La Russia sapeva come trasformare tutte le sue peggiori sconfitte in vittorie

image_pdfimage_print

di Aleksandr Prokhanov

A Mosca è la giornata della città. Quanto è bella Mosca in questo giorno! Che piazze meravigliose, piastrelle sorprendenti, volti gioiosi! Nelle strade e nelle piazze si aggirano antichi cavalieri russi con elmi e lance. Giocolieri e clown ballano sulle corde. Sirene dorate si tuffano in stagni e fontane. Canti e balli per tutti. E quali meravigliosi piatti vengono serviti nei ristoranti, quali meravigliosi vini costosi i moscoviti degustano, brindando all’amore, alla gentilezza, alla Russia.

Ma la più bella di tutte è la nuova ruota panoramica, quel delizioso cerchio che ci porta dalla terra peccaminosa all’azzurro, al cielo. La ruota della storia russa. Sono arrivato a questa ruota e non ho resistito: mi sono seduto nella meravigliosa culla che mi ha portato in cielo. La ruota si è mossa, si è mossa e mi ha sollevato. Da un’altezza abbagliante, dall’azzurro del cielo, mi sono guardato intorno e ho visto il Donbass coperto di fumo insanguinato. Ho visto Balakleya distrutta al suolo, dove le unità ucraine vittoriose stavano entrando. Ho visto paracadutisti russi respingere gli attacchi dei carri armati ucraini. Ho visto i corpi smembrati dei fanti russi che giacevano sui terrapieni. Ho visto russi prigionieri che venivano torturati dai mostri ucraini: li scuoiavano, gli cavavano gli occhi, gli strappavano la lingua, li castravano. Ho visto le piazze delle città che ci siamo lasciati alle spalle, dove i segugi dei servizi di sicurezza ucraini stanno setacciando le strade alla ricerca di coloro che non molto tempo fa esultavano per la presenza dell’esercito russo qui, che avevano ottenuto passaporti russi, che avevano issato la bandiera rossa della vittoria e i tricolori russi. Ora loro, fucilati, riempiono le piazze, i marciapiedi e i loro appartamenti saccheggiati dai carnefici. La ruota panoramica, la ruota della storia russa si è fermata. Le persone nelle culle di vetro piangevano.

Il numero di soldati russi uccisi a Balakleya e Izyum era direttamente proporzionale al numero di palazzi e ville costruiti dai nostri ricchi intorno a Mosca, nelle località italiane e sulla Costa Azzurra. In proporzione ai miliardi che sono stati prelevati dalla Russia e depositati in banche svizzere e americane.

Nel 1941 i nazisti invasero l’Unione Sovietica e da un giorno all’altro sconfissero la più potente, la più vittoriosa: l’Armata Rossa, che dalla taiga ai mari britannici e al resto del mondo era la più potente e forte.

I tedeschi si avvicinarono a Mosca, portando il granito finlandese del nord per erigere un monumento alla loro vittoria nel centro della capitale. Il popolo fu sopraffatto dallo sconforto. Il nemico si era impadronito delle terre migliori, aveva rovinato le grandi fabbriche. Tutto intorno c’era il panico, i traditori si moltiplicavano, Vlasov si arrese al nemico. Tutto era senza speranza. Ma per volontà del leader Joseph Stalin, per volontà delle forze divine che avevano sempre salvato la Russia dalla mostruosa rovina e dalla morte, fu creata una nuova Armata Rossa. Dalla Siberia e dall’Estremo Oriente furono richiamati i famosi reggimenti siberiani, che diedero battaglia mortale alle armate di carri armati tedeschi a Volokolamsk e Istra. Caddero all’osso, ma mentre i tedeschi, scacciati da Mosca, continuavano la loro avanzata attraverso le steppe saliche verso Stalingrado, questo nuovo esercito, creato in fretta e furia, addestrato e vestito in fretta, arrivò a Stalingrado e ingaggiò un combattimento mortale. Questa nuova Armata Rossa, che aveva subito enormi perdite a Stalingrado, accerchiò il raggruppamento tedesco di Paulus, lo strinse in un anello e lo schiacciò. A costo di gravi perdite, abbiamo tenuto Stalingrado. E su questi campi di battaglia insanguinati abbiamo creato e addestrato un nuovo esercito vittorioso. Questo esercito arrivò al Kursk Bulge con la sensazione di una vittoria imminente e della sua invincibilità. E la battaglia del Kursk Bulge fu per i fascisti un punto di rottura, dopo il quale si lanciarono senza sosta verso la Porta di Brandeburgo.

La Russia sapeva come trasformare tutte le sue peggiori sconfitte in vittorie. I leader russi possedevano i misteriosi codici della vittoria russa, che hanno salvato la Russia nei giorni dei suoi peggiori crolli storici. I leader esperti sapevano come eseguire questi codici segreti in una speciale sequenza misteriosa, e i codici risvegliavano forze incommensurabili nel popolo, creando un turbine vittorioso che superava tutte le avversità.

Il codice “Alla ricerca della vittoria” ha permesso alla coscienza del popolo di non disperare mai, di gridare, implorare e aspettare la vittoria durante i periodi più tristi, formidabili e terribili della nostra esistenza storica.

Il secondo codice è il Codice del Grande Lavoro. Il popolo russo è un popolo di faticatori. Ha faticato giorno e notte sui campi di battaglia, sul fronte interno, nelle fabbriche, nelle università, nelle scuole e negli asili. E questo lavoro sacro ha contribuito a conquistare la vittoria in mezzo alla devastazione, alla devastazione, tra i grandi incendi e le disgrazie.

Il codice della resurrezione russa. Quando la Russia sembrava perire, non era più nella storia, non era più sulla carta geografica, il popolo era scomparso, erano scomparse le misteriose stelle russe che brillavano sulla Russia, all’improvviso è successa una cosa straordinaria: la Russia è risorta. I reggimenti si rialzarono, gli stendardi si rialzarono, apparvero i comandanti vittoriosi e la Russia andò all’attacco, all’offensiva, ottenendo la sua grande ed eterna vittoria.

Un altro codice era quello della Causa comune. La Russia avrebbe potuto ottenere la vittoria sul nemico solo se l’intera nazione avesse lavorato insieme per la vittoria. Un contadino ha lavorato per questo, un principe ha lavorato per questo. Il ricco lavorava per lei, il povero lavorava per lei. Il sovrano lavorava per lei e colui che era scontento del sovrano lavorava per lei. Quando il popolo si è unito in una causa comune di fuoco, la vittoria è stata ottenuta grazie a questa causa comune. La vittoria non può essere ottenuta da una parte del popolo quando un’altra parte è muta e inattiva.

Il geniale creatore, membro del Club di Izborsk Alexander Ivanovich Ageyev, filosofo, tecnocrate, concettuale, infiltrato nell’alta tecnologia moderna, artista e musicista, ha creato un’opera straordinaria – un’ode, un’opera rock, una sinfonia musicale sull’odierno Donbass in guerra. È un’opera straordinariamente bella e sublime, che l’autore vuole portare nella Donetsk in guerra, dove piovono missili e bombe dell’esercito ucraino. Vuole mettere in scena quest’opera rock in un teatro di Donetsk, in modo che le persone stanche della guerra e del rumore dei bombardamenti, persone spaventate e talvolta disperate, assistendo a quest’opera, trovino ispirazione e fiducia in se stesse. Quest’opera parla di loro, rivelando al mondo l’essenza profonda della grande epopea del Donbas. Così, quando si trovava nella Leningrado assediata, Shostakovich suonò la sua grande Settima Sinfonia in mezzo al rombo dei bombardieri tedeschi, tra le strade in cui venivano trasportati i cadaveri congelati dei neonati. Ascoltando questa sinfonia, Leningrado bevve un delizioso sorso della Vittoria imminente. Ageev si è più volte rivolto alle grandi autorità culturali con la proposta di mettere in scena questo oratorio, che avrebbe rappresentato una parola nuova e folgorante nell’arte contemporanea, dove le energie di un tempo si sono inaridite e dove tutto si riduce a volte alla ripetizione di versi e canzoni già cantate e declamate da tempo. Ma ad Ageev fu ripetutamente negata la realizzazione di questo stupefacente capolavoro sinfonico, dicendo che non era né attuale né interessante.

Ma cosa è interessante e attuale oggi? È davvero interessante e attuale che Pugachova e Urgant siano tornati in Russia e farà ridere la gente sulle ossa dei soldati russi morti nel Donbas? È davvero interessante e necessario per le persone?

Durante la Grande Guerra Patriottica tutto il Paese ha combattuto. La gente ha sacrificato il suo ultimo rublo per la Vittoria, fino all’ultimo centesimo. Impoverite, private dei loro lavoratori che erano andati al fronte, le fattorie collettive, dove le donne aravano la terra con i tori, raccoglievano denaro e con questo denaro costruivano carri armati che poi inviavano al fronte.

La Chiesa ortodossa, che in quegli anni non era arrogante, ma snella, tra i suoi templi in rovina, i suoi monasteri in rovina, raccoglieva denaro e inviava colonne di carri armati al fronte. Dove sono oggi le colonne di carri armati che avrebbero potuto essere inviate al fronte dai nostri sontuosi monasteri? Dove sono le colonne di carri armati e i sistemi di armi di ultima generazione che avrebbero potuto essere inviati al fronte da Alisher Usmanov o Abramovich o Friedman o Aven o gli altri nostri oligarchi che stanno costruendo i loro palazzi sulle rive del Mar Nero? Dove sono le loro donazioni? Dove sono i suggerimenti dei nostri uomini ricchi e grassi, che hanno ancora i loro pensieri, le loro famiglie, le loro amanti lì, in Occidente. Non pensano alla nostra vittoria. Volontariamente o involontariamente, vogliono la sconfitta russa, per riavere i loro yacht, i loro aerei, i loro miliardi illeciti.

La vittoria russa è inevitabile. La stella della vittoria sorgerà. L’amarezza delle battute d’arresto temporanee è superabile. I codici vittoriosi russi sono il dono di cui Dio ha dotato la Russia. La capacità di utilizzare questi codici, di comprenderli, di lanciarli nella successione con cui creano una sinfonia – questo è il compito delle autorità russe, questo è il compito e la missione del presidente russo.

Non abbiamo letto i giornali di fondo e non abbiamo guardato lo schermo a colori.

Scrivemmo la lettera “zet” sulle nostre armature e morimmo per le brutte ferite.

Come brillavano le mie corone di diamanti! Era coperto di lacrime, bruciature e sangue.

Sul mio viso batteva piombo fuso. Sulla mia fronte brucia la lettera “vi”.

Un altro codice è quello della Coscienza della Difesa. La coscienza della difesa è sempre stata presente nelle persone. E quando le nubi si sono addensate sulla patria, quando è stata minacciata da una catastrofe mortale, il popolo ha protestato, difendendo la sua vittoria, il suo Sogno Russo, difendendo la Russia. I soldati sul campo di battaglia, i sacerdoti nei monasteri e nei chiostri, gli scrittori nei loro uffici, gli operai nelle fabbriche, che giorno e notte costruivano macchine da guerra e sfornavano bossoli di ottone, si unirono alla difesa.

E, naturalmente, il codice Russia – l’anima del mondo. Quando i russi sui campi di battaglia non pensavano solo alla propria soglia calpestata dal nemico, non pensavano solo al loro grande spazio che il nemico calpestava. Pensavano a tutta l’umanità, a tutta la terra, agli altri popoli schiavizzati, pensavano all’universo. Perché la vittoria russa è cosmica e la coscienza difensiva russa, l’apertura russa al mondo, richiede che i frutti di questa vittoria vadano a tutta l’umanità, a tutto l’essere vivente – fiore o stella, a tutto il cosmo.

Nella Russia di oggi, in guerra in Ucraina, non tutti i codici russi vengono messi in moto. Si mettono in moto solo parzialmente e non nell’ordine in cui vengono lanciati dai conoscitori del mistero. Uno dei codici principali – il codice della Causa comune – è stato infranto e profanato. La Russia di oggi è divisa in due parti. Una è la Russia delle piccole città, delle province russe, delle regioni russe, che sta combattendo nel Donbass, deponendo le sue ossa, compiendo imprese, morendo di ferite nelle infermerie e assumendo l’intero peso di questa guerra su di sé. L’altra è la Russia ben nutrita e afosa di San Pietroburgo e Mosca, che celebra la festa della città, si rallegra nei ristoranti, si gode lo spettacolo del mondo dello spettacolo, ride degli scherzi di uomini senza principi. E questa ingiustizia, questa separatezza, questa alienazione di un’enorme parte del Paese da una Russia ben nutrita e avida, guidata dai consumi, ci impedisce di ottenere una vittoria russa universale

Quanto sono grandi le forze in Russia oggi, che non vogliono la vittoria russa, non la bramano. Queste forze desiderano la nostra sconfitta. Non ne parlano direttamente, a volte agiscono in modo surrettizio. Ma fanno in modo che l’intera volontà popolare, che si attua attraverso il potere, attraverso la verticale russa, attraverso il centralismo russo, si sciolga, si soffochi, vi si formino grumi e compaiano molti tappi che rallentano il nostro cammino verso la vittoria.

Quanto freddi e impassibili sono a volte i discorsi dei nostri ventriloqui politici, che ci richiamano allo stoicismo, riempiendo le nostre onde radio, le trasmissioni televisive con monotoni, fiacchi e pallidi luoghi comuni, che provocano solo irritazione, sconforto e rifiuto nell’anima del russo.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: idee&Azione

13 settembre 2022

 

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube