La realtà sotto l’impianto AzovStal

image_pdfimage_print

di Pooya Mirzaei

“Il primo di aprile 2022, Deborah G. Rosenblum, Assistente Segretario alla Difesa per i Programmi di Difesa Nucleare, Chimica e Biologica, ha testimoniato davanti al Congresso sui laboratori biologici in Ucraina. Nel suo rapporto, ha ammesso l’esistenza di queste strutture in Ucraina fin dal 2005, affermando che gli Stati Uniti hanno speso più di duecento milioni di dollari per i laboratori biologici in Ucraina.”

Nelle scorse settimane sono stati evacuati i civili e alcuni soldati feriti all’interno dell’impianto AzovStal di Mariopul, in Ucraina. Ma all’interno dell’impianto sono ancora presenti forze militari appartenenti al cosiddetto Battaglione Azov.

Alcuni giorni prima, all’inizio del processo di evacuazione, sono state diffuse alcune notizie, pubblicate per la prima volta dalla TV giapponese 360, su un generale canadese di alto rango, il veterano Trevor Cadieu, che è stato arrestato dalle forze russe all’interno del territorio dell’impianto industriale.

Più di un mese fa, Pepe Escobar, giornalista investigativo di fama internazionale, aveva pubblicato sul suo account Twitter alcune informazioni sulla zona industriale AzovStal, che appartiene all’oligarca ucraino Rinat Akhmetov. Ma in meno di 24 ore, Twitter ha cancellato i suoi tweet e sospeso il suo account.

Secondo le informazioni fornite da Pepe Escobar, nel sottosuolo dell’impianto AzovStal di Mariopul ci sarebbero strutture segrete della NATO gestite in comune dalla NATO e dalla società Metabiota. Queste strutture includono un laboratorio chimico e biologico, la cui esistenza è nascosta al mondo. Escobar, inoltre, fornisce ulteriori dettagli su questo laboratorio, menzionando che la rete sotterranea dell’impianto AzovStal è una rete di 24 km di tunnel, che raggiungono una profondità di 30 metri sottoterra. Questi tunnel ospitano una struttura segreta della NATO chiamata PIT-404 e un biolaboratorio che sarebbe gestito dalla società Metabiota, associata a Hunter Biden, Rinat Akhmetov e all’amministrazione di Zelenskyy.

Ma lo scenario è potuto diventare più chiaro quando due giorni fa è stata diffusa la notizia di un ammiraglio americano, di nome Eric Olson, comandante delle forze speciali statunitensi, anch’egli catturato dall’esercito russo ad AzovStal.

Poco dopo questa notizia, Tim Anderson, direttore del Centre for Counter Hegemonic Studies in Australia, ha scritto su Twitter che diversi alti ufficiali della NATO si sono arresi nell’AzovStal a Mariupol.

Yan Gagin, un funzionario della Repubblica Democratica Popolare di Corea, ha anche affermato che alti ufficiali militari di Francia, Regno Unito e Stati Uniti erano presenti nell’AzovStal di Mariupol.

Gagin ha detto che i combattenti e i civili evacuati dall’impianto hanno hanno diffuso questa notizia, ma anche i tentativi stranieri di negoziare per le forze militari intrappolate nell’impianto potrebbero andare in questa direzione.

Esiste anche una prigione segreta nell’aeroporto di Mariupol. Dopo che le truppe russe hanno preso l’aeroporto e rilasciato alcuni prigionieri, questi hanno anche detto che il governo ucraino li ha minacciati più volte di mandarli in prigioni sotterranee da cui nessuno è mai uscito vivo. Anche questo tipo di prigione così pericolosa potrebbe essere costituita dai tunnel segreti sotto l’impianto.

Le informazioni diffuse sui Biolab segreti non si limitano all’Ucraina. Quattro anni fa, una giornalista freelance armena di nome Dilyana Gaytandzhieva ha diffuso alcune informazioni sui biolaboratori finanziati dal Pentagono in 25 Paesi del mondo, tra cui Georgia e Ucraina. Il 1° aprile 2022, Deborah G. Rosenblum, Assistente Segretario alla Difesa per i programmi di difesa nucleare, chimica e biologica, ha testimoniato davanti al Congresso sui laboratori biologici in Ucraina. Nella sua relazione, ha ammesso l’esistenza di queste strutture in Ucraina dal 2005, affermando che gli Stati Uniti hanno speso più di duecento milioni di dollari per i laboratori biologici in Ucraina. Ha poi continuato dicendo che “nei laboratori ucraini non ci sono armi biologiche offensive che coinvolgano gli Stati Uniti”.

Riguardo l’espressione “armi biologiche offensive”, ci si chiede cosa possa essere un’arma difensiva. Alcuni esperti hanno interpretato le sue parole come usate deliberatamente per mostrare all’opinione pubblica che i laboratori degli Stati Uniti e della NATO esistono in Ucraina.

Date tutte le informazioni di cui sopra, non ci sono dubbi sul fatto che sotto l’impianto di AzovStal ci debbano essere infrastrutture e strutture preziose per l’Occidente e in particolare per la NATO, la cui importanza è tale da valere più della vita di oltre 1000 soldati ucraini insieme a un nutrito gruppo di consulenti e comandanti militari stranieri presenti all’interno dell’impianto.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Bryftmonline

23 maggio 2022