La Russia e l’Occidente: penetrare nella nebbia dell’isteria

image_pdfimage_print

di Pepe Escobar

L’errore fatale commesso da Bruxelles nel 2014 è stato quello di costringere Kiev a fare una scelta impossibile tra Europa e Russia. Uno spettro infesta l’Occidente collettivo: la zombificazione totale, per gentile concessione di un’operazione di psy-ops 24 ore su 24, 7 giorni su 7, che imprime l’inevitabilità dell’aggressione russa.

Sfondiamo la nebbia dell’isteria chiedendo al ministro della Difesa ucraino Reznikov cosa sta succedendo: «Posso assolutamente dire che ad oggi le forze armate russe non hanno creato un gruppo di sciopero che potrebbe fare una forte invasione dell’Ucraina.» Beh, Reznikov ovviamente non sa che la Casa Bianca, con accesso a informazioni presumibilmente privilegiate, è convinta che la Russia invaderà «da un momento all’altro.» Il Pentagono raddoppia: «È molto chiaro che i russi non hanno alcuna intenzione di rallentare.» Da qui la necessità, espressa dal portavoce John Kirby, di preparare una forza di risposta multinazionale della NATO (NRF) di 40.000 soldati: «Se attivata… per sconfiggere l’aggressione, se necessario.»

Quindi «aggressione» è un dato di fatto. La Casa Bianca sta «affinando» i piani militari – 18 all’ultimo conteggio – per tutte le forme di «aggressione.» Per quanto riguarda la risposta – per iscritto – alle proposte russe sulle garanzie di sicurezza, è troppo complessa.Non c’è una «data esatta» quando verrà inviato a Mosca. E i proverbiali «ufficiali» hanno implorato i loro omologhi russi di non renderlo pubblico. Dopotutto, una lettera non è sexy. Eppure, «l’aggressione» vende. Specialmente quando può succedere «da un momento all’altro.»

Gli hacker degli «analisti» gridano che Putin «è ormai quasi certo» di lanciare uno «sciopero limitato» nei «prossimi dieci giorni», completo di un attacco a Kiev: questo configura lo scenario di una «guerra quasi inevitabile.» Vladimir Dzhabarov, primo vicepresidente della Commissione del Consiglio Affari Internazionali della Russia, preferisce avvicinarsi alla realtà: gli Stati Uniti stanno preparando una provocazione per spingere Kiev ad «azioni avventate» contro la Russia nel Donbass. Ciò è collegato ai fanti della Repubblica popolare di Luhansk che riferiscono che «gruppi sovversivi preparati da istruttori britannici» sono arrivati nella zona di Lisichansk.

Luminari come Ursula von der Leyen della Commissione Europea, Jens Stoltenberg della NATO e «leader» di Regno Unito, Francia, Germania, Italia e Polonia hanno annunciato, dopo una videochiamata, che «un pacchetto di sanzioni senza precedenti» è quasi pronto se la Russia «invade.» L’hanno definita «unità internazionale di fronte all’ostilità crescente della Russia.» Traduzione: La NATO implora la Russia di invadere il più presto possibile.

Dei 27, 21 sono membri della NATO. Gli Stati Uniti regnano su tutto il lotto. Quindi, quando l’Ue annuncia che «qualsiasi ulteriore aggressione militare contro l’Ucraina avrebbe conseguenze molto gravi per la Russia», gli Stati Uniti dicono alla NATO di dire all’Ue «quello che diciamo, va.» E in questa strategia di clima di tensione, «quello che diciamo» significa applicare la cruda, imperiale. Divide and Regola per tenere l’Europa totalmente soggiogata.

Gli errori fatali dell’Occidente

Non bisogna mai dimenticare che Maidan 2014 è stata un’operazione supervisionata da Obama/Biden. Eppure, ci sono ancora molti affari in sospeso quando si tratta di impantanare la Russia. Quindi il partito di guerra viscerale russofobico di Washington ora deve fare tutto il possibile per ordinare alla NATO di fare il tifo a Kiev per iniziare una guerra calda – e quindi intrappolare la Russia. Zelensky il Comico ha persino dichiarato che vuole «andare all’offensiva.» Quindi è ora di rilasciare le false bandiere.

L’indispensabile Alastair Crooke ha sottolineato come «accerchiamento» e «contenimento» siano diventati la politica estera predefinita di Biden.» Non «Biden», a dire il vero – ma la combinazione amorfa dietro l’auricolare/il pupazzo controllato dal gobbo che ho designato per oltre un anno come Crash Test Dummy. Crooke aggiunge: «Il tentativo di cementare questa meta-dottrina è attualmente in atto attraverso la Russia (come primo passo). Il buy-in essenziale da parte dell’Europa è il «pezzo-partito» per il contenimento fisico e l’accerchiamento della Russia.» «Accerchiamento» e «contenimento» sono stati, sotto varie forme, punti di forza eccezionali per decenni. L’idea del Partito Guerriero secondo cui è possibile portare entrambe le cose su un fronte a tre – contro Russia, Cina e Iran – è così infantile da rendere inutilizzabile qualsiasi analisi. Ci vuole un drink e una bella risata.

Per quanto riguarda le sanzioni aggiuntive per l’immaginaria «aggressione russa», alcune anime benevole hanno dovuto ricordare a Little Tony Blinken e ad altri partecipanti del combo «Biden» che gli europei sarebbero stati colpiti molto più letali dei russi; senza contare che queste sanzioni avrebbero turbo-caricano la crisi economica collettiva dell’Occidente.

Un breve riassunto è essenziale per capire come siamo finiti impantanati nell’attuale palude di isteria. L’Occidente collettivo ha sprecato l’opportunità di costruire un partenariato costruttivo con la Russia simile a quello che ha fatto con la Germania dopo il 1945. Anche l’Occidente collettivo ha fatto un casino quando ha ridotto la Russia al ruolo di entità minore e docile, imponendo che ci sia una sola sfera di influenza sul pianeta: la NATO, ovviamente. E l’Impero ha fallito quando ha preso di mira la Russia anche dopo aver presumibilmente «vinto» contro l’URSS. Negli anni Novanta e Duemila, invece di essere invitata a partecipare alla costruzione della «casa comune europea» – con tutti i suoi evidenti difetti – la Russia post-sovietica è stata costretta a stare all’esterno a vedere come questa «casa» fosse stata riqualificata e decorata.

Contrariamente a tutte le promesse fatte a Gorbaciov dai vari leader occidentali, la tradizionale sfera d’influenza russa – e persino il territorio dell’ex URSS – divenne oggetto di contesa nel saccheggio del «retaggio sovietico»: un semplice spazio da colonizzare dalle strutture militari della NATO. Contrariamente alle speranze di Gorbaciov – ingenuamente convinto che l’Occidente avrebbe condiviso con lui i benefici dei «dividendi della pace» – all’economia russa venne imposto un rigido modello neoliberale anglo-americano. Alle disastrose conseguenze di questa transizione si aggiunse il sentimento di frustrazione nazionale da parte di una società umiliata e trattata come una nazione vinta nella Guerra Fredda, o Terza Guerra Mondiale. Fu questo l’errore fatale dell’Exceptionalistan: credere che con la scomparsa dell’URSS la Russia come realtà storica, economica e strategica sarebbe sparita anche dalle relazioni internazionali.

Il nuovo patto dell’acciaio

Ed è per questo che la War Inc., il Partito della Guerra, lo Stato Profondo, come vuoi chiamarli, stanno impazzendo ora, alla grande. Hanno respinto Putin quando ha formulato un nuovo paradigma a Monaco nel 2007 – o quando è tornato al Cremlino nel 2012.

Putin ha detto molto chiaramente che i legittimi interessi strategici della Russia dovranno essere rispettati di nuovo. E che la Russia stava per recuperare i suoi «diritti di veto» di fatto nella gestione degli affari mondiali. Ebbene, la dottrina di Putin era già stata attuata dalla vicenda georgiana del 2008. L’Ucraina è un mosaico di bocconcini che fino a poco tempo fa appartenevano a diversi imperi – austro-ungarico e russo – e a diverse nazioni, come Russia, Polonia e Romania. Riunisce il cattolicesimo e l’ortodossia, e ha milioni di russi di etnia russa e di lingua russa con profondi legami storici, culturali ed economici con la Russia. Quindi l’Ucraina era de facto una nuova Jugoslavia.

L’errore fatale commesso da Bruxelles nel 2014 è stato quello di costringere Kiev e tutta la popolazione ucraina a fare una scelta impossibile tra Europa e Russia. L’inevitabile risultato dovrebbe essere Maidan, completamente manipolata dall’intelligence americana, anche se i russi hanno visto chiaramente come l’UE sia passata dalla posizione di onesto mediatore all’umile ruolo dei chihuahua americani. I falchi americani russofobi non rinunceranno mai allo spettacolo del loro storico avversario impantanato in una lenta guerra fratricida nello spazio post-sovietico. Tanto quanto non rinunceranno mai al divide et impera imposto su un’Europa scombinata. E tanto quanto non concederanno mai «sfere di influenza» a nessun attore geopolitico. Senza la loro impronta tossica, il 2014 avrebbe potuto essere diverso.

Per dissuadere Putin dal riportare la Crimea al posto che le spetta – la Russia – ci sarebbero volute due cose: che l’Ucraina fosse gestita in modo dignitoso dopo il 1992, e non costringerla a scegliere la parte occidentale, ma a farne un ponte, come la Finlandia o l’Austria. Dopo Maidan, gli accordi di Minsk si sono avvicinati il più possibile ad una soluzione praticabile: poniamo fine al conflitto nel Donbass, disarmiamo i protagonisti e ristabiliamo il controllo dei confini dell’Ucraina, garantendo una reale autonomia all’Ucraina orientale. Affinché tutto ciò accadesse, l’Ucraina avrebbe avuto bisogno di uno status neutrale e di una doppia garanzia di sicurezza da parte della Russia e della NATO. E rendere compatibile l’accordo di associazione tra l’Ucraina e l’Unione Europea con gli stretti legami tra l’Ucraina orientale e l’economia russa.

Tutto ciò avrebbe forse configurato una visione europea di relazioni future dignitose con la Russia. Eppure, lo Stato Profondo russofobico non lo permetterebbe mai. E lo stesso vale per la Casa Bianca. Barack Obama, quel cinico opportunista, era troppo inghiottito dall’ambiguo contesto polacco di Chicago e non libero dall’ossessione eccezionalista del profondo antagonismo per poter costruire un rapporto costruttivo con la Russia.

Poi c’è l’inconveniente, rivelato da una fonte americana di alto livello. Nel 2013, al compianto Zbigniew «Grand Chessboard» Brzezinski venne presentato un rapporto riservato sui missili avanzati russi. Ha dato di matto. E ha risposto concettualizzando Maidan 2014 – per trascinare la Russia in una guerra di guerriglia come aveva fatto con l’Afghanistan negli anni ’80.

Ed eccoci qui: è tutta una questione di affari in sospeso. Un’ultima parola sulle fionde e le frecce della fortuna oltraggiosa. Nel XIII secolo, l’impero mongolo stabilì la sua sovranità sulla Russia di Kiev, cioè sui principati cristiani ortodossi che oggi corrispondono all’Ucraina settentrionale, alla Bielorussia e a parte della Russia contemporanea.

Il giogo tartaro sulla Russia – dal 1240 al 1552, quando Ivan il Terribile conquistò Kazan – è profondamente impresso nella coscienza storica russa e nel dibattito sull’identità nazionale. I Mongoli conquistarono separatamente vaste zone della Cina, della Russia e dell’Iran. Secoli dopo la Pax Mongolica, è ironico che il nuovo patto d’acciaio tra i tre principali attori eurasiatici sia ora un ostacolo geopolitico insormontabile, che distrugge tutti i piani elaborati da un gruppo di storici emergenti transatlantici.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

3 febbraio 2022