La sostituzione dell’importazione e ciò che ne consegue

image_pdfimage_print

di Aleksandr Dugin

Attualmente le autorità e la società, al di là della guerra, si preoccupano soprattutto di come adattarsi alle nuove condizioni. La novità di queste condizioni è che siamo stati esclusi dall’Occidente e abbiamo escluso l’Occidente da noi stessi. Non che si tratti di qualcosa di completamente nuovo e inedito: nella nostra storia, ci siamo trovati molto spesso in questo tipo di rapporto con l’Occidente. Non è un grosso problema, e questa volta non accadrà nulla di terribile. Tuttavia, la nostra vita cambierà in modo significativo.

La prima mossa intuitiva in una situazione del genere è l’impulso a sostituire l’Occidente con qualcosa. Per sostituire tutto ciò che possiamo. In questo modo creeremo un certo fantasma dell’Occidente che si riverserà su di noi attraverso i Paesi terzi, una sorta di hub di sostituzione delle importazioni. Inoltre, riprodurremo l’Occidente in noi stessi. All’inizio sembrerà che tutte queste misure siano temporanee e che l’Occidente si riprenderà, ma allora cominceremo a capire che la rottura con l’Occidente è irreversibile. Non è assolutamente possibile tornare alle relazioni precedenti con loro. E una semplice riconciliazione è possibile sia se loro cambiano radicalmente, sia se noi cambiamo radicalmente. È ovvio che tutti si ostineranno a non cambiare fino alla fine; di conseguenza, anche la sostituzione delle importazioni dovrà sempre avvenire; quando questo diventerà chiarissimo, ci sarà una risonanza della nostra idea di realtà con la realtà stessa.

Qui si deve prendere una decisione importante: importare-sostituire l’Occidente all’infinito o fare qualcos’altro. Entrambe le decisioni sono abbastanza responsabili ed entrambe avranno un enorme impatto sulla nostra vita.

Sostituire per sempre è, da un lato, più facile, perché l’Occidente rimane un faro e un punto di riferimento con cui d’ora in poi dovremo confrontarci non direttamente ma indirettamente. Loro si inventeranno qualcosa e noi importeremo i sostituti una volta. Non è così difficile, ma ci renderà di nuovo dipendenti dall’Occidente, anche se in una nuova forma. Un giorno diventerà ovvio, ma potremmo perdere molto tempo prima di arrivare a comprenderlo.

Se facciamo qualcosa di diverso dalla sostituzione delle importazioni, dobbiamo elaborare un nuovo piano strategico, un nuovo modello, nuove modalità di sviluppo. È teoricamente possibile farlo, ma questo è ciò a cui la nostra società si è abituata. Ci adattiamo perfettamente alle condizioni, qualunque esse siano, ed è un nostro costante onore, ma riusciamo a creare qualcosa di principalmente nuovo solo di tanto in tanto. Anche noi [russi] riusciamo a farlo, e a volte non male, ma non spesso.

Questa seconda via è, ovviamente, difficile. Qui dobbiamo solo iniziare e finire, e soprattutto decidere. In questo caso la Russia costruirà interamente il proprio mondo secondo i propri principi e con i propri metodi. Non esistono scenari e libri di testo già pronti per questo caso. È possibile affidarsi all’esperienza storica o ai Paesi non occidentali (alcuni dei quali hanno ottenuto risultati impressionanti), ma molto dovrà essere semplicemente creato, ricreato e inventato, e tutto questo senza chiare garanzie, per esperimento.

Naturalmente, possiamo presumere che il nostro segare l’Occidente sarà fermato dall’Occidente stesso che ulula senza di noi. Già ora, le conseguenze della rottura di tutti i legami con la Russia e del frenetico sostegno al regime di Kiev stanno danneggiando la politica e le economie dei Paesi occidentali, incoraggiando i leader ad andarsene, le proteste di massa e le crisi politiche. È emerso che non possiamo essere costretti a fare nulla e che molte linee rosse sono state irreversibilmente superate. Per una combinazione di fattori e in concomitanza con altri processi catastrofici, anche l’Occidente, o meglio il potere della maniacale oligarchia globalista, potrebbe crollare, ma non possiamo contarci, e nel nostro stato attuale non siamo in grado di sferrare un colpo mortale all’Occidente. Solo come ultima risorsa, ma in tal caso nessuno sopravvivrebbe. Forse vale la pena considerare questo scenario, seppur solo per evitarlo.

Se l’onnipotenza dell’Occidente finisce da sola, con o senza il nostro aiuto, allora tutto nel mondo cambierà. Tuttavia, per amore del realismo, vale la pena ipotizzare che l’Occidente sopravviverà per un po’ di tempo e rimarrà così com’è ora. Questo è lo scenario inerziale.

E ora mettiamo tutto insieme.

Nel breve termine, ci impegneremo intensamente nella sostituzione delle importazioni. Questo è forse il principale e ovvio imperativo.

A poco a poco ci renderemo conto che questo è a lungo termine, se non per sempre, e creeremo un “simulacro dell’Occidente”. La Cina sta in parte facendo proprio questo, ma non sta rompendo con l’Occidente in modo così netto come noi. Anche se, se la crisi intorno a Taiwan dovesse culminare, i cinesi si troverebbero in una posizione simile. Per ora stanno osservando da vicino come stiamo affrontando una situazione simile. E traggono conclusioni.

Infine, o inizieremo volontariamente e già da ora a pensare di costruire in Russia un modello socio-politico ed economico alternativo e indipendente, o ci arriveremo come necessità, quando tutte le risorse della strategia di sostituzione delle importazioni saranno esaurite.

Se tutto procede per inerzia, è possibile immaginare queste tre fasi come consecutive e dilatate nel tempo. Ma in teoria possiamo pensare di creare qualcosa di originale adesso.

Quanto più chiaramente capiremo che il divorzio dall’Occidente è un affare fatto, che non faremo una scenata e non accetteremo la formula del “via libera”, tanto più presteremo attenzione alla ricerca di alternative.

Naturalmente, la retorica sulla nostra strada si fa già sentire. Ed è giusto e buono. Ma può essere semplicemente una copertura per la sostituzione delle importazioni. È necessario e non ho nulla in contrario. Ma la via propria è un argomento molto serio. Direi troppo serio per lo stato d’animo della nostra classe dirigente, abituata a vivere in cicli brevi. Ma qui tutto è più approfondito e fondamentale.

La cosa più stupida in questa situazione è persistere nel credere che qualcosa, se non tutto, possa essere riportato a come era prima del 24 febbraio 2022. Non c’è nulla di possibile. Una volta accettato questo, benvenuti nella realtà. Altrimenti saremo solo degli illusi.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Idee&Azione

26 luglio 2022