La Russia accetta solo di vincere

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

In un’intervista con i giornalisti italiani, Aleksandr Dugin ha formulato la possibilità, le condizioni e l’inevitabilità della vittoria della Russia sull’Occidente.

 

Il presupposto per la vittoria: un programma massimalista e un programma minimalista

Professor Dugin, l’Europa comincia a parlare della terza guerra mondiale. Secondo lei, la Russia è pronta per un confronto diretto con la NATO o ci sono limiti al suo intervento in Ucraina?

Il problema è che la Russia, avendo lanciato un’operazione militare speciale (SMO) in Ucraina, non può che vincere. Questa vittoria ha dei contorni abbastanza concreti – il pieno controllo di tutto il territorio dell’Ucraina il più possibile, minimamente la liberazione della Novorossiya da Odessa a Kharkov, ma in nessun modo meno di così. È una questione di “essere o non essere?”.  Allo stesso tempo, la posta in gioco per l’Occidente è molto diversa. Dare completamente alla Russia l’Ucraina, che l’Occidente ha cercato di strappare alla Russia negli ultimi 30 anni e subordinare la sua politica, è spiacevole, ma non fatale, soprattutto perché l’Occidente ha ora un nemico molto conveniente, che gli permette di risolvere molti problemi – consolidare la NATO, rafforzare il controllo degli Stati Uniti sull’Europa, salvare effettivamente la globalizzazione e in parte anche la stessa egemonia americana. Cioè, anche la perdita dell’Ucraina da parte dell’Occidente non sarebbe un disastro e, al contrario, aprirebbe nuove opportunità. Per la Russia, tuttavia, è diverso: se la Russia non riesce a raggiungere i suoi obiettivi, riceverà un colpo fatale da cui non si riprenderà. La Russia ha attraversato il Rubicone, e tutto ciò di cui ha bisogno ora è la vittoria. Vittoria = essere.

In una tale situazione, la Russia arriverà letteralmente a qualsiasi cosa per raggiungere i suoi obiettivi, anche un confronto nucleare, perché è una questione di vita o di morte. Per l’Occidente, ci sono molte soluzioni diverse dallo scoppio della Terza guerra mondiale e dal suicidio nucleare dell’umanità.

La linea rossa per la Russia è il coinvolgimento diretto della NATO nel conflitto – per esempio, l’ingresso di un contingente militare di uno dei paesi della NATO (Polonia o Romania) in Ucraina. Questo sarebbe l’inizio della Terza guerra mondiale.

Tutto, però, ora non dipende dalla Russia, ma dall’Occidente. Se l’Occidente decide di iniziare la Terza guerra mondiale, cioè di inviare un contingente militare o di essere direttamente coinvolto nel conflitto in qualche altro modo, allora la Terza guerra mondiale avrà inizio; se l’Occidente continua ad aiutare il regime di Kiev in qualche altro modo, rinunciando alla guerra, si potrà evitare.

A livello militare, a che punto la Russia potrebbe dichiararsi soddisfatta e vittoriosa nel conflitto? Quali e quanti territori occupare?

Ho risposto a questa domanda prima: c’è un programma massimo e un programma minimo. Tutto dipende dal corso dello sforzo bellico. Era chiaro fin dall’inizio della SMO che la Russia era concentrata sul programma massimo, da cui i colpi punto per punto sui territori occidentali fino a Lviv. Ma come vittoria sarà anche considerata l’attuazione del programma minimo, cioè la completa liberazione della Novorossia, che comprende i territori dell’Oblast di Kharkiv, naturalmente, il Donbass, l’Oblast di Kherson, Zaporizhia, l’Oblast di Nikolayev, l’Oblast di Dnipropetrovsk e Odessa.

Non pensa che i principi di coesistenza tra la Russia e il resto dell’Europa potrebbero essere definiti in una grande conferenza diplomatica internazionale?

Penso che un nuovo formato per le relazioni della Russia con l’Europa sarà possibile solo dopo la fine della fase militare dell’operazione e alla luce dei suoi risultati. Prima di allora, qualsiasi conferenza sarà priva di significato, perché l’Occidente insisterà solo su una cosa – una cessazione immediata delle ostilità, che la Russia non si fermerà per nulla fino alla vittoria. Dopo la Vittoria si vedrà.

La Russia fa parte dell’Europa, almeno fino agli Urali, e la cultura russa fa parte della cultura europea: cosa resterà di tutto ciò dopo questa guerra? Non pensa che siano stati tagliati dei legami importanti anche per il popolo russo, non solo per quello europeo?

La cultura europea moderna – Cancel Culture, LGBT+, transumanesimo e postmodernismo – non ha niente a che fare con la vera Europa, anzi si basa su una vera e propria negazione di essa. L’Occidente moderno rappresenta l’ultima civiltà decadente, che ha maledetto le sue stesse fondamenta. Meno contatti ha la Russia con questa dannata società tossica, meglio è per la Russia.

La Russia non ha mai fatto parte dell’Europa prima degli Urali o oltre, essendo una civiltà distinta e separata – ortodossa ed eurasiatica. Quindi non è una perdita, e se è una perdita, è solo per gli stessi europei, che perdono in Russia una cultura che è più vicina alla vera Europa che non la parodia dell’Unione Europea liberale atlantista e totalmente degenerata.

 

Un nuovo ordine mondiale?

Qual è la sua visione del Nuovo Ordine Mondiale e quale posto vi occuperà la democrazia?

Il Nuovo Ordine Mondiale è un progetto liberale nella sua fase più alta e finale, quando il liberalismo si trasforma totalmente in un sistema totalitario. Non rimane nulla di veramente democratico e tutto il potere viene consegnato a un governo mondiale transnazionale che detta all’umanità quali valori, norme e regole sono vincolanti, quali sono accettabili e quali sono proibite, trascurando le differenze tra culture e civiltà. Il Nuovo Ordine Mondiale è un campo di concentramento globale. E non c’è posto per la democrazia in esso.

Anche la Russia non ha posto lì, perché insiste sulla sua sovranità e identità, sul sistema di valori russo, che non deve conformarsi alle norme adottate dai globalisti. Pertanto, la Russia sta lottando per un mondo multipolare dove non ci sarà una sola civiltà (liberale, secondo Fukuyama) ma diverse (secondo Huntington).

La Russia, grande per dimensioni ma piccola per prestazioni economiche, potrebbe essere inghiottita dalla Cina in un nuovo ordine mondiale?

Non credo. La Russia è una grande potenza non solo per il territorio e le risorse, ma anche per gli armamenti e la volontà politica. Anche se economicamente è molto inferiore alla Cina, la Russia ha una serie di vantaggi strategici, quindi la Cina non è una minaccia per la Russia, è un nostro alleato nella lotta contro l’egemonia occidentale e per un mondo multipolare. La Cina non può essere sovrana senza la Russia, e la Russia ha bisogno – soprattutto ora – del sostegno della Cina.

 

Pacifismo e guerra

Cosa pensa della posizione espressa da Papa Francesco, un uomo di Chiesa fuori dal controllo degli Stati Uniti, della sua negazione di una “guerra giusta” e del suo appello a cercare un accordo?

Papa Francesco rappresenta un ramo del cristianesimo che, dal Medioevo, non ha rappresentato alcuna autorità per gli ortodossi. Nell’Occidente moderno anticristiano, l’influenza del Papa è minima, ridotta a una funzione umanitaria insignificante e senza importanza. Per noi non fa differenza cosa pensa delle guerre “giuste” e “ingiuste”. E il suo appello a cercare il consenso della civiltà russa in caso di un conflitto vitale con quella che ai nostri occhi è la civiltà dell’Anticristo, senza comprendere particolarmente la nostra posizione, non ha molto peso ai nostri occhi. Avremmo dovuto pensare quando i cattolici hanno sostenuto la russofobia tra gli uniati ucraini. Questo è uno dei numerosi fattori che hanno portato all’attuale conflitto.

Leo Tolstoy è uno scrittore russo molto letto e amato in Europa, un precursore della non violenza, l’ispiratore di Gandhi. Cosa pensa di Tolstoj e della sua eredità?

Tolstoj non è molto popolare nella Russia moderna, ha chiesto il rifiuto della Chiesa e della monarchia, che hanno portato terribili sofferenze ai russi nel ventesimo secolo. È screditato agli occhi della maggioranza. Appellarsi a lui non è un argomento. Personalmente, lo trovo molto interessante, soprattutto nei suoi studi sulle eresie russe e le sette popolari, ma questa è la mia area di ricerca scientifica. Il pacifismo in generale è una delle forme di pensiero più meschine che portano alla guerra totale. Tutto questo era perfettamente previsto da Dostoevskij, che, a differenza di Tolstoj, è nel suo mistico e radicale patriottismo russo una guida per la nostra società, e qui può essere considerato il signore delle menti. Basta prendere il numero di adattamenti cinematografici delle sue opere e le serie TV sulla sua vita. Questo contrasta drammaticamente con la quasi totale mancanza di interesse per Tolstoj.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Katehon.com

7 maggio 2022