Radio Komsomolskaya Pravda intervista Aleksandr Dugin

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Intervista del giornalista e pubblicista Sergey Mardan (Radio Komsomolskaya Pravda, programma Morning Mardan) al filosofo Aleksandr Dugin, sul significato filosofico dell’operazione militare speciale della Federazione Russa, analizzando i risultati di 100 giorni di conflitto.

Sergey Mardan: È il quarto mese di eventi tettonici, credo sia importante parlarne in senso filosofico. Discutiamo costantemente di aggiornamenti sulla guerra, di ciò che sta accadendo ai fronti e discutiamo di aggiornamenti economici e di come l’intera configurazione cambierà. Ma parliamo di ciò che sta accadendo in generale nel mondo all’interno della civiltà cristiana o post-cristiana, della forma che sta assumendo sotto i nostri occhi, e parliamo del destino della Russia.

Aleksandr Dugin: Oggi parliamo di cambiamenti fondamentali nelle fondamenta stesse dell’ordine mondiale. La Russia ha fatto un gesto poco più di tre mesi fa che cambia tutto. Ci sono eventi che sfidano il flusso della storia: all’improvviso, qualcuno dice “stop” a questo flusso. La furia dell’inerzia della dispersione ci colpisce in pieno, con tutti i suoi tentacoli.

Le nostre domande sono principalmente filosofiche: naturalmente, sullo sfondo di queste domande, anche il destino dell’Ucraina passa in secondo piano. Non ho alcun dubbio che vinceremo: che Leopoli, ad esempio, sarà liberata e annessa alla Patria slava orientale unificata. E non stiamo tornando alla storia come uno degli Stati nazionali del mondo occidentale, che ha sfidato altri Paesi.

La Russia ha sfidato quello che può essere considerato il principale vettore dello sviluppo moderno. Stiamo mettendo in discussione l’esito di 500 anni di storia occidentale.

Qual è questo risultato? Che l’uomo deve essere liberato da Dio, dalla tradizione, dalla società classista, e che bisogna scommettere sullo sviluppo tecnico, sul liberalismo e sulla democrazia. L’Occidente ha dimostrato come farlo: chi non vuole seguire questa strada deve essere costretto a farlo – costretto, colonizzato, messo sulla strada dell’Occidente, considerata un destino universale. L’Occidente ci è quasi riuscito. Negli anni Novanta Fukuyama, con cui ho più volte polemizzato, parlava della fine della storia – che il mondo era unipolare, l’Occidente aveva costruito un ordine liberale mondiale, la creazione di un governo mondiale, l’intelligenza artificiale era all’ordine del giorno, che le persone erano state liberate dal genere e restava da liberare l’identità umana, trasferire il potere all’intelligenza artificiale, lanciare i robot – e quella sarebbe stata la fine della storia. Ma all’improvviso – Operazione militare speciale russa.

Putin ci ha pensato a lungo: quando è salito al potere, aveva già una sua visione – che la storia non era finita. I suoi avversari hanno criticato la Russia: per la campagna cecena, i problemi interni, la corruzione, il collasso. Per 22 anni, questo è stato il modo in cui ci hanno parlato: abbiamo mostrato le nostre risposte – Ossezia del Sud, Abkhazia, Crimea, Donbass. E comunque siamo stati considerati solo un ostacolo sulla strada di questo processo globale.

E improvvisamente, il 22 febbraio 2022, la Russia riconosce l’indipendenza della RPD e della LPR. Putin ha battuto il pugno: no, il mondo non sarà così. Non lo sarà, e questo è tutto: fate quello che volete. Se cercate di parlare con noi con la forza, non ci sarà alcuna pace. Il mondo sarà multipolare, dove noi e tutti gli altri avremo voce in capitolo, oppure non ci sarà nulla.

È incredibilmente forte, fondamentale: è un gesto nello spirito degli antichi eroi che sfidano il drago invincibile. È Davide che scaglia una piccola pietra contro Golia con la sua fionda, che si rivela fatale.

Per tutta la grandezza e la vastità del nostro Paese siamo più deboli dell’Occidente globale, ma siamo più umani. Dietro di noi c’è quella luce divina che aiuta l’eroe a compiere l’impossibile. Ora siamo nel processo di questo exploit. Non si tratta della rabbiosa e artificiosa creazione dei nazisti ucraini occidentali – certo, è una minaccia seria, ma liquidandola stiamo colpendo il cuore del drago.

Abbiamo sfidato questo ordine mondiale, abbiamo sfidato, senza rendercene conto, l’inerzia di 500 anni della storia occidentale, che ha abbandonato Dio, la trascendenza, il cielo, l’immortalità e l’eternità. Noi agiamo come il vero Catechon, il “trattenere” di cui parla la Seconda Lettera di San Paolo Apostolo.

Anche se spesso non ci comportiamo come dovremmo, questo è un caso in cui la Russia si è trovata all’apice del suo essere storico. In gran parte a causa della decisione di un uomo.

Penso che Putin, come lo chiamava il mio compianto amico, il pensatore e scrittore francese Jean Parvoulesco, sia un “uomo del destino”. Un uomo del destino non significa che sia un mistico e che sia distratto dagli affari terreni: fa semplicemente ciò che deve fare. L’umanità di solito devia dal suo destino, fa l’esatto contrario di ciò che dovrebbe accadere. Anche questo ha un senso, ma di tanto in tanto un sovrano, un leader, un pensatore, un poeta, uno zar, uno scienziato, un uomo del lavoro – diventa improvvisamente al livello del destino. Putin è esattamente così. Penso che sia molto responsabile: non vedo nulla di astratto, di astratto. Segue semplicemente la linea del destino: la salvezza come vocazione, come missione russa, come identità.

Per quanto riguarda la cosiddetta “classe politica”, che si è sviluppata come nostra classe dirigente a partire dalla fine degli anni ’80 nell’URSS in decadenza e negli anni ’90 nelle rovine dello Stato, credo che Putin l’abbia sacrificata tre mesi fa. Ha sacrificato la “carogna” della politica russa. Molti di questa “classe politica” sono fuggiti, ma molti sono ancora qui – e forse sono proprio come quelli che sono fuggiti. Putin li ha in un certo senso sacrificati. Finora questo sacrificio è stato incruento: è stato semplicemente detto loro di andarsene, ma alcuni rimangono e continuano ad aggrapparsi ai loro uffici. La classe politica ha una scelta, ovvero quella di sparire pacificamente, seguire Chubais, mettere su una valigia di mazzette, potete anche portarla con voi, Putin non è un uomo severo infatti, semplicemente, lasciare il territorio del potere, che è quello che viene offerto a tutta la classe politica moderna.

Lei ha detto che Putin il 24 febbraio ha sacrificato il destino storico della Russia, questa classe dirigente marcia e traditrice. Per ora, in modo incruento, mentre sembra che abbiano una scelta, ma tu capisci da adulto che le persone non cambiano, vero?

Credo che cambino. E in questo momento la Russia sta scoprendo l’altra sua faccia, la Russia come chiesa, come religione. Quindi le categorie spirituali si applicano alla Russia e anche il potere politico deve rispettarle; se la Russia si trova nel flusso generale dello sviluppo del mondo occidentale, non c’è bisogno di fare questo. È persino superfluo: si può amare o meno, è facoltativo. Ma di fatto, quando la Russia sfida la civiltà occidentale, ecco che questa dimensione religiosa del nostro destino, della nostra missione, della nostra nazione, del nostro Stato, diventa una componente necessaria e credo che qualcuno della classe dirigente sia in grado di capirlo. In primo luogo, ci sono persone russe consapevoli, che amano il loro popolo. Un’altra cosa è che sono stati assegnati loro altri compiti, sono stati una sorta di manager temporanei, sono stati incoraggiati e spinti alla decadenza, all’auto-arricchimento, al cinismo, all’acquisto di proprietà in Occidente, in zone offshore, a quello stile di vita che l’élite russa ha avuto dagli anni Novanta e Duemila. E ora viene detto loro: “È finita, lasciate le vostre ville, i vostri yacht, le vostre mogli, le vostre amanti, abbandonate tutto quello che avete accumulato lì e andate nudi, in impermeabile a servire la Russia, forse al fronte, forse nelle retrovie, ma siete chiamati in Russia, lasciate tutto, rinunciate a tutto e seguitemi – seguite la Russia”. “Esattamente con l’impermeabile, o quello che ne rimane”. Le tute sono ovviamente provvisorie per loro, le loro tute sono fatte di un materiale molto speciale, molto costoso, di Armani, di Versace, “Andiamo al fronte con una tuta di Versace”. Ma questo è il nucleo russo. La maggior parte delle strutture di potere, a mio avviso, è molto più facile da spostare in uno stato sano dallo stato malato in cui sono stati spinti, i militari, i presidenti di diversi ministeri e dipartimenti, che sono ancora gli stessi russi, che sono stati costretti, che hanno cercato di trasformarli in bastardi, per quasi trent’anni. Penso che la nostra classe sia stata corrotta dalla coercizione, che non sia essa stessa la fonte della propria degenerazione. Hanno semplicemente scelto il peggiore, il più meschino, il più vile, il più cinico. E ora, i principi di selezione sono cambiati all’istante, solo che nessuno ne è stato ancora informato in modo rigoroso, Putin è una persona molto ordinata, ha già iniziato qualcosa che costringerà questa situazione a cambiare, non ne ha nemmeno parlato a nessuno, così molti pensano che questa sia la nostra buona volontà, mentre in realtà tutto rimarrà invariato.

È destinata a risvegliarsi e a cambiare la sua posizione esistenziale, a giurare fedeltà a questo sacro Stato, alla missione russa, all’identità russa, o a scomparire silenziosamente dalla vista, perché Chubais, guarda, come se ne sia andato bene – nessuno lo inseguiva, nessuno gli sparava, nessuno cercava di mettergli un sacco in testa e di mandarlo da qualche parte, a Grozny per esempio, a scontare la sua pena lì, insieme ai criminali nazisti di Azov, in un SIZO ceceno da qualche parte, a cui appartiene, o a Donetsk, dove la pena di morte è ancora in vigore. È partito tranquillamente e senza problemi, ha anche cambiato denaro senza nascondersi, mettendosi solo un berretto all’aeroporto turco. Questa è l’opportunità. Le porte rimarranno aperte per qualche tempo.

Quanto tempo pensi che gli rimanga? Che Yavlinsky, Kasyanov, Chubais, tutti loro se ne vadano in silenzio, pacificamente, prendendosi il loro tempo, scegliendo date convenienti per il loro volo, senza aspettare cosa?

Credo un paio di mesi, verso la fine dell’estate, prima della fine delle vacanze. Tra l’altro, si scoprirà che molti sono andati in vacanza, ma non tutti sono tornati, e credo che entro il prossimo autunno o giù di lì questa epurazione assumerà la natura di una rottura sistemica irreversibile, e allora il discorso sarà diverso. Da qualche tempo Putin, credo, ha lasciato la finestra di opportunità. “Per favore, lo capirete, riconciliatevi, leggete un po’ di storia russa nel frattempo, guardate qualche film storico o i cartoni animati sovietici” (qualcosa che l’élite è ancora in grado di assorbire e ricostruire). Credo che questa finestra, la porta sia aperta per altri tre mesi, la stagione estiva. E in autunno ci ritroveremo improvvisamente in un altro Paese, perché non importa quando finirà la SMO, prima o poi finirà con la nostra vittoria, siamo in una guerra così fondamentale con l’Occidente che non c’è fine in vista, perché non possiamo essere battuti, ma loro non crolleranno così facilmente, non si arrenderanno, questo è solo l’inizio. E credo che in autunno la nostra classe dirigente capirà che questo è solo l’inizio. Tre mesi di riflessione, dopodiché la loro mancanza di comprensione dei compiti che il Presidente ha stabilito sarà segnata dal sabotaggio militare, un sabotaggio in condizioni di guerra. Gli è stato dato il compito di cambiare, per esempio, il sistema educativo, per favore, preparate un progetto serio, non una sciocchezza, lo stesso con la medicina, lo stesso con lo spazio, lo stesso con la sostituzione delle importazioni, lo stesso con il cibo, lo stesso con l’industria, con l’alta tecnologia, se non l’avete fatto allora non siete adatti e non c’è più criterio, sarete semplicemente buttati fuori, e se vedranno che siete ancora collegati alle reti occidentali da qualche parte… Fino a un certo punto questo è stato addirittura accolto con favore, l’intera comunità di esperti, l’intera comunità scientifica ha accolto con favore la partecipazione a fondazioni internazionali, ricevendo sovvenzioni, cercando un qualche tipo di sostegno, abbiamo internazionali – rappresentanti della CFR. Fino a un certo punto, è stato incoraggiato o almeno tollerato. Ora è solo lavoro per il nemico, ora è spionaggio. Questi criteri, a mio avviso, cambieranno in modo molto fluido entro tre mesi ed entreremo in una nuova fase entro l’autunno. Nel frattempo, Putin sta facendo tutto con discrezione, guardate, tutto sta andando come prima, e tutto è già diverso, è una strategia molto corretta senza annunci, senza grandi parole, solo, di fatto, sta salvando la Russia.

Senta, le persone scrivono nei commenti [alla trasmissione] sulla sua tesi che c’è una finestra di opportunità, che si possono leggere libri, cambiare le cose al volo, perché certi l’hanno fatto più di una volta…

C’è una formula che molti non capiscono: “Il patriottismo è l’ultimo rifugio dei mascalzoni”, ma la verità è che quando un mascalzone diventa un patriota, cessa di essere un mascalzone, può guadagnarsi il perdono.  Come il ladro sulla croce che ha passato la sua vita a derubare, uccidere e poi all’ultimo momento ha detto: “Cristo, io ti confesso, tu sei Dio, tu sei il Salvatore”. Qui la Russia perdona anche i peccati e se un uomo giura fedeltà alla Russia, a prescindere da ciò che faceva prima, non è una ri-scarpa. È un’altra cosa. Giurare fedeltà alla Russia è un atto religioso, se una persona fa una scelta diversa e si rivolge alla nostra fede, alla fede nella Russia, alla fede nello Stato, alla fede nel popolo, alla fede nella nostra storia, alla nostra missione, allora penso che non dovremmo dire quello che ha detto prima. I nostri politici, la stragrande maggioranza della nostra élite, hanno cambiato così tante ideologie, convinzioni, abiti, sono cambiati così tante volte, che mi sembra che questa nuova messa in maschera non sarà difficile per loro, solo che non capiscono che questa volta flirtano con qualcosa che non possono superare. Quando facciamo la comunione in chiesa, diciamo “che sia per noi una luce, non un fuoco, per non bruciare le nostre anime”. Qui la Russia può bruciare l’anima di un mascalzone, di un cinico, che cercherà di rivestirsi in questo modo, bruciare dall’interno e questa persona finirà.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

6 giugno 2022