La stampa occidentale ha smentito sulla guerra in Ucraina e altro ancora

image_pdfimage_print

di Eric Zuesse

La norma nei media occidentali è stata quella di mentire e persino di nascondere la verità, e questo fatto ora è particolarmente chiaro perché ciò che stavano riportando sulla “perdita” della guerra da parte della Russia è, ormai, inconcepibile senza che essi abbiano mentito massicciamente in precedenza. Inoltre, tutte quelle bugie non erano vero giornalismo, che richiede scetticismo sulle accuse di qualsiasi governo su una guerra in corso, perché (almeno dalla nostra parte, anche se non anche dalla parte del nemico dichiarato del nostro governo) i governi fanno regolarmente emettere mera propaganda ogni volta che sono in guerra o supportano una guerra. Eppure, sebbene ci si possa ragionevolmente aspettare bugie dal governo di una nazione in guerra, non c’era tale scetticismo da parte della stampa occidentale; e alcune delle falsità che hanno pubblicato sono state addirittura sfacciatamente ridicole.

Ad esempio: ecco l’apertura di due importanti “news” dei media sulla guerra in Ucraina, il 1 aprile (e il primo di quei rapporti si riferiva persino all’esercito russo come “l’Armata Rossa”, come se la Russia fosse ancora comunista, come vedremo):

——

https://www.dailymail.co.uk/news/article-10677711/Russias-war-effort-stalls-Red-Army-replacement-weapons.html

“Lo sforzo bellico della Russia si blocca perché l’Armata Rossa non può ottenere armi sostitutive” [ESERCITO ROSSO????] o pezzi di ricambio per i loro convogli paralizzati… perché sono tutti fabbricati in Ucraina.

La Russia ha perso circa 143 aerei, 131 elicotteri, 625 carri armati nel conflitto.

Fonti della difesa affermano che l’Armata Rossa ha esaurito le armi e non può rifornire le scorte.

È stato rivelato che alcuni elicotteri, jet e missili da crociera sono stati realizzati o utilizzano componenti vitali dall’Ucraina.

La Russia ora non può reperire articoli altrove a causa delle sanzioni internazionali.

Arriva quando le forze ucraine hanno cacciato la Russia da dozzine di città intorno a Kiev

DAILY MAIL, PUBBLICATO: 17:00 EDT, 1 aprile 2022

Lo sforzo bellico della Russia si sta fermando perché gran parte dell’equipaggiamento militare di cui ha bisogno è prodotto in Ucraina, è emerso la scorsa notte.

Le forze del Cremlino hanno esaurito le armi vitali e ora non possono rifornire le loro scorte, hanno rivelato fonti della difesa del Regno Unito.

Le rivelazioni sono arrivate quando le forze del presidente Volodymyr Zelensky hanno cacciato la Russia da dozzine di città intorno a Kiev e nel nord in uno dei giorni più straordinari dall’inizio dell’invasione.

——

https://www.nytimes.com/2022/03/31/us/politics/russia-military-ukraine.html

https://archive.ph/ls5El

“La guerra di Russia non ha un comandante sul campo di battaglia, dicono i funzionari statunitensi”

New York Times, 1 aprile 2022

WASHINGTON — La Russia sta conducendo la sua campagna militare contro l’Ucraina fuori Mosca, senza un comandante centrale di guerra a terra a dirigere le operazioni, questo secondo i funzionari americani che hanno studiato la guerra per cinque settimane.

Questo approccio centralizzato potrebbe essere molto utile per spiegare perché lo sforzo bellico russo ha lottato di fronte a una resistenza ucraina più rigida del previsto, hanno affermato i funzionari.

La mancanza di un comando militare unificato in Ucraina ha fatto sì che le unità aeree, di terra e marittime russe non fossero sincronizzate. Le loro sconnesse campagne sul campo di battaglia sono state afflitte da una scarsa logistica, da un morale debole e da 7.000 a 15.000 militari morti, affermano alti funzionari statunitensi e analisti indipendenti.

Ciò ha anche contribuito alla morte di almeno sette generali russi poiché ufficiali di alto rango vengono spinti in prima linea per districare problemi tattici che le forze armate occidentali lascerebbero a ufficiali più giovani o personale di truppa superiore.

Un alto funzionario americano ha affermato che i funzionari della NATO e la comunità dell’intelligence avevano trascorso settimane in attesa dell’emergere di un comandante di guerra russo. Nessuno l’ha fatto, lasciando i funzionari occidentali a concludere che gli uomini che prendono le decisioni sono lontani dalla lotta, a Mosca: il ministro della Difesa Sergei K. Shoigu; il generale Valery Gerasimov, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Russo; e persino il presidente Vladimir V. Putin…

——

Questa è la stenografia neoconservatrice delle affermazioni del proprio governo neoconservatore, non giornalismo autentico. Alcune delle affermazioni avrebbero potuto essere vere, ma le fonti citate erano prevenute per “noi” contro “loro” e quindi inaffidabili. Gli abbonati a questi media di “news” – tutti media neoconservatori – stanno effettivamente pagando per la propaganda di governo, stenograficamente riportata da un governo neoconservatore, come se questo fosse, invece, giornalismo autentico. Non lo è.

Al contrario: praticamente tutto ciò che veniva riportato dai media russi in quel momento era onesto, e quindi si distingue in retrospettiva. Ecco, ad esempio, come la home page di RT della Russia era intitolata il 1 aprile – tutti i titoli lì – e possiamo vedere ciascuno degli articoli semplicemente facendo clic su qualsiasi titolo che ci interessa. Uno dei titoli della sua homepage era “L’Ucraina dice che la sua industria della difesa è stata distrutta” e quel notiziario non era una stenografia del governo russo, ma era invece una stenografia del governo ucraino, che è allo stesso modo neoconservatore (cosa che il governo russo non è assolutamente), e che affermava: «Se pensate che non subiamo perdite, vi sbagliate di grosso. Hanno praticamente distrutto la nostra industria militare e in molti modi la stanno sfinendo». Ovviamente, il governo ucraino non sopravvaluta (ma molto più probabilmente sottovaluta) l’efficacia del governo russo in guerra. Quel notiziario di RT è certamente giornalismo, NON propaganda (come si trova nei media degli Stati Uniti e nelle sue nazioni “alleate” – o vassalle).

Un altro interessante esempio di bugie neoconservatrici occidentali sulle relazioni internazionali è anche correlato alla data del 1 aprile 2022, ed è il rapporto dell’Occidente sul seguito degli attacchi dell’11 settembre negli Stati Uniti. Eccone alcuni esempi:

Il 1° aprile 2022, il Washington Post, neoconservatore, ha strillato “i colloqui sul nucleare in Iran sono in stallo sulla questione del terrorismo” e ha riferito che

La richiesta di Teheran agli Stati Uniti di revocare la designazione del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane come organizzazione terroristica straniera, e il rifiuto degli Stati Uniti finora di farlo, hanno interrotto i negoziati di un anno per rilanciare l’accordo nucleare iraniano, senza nuovi incontri programmati e poco evidenti margini di compromesso…

La designazione come organizzazione terroristica straniera ha un enorme significato simbolico sia per l’Iran che per gli Stati Uniti. Il presidente Donald Trump ha annunciato la quotazione nell’aprile 2019, un anno dopo il suo ritiro dall’accordo nucleare. La mossa è stata spinta dal suo segretario di stato, Mike Pompeo, e dal consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, come parte di quella che Trump ha definito la sua campagna di sanzioni contro l’Iran di “massima pressione”.

«Siamo molto preoccupati per i rapporti che indicano la potenziale revoca» della designazione dell’organizzazione terroristica straniera del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie, un gruppo bipartisan di 21 membri della Camera ha scritto a Biden il mese scorso, affermando che la combinazione di non “affrontare adeguatamente il ruolo dell’Iran come principale stato sponsor del terrorismo”, e fornire miliardi di dollari in aiuti alle sanzioni fornirebbe “un percorso chiaro per i delegati iraniani per continuare ad alimentare il terrorismo”.

Tuttavia, dei 19 presunti dirottatori dell’11 settembre, 15 erano cittadini sauditi e tutti i 19 erano jihadisti sunniti, nessuno di loro era di fede musulmana sciita, che è la varietà iraniana dei credenti islamici; quindi, in che modo l’Iran è allora “il principale stato mondiale sponsor del terrore”, che il governo degli Stati Uniti chiama costantemente Iran – e NON la famiglia Saud, che possiede l’Arabia Saudita, poiché invece è proprio quello? In effetti, esistono prove schiaccianti che l’11 settembre sia stato in realtà un prodotto congiunto sia della famiglia Saud che di George W. Bush, forse per convincere il Congresso ad approvare l’autorizzazione all’uso della forza militare (AUMF) che esiste ancora e che ha già prodotto oltre un trilione di dollari di vendite aggiuntive da parte degli appaltatori del Dipartimento della “Difesa” statunitense (produttori di armamenti) (ed è qui che si trovano i profitti della guerra), ma certamente l’Iran non ha nulla a che fare con questo (e i Saud considerano l’Iran il loro principale nemico; quindi, incolpare l’Iran per ciò che hanno fatto i Saud è semplicemente fantastico per i Saud e per i loro alleati degli Stati Uniti).

L’8 settembre 2021, la CNN aveva intitolato “Le famiglie delle vittime dell’11 settembre stanno ancora cercando risposte in tribunale” e ha riferito che

Il governo degli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO hanno invaso l’Afghanistan quasi immediatamente dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, chiedendo responsabilità ad al Qaeda e Osama bin Laden per aver ucciso quasi 3.000 persone. È iniziata quella che sarebbe diventata un’odissea militare di due decenni nella costruzione della nazione che si è conclusa in modo disordinato il mese scorso quando gli americani hanno restituito il controllo dell’Afghanistan ai talebani.

Ma i familiari delle vittime dell’11 settembre stanno ancora perseguendo la responsabilità da un altro paese, l’Arabia Saudita, oltre a cercare ulteriori informazioni nascoste dal governo degli Stati Uniti nei tribunali statunitensi.

La segretezza ha alimentato le teorie. Il regno ha negato qualsiasi coinvolgimento e molto tempo fa gli Stati Uniti hanno deciso che l’Arabia Saudita, il loro partner strategico in Medio Oriente, non aveva alcun ruolo negli attacchi, sebbene 15 dei 19 dirottatori dell’11 settembre fossero cittadini sauditi. Così era stato anche bin Laden, sebbene fosse stato espulso dal regno e gli fosse stata revocata la cittadinanza.

Il sospetto dell’Arabia Saudita, tuttavia, persiste e gli ostinati sforzi delle famiglie dell’11 settembre negli ultimi due decenni hanno costretto gli Stati Uniti, a poco a poco, a condividere le prime piste che legavano i dirottatori ai funzionari sauditi ma erano avvolti nel segreto e nascosti dal pubblico come informazioni classificate.

La tenacia ha prodotto risultati. Maggiori dettagli su tali indagini potrebbero essere imminenti come causa contro i proventi dell’Arabia Saudita in tribunale.

Quella causa esiste solo perché, dopo una campagna durata anni da parte delle famiglie dell’11 settembre, il Congresso ha approvato una legge speciale nel 2016 che consente alle persone di citare in giudizio i governi per attacchi terroristici.

Quindi: il governo degli Stati Uniti ha autorizzato le cause contro l’Iran per l’11 settembre, ma non contro l’Arabia Saudita per l’11 settembre. Quel rapporto della CNN ha continuato dicendo:

Obama ha posto il veto a uno sforzo del Congresso per autorizzare le famiglie dell’11 settembre a citare in giudizio l’Arabia Saudita in un tribunale federale.

Video correlato: Obama: Annullamento del disegno di legge sull’11 settembre pone il veto a un errore. (03:03)

È stata l’unica volta durante la sua presidenza che il Congresso ha annullato il veto di Obama.

«Ovviamente tutti noi portiamo ancora le cicatrici e i traumi dell’11 settembre», ha detto a Jake Tapper della CNN nel 2016, sottolineando che gli Stati Uniti avevano istituito un fondo di risarcimento per le vittime per le famiglie.

«La preoccupazione che ho avuto non ha nulla a che fare con l’Arabia Saudita, di per sé, o la mia simpatia per le famiglie dell’11 settembre. Ha a che fare con il fatto che non voglio una situazione in cui siamo improvvisamente esposti a responsabilità per tutto il lavoro che stiamo facendo in tutto il mondo».

Ecco di più su questo:

https://cnnpressroom.blogs.cnn.com/2016/09/28/transcript-cnn-presidenziale-municipio-americas-military-and-the-commander-and-chief/

https://archive.ph/mDoJF

https://archive.ph/mDoJF#selection-2481.0-2601.398

TAPPER: Oggi il Congresso ha fatto qualcosa che non ti ha mai fatto prima. Hai posto il veto a un disegno di legge che avrebbe consentito alle famiglie dell’11 settembre di citare in giudizio l’Arabia Saudita. Loro, oggi, hanno annullato il tuo veto. Non ti è mai successo prima.

OBAMA: Giusto.

TAPPER: La tua reazione?

OBAMA: Beh, penso che sia stato un errore. E capisco perché è successo. Ovviamente, tutti noi portiamo ancora le cicatrici e il trauma dell’11 settembre. Nessuno più di questa generazione dell’11 settembre che ha combattuto per nostro conto all’indomani dell’11 settembre.

E, sai, quelle famiglie meritano sostegno e meritano risorse. Ecco perché abbiamo istituito un fondo di indennizzo per le vittime. E in media, le famiglie ricevono circa 2 milioni di dollari ciascuna.

Ma quello che ha fatto questa legislazione è stato detto che se un privato cittadino crede che, essendo stato vittima del terrorismo, un altro paese non ha fatto abbastanza per fermare uno dei suoi cittadini, ad esempio, impegnandosi nel terrorismo, allora può intentare una causa personale, una causa privata in tribunale.

E il problema è che se eliminiamo questa nozione di immunità sovrana, allora i nostri uomini e donne in uniforme in tutto il mondo potrebbero potenzialmente iniziare a vederci soggetti a una perdita reciproca, giusto?

Quindi, se si verifica una situazione in cui stiamo effettuando soccorsi in caso di calamità nelle Filippine o ad Haiti o in qualche altro posto, e si verifica un incidente stradale in cui, tragicamente, un cittadino di quel paese viene ucciso, se hanno approvato lo stesso tipo di legislazione che noi abbiamo appena passato, ora, potenzialmente, quella famiglia in quel paese potrebbe iniziare a fare causa agli Stati Uniti. Potrebbero dire che prenderemo la giurisdizione su quell’individuo.

E abbiamo stabilito quelli che vengono chiamati accordi sullo status delle forze in modo che quando ci dispieghiamo, la nostra gente non sia vulnerabile a questo tipo di cause private. E altri paesi accettano di farlo, ma principalmente perché ricambiamo con loro.

E la preoccupazione che ho avuto è: non ha nulla a che fare con l’Arabia Saudita di per sé o la mia simpatia per le famiglie dell’11 settembre, ha a che fare con il fatto che non voglio una situazione in cui siamo improvvisamente esposti a responsabilità per tutto il lavoro che stiamo facendo in tutto il mondo, e improvvisamente ci troviamo soggetti a… le cause private nei tribunali in cui non sappiamo nemmeno esattamente se sono in aumento, in alcuni casi.

Quindi – quindi questo è un – è un – è un precedente pericoloso ed è un esempio del perché a volte devi fare ciò che è difficile. E, francamente, vorrei che il Congresso qui avesse fatto ciò che è difficile. Non me lo aspettavo, perché votare – se è percepito come un voto contro le famiglie dell’11 settembre subito prima delle elezioni, non sorprende che sia un voto difficile da prendere per le persone. Ma sarebbe stata la cosa giusta da fare.

Quindi: Obama ha detto che sebbene all’Iran (che non l’ha fatto) possa essere fatta causa, con l’Arabia Saudita (che certamente ha partecipato molto e in gran parte ha prodotto quegli attacchi contro l’America) non è ammesso.

Per 21 anni, questo è stato considerato accettabile dal popolo americano ampiamente ingannato, non considerato dagli americani un governo dittatoriale traditore con i circa mille miliardari che virtualmente possiedono – in realtà controllano – il governo federale degli Stati Uniti (vedi questo e questo), e che sono alleati della famiglia Saud, contro l’Iran.

Infatti, ancora oggi, Barack Obama (l’uomo che di fatto ha iniziato la guerra in Ucraina) è la persona più ammirata non solo in America ma nel mondo. E George W. Bush (l’uomo che ha mentito per invadere l’Iraq), è di nuovo considerato una persona ammirevole, almeno in America, invece di essere un bugiardo e un traditore della sua nazione. Ecco come sono ingannati gli americani, a causa del “giornalismo” degli Stati Uniti e degli alleati.

Traduzione di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

27 giugno 2022