La riforma del Medioriente

image_pdfimage_print

di Vyacheslav Matuzov

L’orientalista e diplomatico russo descrive, nell’ottica del suo paese, le principali tendenze del mondo arabo per il nuovo anno.

 

Tendenze generali: fattore cinese

Gli obiettivi strategici, geopolitici e politici degli Stati arabi dovrebbero essere riformati.

La Cina, che negli ultimi anni è stata sempre più attiva in Medio Oriente, avrà probabilmente un ruolo sempre più importante nella regione nel 2022.

Lo sviluppo delle relazioni dei paesi arabi con la Cina, alla luce dell’intensificarsi della crisi economica mondiale, sarà senza dubbio il fattore dominante nei prossimi anni.

Gli Stati Uniti manterranno senza dubbio i loro legami tradizionali con la regione, così come si sono evoluti nel corso dei decenni.

Ma tra i fattori importanti dei nuovi tempi c’è il fatto che la Cina si impegna seriamente e a lungo termine in Medio Oriente. Lo si vede anche nelle relazioni con i paesi del Golfo, che aprono la porta ai suoi progetti d’investimento, pur mantenendo i legami tradizionali con gli Stati Uniti e i loro alleati europei.

Un altro elemento che caratterizza il Medio Oriente è la relazione della Cina con Israele, il suo alleato più stretto e strategico, che guarda anche alla RPC (sono i crescenti investimenti cinesi a cui assistiamo oggi – nella ricostruzione dei porti marittimi, nella sfera militare e così via).

Dobbiamo aspettarci che il ruolo crescente della Cina rappresenti uno degli sviluppi significativi in Medio Oriente e in Asia centrale.

 

La NATO contro la Russia

Per quanto riguarda la Russia, naturalmente, vista la politica intransigente degli Stati Uniti, cammineremo nello stesso corridoio della Cina. Le relazioni tra Russia e Cina, a condizione che la situazione economica del nostro paese rimanga stabile, possono contribuire in qualche modo a rafforzare la posizione della Russia nel mondo arabo.

Ma ciò avverrà a prezzo di un leggero scontro con i paesi occidentali, soprattutto con i paesi della NATO, in particolare con gli Stati Uniti. Non si tratterà di conflitti militari, ma i problemi saranno risolti principalmente nei settori economico, dell’informazione e della tecnologia. Dobbiamo essere tecnologicamente preparati a questi cambiamenti futuri.

Non sono certo che, da un punto di vista economico, siamo oggi pienamente pronti ad accettare e ad affrontare queste sfide. A mio avviso, ciò che serve è un’analisi più dettagliata e attenta dei tradizionali alleati del Medio Oriente con i quali abbiamo interagito negli anni scorsi e che dobbiamo preservare.

Anche se alcuni aspetti di questo rapporto richiederanno probabilmente degli aggiustamenti. La natura della cooperazione economica deve essere rivista, dando priorità agli obiettivi strategici della nostra politica estera e non solo alla redditività dei progetti ai quali partecipiamo.

In primo luogo, la cooperazione con la Turchia, tenendo conto di una serie di punti della sua politica estera nei confronti della Russia. La nostra politica non è sempre chiara e incentrata su questioni strategiche. Di norma, essa si limita alla sfera militare. In campo economico e tecnologico, siamo persi tra gli arabi e Israele, tra le opportunità del mondo arabo e la nostra capacità tecnologica di collaborare con loro.

Dobbiamo concentrarci maggiormente sulle relazioni con paesi come il nuovo Afghanistan, l’Iran e il Pakistan. È probabile che si verifichino dei cambiamenti anche in questo caso. Un evento significativo è stato il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan. I cambiamenti futuri potrebbero influire sullo status delle truppe americane in Iraq. La presenza americana in Siria si annuncia altrettanto cupa.

L’inerzia della Russia in Libia si inserisce anche in un contesto di «sovrattività» di americani, europei e turchi.

 

Riallineamento globale

Il 2022 segna l’inizio della revisione dell’intero sistema di relazioni internazionali istituito dopo la Seconda guerra mondiale, con l’elaborazione di nuove forme di equilibrio dei poteri a livello mondiale.

Questo fattore, naturalmente, sarà strettamente legato al riallineamento globale che già oggi stiamo affrontando (ad esempio, nei colloqui tra Russia e Stati Uniti a Ginevra, nei colloqui tra Russia e NATO a Bruxelles, con gli europei nell’ambito dell’OSCE). Inevitabilmente, questi tre canali negoziali influenzeranno e si rifletteranno sui processi in Medio Oriente.

 

Il cambiamento è inevitabile

Il nostro punto di vista non è percepito dall’Occidente e, ovviamente, l’impasse è evidente. I negoziati lo hanno dimostrato chiaramente: abbiamo presentato all’Occidente richieste ovvie e incontestabili – rispettare la nostra posizione, i nostri interessi nazionali – richieste che l’Occidente finora si è rifiutato categoricamente di fare.

Attendiamo la prossima tappa della politica estera russa – la prossima visita di Putin in Cina a febbraio – che concluderà il ciclo negoziale iniziato con l’incontro tra Putin e Biden a Ginevra e le loro interviste online.

Non dobbiamo dimenticare che i mondialisti cercano di imporre il loro programma al mondo attraverso negoziati politici, al fine di riformare tutte le relazioni internazionali a livello globale.

Hanno avuto qualche successo, ad esempio la pandemia di Covid-19. Questo potrebbe essere visto come una forma di guerra ibrida, un chiaro mezzo di lotta dei globalisti per rimodellare il mondo e stabilire la loro egemonia su tutti i paesi. Possiamo constatare che molti paesi del mondo stanno cedendo a questa pressione. Le severe misure adottate per combattere il coronavirus (vaccinazioni obbligatorie, restrizioni, ecc.) significano, di fatto, che funzionano come uno strumento per riconfigurare l’intero ordine mondiale. In Medio Oriente ciò si rifletterà anche nell’evoluzione dell’equilibrio e dell’equilibrio del potere politico nei paesi della regione.

Due fattori sono illustrativi: la posizione di Israele e dei paesi del Golfo (tutti alleati degli Stati Uniti) nei confronti della Cina.

 

Il Libano come test decisivo

È improbabile che gli sviluppi in Libano abbiano un impatto significativo sugli sviluppi nell’intera regione mediorientale. Il Libano è un paese troppo piccolo per avere un impatto significativo sui processi politici. Ma la situazione laggiù può essere un banco di prova decisivo per i processi in atto nella regione.

È in Libano che due correnti del mondo islamico, sciita e sunnita, si scontrano, riflettendo la tensione tra Iran e Arabia Saudita. Il fatto che il paese abbia vissuto tali difficoltà per un lungo periodo indica che esiste anche un feroce conflitto tra gli interessi americani e quelli iraniani, un tentativo degli Stati Uniti di sottomettere i paesi del Vicino e Medio Oriente in senso lato. Il vicino israeliano svolge un ruolo importante nella destabilizzazione del Libano e incoraggia gli alleati americani a chiedere la cessazione delle attività di Hezbollah nel paese. Ecco perché la situazione in Libano è direttamente collegata alle lotte che si svolgono a livello regionale e globale.

 

Provocazioni contro l’Iran

Gli americani sono apertamente all’origine dell’escalation delle relazioni tra i paesi arabi e l’Iran. La Russia sta cercando di disinnescare le tensioni, mentre gli Stati Uniti stanno agendo nella direzione opposta. I tentativi di boicottare l’attuazione dell’accordo 5+1 sul programma nucleare iraniano sono uno dei modi in cui creano tensioni utilizzando l’animosità tra i paesi del Golfo per imporre loro obiettivi strategici.

I tentativi della Russia di portare i paesi al tavolo dei negoziati della Conferenza internazionale sulla stabilità e la sicurezza regionale, con la partecipazione dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dei paesi della regione (i paesi arabi e l’Iran), si sono scontrati principalmente con l’opposizione degli Stati Uniti, che attualmente conservano una notevole influenza nel mondo arabo.

 

Iraq: un tentativo di restaurazione dello Stato

Per quanto riguarda l’Iraq, non insisterei sulla contraddizione tra sunniti e sciiti. Dobbiamo aspettarci che il futuro dell’Iraq, indipendentemente dalla sua variante, si costruisca su basi tradizionali, in cui sunniti e sciiti troveranno soluzioni comuni alle questioni fondamentali dello Stato. Altrimenti, è una strada verso la divisione, cosa che gli americani stanno spingendo l’Iraq a fare.

È più probabile che vi siano forze sane nel paese e che l’Iraq ripristini lo status di Stato, violato dall’aggressione americana nel 2003, e ripristini pienamente la sovranità e l’indipendenza.

Nell’ambito dei processi in corso nei paesi arabi, con l’attuale dinamica degli eventi, si assiste a una revisione di molte posizioni sul loro orientamento politico, tenendo conto dei cambiamenti a livello globale. L’Iraq è ben lungi dall’essere un’eccezione. Ma il destino dell’Iraq non è solo una lotta tra sunniti o sciiti, ma il desiderio del popolo di trovare un terreno d’intesa tra le posizioni delle due comunità. Non è facile, ma gli iracheni comprendono l’importanza di preservare lo Stato e la necessità di contrastare gli ambienti estremisti che, a mio avviso, sono chiaramente provocati dagli americani. L’estremismo in Iraq da entrambe le parti non è sostenuto dalla corrente dominante dei due rami dell’Islam.

 

I Curdi

Il problema curdo, che ha ricevuto un nuovo impulso negli ultimi dieci anni dagli americani, che hanno trasferito la responsabilità di opporsi ai curdi alle autorità siriane, è anche un serio problema per i quattro stati – Turchia, Iran, Iraq e Siria. Le soluzioni proposte descritte nelle famose mappe del colonnello Ralph Peters non possono essere attuate in pratica perché sono inaccettabili per tutti i paesi menzionati, e sono utilizzate dagli americani solo come un fattore temporaneo per fare pressione su questi stati. La partita di “poker politico” in Siria, giocata da americani e israeliani con il desiderio del popolo curdo di avere un proprio stato indipendente, non ha alcuna prospettiva reale di realizzazione nelle circostanze attuali.

In questa fase storica, la questione curda può essere risolta solo all’interno delle frontiere esistenti e sulla base delle costituzioni esistenti in questi paesi.

Secondo varie fonti, il numero di curdi in questa regione supera i 50 milioni di persone. La mancanza di uno stato per la popolazione è senza dubbio un fattore di instabilità. Ma è causato dalla cattiva eredità delle potenze coloniali britannica e francese all’inizio del XIX secolo.

 

Paesi del Golfo Persico

È improbabile che il compito dei paesi del Golfo sia quello di ritirarsi dalla sfera occidentale. Un compito improbabile perché questi paesi sono troppo dipendenti dagli americani e dall’Occidente. Ma una cosa è perseguire un percorso indipendente e un’altra è avere normali relazioni economiche, politiche e diplomatiche con l’Occidente. Spingere questi paesi a rompere con l’Occidente è improduttivo, e probabilmente non dovrebbe nemmeno essere fatto nel nostro interesse nazionale. Lo sviluppo stabile della regione è più importante.

Inoltre, l’Occidente non dovrebbe usare questa regione come strumento per combattere la Russia, la Cina e altri paesi, soprattutto data la sua esperienza nel sostenere gruppi radicali “islamici” che crea per minare la stabilità politica interna della Russia.

Oggi vediamo che questi paesi agiscono già essenzialmente come stati indipendenti nelle loro relazioni con la Russia. Questo è un grande risultato degli ultimi 30 anni, quando dopo il crollo dell’URSS è stato fatto un passo enorme. Guardate le relazioni con il Qatar, per esempio, o le relazioni molto sviluppate e reciprocamente vantaggiose con l’Arabia Saudita, e non c’è nulla da dire sugli EAU.

Pertanto, dobbiamo aspettarci che le relazioni di questi paesi con l’Occidente sono state, sono e rimarranno. Per quanto riguarda le nostre relazioni, dovrebbero essere sviluppate in altri modi – economicamente, diplomaticamente. Non vedo alcun pregiudizio contro di noi oggi a causa del nostro rapporto speciale con gli Stati Uniti.

 

La Libia

La Libia è la questione più difficile. Ci sono forze concentrate e operanti in Libia, quindi sarà molto difficile cambiare posizione. Prima di tutto, parliamo della Turchia negli affari libici – il paese ha posizioni abbastanza serie lì, sia economicamente che politicamente. I tentativi dei loro avversari di allentare i loro legami sono sfruttati dagli Stati Uniti. La Turchia non avrebbe potuto comportarsi così liberamente lì se non avesse avuto il pieno sostegno degli Stati Uniti in segreto.

Basta guardare le attività di Stephanie Williams, consigliere speciale del segretario generale dell’ONU. Ieri era una rappresentante del Dipartimento di Stato, oggi rappresenta il Segretario Generale dell’ONU. La sua posizione è ripugnante per una certa parte dei libici. Come si può risolvere la questione delle elezioni in queste circostanze? Senza consultare le forze politiche libiche, Williams annuncia che le elezioni non avranno luogo prima di giugno. Ma è la funzione del rappresentante del segretario generale dell’ONU di interferire negli affari interni? La funzione del rappresentante del segretario generale dell’ONU è di aiutare a trovare soluzioni politiche interne in Libia, non di dettarle. Se inizia a perseguire politiche che beneficiano la Turchia, provocherà immediatamente reazioni negative da parte delle forze che le si oppongono. Bisogna trovare soluzioni di compromesso. Finora, non vedo alcun progresso verso un compromesso.

I libici troveranno sempre un terreno comune tra di loro se vengono lasciati soli. Ma il problema è che gli viene impedito di farlo. Questa circostanza – l’interferenza di forze esterne – sarà il principale ostacolo alla soluzione del problema libico. E la principale forza che cerca di imporre soluzioni esterne alla Libia sono gli Stati Uniti. C’è un’intera agenda americana qui, che viene perseguita non solo da Stephen Townsend, il capo del Comando dell’Africa degli Stati Uniti, non solo dall’ambasciatore americano Nuland, ma anche da Stephanie Williams, la rappresentante del Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Quando si osservano gli attori della scena politica libica, ciò che colpisce è l’assenza pratica della Russia e il ruolo apparentemente invisibile degli stati europei, che in linea di principio dovrebbero essere i più interessati a risolvere i problemi della Libia. Gli americani regnano sovrani. È troppo ottimista aspettarsi un cambiamento lì, a meno che gli americani non cambino la loro strategia. Sulla base dei risultati dei colloqui di Ginevra e Bruxelles, è impossibile prevedere prospettive positive sulla piattaforma libica, poiché gli americani mantengono una linea dura e sottolineano la necessità di risolvere tutti i problemi globali e regionali con la forza.

 

Gli americani stanno perdendo credibilità e influenza nella regione

Nonostante il loro vigore, gli americani stanno chiaramente perdendo la loro presa sulla situazione: il ruolo dell’America negli affari internazionali in generale è, a mio parere, tutt’altro che incontestato dai leader di molti paesi della regione, e quindi fragile e instabile.

L’influenza, naturalmente, persiste – ma principalmente a causa di fattori economici, e non più accompagnata dalla fiducia politica e morale. I paesi arabi lo sentono, ed è una delle ragioni per cui si orientano verso altri paesi che si sentono più sicuri economicamente e militarmente (Cina, Russia).

I piani americani per un Grande Medio Oriente fanno parte di un programma più ampio. Anche per quanto riguarda il ridisegno delle frontiere statali sulla mappa politica, che abbiamo visto nei piani degli Stati Uniti (comprese le mappe dei “sanguinosi confini” di Ralph Peters), gli Stati Uniti non si limitano al Medio Oriente e all’Asia centrale (Arabia Saudita, Giordania, Siria, Iran, Afghanistan, Pakistan, ecc). Le idee per cambiare il panorama politico della regione non si riflettono sempre nei media, ma il Dipartimento di Stato, l’amministrazione statunitense e il Pentagono hanno questi piani. Hanno piani simili per la riorganizzazione geopolitica del mondo in Africa, Europa e Sud-Est asiatico. Questo dovrebbe essere sempre preso in considerazione.

Quello che è successo in Kazakistan, per esempio, non è solo un elemento di dissenso interno al clan, ma è pienamente in linea con la strategia americana. Sembrerebbe che Nazarbayev avesse una piattaforma apparentemente positiva – era un uomo con un background sovietico, un ex membro della leadership del CPSU, che gestiva l’URSS – ma ora è chiaro che mentre pubblicamente si nascondeva dietro il desiderio di sviluppare relazioni con la Russia, stava costruendo densi legami economici e politici con l’Occidente, principalmente con gli americani e gli inglesi, a spese dei legami con la Russia e violando i diritti sovrani del popolo del suo stesso paese.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

12 febbraio 2022