La Russia schiera la Marina: navi da guerra nel Mediterraneo, gruppo anfibi nel Mar Nero

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Un gruppo di tre navi da guerra russe in grado di sbarcare carri armati e truppe a terra è entrato ora nel Mar Nero, mentre la Marina russa inizia a ammassare navi nel Mediterraneo, secondo le foto di martedì delle navi da guerra fornite a USNI News.

Tre navi da sbarco di carri armati di classe Ropucha – RFS Minsk (127), RFS Korolev (130) e RFS Kaliningrad (102) – sono entrate nel Mar Nero, come si vede nelle foto dell’osservatore della nave Yörük Işık. Lo stesso fotografo ha ripreso martedì mattina le navi che entravano nello Stretto dei Dardanelli. Gli anfibi da 4.080 tonnellate sono ciascuno in grado di sbarcare 10 carri armati principali e circa 350 soldati a terra. Le tre navi facevano parte del gruppo di lavoro composto da sei navi da guerra anfibie assemblato dalle flotte del Baltico e del Nord che si sono fermati nella base navale russa in Siria come parte di una serie di esercitazioni navali, secondo un rapporto del servizio di notizie statale TASS.

Il gruppo di lavoro includeva gli anfibi di classe Ropcha RTS Georgy Pobedonosets (016) e RTS Olenegorsky Gornyak (012) e l’RTS Pyotr Morgunov di classe Ivan Gren da 6.600 tonnellate. Pyotr Morgunov è in grado di far atterrare 13 carri armati principali e 300 soldati, oltre a schierare due elicotteri d’attacco. Naval News ha riferito che il sottomarino d’attacco diesel-elettrico di classe Kilo RTS Rostov-na-Donu (B-237) fa parte del gruppo di lavoro.

Il mese scorso, le navi del gruppo sono partite dall’exclave russa di Kaliningrad, nel Mar Baltico, vicino alla Svezia. Secondo il quotidiano Götebirgs-Posten, le manovre vicino alle acque svedesi hanno spinto Stoccolma a inviare una forza militare per rafforzare l’isola di Gotland. Tutti e sette le unità navali sono attese nel Mar Nero entro la fine della settimana, secondo Naval News. Un cacciatorpediniere statunitense sta operando vicino al gruppo di lavoro nel Mar Egeo settentrionale, ha confermato martedì a USNI News un funzionario della difesa statunitense.

Nel frattempo, la Russia ha anche inviato nel Mediterraneo due incrociatori e scorte di classe Slava con missili guidati da 11.500 tonnellate. Il 2 febbraio, l’RFS Varyag (011) di classe Slava con sede nella flotta del Pacifico, il cacciatorpediniere di classe Udaloy RTS Admiral Tributs (564) e l’oliatore della flotta Boris Butoma sono entrati nel Mediterraneo orientale dal Canale di Suez.

La nave di bandiera della Flotta del Nord, l’incrociatore di classe Slava RTS Marshal Ustinov (055), aveva operato al largo delle coste irlandesi la scorsa settimana. Gli osservatori della nave hanno riferito che lunedì era entrata nel Mar Mediterraneo tramite il sistema di identificazione automatica (AIS). La flotta russa aveva pianificato esercitazioni al largo delle coste irlandesi, ma è stata trasferita dopo le proteste di pescatori irlandesi. La terza nave di classe Slava della Marina russa, la RTS Moskva (121), ha sede nel Mar Nero.

Il Ministero della Difesa russo afferma che il Cremlino ha schierato 140 navi in ​​tutto il mondo come parte di una serie collegata di esercitazioni. “Le esercitazioni copriranno i mari adiacenti al territorio russo e anche aree operativamente importanti dell’oceano mondiale. Esercitazioni separate verranno eseguite nel Mediterraneo, nel Mare del Nord e nel Mare di Okhotsk, nell’Atlantico nord-orientale e nell’Oceano Pacifico”, ha riferito TASS.

Gli schieramenti della Marina russa vanno di pari passo con un accumulo di truppe russe lungo da mesi di oltre 100.000 truppe ai confini dell’Ucraina. Funzionari statunitensi hanno detto ai giornalisti la scorsa settimana che l’accumulo era di circa il 70% della forza di cui la Russia avrebbe bisogno per una spinta iniziale per invadere l’Ucraina.

Alcuni analisti hanno affermato che un’invasione estesa coinvolgerebbe le forze russe nella presa di Odessa, la più grande città portuale dell’Ucraina sul Mar Nero. “Se gli obiettivi della Russia includono negare l’accesso futuro al mare all’Ucraina, dovrà impadronirsi di Odessa. Alcuni prevedono che ciò sarebbe possibile tramite atterraggi anfibi e aerei vicino a Odessa, che si collegano con forze meccanizzate in avvicinamento da est”, ha scritto il mese scorso Seth Jones del Center for Strategic and International Studies.

In risposta, gli Stati Uniti hanno mantenuto l’Harry S. Truman Carrier Strike Group nel Mar Mediterraneo e hanno esercitato il CSG con altre navi alleate durante l’esercitazione Neptune Strike guidata dalla NATO, che si è conclusa il 4 febbraio. Oltre alla portaerei USS Harry S. Truman (CVN-75), alla portaerei Air Wing 1 e alle scorte d’attacco, la Neptune Strike comprendeva la portaerei F-35B della Marina italiana ITS Cavour (CVH-550). Il gruppo operò anche con la portaerei della Marina francese FS Charles de Gaulle (R 91).

Foto: Controinformazione.info

11 febbraio 2022