La responsabilità dei territori della Novorossiya liberati dai nazisti deve essere presa immediatamente

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Un nuovo modello amministrativo e politico sta cominciando a prendere forma in Ucraina. È di fondamentale importanza, costituendo il nucleo della Novorossia come una nuova unità storica. In sostanza, i territori dell’Ucraina orientale liberati dai neonazisti si stanno organizzando in una realtà politica indipendente.

 

Cos’è la Pax Russica

La Crimea è diventata parte della Russia. Le Repubbliche Popolari del Donbass hanno acquisito un’identità specifica nel corso di otto anni, portando in entrambi i casi alla creazione di nuove condizioni socio-politiche. Ma le società del Donbass e della Crimea non possono diventare il nucleo della Novorossia. Almeno a breve termine. Pertanto, ciò che sta accadendo nelle regioni di Kherson, Mykolaiv e Zaporizhzhya, liberate dai nazisti, è un fenomeno completamente nuovo. Bisogna prestare particolare attenzione ad esso.

È molto importante garantire l’ordine nei territori delle regioni e isolarle il più possibile dalle zone problematiche – sia da Kiev che dalle zone dove si stanno svolgendo le operazioni militari. È lì, nel sud-est, che si costruisce il futuro. E dobbiamo agire con estrema sottigliezza. Da un lato, è importante che la sicurezza della popolazione sia garantita (e questo richiede una presenza forte). D’altra parte, è necessario assicurare le condizioni per una vita pacifica. Al terzo, vale la pena di iniziare a formare governi territoriali. In quarto luogo, dobbiamo integrare le regioni in un unico spazio informativo. Al popolo deve essere mostrata un’immagine del futuro, e deve essere chiaramente articolata. Senza disclaimer.

Novorossia è un bellissimo nome. Nella fase finale sarà possibile integrare le sane strutture territoriali e politiche in Ucraina in qualcosa di unificato.

Nel frattempo, diversi centri stanno emergendo, almeno due: Novorossiya e Donbass. Nel Donbass, la battaglia contro il nazismo è feroce e non è compresa da molti né nell’Ucraina orientale né in quella centrale. Qui le identità sono rigidamente e radicalmente distribuite. Novorossiya, invece, può emergere senza questa rigida polarizzazione, e in quelle zone dove le forze di liberazione russe sono già presenti e dove lo saranno in futuro, si dovrebbero seguire due modelli: se affrontiamo una resistenza ostinata e feroce, la versione di Donetsk – la lotta radicale contro il nazismo – è inevitabile, se tutto va abbastanza tranquillo, allora dovremmo essere guidati dall’esempio della Novorossiya. Ma il precedente deve ancora essere creato.

La responsabilità dei territori liberati deve essere presa immediatamente. La Russia dovrebbe essere associata all’ordine, alla giustizia, alla razionalità e alla preoccupazione genuina per le persone. Molto dipende da Kherson. Dobbiamo cercare di rendere la regione un modello di ciò che è la vera Ucraina. Il Donbass è troppo pervaso dal dolore, ma è importante trasformare Kherson in una regione dimostrativa. Perciò ogni decisione deve essere ponderata, rapida e sensata. Qui è il momento di dimostrare cos’è la Pax Russica. Lo stesso vale per Zaporizhzhya.

 

Ognuno sceglie la propria trincea

Non meno importante del lavoro nei territori liberati, tuttavia, è il rafforzamento della disciplina all’interno della Russia come componente necessaria di un’operazione militare speciale. È chiaro che nessun compromesso può essere raggiunto tra l’Occidente liberale globalista, che, come afferma esplicitamente Joseph Biden, sta creando un nuovo ordine mondiale e pretende di esserne l’egemone, e la Russia sovrana. Ma il mondo unipolare che si è stabilito nei primi anni ’90 dopo il crollo dell’URSS e del Patto di Varsavia è in declino e il mondo multipolare rappresentato da Russia, Cina, Iran, Pakistan, in parte India, America Latina, Turchia e paesi islamici, al contrario, si sta solo facendo conoscere. Loro se ne stanno andando, combattendo disperatamente nel calderone della storia, noi stiamo arrivando. L’umanità contro l’Occidente, che è impazzito ed è in agonia.

L’ordine mondiale può essere unipolare, come vuole Biden, o multipolare, come insiste sovranamente la Russia.

Il liberalismo è un’ideologia unipolare. Quelli che lo condividono in Russia si trovano nella posizione di collaboratori.

I liberali russi possono scartarla in fretta e passare dalla parte della civiltà sovrana, oppure potrebbero seguire le orme di Alexei Navalny, Alexander Nevzorov o (se hanno tempo) Maxim Galkin, Alexei Venediktov e Lia Akhedzhakova.

L’era del compromesso e dell’oscurità è finita. Ognuno sceglie la propria trincea. Se si sceglie la parte dei liberali, di Biden e dell’Occidente, è effettivamente lo stesso che confessare di essere coinvolti con organizzazioni estremiste vietate in Russia – il battaglione Azov, lo Stato Islamico o Facebook. E il tradimento è punito senza pietà.

C’è però un lato giusto della faccenda: la Russia come civiltà, il popolo russo come soggetto della storia. Per un po’ è stato possibile – relativamente comodo – sedersi su due sedie, ma si sono allontanati per sempre. In un certo senso, questa è la fine del disordine bipolare che era durato (ingiustificatamente) a lungo, logorando la coscienza pubblica e impedendo una vera rinascita e un risveglio. In psicologia si chiama double bind, quando viene dato un comando duro che contiene in sé una contraddizione logica – “Allontanati da me” o “Fai come me – solo osa” (che è tipico di alcuni genitori e specialmente padri verso il figlio). “Globalisti per la sovranità”, “Spie americane per Putin”, “Liberali per la giustizia sociale”, ecc.

Ora i globalisti, le spie e i liberali insieme ai nazisti ucraini, i terroristi di ogni tipo e i russofobi globali sono da una parte e i sostenitori della sovranità, il presidente, un mondo multipolare e l’operazione Z sono dall’altra. Sono duri con noi, non abbiamo altra scelta che comportarci di conseguenza. Ci hanno disconnesso dalle loro reti nella speranza che moriamo. Ritiriamo la nostra fiducia in loro e nei loro orribili, inumani, spregevoli e aggressivi valori e non ha senso coccolare nessuno d’ora in poi.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

26 marzo 2022