La strategia spaziale della NATO

image_pdfimage_print

di Leonid Savin

Il 17 gennaio la NATO ha pubblicato [1] la sua politica spaziale. Il documento afferma:

“I potenziali avversari stanno aumentando il proprio uso dello spazio, estendendo così la loro capacità di proiettare potenza su distanze maggiori, con maggiore precisione, velocità ed efficacia. Stanno anche usando le capacità spaziali per tracciare le forze, le esercitazioni e altre attività della NATO e degli Alleati. La navigazione satellitare e i servizi commerciali sono utilizzati anche per la pianificazione e il tracciamento da parte di potenziali avversari, compresi attori non statali. Le capacità sviluppate da potenziali avversari potrebbero essere utilizzate contro l’Alleanza al fine, tra l’altro, di:

Mettere a rischio le risorse spaziali, complicando così la capacità della NATO di intraprendere un’azione decisiva in caso di crisi o conflitto;

Negare o degradare le capacità spaziali fondamentali degli Alleati e della NATO per la gestione dello spazio di battaglia e la consapevolezza situazionale e la capacità di operare efficacemente in una crisi o in un conflitto;

Creano impatti sui sistemi spaziali degli alleati che sono dannosi o dirompenti per la vita economica o pubblica e violano il principio del libero uso dello spazio, ma scendono al di sotto delle soglie della minaccia della forza, dell’uso della forza, dell’attacco armato o dell’aggressione.”

In realtà non dice chi potrebbero essere gli avversari della NATO, ma non c’è dubbio che si riferisca principalmente alla Russia, poiché la Cina è lontana. Non fa nemmeno menzione del fatto che la Russia si è sempre opposta alla militarizzazione dello spazio e ha proposto di elaborare un accordo in tal senso.

Secondo la nuova strategia, l’approccio della NATO allo spazio si concentrerà sui seguenti ruoli chiave:

Integrare lo spazio e le considerazioni relative allo spazio nell’adempimento dei compiti fondamentali della NATO: difesa collettiva, gestione delle crisi e, se del caso, sicurezza cooperativa;

Fungere da forum per le consultazioni politico-militari e la condivisione di informazioni sugli sviluppi spaziali relativi alla deterrenza e alla difesa, al fine di informare la consapevolezza situazionale, il processo decisionale, la prontezza e la gestione della postura dell’Alleanza attraverso lo spettro del conflitto. Tali consultazioni potrebbero riguardare minacce, sfide, vulnerabilità e opportunità e tenere conto dello sviluppo di norme giuridiche e comportamentali in altre sedi;

Garantire un’efficace fornitura di supporto spaziale ed effetti alle operazioni, missioni e altre attività dell’Alleanza;

Facilitare lo sviluppo della compatibilità e dell’interoperabilità tra i servizi, i prodotti e le capacità spaziali degli alleati.

Lo spazio deve essere visto come parte integrante dell’ampio approccio della NATO alla deterrenza e alla difesa, utilizzando tutti gli strumenti a disposizione della NATO per fornire all’Alleanza un’ampia gamma di opzioni per rispondere a qualsiasi minaccia, indipendentemente da dove provenga.

Per raggiungere questo obiettivo, la NATO deve:

prendere in considerazione una serie di potenziali opzioni, da far approvare al Consiglio, in tutto lo spettro dei conflitti per scoraggiare e difendersi da minacce o attacchi ai sistemi spaziali degli alleati, a seconda dei casi e in linea con le idee e i principi delineati nella politica;

sviluppare una comprensione comune di concetti come il ruolo dello spazio in situazioni di crisi o conflitto;

nell’ambito degli sforzi per aumentare la prontezza e la capacità dell’Alleanza di operare in modo decisivo in tutti i domini operativi (terrestre, marittimo, aereo e informatico), tenere in debita considerazione il ruolo dello spazio come fattore chiave per i domini operativi, nonché per quanto riguarda la Difesa Integrata Aerea e Missilistica della NATO e, per gli Alleati interessati, la deterrenza nucleare;

sebbene la resilienza e la sopravvivenza dei sistemi spaziali degli alleati siano una responsabilità nazionale, considerare i modi per migliorare la resilienza spaziale a livello dell’Alleanza, anche attraverso la condivisione delle migliori pratiche, e utilizzando le capacità spaziali ridondanti degli alleati per aumentare il numero delle truppe;

sviluppare linee guida su come abilitare e garantire l’accesso della NATO a dati, prodotti, servizi e capacità spaziali.

È probabile che il prossimo passo per la NATO sarà la militarizzazione obbligatoria dello spazio. È probabile che ciò accada in segreto e lo scopriremo solo a cose fatte.

Uno dei motivi per cui gli alleati della NATO non sono stati disposti a discutere pubblicamente di questioni militari e spaziali è che, con l’eccezione di Francia e Regno Unito, molte nazioni europee sono state tradizionalmente profondamente a disagio o categoricamente contrarie all’idea della guerra nello spazio, in particolare un’azione offensiva. Infatti, in un discorso tenuto nell’agosto 2019 [2], il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha ritenuto necessario chiarire che la dichiarazione dello spazio della NATO come dominio operativo alleato “non riguardava la sua militarizzazione”.

È quindi probabile che Francia e Gran Bretagna avviino una strategia spaziale più aggressiva all’interno dell’ala europea della NATO. C’è anche un possibile ruolo per la Germania.

È quindi probabile che Francia e Gran Bretagna avviino una strategia spaziale più aggressiva all’interno dell’ala europea della NATO. C’è anche un possibile ruolo per la Germania.

La Francia, all’inizio del 2020, e la Germania, alla fine del 2019, hanno aderito [3] all’iniziativa per le operazioni spaziali combinate guidata dagli Stati Uniti. L’iniziativa è stata lanciata dal Pentagono nel 2014 [4] e rilevata dalla US Space Force dopo la sua creazione. In effetti, è stata un’espansione della comunità dell’intelligence Five Eyes, di cu i media statunitensi hanno scritto apertamente [5] circa un paio di anni fa.

Nel novembre 2019, la NATO ha dichiarato lo spazio un ambito operativo per garantire un approccio coerente all’integrazione dello spazio nella strategia globale di deterrenza e difesa della NATO. E nell’ottobre 2020, la NATO ha creato il Centro spaziale della NATO presso l’Allied Air Command a Ramstein, in Germania. La NATO sta inoltre istituendo un Centro spaziale di eccellenza a Tolosa, in Francia.

Nel 2021, la Francia ha condotto la sua prima esercitazione spaziale militare multinazionale, con Germania, Italia e Stati Uniti, segnando gli sforzi del Paese per rilanciare le sue forze e operazioni al fine di far fronte alle minacce del 21° secolo.

L’esercizio mostra l’intenzione del governo francese di raggiungere un’“orbita” più alta come Stato sovrano in modo che sia in grado di far fronte a qualsiasi futuro conflitto spaziale. Finora, Parigi ha partecipato ai wargame spaziali americani.

L’esercitazione AsterX si è svolta a Tolosa dall’8 al 12 marzo. È stato indicato [6] dal generale Michel Friedling, capo del comando spaziale francese, come uno “stress test” per i processi e i sistemi di comando spaziale del Paese. Un’esercitazione tattica progettata per addestrare e preparare i combattenti spaziali, AsterX ha simulato una crisi internazionale che ha coinvolto non meno di 18 diversi eventi spaziali e scenari che vanno da un attacco a un satellite francese a detriti spaziali che minacciano le popolazioni civili e interferenze con le comunicazioni satellitari alleate.

Questo sviluppo è nell’interesse dell’America. Dopotutto, le accuse relative alla militarizzazione dello spazio ora saranno rivolte anche ai membri della NATO, anche se ci sono solo pochi Paesi che spingono tale agenda. E Bruxelles si sfronterà fingendo che sia necessario migliorare la difesa collettiva e proteggersi da potenziali avversari.

[1] https://www.nato.int/cps/en/natohq/official_texts_190862.htm

[2] https://breakingdefense.com/2022/01/new-nato-space-policy-focuses-on-space-support-domain-awareness/

[3] https://spacewatch.global/2020/02/combined-space-operations-initiative-welcomes-france-and-germany/

[4] https://www.spacecom.mil/MEDIA/NEWS-ARTICLES/Article/2083368/combined-space-operations-initiative-welcomes-france-and-germany/

[5] https://breakingdefense.com/2020/06/dod-space-strategy-focuses-on-allies-commercial-where-was-intel-community/

[6] https://breakingdefense.com/2021/04/asterx-2021-french-space-forces-reach-for-higher-orbit/

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Katehon.com

6 febbraio 2022