La potenziale catastrofe di percepire erroneamente la “guerra totale” come guerra tattica

image_pdfimage_print

di Alastair Crooke

Lo zeitgeist di oggi è che tutta la politica non è altro che un arazzo manicheo dei “buoni” e di coloro che non sono riusciti a “decolonizzare” il loro passato.

La guerra in corso in Ucraina è stata intesa da un lato – la più ampia visione occidentale – in termini di espressione laica della cultura occidentale odierna. In genere, viene presentata come una lotta di questa cultura, vagamente confezionata come “democrazia” contro la cultura autoritaria di Russia, Iran e Cina, culture che riflettono valori offensivi, nativisti e repressivi “scorretti”.

Si ritiene che Putin sia convinto di “aver percepito in America una debole leadership politica e, come un giocatore di scacchi che vede una debolezza sulla scacchiera e un’apertura per un attacco, se ne approfitta”.

Questa rappresenta la lettura autentica di una maggioranza in Occidente. Non è difficile capire perché avrebbe dovuto diventare la visione stabile. È strettamente correlato allo zeitgeist di oggi che tutta la politica non sia che un arazzo manicheo dei “buoni” che vedono le cose in un modo “moderno” e culturalmente consapevole – e di coloro che non sono riusciti a “decolonizzare” il loro passato.

Questo, tuttavia, non spiega del tutto la frenesia della passione ostile diretta a Putin, alla Russia e a tutto ciò che è russo. Niente di simile a questo è stato visto dalla seconda guerra mondiale. Anche allora, non era tutto il popolo tedesco ad essere considerato malvagio.

Nonostante la passione, questa lettura occidentale del mondo ha una logica di fondo. Ed è una logica ineluttabile e irta di pericoli: ad esempio, il discorso di Zelensky al Congresso degli Stati Uniti ha sottolineato una nazione che deve affrontare un attacco non provocato; una nazione che ha attirato sostegno e simpatia dal resto del mondo, ma che non è membro dell’alleanza NATO. Il messaggio era semplice e chiaro: “Vi invito [l’Occidente] a fare di più”.

In risposta, l’ex segretario alla Difesa Leon Panetta ha descritto [1] Zelensky questa settimana come “il lobbista probabilmente più potente del mondo in questo momento”. Ancora una volta, la logica alla base del costrutto secondo cui la Russia ha lanciato – senza essere provocata – la più grande guerra terrestre in Europa dalla seconda guerra mondiale per guadagni tattici “sulla scacchiera” definisce ineluttabilmente l’inevitabile risposta: è necessario più supporto militare a Kiev, in modo che Putin percepisca il pericolo sulla scacchiera e agisca per proteggere i suoi “pezzi degli scacchi” di alto valore.

Finora, il sostegno degli Stati Uniti è appena, ma solo di poco, al di sotto dell’intervento della NATO. Le parole di Zelensky e il video che ha condiviso (sebbene chiaramente realizzati da un’agenzia di pubbliche relazioni professionale – rasato grossolanamente, maglietta da fatica, ecc.), hanno avuto un impatto emotivo che ha trasformato questo aspetto (e quelli in altre capitali) dall’ordinario allo straordinario. A cosa porterà? È la domanda ovvia.

Panetta ha suggerito in risposta: “Se Putin sta raddoppiando, gli Stati Uniti e la NATO devono raddoppiare”.

Dobbiamo essere chiari: Panetta non è solo. La guerra dell’informazione, la frenesia per la guerra, sta prendendo piede. Ci sono quelli che esortano Zelensky a mantenere il messaggio dicendogli che alla fine si spezzerà il rifiuto della NATO di intervenire.

Ma cosa succede se l’analisi del consenso di cui sopra è ERRATA? E se si trattasse di una lettura errata, potenzialmente catastrofica, di Putin e della sua squadra e, cosa più importante, dell’umore della maggioranza dei russi?

Semplicemente vedere il conflitto attraverso una tale lente riduzionista, omette e cancella tutte le sfumature religiose, razziali, storiche, politiche e culturali nascoste del conflitto. Facilita uno stereotipo banale che può portare a decisioni sbagliate.

Se l’Occidente ha torto nel suo stereotipo di “leader autoritario senza principi” – un Putin che porta il suo Paese in guerra per qualche effimero vantaggio tattico contro l’Occidente – allora l’Occidente potrebbe anche sbagliare nel pensare che sta combattendo una guerra tattica ed è quindi sbagliato immaginare che le mosse tattiche consistenti nel caricare il dolore sul piatto russo per far pendere la bilancia si traducano in “una discesa, da un Putin ridotto a misura”.

Ciò che avremmo allora è una guerra totale praticata, da un lato, dalla Russia, lanciata come quella in cui la Russia o si difende o cessa di esistere e dall’altra parte, un “Occidente” bloccato nella logica del proprio costrutto e avvicinandosi alla propria “guerra santa” (secolarizzata).

Le parole e il video di Zelensky hanno avuto un forte impatto emotivo nelle capitali occidentali, chiaramente entrambi intesi per alimentare un’atmosfera riscaldata di emozioni, quasi al punto di rottura. Questa carica emotiva si aggiunge all’angoscia dell’America in declino; all’evidenza che un minor numero di Paesi ora si inchina istintivamente agli Stati Uniti, così prontamente come facevano in passato. È inquietante. Può innescare sentimenti aggressivi di voler vendicare chiunque stia sminuendo l’idea di una nazione con un destino unico.

Questo contenuto emotivo sta già accecando i commentatori occidentali di fronte alle realtà militari sul campo, che vengono ignorate e cancellate dalle affermazioni quotidiane di atrocità strazianti. Nell’occidente di oggi, l’analisi è diventata una mera espressione di cultura corretta e qualsiasi accenno alle realtà di base quasi un crimine. È il contesto perfetto per commettere errori.

A cosa porterà? La logica è convincente: una guerra totale occidentale?

Un pluripremiato regista russo, Nikita Mikhalkov, ha fatto il suo discorso al popolo russo – un parallelo al discorso di Zelensky al Congresso, forse:

“Guardate a noi [il popolo russo] e ricorda che ti faranno la stessa cosa quando mostrerai debolezza… Fratelli, ricordate il destino della Jugoslavia e non permettete che vi facciano lo stesso. Sono personalmente convinto che questa non sia una guerra tra Russia e Ucraina, non sia una guerra tra Russia, Europa e America. Questa non è una guerra per la democrazia di cui i nostri partner vogliono convincerci. Questo è un tentativo globale e forse l’ultimo della civiltà occidentale di attaccare il mondo russo, l’etica ortodossa, sui valori tradizionali. Chi è educato a questi valori non accetterà mai ciò che ci offrono, dai matrimoni tra persone dello stesso sesso alla legalizzazione del fascismo. La guerra è una cosa terribile. Non conosco una persona normale che pensa che la guerra sia una buona cosa. Ma l’Ucraina, l’America e l’Europa hanno iniziato a prepararsi per questa guerra nel 1991… Ci sono due vie d’uscita da questa situazione: o ci difendiamo o cessiamo di esistere. Alla fine, propongo le sagge parole di un uomo intelligente: “Meglio essere impiccati per la lealtà che essere ricompensati per il tradimento”.”

Mikhalkov non è un “anomalia”. La dottoressa Mariya Matskevich dell’Istituto di Sociologia dell’Accademia Russa delle Scienze spiega che gran parte della popolazione russa vede la guerra in Ucraina come “una santa lotta” e “una guerra della Russia con l’intero resto del mondo”. Aggiunge che questa è una posizione che molti russi trovano molto più congeniale di qualsiasi cooperazione con il mondo esterno. Nota che i sondaggi in modo coerente e generalmente accurato dimostrano questo modello, così come la convinzione diffusa che ciò che la Russia sta facendo in Ucraina sia difendersi da un attacco occidentale. Per questo motivo, il sostegno popolare russo a Putin, al suo governo e persino al suo partito Russia Unita è aumentato [2] dall’inizio delle ostilità.

La nozione di “guerra totale” è stata espressa con forza su un canale televisivo in prima serata da un importante pensatore e autore russo, il professor Dugin. Le sue opinioni hanno ottenuto ampio sostegno:

  • La guerra in Ucraina non è solo esistenziale per lo Stato russo, ma è esistenziale per il popolo russo, la sua cultura e la sua civiltà.
  • Un esito positivo in Ucraina è la chiave per la creazione di un Nuovo Ordine Mondiale.
  • Finora l’Occidente non ha mai accettato la Russia come partner, ma l’operazione in Ucraina cambierà le cose.

Potreste essere d’accordo o in disaccordo con questo punto di vista, ma non è questo il punto. Il punto è se si tratti o meno di una visione autentica del popolo russo. Se lo è, allora Putin e la Russia non faranno marcia indietro su una nuova serie di sanzioni occidentali, né nuovi droni o armi forniti a Kiev: la guerra totale è, ovviamente, esistenziale – fino alla fine.

Un eminente accademico serbo, il professor Vladusic, inserisce questo in un contesto più ampio: “C’è una mappa delle civiltà nello “Scontro di civiltà” di Huntington: su quella mappa, l’Ucraina e la Russia sono dipinte dello stesso colore, perché appartengono alla stessa civiltà ortodossa. E proprio accanto all’Ucraina, inizia il colore scuro con cui Huntington segna la civiltà dell’Occidente:

“[Mentre guardo] la guerra attraverso gli occhi di Huntington, ecco cosa concludo: la guerra tra Russia e Ucraina è una grande catastrofe per la civiltà ortodossa. L’ipotetica scomparsa della Russia sarebbe anche la fine della civiltà ortodossa, perché non esiste un altro Paese ortodosso sufficientemente potente per difendere altre nazioni ortodosse. Huntington poi mi sussurra che non è mai successo nella Storia che un Paese si sposti da una civiltà all’altra, non perché alcuni Paesi non ci abbiano provato, ma perché, in parole povere, altre civiltà non li hanno mai accettati in modo permanente. Senza la Russia, il prezzo geopolitico dei restanti Paesi ortodossi cadrebbe così tanto che altre civiltà, nel migliore dei casi, li porterebbero al livello di colonie morenti. Questo, ovviamente, vale anche per l’Ucraina. Nel momento in cui la Russia fosse stata sconfitta, il che significa, molto probabilmente, divisa in più Stati, la stessa sorte toccherebbe probabilmente all’Ucraina. Sappiamo tutti cosa significa la parola balcanizzazione.”

Sembra che la guerra totale possa diventare inevitabile. Le due diverse interpretazioni della “realtà” non si toccano in nessun momento. La logica è ineluttabile. All’interno di queste architetture di odio, fatti storici selezionati o inventati sulla Russia, la sua cultura e la sua natura razziale vengono prese fuori contesto e inserite in strutture intellettuali prestabilite per incriminare il presidente Putin come “teppista” e “criminale di guerra”.

Se ci stiamo dirigendo in questa direzione, dipenderà dall’errore potenzialmente catastrofico di percepire la Russia come un mero attore transazionale, un approccio che deriva dalla denuncia da parte dell’Occidente della propria eredità culturale. Il procedimento è semplice: in passato si leggeva un’opera d’arte, un grande libro per gettare luce e comprensione sugli eventi passati. Oggi è inteso solo come espressione della cultura contemporanea. Basta presentare questa cultura come politicamente scorretta (come bianca, misogina o coloniale) e immediatamente diventa politicamente scorretta, il che significa che qualsiasi menzione di essa è un crimine. Come capire allora la Storia russa? Semplicemente, non può.

Non si può capire come la Russia possa leggere la Storia come una lunga successione millenaria di tentativi di cancellare la Russia; di antico antagonismo e razzismo nei confronti degli slavi; di come i russi potrebbero leggere il recente intervento degli Stati Uniti nell’Ortodossia tradizionale, attraverso il Patriarcato di Costantinopoli, come progettato per promuovere uno scisma [3] nella Comunità Ortodossa al fine sia di minare il Patriarcato di Mosca (il baluardo del pensiero sociale tradizionale), sia di infondere il semi del liberalismo occidentale [4] e valori culturali occidentali nelle Chiese ortodosse nazionali. Molti devoti russi vedono il conflitto ucraino come una “Guerra Santa” per preservare l’etica tradizionalista da un impulso culturale nichilista occidentale.

Si potrebbe anche capire quanti russi vedono la rivoluzione bolscevica, l’intervento neoliberista statunitense dell’era di Eltsin e la cultura “woke” di oggi, come tutti tagliati dalla stessa stoffa (il bolscevismo è solo il wokeismo “prima edizione”): cioè una lotta per annullare la civiltà russa e l’etica ortodossa.

Potremmo leggere la storia in modo diverso, ma quanto sopra, tuttavia, può rappresentare qualcosa della visione autentica della maggior parte dei russi. Questo è il punto. Ha implicazioni per la guerra e la pace.

[1] https://www.washingtonpost.com/politics/2022/03/16/balz-ukraine-zelensky-speech-biden/?utm_campaign=wp_the_5_minute_fix&utm_medium=email&utm_source=newsletter&wpisrc=nl_fix&carta-url=https%3A%2F%2Fs2.washingtonpost.com%2Fcar-ln-tr%2F365625b%2F62324b9e9d2fda34e7d52337%2F596a495a9bbc0f0e09e976aa%2F22%2F46%2F62324b9e9d2fda34e7d52337

[2] https://www.levada.ru/en/2022/02/18/approval-of-institutions-the-state-of-affairs-in-the-country-trust-in-politicians-2/

[3] https://blogs.lse.ac.uk/religionglobalsociety/2022/03/russias-invasion-of-ukraine-the-first-religious-war-in-the-21st-century/

[4] https://eng.globalaffairs.ru/articles/alternative-orthodoxy-unlearned-lessons/

Articolo originale di Alastair Crooke:

https://www.geopolitica.ru/en/article/potential-catastrophe-misperceiving-total-war-tactical-war

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Idee&Azione

22 marzo 2022