La Russia conferma lo schieramento delle truppe NATO per un conflitto armato

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

La NATO si sta preparando per un conflitto armato su larga scala con la Russia, ha detto il viceministro della Difesa russo Alexander Fomin durante un briefing per gli addetti militari e i rappresentanti delle ambasciate straniere accreditate a Mosca.

“La costruzione militare del blocco è completamente focalizzata sulla preparazione per un conflitto armato su larga scala e ad alta intensità con la Russia”, ha detto RIA Novosti. Secondo l’emittente, nei documenti dottrinali della NATO degli ultimi anni, la Federazione Russa è direttamente “senza equivalenti identificati come la principale fonte di minacce alla sicurezza della coalizione”.

Il Fomin ha sottolineato che “la Dichiarazione di Roma è ancora in vigore”. “In esso, in particolare, si stabilisce che la Russia e l’alleanza non si considerano un avversario. Questa linea è stata confermata al vertice del Consiglio Russia-NATO del 2010 a Lisbona “, ha affermato.

In precedenza, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, in qualità di presidente del Consiglio NATO-Russia, ha deciso di convocare una riunione del Consiglio il 12 gennaio 2022. Il senatore russo Alexei Pushkov ha precedentemente commentato il prossimo Consiglio Russia-NATO, osservando che la Russia sarà sola contro 30 paesi membri dell’alleanza, tutti contrari alla posizione della Russia. Il senatore ha aggiunto che, in primo luogo, gli Stati Uniti hanno finora espresso solo la loro disponibilità a discutere il problema, niente di più. “Sia in Ucraina che in una serie di altri problemi, sono nostri avversari e non lo nascondono. In secondo luogo, i loro alleati nell’alleanza saranno costretti a concentrarsi sulla posizione americana solo quando e se verrà raggiunto uno specifico accordo tra Mosca e Washington su base bilaterale”.

Foto: Controinformazione.info

28 dicembre 2021