La Russia ha bisogno di una mobilitazione finanziaria

image_pdfimage_print

di Valentin Katasonov

La Russia ha urgente bisogno di una mobilitazione economica. Significa il massimo utilizzo e incremento possibile di tutte le risorse economiche: lavoro (umano), risorse naturali, produzione (capitale fisso), risorse scientifiche e tecniche e risorse finanziarie. Ho notato, tra l’altro, che la mobilitazione delle risorse produttive richiede il pieno utilizzo delle immobilizzazioni esistenti (il loro grado di utilizzo medio nell’economia è inferiore al 50%), nonché il loro aumento e miglioramento attraverso investimenti su larga scala. Gli investimenti per l’espansione della capacità produttiva e per la revisione degli impianti esistenti dovrebbero essere almeno raddoppiati al 40-45% del PIL.

Tuttavia, questi investimenti richiedono ingenti risorse finanziarie. Il Paese è affamato di liquidità (l’indice di monetizzazione dell’economia è inferiore al 50%), i prestiti bancari possono essere ottenuti solo a tassi di interesse usurari (15-20% o più) e il bilancio federale per il 2023 e fino al 2025 è stato redatto con un enorme deficit (2% del PIL per il prossimo anno).

Credo che la fame di denaro nel Paese sia artificiale. È creato dalle autorità monetarie – la Banca di Russia e il Ministero delle Finanze. E la Banca di Russia dimostra con le sue statistiche che il Paese ha un enorme potenziale finanziario non sfruttato. La Banca Centrale ha appena pubblicato i dati della bilancia dei pagamenti per tre trimestri. I dati mostrano che i guadagni netti in valuta estera derivanti dal commercio estero del Paese (ricavi da esportazione meno costi di importazione) per il periodo compreso tra gennaio e settembre di quest’anno ammontano a 238,0 miliardi di dollari. A titolo di confronto, il dato relativo ai tre trimestri dello scorso anno è stato di 107,9 miliardi di dollari. Se l’anno scorso la Russia aveva ricevuto una pioggia di valuta, quest’anno è stata una vera e propria pioggia di valuta.

E come viene utilizzata la moneta di questo diluvio?

Circa 40 miliardi di dollari (esattamente 39,6 miliardi) sono pagamenti netti transfrontalieri di reddito a non residenti (salari, dividendi, interessi e affitti). La maggior parte di questi pagamenti netti riguarda i redditi percepiti dagli investitori stranieri in Russia. Ci è stato detto che il trasferimento di dividendi e altri redditi da capitale percepiti da non residenti in Russia è stato vietato dall’inizio della guerra in Ucraina e delle sanzioni contro la Russia. Tuttavia, le statistiche della Banca di Russia mostrano che le porte della frontiera sono aperte. Per qualche tempo queste “porte” sono state effettivamente chiuse (decreti presidenziali del 28 febbraio e del 1° marzo di quest’anno), ma poi, silenziosamente, le autorità monetarie hanno iniziato ad aprirle. Oggi sono ancora più aperti rispetto a un anno fa, quando i pagamenti netti transfrontalieri di reddito ammontavano a 32,7 miliardi di dollari per tre trimestri dell’anno.

La valuta rimanente dal diluvio che ha colpito la Russia non ha alimentato l’assetata economia russa, ma è fluita fuori dal Paese. Nel linguaggio a volo d’uccello della Banca Centrale, questo si chiama “prestito netto al resto del mondo”. Ecco quindi che si è arrivati a questo punto. Alla fine dei tre trimestri di quest’anno, questi “prestiti netti al resto del mondo” ammontavano, secondo la Banca Centrale Russa, a 195,2 miliardi di dollari. A titolo di confronto, nello stesso periodo dell’anno scorso la cifra era di 74,2 miliardi di dollari.

Non escludo che entro la fine di quest’anno i “prestiti netti al resto del mondo” possano raggiungere i 250 miliardi di dollari. Tali, per così dire, “record” la Federazione Russa non li ha nemmeno sfiorati in tutti i tre decenni della sua esistenza.

Dietro queste cifre c’è un palese gioco al ribasso. Gran parte delle esportazioni russe sono state effettuate non per garantire la mobilitazione economica del Paese, ma per soddisfare le richieste di energia e materie prime russe da parte dei Paesi dell’Occidente collettivo in guerra con noi. Senza entrare nei dettagli, noterò che parte della valuta ricevuta dalle esportazioni è accumulata nei conti degli istituti di credito russi (in particolare Gazprombank) e può essere congelata in qualsiasi momento su ordine di Washington. Un’altra parte è stata ritirata al di fuori della Russia, depositata su conti di banche straniere nei Paesi occidentali e in giurisdizioni offshore. Questa valuta è senza dubbio sotto il pieno controllo di Washington e dei suoi alleati. In realtà, la Russia lavora per i suoi avversari geopolitici. E, tra l’altro, stanno chiaramente attuando sanzioni anti-russe tagliando le forniture di beni vitali per la Russia, compresi i beni di investimento.

Dal 24 febbraio la Russia avrebbe dovuto applicare regole completamente diverse nell’ambito del commercio estero. Ovvero, fornire all’Occidente beni vitali (gas naturale, uranio, titanio, petrolio, metalli di terre rare, ecc.) solo in cambio di beni di investimento. Secondo queste nuove regole, l’obiettivo finale delle esportazioni russe non sarebbe quello di guadagnare valuta estera, ma di garantire la mobilitazione degli investimenti del Paese.

Purtroppo, né a Neglinka (sede della Banca Centrale), né a Ilyinka (sede del Ministero delle Finanze) si discute della necessità di sviluppare e attuare nuove regole per l’attività economica estera. Non se ne parla nemmeno al Ministero dell’Industria e del Commercio. La Banca Centrale e il Ministero delle Finanze stanno facendo tutto il possibile per continuare a giocare secondo le vecchie regole. Tra le altre cose, stanno cercando di mantenere la famosa regola di bilancio che prevede l’accumulo di una parte considerevole dei proventi delle esportazioni in un cuscinetto di valuta chiamato National Welfare Fund (NWF). All’inizio della guerra delle sanzioni, l’Occidente collettivo ha congelato le riserve internazionali della Russia per oltre 300 miliardi di dollari. E nella composizione di queste riserve, secondo le mie stime, quasi un terzo (circa 100 miliardi di dollari) era rappresentato dalla valuta proveniente dalle casse del Fondo nazionale di previdenza. Al tasso di cambio attuale, ciò equivale all’incirca a 5.000 miliardi di rubli. Ma l’anno scorso gli investimenti di capitale nell’economia russa, a prezzi correnti, sono stati pari a circa 2.600 miliardi di rubli. In un momento, la Russia aveva sottratto al Ministero delle Finanze una quantità di valuta estera sufficiente a finanziare investimenti di capitale per due anni. È inoltre improbabile che i nuovi risparmi in valuta estera, secondo le attuali regole del gioco, vengano utilizzati per la mobilitazione degli investimenti. La sostituzione delle valute “tossiche” con valute di Stati amici, come proposto dalle autorità monetarie, è controproducente. Si tratta di valute in deprezzamento con bassa convertibilità. Oggi si suppone che siano valute “amiche”, ma domani potrebbero rivelarsi “tossiche” a causa di alcuni colpi di scena politici.

La mia idea è molto semplice: abbiamo bisogno di nuove regole che permettano di accumulare non la moneta, ma il potenziale economico della Russia e, prima di tutto, il capitale fisso a fini produttivi. Questo è esattamente il modo in cui era organizzata l’URSS. C’era una pianificazione direttiva dello sviluppo dell’economia nazionale e un monopolio statale nella sfera del commercio estero e delle transazioni in valuta estera. I piani quinquennali e annuali stabiliscono progetti per la costruzione di nuove imprese e per la modernizzazione di quelle esistenti. Con una serie dettagliata di indicatori naturali sui tipi e le quantità di beni di investimento (macchinari e attrezzature). Una parte del fabbisogno di beni d’investimento è stata coperta dalle importazioni. Sono stati elaborati piani di importazione quinquennali e annuali. E i piani di importazione erano accompagnati da piani di esportazione, che non era un fine in sé, ma un mezzo per fornire le importazioni. Per definizione, il commercio estero sovietico era in equilibrio. Una parte di essa si svolgeva su base non monetaria (baratto) o attraverso la compensazione (c’era una richiesta minima di valuta estera). Inoltre, era previsto che grandi quantità di valuta estera non potessero essere accumulate nei conti della Banca per il Commercio Estero (autorizzata a mantenere il monopolio statale sui cambi). La valuta che entrava dall’esportatore usciva dalla timoneria per pagare i contratti di importazione. L’intero sistema del commercio estero dell’URSS (il Ministero del Commercio Estero, una cinquantina di associazioni specializzate nel commercio estero, la Banca per il Commercio Estero, le missioni commerciali estere, la sovzagranbank, ecc.

Da molti anni ormai, la Banca Centrale sta strangolando palesemente l’economia russa. Dal 2013 lo fa sotto la bandiera dell'”inflation targeting”. Come si dice, l’aumento dei prezzi può e deve essere controllato con mezzi quali la limitazione dell’offerta di moneta. Questa idea non è nata sul Neglink. È uno dei principi del Washington Consensus che guida la Banca Centrale. Ancora più sorprendente è il fatto che il “paziente” (l’economia russa) stia ancora respirando. Ma dall’ultima delle sue forze.

Quando ero studente (oltre mezzo secolo fa), nelle lezioni di economia ci veniva detto che l’inflazione (o la deflazione) era il risultato di uno squilibrio tra l’offerta di moneta e l’offerta di beni. Per combattere l’inflazione non è necessario ridurre l’offerta di moneta, ma piuttosto aumentare l’offerta di beni. E questo può e deve essere fatto dalla banca centrale, fornendo all’economia denaro per produrre beni. E se la Banca Centrale presta denaro agli speculatori finanziari, lo stock di beni non aumenterà e l’inflazione accelererà. Neglink non fornisce credito per lo sviluppo della produzione, quindi non porrà mai fine all’inflazione. Neglinka non farà altro che accelerare l’inflazione.

In primo luogo, perché priva i produttori di materie prime di un credito accessibile. La Banca Centrale ha mantenuto a lungo il suo tasso di riferimento a livelli proibitivi (è stato portato al 20% a marzo, ma ancora oggi rimane molto alto, al 7,5%). Per le aziende dell’economia reale, i prestiti delle banche commerciali non sono solo inaccessibili per gli investimenti nella ristrutturazione tecnica delle immobilizzazioni. Non possono permettersi nemmeno prestiti a breve termine per integrare il capitale circolante.

In secondo luogo, le aziende che ancora rischiano di mettere al collo un gancio per i prestiti stanno aumentando drasticamente i costi di produzione. Per molti di questi debitori, il costo del servizio del credito diventa una componente importante dei costi. E l’aumento dei costi si ripercuote inevitabilmente sull’aumento dei prezzi dei prodotti dei debitori.

In terzo luogo, la Banca Centrale ha perseguito per molti anni (in conformità con le regole del Consenso di Washington) una politica di aumento delle riserve valutarie. Questa politica creò un rublo russo artificialmente sottovalutato e il tasso di cambio dovette essere lentamente ma costantemente abbassato (gli esportatori erano interessati a questo, così come il Ministero delle Finanze). Ma più della metà di tutti i beni che circolano sul mercato russo sono di origine importata. Il calo del tasso di cambio del rublo non poteva che spingere al rialzo i prezzi del rublo sul mercato interno.

In quarto luogo, la Banca Centrale ha effettuato il salvataggio di molte banche. A questo scopo la Banca di Russia ha stanziato giganteschi prestiti per centinaia di miliardi di rubli. Solo per la Otkritie Bank sono stati spesi 1.300 miliardi di rubli per i salvataggi. Eppure, con questi prestiti di salvataggio, la Banca Centrale non ha fatto altro che chiudere i buchi nei bilanci delle banche commerciali in crisi. In effetti, abbiamo a che fare con una questione di denaro non garantita. La Banca Centrale stava facendo funzionare la macchina dell’inflazione.

Il mio elenco comprende il quinto e il sesto, ecc. La conclusione è molto breve: il principale responsabile dell’inflazione è la Banca Centrale, che non la “mira”, ma la accelera. Con una mano accelera l’inflazione, con l’altra strangola il produttore russo di materie prime.

L’elenco delle azioni della Banca di Russia per impedire la mobilitazione finanziaria nel Paese potrebbe continuare a lungo. Ad esempio, più di due anni fa la Banca di Russia ha dato il via libera alla negoziazione di titoli di emittenti stranieri sulla Borsa di Mosca. Gli investitori russi, invece di investire il loro denaro in titoli di società nazionali, hanno iniziato ad acquistare attivamente azioni di società straniere. In particolare, i titoli delle aziende informatiche statunitensi (Silicon Valley), che già all’epoca erano apertamente sovversive nei confronti della Russia. Nel marzo di quest’anno, il tribunale Tverskoi di Mosca ha dichiarato Meta* (il nuovo nome di Facebook*) un’organizzazione estremista e ne ha vietato le attività in Russia. Meta ha poi continuato a operare sul mercato azionario russo. Roman Goryunov, responsabile della Borsa SPB, ha dichiarato alla conferenza NAUFOR Urals di aver ricevuto un chiarimento dalla Banca Centrale sui titoli in questione. Neglinka ha chiarito che possedere azioni di Meta, riconosciuta come estremista in Russia, non significa finanziare un’organizzazione terroristica. Continua la negoziazione dei titoli Meta.

Un’analisi imparziale dimostra che se la Banca di Russia è coinvolta nella mobilitazione finanziaria, è dalla parte del nostro avversario geopolitico.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

29 ottobre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube