanzata dall’odierna ideologia sponsorizzata dagli Stati Uniti di “liberi mercati” finanziarizzati e privatizzati, che significa deregolamentazione del potere del governo per modellare le economie in interessi diversi da quelli delle élites finanziarie e aziendali incentrate sugli Stati Uniti.

La richiesta di universalità nella Nuova Guerra Fredda di oggi è ammantata dal linguaggio della “democrazia”. Ma la definizione di democrazia nell’odierna Nuova Guerra Fredda è semplicemente “pro-USA” e specificamente la privatizzazione neoliberista come nuova religione economica sponsorizzata dagli USA. Questa etica è considerata “scienza”, come nel quasi Nobel Memorial Prize per le scienze economiche. Questo è l’eufemismo moderno per l’economia spazzatura neoliberista della Scuola di Chicago, i programmi di austerità del FMI e il favoritismo fiscale per i ricchi.

I dettati papali hanno enunciato una strategia per bloccare il controllo unipolare sui regni secolari. Affermarono la precedenza papale sui re mondani, soprattutto sugli imperatori del Sacro Romano Impero germanico. La clausola 26 dava ai papi l’autorità di scomunicare chiunque “non fosse in pace con la Chiesa romana”. Quel principio implicava la clausola conclusiva 27, che consentiva al papa di “assolvere i sudditi dalla loro fedeltà agli uomini malvagi”. Ciò ha incoraggiato la versione medievale delle “rivoluzioni colorate” a determinare un cambio di regime.

Ciò che univa i paesi in questa solidarietà era un antagonismo con le società non soggette al controllo papale centralizzato: gli infedeli musulmani che detenevano Gerusalemme, e anche i catari francesi e chiunque altro fosse considerato un eretico. Soprattutto c’era ostilità verso le regioni abbastanza forti da resistere alle richieste papali di tributi finanziari.

La controparte odierna di tale potere ideologico di scomunicare gli eretici che resistono alle richieste di obbedienza e tributi sarebbe l’Organizzazione mondiale del commercio, la Banca Mondiale e il FMI che dettano pratiche economiche e stabiliscono “condizionalità” che tutti i governi membri devono seguire, pena le sanzioni statunitensi – la versione moderna di scomunica dei paesi che non accettano la sovranità statunitense. La clausola 19 del Dictates ha stabilito che il papa non può essere giudicato da nessuno – proprio come oggi, gli Stati Uniti si rifiutano di sottoporre le proprie azioni alle sentenze della Corte mondiale. Allo stesso modo oggi, i dettami degli Stati Uniti tramite la NATO e altri armamenti (come il FMI e la Banca Mondiale) dovrebbero essere seguiti senza dubbio dai satelliti statunitensi. Come ha detto Margaret Thatcher della sua privatizzazione neoliberista che ha distrutto il settore pubblico britannico, There Is No Alternative (TINA).

Il mio punto è sottolineare l’analogia con le sanzioni americane di oggi contro tutti i paesi che non seguono le proprie richieste diplomatiche. Le sanzioni commerciali sono una forma di scomunica. Invertono il principio del Trattato di Westfalia del 1648 che rendeva ogni paese e i suoi governanti indipendenti dalle ingerenze straniere. Il presidente Biden definisce l’interferenza degli Stati Uniti come una garanzia della sua nuova antitesi tra “democrazia” e “autocrazia”. Per democrazia intende un’oligarchia cliente sotto il controllo degli Stati Uniti, che crea ricchezza finanziaria riducendo gli standard di vita per il lavoro, al contrario di economie miste pubblico/privato che mirano a promuovere standard di vita e solidarietà sociale.

Come ho accennato, scomunicando la Chiesa ortodossa centrata a Costantinopoli e la sua popolazione cristiana, il Grande Scisma ha creato la fatidica linea di demarcazione religiosa che ha diviso “l’Occidente” dall’Oriente nell’ultimo millennio. Quella divisione è stata così importante che Vladimir Putin l’ha citata come parte del suo discorso del 30 settembre 2022 che descriveva la rottura di oggi dalle economie occidentali incentrate su Stati Uniti e NATO.

Il XII e il XIII secolo videro i conquistatori normanni dell’Inghilterra, della Francia e di altri paesi, insieme ai re tedeschi, protestare ripetutamente, essere scomunicati ripetutamente, ma alla fine soccombere alle richieste del Papa. Bisognò aspettare fino al XVI secolo prima che Martin Lutero, Zwingli ed Enrico VIII finalmente creassero un’alternativa protestante a Roma, rendendo il cristianesimo occidentale multipolare.

Perché ci è voluto così tanto tempo? La risposta è che le Crociate fornirono una gravità ideologica organizzativa. Questa era l’analogia medievale con l’odierna Nuova Guerra Fredda tra Oriente e Occidente. Le Crociate crearono un fulcro spirituale di “riforma morale” mobilitando l’odio nei confronti dell’”altro” – l’Oriente musulmano e sempre più ebrei e dissidenti cristiani europei dal controllo romano. Questa era l’analogia medievale con le odierne dottrine neoliberiste del “libero mercato” dell’oligarchia finanziaria americana e della sua ostilità nei confronti della Cina, della Russia e di altre nazioni che non seguivano quell’ideologia.

Nella Nuova Guerra Fredda di oggi, l’ideologia neoliberista occidentale sta mobilitando paura e odio per “l’altro”, demonizzando le nazioni che seguono un percorso indipendente come “regimi autocratici”. Il razzismo assoluto è promosso verso interi popoli, come evidente nella russofobia e nella cultura dell’annullamento che stanno attualmente dilagando in Occidente.

Proprio come la transizione multipolare del cristianesimo occidentale richiedeva l’alternativa protestante del XVI secolo, la rottura del cuore eurasiatico dalla NATO occidentale incentrata sulle banche deve essere consolidata da un’ideologia alternativa su come organizzare economie miste pubblico/privato e le loro infrastrutture finanziarie.

Le chiese medievali in Occidente furono prosciugate delle loro elemosine e sovvenzioni per contribuire con l’Obolo di Pietro e altri sussidi al papato per le guerre che stava combattendo contro i governanti che resistevano alle richieste papali. L’Inghilterra ha svolto il ruolo di grande vittima che la Germania gioca oggi. Enormi quantitativi di tasse inglesi furono riscossi apparentemente per finanziare le Crociate ma furono dirottate per combattere Federico II, Corrado e Manfredi in Sicilia. Quella diversione fu finanziata dai banchieri pontifici dell’Italia settentrionale (Lombardi e Cahorsini), e divenne un debito reale tramandato in tutta l’economia.

I baroni d’Inghilterra intrapresero una guerra civile contro Enrico II negli anni 1260, ponendo fine alla sua complicità nel sacrificare l’economia alle richieste papali.

Ciò che pose fine al potere del papato su altri paesi fu la fine della sua guerra contro l’Oriente. Quando i crociati persero Acri, la capitale di Gerusalemme nel 1291, il papato perse il controllo sulla cristianità. Non c’era più il “male” da combattere, e il “bene” aveva perso il suo baricentro e la sua coerenza. Nel 1307, il francese Filippo IV (“il Bello”) si impadronì della ricchezza del grande ordine bancario militare della Chiesa, quella dei Templari nel Tempio di Parigi. Anche altri governanti nazionalizzarono i Templari e i sistemi monetari furono tolti dalle mani della Chiesa. Senza un nemico comune definito e mobilitato da Roma, il papato perse il suo potere ideologico unipolare sull’Europa occidentale.

L’equivalente moderno del rifiuto dei Templari e della finanza papale sarebbe che i paesi si ritirassero dalla Nuova Guerra Fredda americana. Rifiuterebbero lo standard del dollaro e il sistema bancario e finanziario statunitense che sta accadendo poiché sempre più paesi vedono la Russia e la Cina non come avversari ma come grandi opportunità di reciproco vantaggio economico.

La promessa mancata di reciproco guadagno tra Germania e Russia
La dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991 ha promesso la fine della Guerra Fredda. Il Patto di Varsavia è stato sciolto, la Germania è stata riunificata e i diplomatici americani hanno promesso la fine della NATO, perché una minaccia militare sovietica non esisteva più. I leader russi si sono concessi la speranza che, come ha espresso il presidente Putin, sarebbe stata creata una nuova economia paneuropea da Lisbona a Vladivostok. La Germania, in particolare, avrebbe dovuto assumere un ruolo guida negli investimenti in Russia e nella ristrutturazione del proprio settore secondo linee più efficienti. La Russia pagherebbe questo trasferimento di tecnologia fornendo gas e petrolio, oltre a nichel, alluminio, titanio e palladio.

Non c’era alcuna previsione che la NATO sarebbe stata ampliata per minacciare una Nuova Guerra Fredda, tanto meno che avrebbe sostenuto l’Ucraina, riconosciuta come la cleptocrazia più corrotta d’Europa, ad essere guidata da partiti estremisti che si identificavano con le insegne naziste tedesche.

Come spieghiamo perché il potenziale apparentemente logico di guadagno reciproco tra l’Europa occidentale e le economie dell’ex Unione Sovietica si è trasformato in una sponsorizzazione di cleptocrazie oligarchiche? La distruzione dell’oleodotto Nord Stream incapsula le dinamiche in poche parole. Per quasi un decennio una costante richiesta degli Stati Uniti è stata che la Germania rifiutasse la sua dipendenza dall’energia russa. Queste richieste sono state contrastate da Gerhardt Schroeder, Angela Merkel e dirigenti d’azienda tedeschi. Hanno indicato l’ovvia logica economica del commercio reciproco dei manufatti tedeschi con le materie prime russe.

Il problema degli Stati Uniti era come impedire alla Germania di approvare il gasdotto Nord Stream 2.

Victoria Nuland, il presidente Biden e altri diplomatici statunitensi hanno dimostrato che il modo per farlo era incitare all’odio per la Russia. La Nuova Guerra Fredda è stata inquadrata come una nuova Crociata. Così George W. Bush aveva descritto l’attacco americano all’Iraq per impossessarsi dei suoi pozzi petroliferi. Il colpo di stato del 2014 sponsorizzato dagli Stati Uniti ha creato un regime ucraino fantoccio che ha trascorso otto anni a bombardare le province orientali di lingua russa. La NATO ha quindi incitato una risposta militare russa. L’incitamento ha avuto successo e la risposta russa desiderata è stata debitamente etichettata come un’atrocità non provocata. La sua protezione dei civili è stata descritta dai media sponsorizzati dalla NATO come così offensiva da meritare le sanzioni commerciali e agli investimenti che sono state imposte da febbraio. Questo è ciò che significa una crociata.

Il risultato è che il mondo si divide in due campi: la NATO, incentrata sugli Stati Uniti, e l’emergente coalizione eurasiatica. Un sottoprodotto di questa dinamica è stato quello di lasciare la Germania incapace di perseguire la politica economica di relazioni commerciali e di investimento reciprocamente vantaggiose con la Russia (e forse anche con la Cina). Il cancelliere tedesco Olaf Scholz andrà in Cina questa settimana per chiedere che smantelli il settore pubblico e smetta di sovvenzionare la sua economia, altrimenti la Germania e l’Europa imporranno sanzioni al commercio con la Cina. Non c’è modo che la Cina possa soddisfare questa richiesta ridicola, non più di quanto gli Stati Uniti o qualsiasi altra economia industriale smetterebbero di sovvenzionare i propri chip di computer e altri settori chiave. Il Consiglio tedesco per le relazioni estere è un braccio “libertario” neoliberista della NATO che chiede la deindustrializzazione tedesca e la dipendenza dagli Stati Uniti per il suo commercio, escludeno Cina, Russia e i loro alleati. Questo promette di essere l’ultimo chiodo nella bara economica della Germania.

Un altro sottoprodotto della Nuova Guerra Fredda americana è stata la fine di qualsiasi piano internazionale per arginare il riscaldamento globale. Una chiave di volta della diplomazia economica statunitense è che le sue compagnie petrolifere e quelle dei suoi alleati della NATO controllino l’approvvigionamento mondiale di petrolio e gas, ovvero riducano la dipendenza dai combustibili a base di carbonio. Questo è ciò che riguardava la guerra della NATO in Iraq, Libia, Siria, Afghanistan e Ucraina. Non è così astratto come “Democrazie contro autocrazie”. Riguarda la capacità degli Stati Uniti di danneggiare altri paesi interrompendo il loro accesso all’energia e ad altri bisogni primari.

Senza la narrativa del “bene contro il male” della Nuova Guerra Fredda, le sanzioni statunitensi perderanno la loro ragion d’essere in questo attacco degli Stati Uniti alla protezione ambientale e al commercio reciproco tra l’Europa occidentale e la Russia e la Cina. Questo è il contesto della lotta odierna in Ucraina, che deve essere solo il primo passo nella prevista lotta ventennale degli Stati Uniti per impedire che il mondo diventi multipolare. Questo processo bloccherà la Germania e l’Europa nella dipendenza dalle forniture statunitensi di GNL.

Il trucco è cercare di convincere la Germania che dipende dagli Stati Uniti per la sua sicurezza militare. Ciò da cui la Germania ha davvero bisogno di protezione è la guerra degli Stati Uniti contro Cina e Russia che sta emarginando e “ucrainizzando” l’Europa.

Non ci sono state richieste da parte dei governi occidentali per una fine negoziata di questa guerra, perché nessuna guerra è stata dichiarata in Ucraina. Gli Stati Uniti non dichiarano guerra da nessuna parte, perché ciò richiederebbe una dichiarazione del Congresso ai sensi della Costituzione degli Stati Uniti. Così gli eserciti USA e NATO bombardano, organizzano rivoluzioni colorate, si intromettono nella politica interna (rendendo obsoleti gli accordi di Westfalia del 1648) e impongono le sanzioni che stanno facendo a pezzi la Germania e i suoi vicini europei.

In che modo i negoziati possono “porre fine” a una guerra che non ha una dichiarazione di guerra o è una strategia a lungo termine di dominio unipolare totale del mondo?

La risposta è che non c’è fine fino a quando non viene sostituita un’alternativa all’attuale insieme di istituzioni internazionali incentrate sugli Stati Uniti. Ciò richiede la creazione di nuove istituzioni che riflettano un’alternativa alla visione neoliberista incentrata sulle banche secondo cui le economie dovrebbero essere privatizzate con una pianificazione centralizzata da parte dei centri finanziari. Rosa Luxemburg ha caratterizzato tale scelta come tra socialismo e barbarie. Ho abbozzato le dinamiche politiche di un’alternativa nel mio recente libro, Il destino della civiltà.

Traduzione di Alessandro Napoli https://nritalia.org/

Foto: Idee&Azione

10 novembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube