La tendenza verso un mondo multipolare è definita dalla lotta di classe

image_pdfimage_print

di Danny Haiphong

Il mondo multipolare emergente è il risultato di lotte per la sovranità nazionale e l’autodeterminazione, che sono connesse con la lotta di classe mondiale.

Queste osservazioni modificate sono state fornite dall’autore in un evento tenuto l’11 giugno da Friends of Socialist China intitolato The Empire Strikes Back: Imperialism’s Global War on Multipolarity. L’evento completo può essere visualizzato qui.

Nell’era post-sovietica, è diventato di moda spogliare tutti gli sviluppi geopolitici delle loro radici di classe. Le guerre sono state spiegate dalla propaganda borghese: la guerra al terrore, la competizione tra i grandi poteri e le questioni di “sicurezza nazionale”. La crisi ucraina è un esempio calzante. L’operazione militare russa in Ucraina è stata etichettata come una guerra senza motivo dai detrattori occidentali. Ma sotto la cacofonia dell’ideologia e della propaganda capitalista c’è una lotta di classe che si sta verificando sulla scena globale per il multipolarismo in cui il conflitto Russia-Ucraina è solo un punto critico.

Vladimir Lenin è forse il rivoluzionario marxista più noto a portare avanti una moderna teoria delle relazioni internazionali radicata nella lotta di classe portata dall’imperialismo. Lenin concluse che l’ascesa del monopolio e del capitale finanziario divideva il mondo in colonie e nazioni oppresse. L’autodeterminazione di queste nazioni formerebbe quindi un pilastro fondamentale nella lotta per il socialismo mondiale. Senza l’autodeterminazione, i lavoratori e le persone oppresse nel mondo subirebbero perdite incommensurabili a causa del flagello del dominio coloniale e dei suoi tripli mali dell’occupazione militare, del saccheggio economico e della discriminazione razziale.

La multipolarità è essenzialmente una continuazione della lotta per l’autodeterminazione nell’era moderna. Dopo anni di divagazioni imperialistiche sulla “Fine della storia” e “Non c’è alternativa” (TINA) al neoliberismo, la tendenza verso un mondo multipolare sta dimostrando che è vero l’esatto contrario. In tutti gli angoli del globo, il dominio unipolare dell’imperialismo statunitense sta crollando sulle sue stesse contraddizioni. In Europa, l’imperialismo statunitense minaccia di spegnere le luci e di porre quello che un tempo era il centro dello sviluppo capitalista in uno stato di decadimento permanente. In America Latina, i governi ribelli di sinistra guidati da Cuba, Venezuela, Nicaragua, Bolivia e altri stanno rifiutando il dominio degli Stati Uniti nella loro ricerca dello sviluppo e dell’integrazione socialista incentrati sui popoli. In Africa, il saccheggio occidentale e la militarizzazione guidata dagli Stati Uniti hanno portato molti paesi a perseguire relazioni più forti con Cina e Russia.

Cina e Russia sono all’avanguardia nel mondo multipolare. Il sistema di governo socialista cinese è entrato in modo equilibrato in un sistema economico mondiale instabile e dominato dai capitalisti, mantenendo il controllo statale sui vertici dell’economia come l’energia, la terra, i trasporti, le risorse naturali e la finanza. Ciò ha consentito alla Cina di salire in cima alla scala economica come uno dei massimi innovatori dell’alta tecnologia e di affrontare gli imperativi socialisti come la povertà, il cambiamento climatico e la salute pubblica. La Russia ha scavato una via d’uscita dal disastroso crollo dell’Unione Sovietica per riconquistare la sovranità nazionale e diventare una grande potenza economica e militare in tempi rapidi.

Sebbene esistano molte differenze tra Russia e Cina, ciò che le lega è un impegno per lo sviluppo sovrano e l’autodeterminazione. L’alleanza tra Cina e Russia ha incluso una ferma resistenza alle sanzioni statunitensi e occidentali non solo contro le loro società, ma anche contro nazioni più piccole del Sud del mondo come la RPDC, Cuba e la Siria. Cina e Russia hanno guidato gli sforzi per cercare risoluzioni pacifiche in cui gli Stati Uniti fanno solo la guerra. Mentre gli Stati Uniti hanno applicato la forza militare nella loro politica nei confronti di Siria, Ucraina e RPDC solo per citarne alcuni, Cina e Russia si sono posizionate come ancore per la pace nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e in diverse altre organizzazioni multilaterali. Questi includono i BRICS, l’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai e i progetti infrastrutturali della Belt and Road Initiative e dell’Unione Economica Eurasiatica che offrono percorsi cooperativi per l’integrazione e lo sviluppo economici.

Gli sforzi della Russia e della Cina costituiscono probabilmente le basi della multipolarità. Ma cos’è esattamente un mondo multipolare? È un mondo in cui esistono molteplici sistemi di sviluppo, a volte in contraddizione e in conflitto tra loro, altre volte in cooperazione. Alcuni hanno visto questo sviluppo in termini astratti, spogliando la multipolarità del suo carattere di classe. Questo è un errore monumentale. La multipolarità non è uno sviluppo benigno ma una conseguenza della lotta di classe.

La guerra dell’imperialismo statunitense contro il multipolarismo è una guerra all’autodeterminazione e alla sovranità. Per l’imperialismo statunitense, l’unità tra le nazioni oppresse del mondo è il principale nemico del dominio unipolare richiesto per massimizzare il profitto capitalista. Contrastare tale unità è il motivo principale per cui gli Stati Uniti hanno accerchiato militarmente sia la Russia che la Cina e imposto sanzioni su componenti chiave delle loro economie. È per questo che Cuba, Nicaragua e Venezuela soffrono per la fame. Le sanzioni statunitensi e i movimenti di sinistra in tutta l’America Latina sono stati minati per aver cercato la liberazione collettiva dalla Dottrina Monroe imperialista degli Stati Uniti. Inoltre, la militarizzazione dell’Africa da parte degli Stati Uniti tramite lo U.S. Africa Command è intimamente collegata alla guerra USA-NATO contro la Libia nel 2011, una nazione che aveva come obiettivo centrale l’integrazione del continente africano ricco di risorse attraverso un sistema di valuta, militare e passaporto indipendente.

Nemmeno le guerre statunitensi in Asia centrale e occidentale possono essere separate dalla lotta di classe incarnata nella multipolarità. Queste guerre hanno un obiettivo: mantenere la regione nel caos. Il caos ha la possibilità che progetti di integrazione come la Belt and Road Initiative guidata dalla Cina vengano arrestati in questa parte fondamentale del mondo. La guerra degli Stati Uniti alla Siria e le sue continue campagne di destabilizzazione in Iraq e Afghanistan, ad esempio, sono in parte un tentativo di bloccare la visione della Russia e della Cina per l’integrazione della regione da est a ovest. L’enorme fame, la morte e il terrorismo che sono risultati da queste guerre sono solo danni collaterali nell’obiettivo più ampio di contrastare l’autentica indipendenza e l’autodeterminazione.

Alcuni potrebbero chiedersi in questo ambiente intenso della Nuova Guerra Fredda se la Russia possa essere considerata seriamente un campione dell’autodeterminazione e della sovranità. Dopotutto, la crisi ucraina in corso è stata descritta dall’Occidente come un indiscutibile esempio di aggressione russa che viola il diritto internazionale. Sia chiaro: l’operazione militare speciale della Russia in Ucraina non contraddice la premessa centrale che il multipolarismo è radicato nella lotta di classe. Le invasioni USA-NATO lungo i confini della Russia dal 1991 e il colpo di stato in Ucraina sostenuto dagli USA nel 2014 hanno creato una situazione di insicurezza insostenibile. Piuttosto che contraddire il ruolo della Russia in un sistema mondiale multipolare, la crisi ucraina lo ha rafforzato dimostrando quanto siano davvero enormi la posta in gioco di questa lotta di classe.

La crisi ucraina ha messo in luce come la guerra degli Stati Uniti al multipolarismo minacci di provocare una guerra globale ancora più distruttiva dei due precedenti conflitti globali del XX secolo combattuti tra i capitalisti per il dominio del pianeta. Conducendo incessanti manovre di guerra di contro-insurrezione intese a provocare la Russia e la Cina, l’impero statunitense sta giocando con il fuoco. Ciò è evidente nel completo rifiuto degli Stati Uniti di negoziare con la Russia nel dicembre del 2021 per impedire l’escalation della crisi ucraina e nel suo aumento delle spese militari verso l’Ucraina e Taiwan nello stesso periodo. L’imperialismo statunitense è sempre stato l’istigatore della guerra e il violatore dell’autodeterminazione, ma la disinformazione da parete a parete dei media occidentali ha convinto molti in Nord America e in Europa a credere il contrario.

L’imperialismo statunitense vede chiaramente il multipolarismo non dal prisma della coesistenza pacifica, ma come una minaccia al continuo governo del suo impero finanziario. Dovrebbero farlo anche le forze progressiste e di sinistra in Occidente. La multipolarità è davvero una guerra di classe, caratterizzata da nazioni e popoli che perseguono uno sviluppo pacifico, sovrano e incentrato sul popolo di fronte a un egemone disposto a usare le forme più letali di guerra economica, politica e militare per fermarli.

La domanda diventa: da che parte stiamo? La parte degli imperialisti guidati dagli Stati Uniti che cercano il massimo profitto per il minor numero di persone e nazioni o quella di Cina, Russia e dei suoi alleati che lottano per l’autodeterminazione e l’integrazione nel tentativo di soddisfare i bisogni delle persone e del pianeta? La nostra risposta collettiva determinerà se le forze progressiste in Occidente stanno a guardare e osservano la guerra al multipolarismo o se sono organizzate per seguire il consiglio di Lenin e intraprendere la lotta per sconfiggere i propri governi imperialisti alla radice di essa.

Traduzione di Alessandro Napoli

Foto: Idee&Azione

21 giugno 2022