La stampa estera sull’operazione militare in Ucraina

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

Non è un segreto che le guerre moderne siano condotte con l’uso di informazioni e operazioni psicologiche, che sono rivolte sia ai propri cittadini che all’opinione pubblica di altri Paesi. L’operazione militare russa in Ucraina non fa eccezione. Naturalmente, la maggior parte dei media occidentali denuncia Mosca e loda l’Ucraina, dipingendola come una vittima. Ma in alcuni casi ci sono anche valutazioni sobrie degli eventi.

Ci sono materiali emotivi incentrati esclusivamente sul corso delle operazioni di combattimento. Altri suggeriscono di considerare un contesto geopolitico e geoeconomico più ampio. È qui che iniziano le critiche all’espansionismo occidentale e al comportamento poco saggio dell’establishment americano. Inoltre, è necessario anche un monitoraggio approfondito della stampa per capire chi si trova dalla parte amica, neutrale o nemica in un determinato conflitto.

Le pubblicazioni vicine al Pentagono, ovviamente, considerano tutto dal punto di vista della strategia militare e di ciò che gli Stati Uniti dovrebbero fare dopo.

Martin Dempsey, ex presidente del Joint Staff Command delle forze armate statunitensi, ha affermato in un’intervista che “se Putin era disposto a lanciare un’invasione su vasta scala contro un altro Paese alle porte della NATO, dobbiamo essere sinceri con noi stessi che ha percepito qualche segnale dagli Stati Uniti e dalla NATO che gli ha fatto pensare di poterla fare franca e dobbiamo capire quei segnali che stanno erodendo la deterrenza dell’alleanza. Intuitivamente, penso che sia improbabile che Putin avrebbe ordinato l’invasione dell’Ucraina se non avesse percepito che l’alleanza NATO era più vulnerabile rispetto al passato e che tale vulnerabilità stava crescendo nel tempo. Quindi la lezione numero uno per me è che abbiamo bisogno di una presenza militare statunitense rafforzata in Europa e del giusto tipo di dichiarazioni politiche sul valore dell’alleanza per rafforzare il suo valore deterrente.” [1]

In precedenza, all’inizio del gennaio 2022, l’ex ufficiale dell’intelligence della Marina statunitense Scott Ritter aveva scritto di un ipotetico scenario di conflitto tra NATO e Russia, sottolineando chiaramente la debolezza dell’alleanza occidentale [2].

“Se gli Stati Uniti cercheranno di rafforzare le forze NATO alle frontiere occidentali della Russia all’indomani di una qualsiasi invasione russa dell’Ucraina, la Russia presenterà all’Europa un fatto compiuto sotto forma di quello che ora sarebbe noto come il “modello ucraino”… La Russia non aspetterà finché gli Stati Uniti abbiano avuto il tempo di accumulare sufficiente potenza militare. La Russia semplicemente distruggerà la parte incriminata attraverso la combinazione di una campagna aerea progettata per degradare la funzione economica della nazione presa di mira e una campagna di terra progettata per annientare la capacità di fare guerra. La Russia non ha bisogno di occupare il territorio della NATO per un lungo periodo, quanto basta per distruggere qualsiasi potenza militare accumulata dalla NATO vicino ai suoi confini. E qui viene il bello: a parte l’impiego di armi nucleari, non c’è nulla che la NATO possa fare per impedire questo risultato. Militarmente, la NATO non è che l’ombra di sé stessa. Gli eserciti d’Europa, un tempo grandiosi, hanno dovuto cannibalizzare le loro formazioni di combattimento per assemblare “gruppi di combattimento” delle dimensioni di un battaglione nei Paesi baltici e in Polonia. La Russia, d’altra parte, ha ricostituito due formazioni delle dimensioni di un esercito – la 1a armata di carri armati della guardia e la 20a armata di armi combinate – dell’era della Guerra Fredda, specializzate in una profonda azione militare offensiva”, scrive l’autore.

Un gran numero di pubblicazioni dedicate alla crisi ucraina è pubblicato dal portavoce dei globalisti del Council on Foreign Relations.

L’articolo dell’11 marzo di Stephen Biddle incita apertamente a un’ulteriore militarizzazione dell’Ucraina, anche se è completamente occupata dalle truppe russe [3].

Biddle pone la domanda: “Come possono i Paesi occidentali continuare a fornire armi e materiale all’Ucraina senza provocare ritorsioni da parte di Putin? Quanto grave potrebbe essere quella rappresaglia? E il sostegno materiale dell’Occidente farà davvero molta differenza nel tentativo dell’Ucraina di respingere l’Invasione russa?”.

“Altri dibattiti sulla fornitura di risorse militari all’Ucraina, ad esempio il rifiuto di Washington di un’offerta polacca di inviare aerei da combattimento in Ucraina attraverso una base statunitense in Germania, indicano timori persistenti all’interno dell’alleanza NATO che un intervento troppo avanti nel conflitto possa portare al confronto diretto con la Russia. Queste paure sono giustificate? La strategia occidentale di trasferire risorse all’Ucraina non è una novità: le armi di terzi sono estremamente comuni nella guerra moderna. Un’escalation del conflitto è sempre possibile, ma i trasferimenti di armi di solito non coinvolgono nella guerra i loro fornitori. In parte ciò è dovuto al fatto che i trasferimenti di armi da soli sono raramente decisivi in ​​guerra. Né ora possono garantire una vittoria decisiva per l’Ucraina contro la Russia. Possono certamente aiutare e senza di loro è improbabile che l’esercito ucraino sia in grado di rifornirsi per una lunga guerra. Ma le capacità superiori della Russia dovrebbero consentire a Putin di respingere le forze ucraine, se Mosca può superare i problemi logistici, di comando e tattici che hanno tormentato la sua invasione finora. Se la Russia riesce a capire come sfruttare adeguatamente i suoi vantaggi, alla fine potrebbe occupare abbastanza territorio da costringere gli ucraini alla rivolta. Un risultato migliore per l’Ucraina richiederà o la continua inettitudine dell’esercito russo o un intervento occidentale che presuppone un livello di rischio che la NATO non è disposta a tollerare. Ciò che i trasferimenti di armi possono fare è colmare queste due opzioni, che rappresentano un modo per gli Stati Uniti e i loro alleati di contribuire alla difesa dell’Ucraina, aumentare il costo dell’aggressione russa senza coinvolgere direttamente la Russia e dare all’Ucraina la possibilità di respingere le forze russe senza superare la tolleranza al rischio della NATO. Tuttavia, più munizioni gli Stati Uniti e altri possono inviare in Ucraina ora, meno efficace sarà la sicurezza del confine russo nel soffocare una futura rivolta delle armi. I trasferimenti di armi sono ora un investimento in una successiva resistenza anti-russa, anche se la Russia schiaccia l’esercito regolare ucraino” conclude Biddle.

Un punto di vista simile si riflette nell’articolo “L’America deve fare di più per aiutare l’Ucraina a combattere la Russia” [4]. L’articolo fa pressioni sull’idea di fornire armi all’Ucraina tramite prestito e locazione. Chiaramente, il complesso militare-industriale statunitense e i falchi di l’establishment politico sarà interessato a questo.

Una posizione più moderata nella stessa pubblicazione è rappresentata da Emma Ashford e Joshua Shifrinson [5]: i due autori hanno uno spiccato approccio umanitario, nel senso dell’importanza di una cessazione anticipata delle ostilità e della necessaria assistenza alla popolazione civile. Essi scrivono che “è probabile che le prossime settimane saranno più pericolose. Gli Stati Uniti dovrebbero essere particolarmente in sintonia con i rischi di un’escalation all’inizio della prossima fase del conflitto e dovrebbero raddoppiare la ricerca di modi per porre fine al conflitto in Ucraina quando si presenterà una finestra di opportunità. Ciò può comportare scelte difficili e spiacevoli, come la revoca di alcune delle peggiori sanzioni alla Russia in cambio della fine delle ostilità. Tuttavia, tali scelte saranno più efficaci di qualsiasi altra opzione disponibile nell’evitare una catastrofe ancora peggiore.”

Una posizione abbastanza sana sulla situazione in Ucraina è stata assunta da un noto studioso internazionale, il professore all’Università di Chicago John Mearsheimer. In un’intervista al New Yorker, ha affermato che “la strategia più saggia per l’Ucraina è quella di interrompere le sue strette relazioni con l’Occidente, in particolare con gli Stati Uniti, e cercare di accogliere i russi. Se non ci fosse stata la decisione di estendere la Nato verso est per includere l’Ucraina, la Crimea e il Donbass farebbero oggi parte dell’Ucraina e non ci sarebbe guerra in Ucraina.” [6]

Questa intervista ha causato una tempesta di indignazione tra i falchi americani e i globalisti, che hanno lanciato una campagna di vessazioni nei confronti del famoso scienziato.

La stessa pubblicazione ha poi pubblicato un articolo sulla reazione della Germania e su cosa faranno lì, data la dipendenza dalle forniture energetiche russe [7].

Vi si afferma che “la svolta militare di Scholz prevede una spesa immediata di cento miliardi di euro per le forze armate e, negli anni a venire, il ritorno a spendere più del due per cento del PIL per la difesa. Raggiungere la soglia del due per cento rispetterebbe l’impegno della Germania nei confronti della NATO. Particolarmente irrisolto, tuttavia, è il modo in cui la Germania intende sopravvivere con molto meno dei combustibili fossili russi che ha cercato in tutti questi anni. Secondo Bloomberg, il Paese ora fa affidamento sulla Russia per due terzi del suo gas naturale, metà del suo carbone e quasi un terzo del suo petrolio. Estendere l’affidarsi all’energia nucleare non sarà un semplice rimpiazzo. Lo scorso autunno, gli esperti di energia mi hanno detto che prolungare la vita delle tre centrali nucleari rimaste in Germania non era fattibile: è difficile invertire il processo di chiusura una volta che è stato avviato. Martedì, il ministro dell’Economia, Robert Habeck, membro del Partito dei Verdi, ha escluso un’estensione del nucleare. Il Paese potrebbe ritardare la sua uscita dal carbone, ma ciò metterebbe in pericolo i suoi obiettivi di ridurre drasticamente le emissioni di carbonio. E la produzione di elettricità è tutt’altro che l’unica preoccupazione: il gas naturale viene utilizzato per produrre fertilizzanti e, soprattutto, per il riscaldamento domestico in inverno. La Germania era stata così sicura nei suoi gasdotti russi che solo ora sta costruendo due terminal sul Mare del Nord per ricevere gas naturale liquefatto da altri Paesi. I terminali impiegheranno almeno due anni per essere completati e il gas stesso sarà probabilmente molto più costoso (l’Unione Europea, nel suo insieme, ha annunciato piani questa settimana per ridurre di due terzi le importazioni annuali di gas naturale russo). Berzina, del German Marshall Fund, mi ha detto che la preoccupazione più immediata sarà l’acquisto di abbastanza gas naturale quest’estate da immagazzinare per il prossimo inverno, a prezzi probabilmente dolorosamente alti. Oltre a ciò, il Paese dovrà investire pesantemente nel passaggio di quante più famiglie possibile dalle caldaie a gas alle fonti di riscaldamento elettriche, che secondo lei potrebbero costare migliaia di dollari per casa. Per fornire l’energia per quell’elettricità aggiuntiva, ha aggiunto, il Paese dovrebbe riconsiderare la sua opposizione al nucleare, un’avversione derivante da una combinazione di concezioni naturaliste profondamente radicate dell’inviolabilità del suolo tedesco e timori dell’era della Guerra Fredda di essere catturati nel mezzo di una guerra nucleare.”

Tuttavia, i materiali sulle future conseguenze globali delle sanzioni anti-russe stanno comparendo sempre più spesso. E le conclusioni sono deludenti: le conseguenze devastanti riguarderanno, in primis, i Paesi della UE, ma anche gli Stati Uniti e il mondo intero, a causa dell’interruzione delle catene di approvvigionamento e dell’imminente crisi energetica.

Anche l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia. Michael McFaul, ha osservato che non ci sono russi “innocenti” o “neutrali” [8].

In effetti, McFaul ha espresso ciò che è noto da tempo: il razzismo profondamente radicato dell’Occidente nei confronti di altri Paesi e popoli.

I media pakistani hanno richiamato l’attenzione sui fatti di discriminazione nei confronti dei rifugiati di origine non europea, perché migliaia di studenti provenienti da Paesi africani e asiatici hanno cercato di lasciare l’Ucraina.

Una delle principali pubblicazioni ha osservato che “razializzando” la minaccia degli immigrati, normalizzando la retorica anti-immigrati e anti-musulmana e definendo e presentando i rifugiati come migranti economici che cercano di sottrarre risorse — nel tentativo di sottrarsi alla loro difficile situazione — questi partiti hanno una storia sull’incassare voti e sentimenti pubblici diffondendo la xenofobia e rendendo le loro già scettiche popolazioni timorose e diffidenti nei confronti degli “estranei indesiderati”, principalmente musulmani di carnagione scura <…> La maggior parte delle dichiarazioni xenofobe sono registrate” [9].

Zamir Akram scrive nella sua colonna sul Tribune che “la narrativa russa è stata praticamente bloccata censurando efficacemente i loro mezzi di comunicazione e sono state imposte sanzioni globali contro Mosca. La realtà, ovviamente, è abbastanza diversa. In effetti, la crisi ucraina è un classico caso di gioco di potere geopolitico tra Russia e Stati Uniti che si è accumulato sin dalla fine della Guerra Fredda nel 1991. Questa resa dei conti è finalmente avvenuta in Ucraina. Il suo risultato avrà implicazioni di vasta portata per il futuro ordine geopolitico globale <…> Il Pakistan ha perseguito la politica corretta rimanendo neutrale in questa crisi. Il Primo Ministro ha avuto ragione anche nell’andare avanti nel suo incontro programmato con Putin a Mosca. Gli interessi strategici del Pakistan richiedono una politica equilibrata in un mondo multipolare. La traiettoria ascendente nei rapporti con la Russia deve quindi essere mantenuta. Dobbiamo anche rimanere consapevoli dei legittimi interessi di sicurezza della Russia in risposta alla provocazione occidentale.” [10]

I media indiani, che hanno una vasta esperienza in falsi e disinformazione, sembrano essersi schierati dalla parte ucraina. È probabile che abbiano ricevuto un certo compenso per questo.

Quindi, in un rapporto di India Today, è stato detto che le truppe russe hanno attaccato la centrale nucleare di Zaporizhia e gli ucraini sono stati in grado di riportarla sotto il loro controllo, il che non era vero [11].

In un altro rapporto dello stesso media, è stata fornita una piattaforma per il leader dell’opposizione latitante (praticamente dimenticato nella stessa Russia): Garry Kasparov [12].

L’Hindustan Times ha confuso vari fatti, spacciandoli per la valorosa resistenza dei cittadini ucraini. Ad esempio, un video in cui un uomo trasporta una mina dalla strada al lato della strada è stato presentato come resistenza all’esercito russo, mentre l’attività di minamento è stata effettuata dall’esercito ucraino (o da formazioni naziste) e la mina è stata trasportata da un residente locale di opinioni filo-russe [13].

Ma la presentazione più odiosa è stata sul canale WION negli episodi del programma Gravitas, dove si diceva sullo sfondo di un briefing della leadership bielorussa che “il prossimo obiettivo di Putin sarà la Moldova” [14]. Anche altre versioni di questo programma sono state fatte in linea con la propaganda anti-russa.

Il professor Masahiro Matsumura di Osaka ritiene che in questa storia sia importante comprendere il ruolo di Biden nelle dinamiche macrostoriche della politica mondiale, dove per due decenni gli Stati Uniti hanno affrontato la rapida ascesa della Cina, parallelamente al declino della loro egemonia, come dimostrano le note dichiarazioni del presidente Obama nel settembre 2013 secondo cui gli Stati Uniti non sono più i poliziotti del mondo. Questo declino è gravemente aggravato dall’estensione dell’impero di fronte alla crescente vulnerabilità strutturale dell’economia causata dalla globalizzazione iperdinamica.

Ciò ha creato una profonda spaccatura tra le élite americane e il pubblico sull’opportunità di continuare o porre fine alla politica di egemonia. E questo ha portato all’arrivo del presidente Donald Trump (2017-2021).

Doveva esserci una sorta di coordinamento diplomatico con la Russia per controbilanciare strategicamente la Cina come principale concorrente degli Stati Uniti. Ma i globalisti hanno cercato di mantenere l’antagonismo nei confronti della Russia, cercando allo stesso tempo di mantenere lo status quo in un mondo globalizzato, inclusa una forte interdipendenza con la Cina.

Quindi i globalisti hanno inventato il cosiddetto “Russiagate” per mettere sotto accusa il presidente Trump.

Matsumura ritiene che “se il presidente Trump fosse stato rieletto per il secondo mandato, avrebbe adottato almeno un approccio parzialmente accomodante nei confronti della Russia in modo da consentire la formazione di un fronte comune contro la Cina, con sforzi per abbandonare il lungo periodo di politica egemonica verso il multipolarismo. Ciò avrebbe comportato sicuramente un accordo con la Russia per mantenere la stabilità regionale centrata sull’Ucraina, trasformando il Paese in uno Stato cuscinetto come uno Stato neutrale o uno Stato finlandese. In tal modo, sarebbe stato possibile trovare condizioni più favorevoli di quelle che potrebbero essere stabilite da una catastrofica sconfitta dell’Ucraina nell’attuale guerra con la Russia. Evidentemente, l’attuale guerra Russia-Ucraina è stata conseguente alla cattiva gestione globalista del declino egemonico degli Stati Uniti in cui il presidente Biden ha svolto continuamente un ruolo centrale per più di un decennio, nel contesto geopolitico che limita la possibile portata dei risultati.” [15]

Phyllis Bennis del think tank americano “Foreign Policy in Focus” sottolinea anche che l’Occidente stesso è colpevole di aver provocato la Russia. E alle azioni della Russia in Ucraina si dovrebbe reagire esclusivamente con mezzi diplomatici [16].

Bennis sottolinea che “la NATO permane e ha solo invaso ulteriormente la Russia, dando vita a nuovi Paesi NATO – irti di sistemi di armamenti NATO – proprio ai confini della Russia. La Russia vede quell’espansione – e l’integrazione dei Paesi vicini nei partenariati militari guidati dagli Stati Uniti – come una continua minaccia. L’Ucraina non è un membro della NATO. Ma in passato gli Stati Uniti e altri membri della NATO hanno sollecitato la sua accettazione e la Russia considera la deriva dell’Ucraina verso l’Occidente come un precursore dell’adesione <…> Il presidente Biden aveva ragione quando ha definito la guerra russa “ingiustificata” ma si sbagliava quando diceva che era “non provocata”. Non è perdonare l’invasione di Putin osservare che c’era certamente una provocazione, non tanto da parte dell’Ucraina, ma degli Stati Uniti. Nelle ultime settimane l’amministrazione Biden ha compiuto importanti passi avanti verso la diplomazia ma ha minato quegli sforzi cruciali aumentando le minacce, intensificando le sanzioni, dispiegando migliaia di truppe statunitensi nei Paesi vicini e inviando armi per un valore di decine di milioni di dollari in Ucraina, il tutto continuando a costruire una nuova enorme base militare statunitense in Polonia a soli 100 miglia dal confine russo.”

Bennis ritiene che sia improbabile che le sanzioni aiutino a impedire alla Russia di portare a termine l’operazione, solo i negoziati e un cessate il fuoco anticipato possono riportare la pace. Di fatto la Russia assume la stessa posizione, ma i burattini occidentali a Kiev continuano a perseguire una politica autodistruttiva, rifiutandosi di firmare i provvedimenti proposti da Mosca.

[1] https://breakingdefense.com/2022/03/russias-invasion-of-ukraine-has-created-natos-watershed-moment/

[2] https://www.newagebd.net/article/159611/what-war-with-russia-would-look-like

[3] https://www.foreignaffairs.com/articles/ukraine/2022-03-11/arming-ukraine-worth-risk?

[4] https://www.foreignaffairs.com/articles/ukraine/2022-03-05/america-must-do-more-help-ukraine-fight-russia

[5] https://www.foreignaffairs.com/articles/ukraine/2022-03-08/how-war-ukraine-could-get-much-worse

[6] https://www.newyorker.com/news/q-and-a/why-john-mearsheimer-blames-the-us-for-the-crisis-in-ukraine

[7] https://www.newyorker.com/news/news-desk/how-putins-invasion-of-ukraine-upended-germany

[8] https://www.mediaite.com/news/former-us-ambassador-torn-apart-for-depraved-suggestion-there-are-no-innocent-russians-truly-lost-it/

[9] https://tribune.com.pk/article/97553/ukraine-crisis-shows-europes-discrimination-against-non-white-refugees

[10] https://tribune.com.pk/story/2347497/showdown-in-ukraine

[11] https://www.youtube.com/watch?v=WUokKabAbdw

[12] https://www.youtube.com/watch?v=2DIXEeHSHik

[13] https://www.youtube.com/watch?v=RGrwSb2J_qo

[14] https://www.youtube.com/watch?v=aBh1px-7erM

[15] https://www.ifimes.org/en/researches/ukraine-as-bidens-sacrificed-pawn-a-mismanagement-under-the-declining-us-hegemony/5011

[16] https://fpif.org/putins-invasion-of-ukraine-is-illegal-and-wrong-respond-with-diplomacy-not-war/

Articolo originario di Leonid Savin:

https://www.geopolitica.ru/en/article/foreign-press-about-military-operation-ukraine

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Geopolitica.ru

19 marzo 2022