La sfida russa nell’era digitale

image_pdfimage_print

di Pavel Tulaev

L’obiettivo è quello di formare un nuovo soggetto, ovvero un leader e un vincitore della Quarta Guerra Mondiale. Più in generale, parleremo delle condizioni e dei problemi di creazione dei prerequisiti per la nostra vittoria, delle peculiarità dello sviluppo del cyberspazio informativo e culturale.

Poiché il conflitto militare locale in Ucraina, nel contesto della cosiddetta “guerra ibrida” mondiale, è ormai in pieno svolgimento ed è ormai chiaro a tutti che la Russia è osteggiata dall’intero Occidente unito rappresentato dalla NATO, ritengo sia fondamentale concentrarsi sugli aspetti globali dei processi in corso. Nelle mie pubblicazioni degli ultimi 30 anni, cioè dagli anni ’90, mi sono riferito a questo tema come alle “guerre della nostra generazione”. 

La lotta per la leadership mondiale o regionale coinvolge molti attori in molti spazi, ma oggi è importante sottolineare la sfera della scienza e della tecnologia (la noosfera), il cyberspazio (il mondo virtuale) e i mezzi di comunicazione (comunicazione mobile, piattaforme di rete, ecc.). Queste sono le sfere di alta tecnologia, cosiddette “innovative”, che forniscono la leadership negli armamenti moderni. Sono loro che stanno trasformando la natura della guerra, i metodi e le forme di guerra.

Alcuni analisti ritengono che in Ucraina sia in corso una guerra centrata sulla rete. La sua teoria è stata sviluppata dai vertici militari statunitensi, in particolare dal Force Transformation Branch. Questa dottrina è stata adottata e applicata in diversi conflitti armati. È stata studiata in dettaglio dal nostro collega Leonid Savin nel suo libro “Network-centric and network warfare”.

Voglio sottolineare che l’essenza della moderna guerra cibernetica non sta nel fatto che l’Ucraina sia diventata un terreno di prova, ma nel fatto che il suo spazio è “aereo” e non “terrestre” e non “acquatico”. Ecco perché al dominio americano in mare e all’espansione cinese sulla terraferma si dovrebbe opporre l’aerocrazia, cioè il dominio nel cielo, in tutti i suoi sensi, piuttosto che la guerra di trincea con armi leggere.

Non svelerò qui il complicato tema della multipolarità e della polisoggettività, comprese le strutture transnazionali e latenti, ma vi prego di notare che la competizione mondiale nel suo complesso è formata da un complesso groviglio di contraddizioni e conflitti, dalla lotta aperta e segreta dei servizi speciali, dai complessi militari-industriali, dall’apprendimento reciproco e dalla distruzione con mezzi diversi in caso di collisione militare.

Gli specialisti sanno che il mondo sta vivendo un’epoca di quarta rivoluzione industriale. Insieme alla produzione ad alta intensità intellettuale, con l’automazione e la robotica, è arrivata la “digitalizzazione”. Se questo sia un bene o un male è una questione filosofica ed etica. Da un punto di vista spirituale, si può criticare la civiltà delle macchine per la sua disumanizzazione, alienazione, effetti distruttivi sull’uomo e sulla natura. Lo spirito di Prometeo, che ha portato il fuoco della conoscenza all’umanità, porta alla tragedia di Faust. Il Dio-uomo cristiano degenera in “uomo-deità” e questo porta a sua volta all’individualizzazione della coscienza, alla degradazione dell’individuo e della società moderna in quanto tale.

Inoltre, le élite al potere, talvolta definite “governo mondiale” o “pugnalate alle spalle”, utilizzano consapevolmente la tecnologia più recente per i propri interessi di classe e di clan. Cercano di controllare non solo la produzione, ma l’umanità nel suo complesso. Da qui il controllo digitale (si ricordi la recente esperienza del COVID-19), le armi cibernetiche su fronti militari e “pacifici”. Da qui la coltivazione consapevole di soggetti zombificati, di biorobot programmati, l’uso del sesso come arma sociale e l’imposizione di ogni tipo di “nuova normalità”.

A qualcuno viene dato il diritto di creare e utilizzare l’alta tecnologia, di vivere secondo gli standard dell’élite mondiale, e a qualcuno vengono tese trappole logiche e geopolitiche, imposte “tecnologie ritardanti” e svuotate di “brodaglia culturale” (arte degenerativa).

Spero che tutti qui capiscano cosa sono la dipendenza tecnologica e i dettami programmatici.

I giovani ricchi e giusti sono ansiosi di acquistare gli ultimi, avanzati modelli di computer portatili, telefoni, video e macchine fotografiche, e poi improvvisamente viene spiegato loro che si tratta di “reti nemiche” o “servizi del Quarto Reich”. È emerso che Microsoft, Google, Facebook, Skype, Twitter, WhatsApp, Vyber, Instagram e altri prodotti sono progettati per gli scopi dei servizi segreti occidentali.

Infatti, molti oggetti tecnici dotati di software personale, dai telefoni cellulari ai PC, hanno un numero di identificazione unico che può essere utilizzato per monitorare le attività del proprietario del giocattolo. A questo proposito, i patrioti più radicali consigliano di non utilizzare i programmi occidentali. E cosa viene offerto invece? Questa è la domanda principale.

Rispondetemi, per favore, da dove viene la leadership, se siamo molto indietro rispetto a Cina, Giappone, Stati Uniti ed Europa nella scienza, nelle tecnologie innovative, nell’istruzione, nelle comunicazioni, nell’intensità e nella robotica della produzione? Penso che conosciate questa triste statistica. In caso contrario, ve lo presenterò.

Ricordiamo anche la triste esperienza storica dell’URSS: la genetica fu dichiarata scienza borghese, la cibernetica pure, per di più inventata dai sionisti; Tsiolkovsky fu considerato a lungo un costruttore di dirigibili, Korolev fu dichiarato trotzkista e Tupolev leader del partito fascista russo; la stessa situazione si verificò con altri grandi scienziati: Losev, Snesarev, Svechin e molti altri. È evidente uno schema comune: l’incomprensione dei geni da parte delle autorità e dei burocrati, che li interpretano secondo il loro paradigma semplificato e spesso primitivo.

Cosa dovrebbe fare l’attuale governo russo in queste circostanze non lo dico. Esiste un Consiglio di sicurezza nazionale, diverse importanti istituzioni analitiche e servizi speciali, e una Duma di Stato con una struttura di esperti ben sviluppata a tale scopo.

In generale, come ho già scritto e detto più volte, c’è bisogno di un’introduzione diffusa della teoria e della pratica della leadership. È abbastanza ovvio che nel contesto della feroce competizione globale abbiamo bisogno di una “svolta russa”: il cyberspazio, la noosfera, il “cielo” in senso lato, dovrebbero diventare un campo di competizione. 

E naturalmente, questo habitat virtuale qualitativamente nuovo del soggetto russo non deve trasformarsi in una discarica di informazioni su un tema di guerra caldo: dove è stato ucciso qualcuno, cosa e dove è stato fatto saltare in aria. Un simile vettore di informazioni, nello spirito dei bollettini televisivi dal fronte, porta all’isteria, al panico e alla depressione dell’opinione pubblica.

Il nostro mondo russo nello spazio reale e virtuale dovrebbe essere multidimensionale, pieno, armonioso, estetico, ecc. Qui si dovrebbero coltivare uno stile di vita sano, la forza della mente, la conoscenza fondamentale e applicata, la tradizione nazionale, la strategia pacifica, ecc.

È abbastanza logico che il conflitto locale in Ucraina, chiamato SWO, abbia risvegliato un nuovo livello di comprensione di molti problemi. È sui fronti della guerra mondiale che nasce una nuova generazione di vincitori, i futuri leader del mondo russo.

Traduzione a cura della Redazione

Foto: Katehon.com

13 dicembre 2022

Seguici sui nostri canali
Telegram 
Facebook 
YouTube