La visione del mondo bi-multipolare avvicina l’India e l’ASEAN come mai prima d’ora

image_pdfimage_print

di Andrew Korybko

Da una prospettiva di grande strategia, l’India ha la possibilità di diventare il fulcro geostrategico in grado di plasmare la traiettoria della fase intermedia bimultipolare della transizione sistemica globale verso un multipolarismo più complesso, gestendo in modo multiplo l’emergere del tripolarismo in Eurasia rispetto alla Russia e nell’Indo-Pacifico rispetto all’ASEAN.

La scorsa settimana l’India ha ospitato una riunione speciale dei ministri degli Esteri con i suoi partner dell’ASEAN per commemorare il 30° anniversario delle loro relazioni di dialogo. L’incontro è passato inosservato agli occhi della maggior parte degli osservatori, poiché non ha avuto alcun esito drammatico e l’unica cosa sostanziale emersa è stata una dichiarazione congiunta sulla necessità di continuare ad ampliare la loro cooperazione, ma le osservazioni di apertura del diplomatico di Singapore lasciano intendere che le parti sono state recentemente avvicinate come mai prima d’ora.

Il ministro degli Esteri dell’isola-stato Vivian Balakrishnan ha dichiarato che “l’acuirsi della rivalità tra le superpotenze statunitense e cinese ha implicazioni dirette per tutti noi in Asia. Questi sviluppi, se lasciati incontrollati, possono minacciare il vecchio sistema di pace e stabilità, da cui dipendiamo da molti decenni per la nostra crescita, sviluppo e prosperità”. Si tratta di un ovvio cenno al concetto di bi-multipolarità del pensatore indiano Sanjaya Baru di qualche anno fa, secondo il quale le superpotenze americana e cinese plasmano l’ordine internazionale in evoluzione più di chiunque altro.

Al di sotto di esse, ha affermato, c’è un numero crescente di Grandi Potenze, mentre il gradino più basso dell’ordine internazionale è occupato da Stati di dimensioni relativamente medie e piccole che non hanno praticamente alcun ruolo nella transizione sistemica globale verso un multipolarismo più complesso. Baru ha identificato l’India come una delle Grandi Potenze mondiali, mentre si può sostenere che anche l’ASEAN nel suo complesso possa essere considerata tale. Il riconoscimento da parte del Ministro degli Esteri Balakrishnan dell’America e della Cina come superpotenze pone le basi concettuali per una più stretta collaborazione con l’India attraverso la visione del mondo bi-multipolare tacitamente condivisa.

Per spiegare, Baru ha elaborato che l’ordine internazionale sarà definito dal secondo e terzo gradino della sua gerarchia teorica che si bilanciano attivamente all’interno e tra di loro e con le due superpotenze. L’obiettivo finale è che tutte le parti traggano il massimo beneficio dai loro partner, con l’obiettivo particolare delle Grandi Potenze di continuare la loro ascesa fino a erodere gradualmente l’influenza delle superpotenze, in modo che un multipolarismo più complesso possa seguire la fase transitoria del tripolarismo che verrà dopo l’attuale fase intermedia bimultipolare.

A tal fine, l’India è intervenuta con decisione dopo l’inizio dell’operazione militare speciale della Russia in Ucraina, per diventare l’insostituibile valvola di sfogo di Mosca dalle pressioni occidentali e scongiurare così in via preventiva la dipendenza potenzialmente sproporzionata del suo partner dalla Cina, che avrebbe potuto ridisegnare la Nuova Guerra Fredda a favore di Pechino e quindi destabilizzare il continente secondo Delhi. Alcuni Stati dell’ASEAN allineati con l’America, come Singapore, sono riluttanti a cooperare con la Russia per paura di irritare il loro patrono, per cui non ci si dovrebbe aspettare che il blocco nel suo complesso si unisca al Neo-NAM.

Questo concetto si riferisce al nuovo Movimento dei Non Allineati che la Russia e l’India sperano di costruire congiuntamente per creare un terzo polo di influenza che consenta la transizione dell’attuale fase di bipolarismo in tripolarismo, facilitando così l’emergere di un multipolarismo più complesso nel tempo. Tuttavia, Delhi può intervenire in modo decisivo diventando l’insostituibile valvola di sfogo dell’ASEAN dalle pressioni delle superpotenze, in un certo senso simile al ruolo che sta svolgendo con Mosca, per fornire loro una terza opzione equilibrata invece di sentirsi costretti a scegliere tra Washington e Pechino.

Il diavolo è nei dettagli per quanto riguarda il modo in cui questo potrebbe svolgersi in pratica, dal momento che l’India non ha l’appeal delle garanzie di sicurezza americane nel Mar Cinese Meridionale e non si avvicina minimamente all’influenza economica che la Cina esercita sul Sud-Est asiatico, ma può comunque continuare a cooperare strettamente con l’ASEAN in modi sempre più creativi al fine di massimizzare la flessibilità geostrategica del blocco. Poiché entrambe le parti concordano sul fatto che l’America e la Cina sono superpotenze, ne consegue naturalmente che l’ASEAN è già sulla buona strada per abbracciare il concetto di bi-multipolarità dell’India e tutto ciò che esso comporta.

Spetta quindi a Delhi espandere il suo gioco di equilibri dall’Eurasia all’Indo-Pacifico, imparando dalla recente esperienza con Mosca per replicare il successo con l’ASEAN. Entrambe le coppie di partner sono completamente diverse e non hanno praticamente nulla in comune, a parte il desiderio condiviso di massimizzare la propria autonomia strategica nell’attuale fase intermedia bimultipolare della Nuova Guerra Fredda, ma è qui che l’India è emersa come partner di elezione, poiché questo Stato-civiltà dell’Asia meridionale è l’unica Grande Potenza in grado di aiutare entrambi a raggiungere questi obiettivi.

Da una prospettiva di grande strategia, l’India ha la possibilità di diventare il fulcro geostrategico in grado di plasmare la traiettoria della fase intermedia bimultipolare della transizione sistemica globale verso un multipolarismo più complesso, gestendo in modo multiplo l’emergere del tripolarismo in Eurasia rispetto alla Russia e nell’Indo-Pacifico rispetto all’ASEAN. Questo compito ambizioso richiede un’abilità diplomatica senza precedenti per essere portato a termine, ma ha già raccolto dividendi impressionanti con Mosca, come dimostra il fatto che ha evitato il destino di diventare il “junior partner” di Pechino, a differenza di quanto molti si aspettavano in precedenza.

Anche l’India può fare lo stesso rafforzando l’autonomia strategica dell’ASEAN, in modo che il blocco nel suo complesso non diventi il “junior partner” della superpotenza americana o di quella cinese, anche se alcuni Stati al suo interno optano per questo destino, se ritengono che sia nel loro interesse nazionale oggettivo farlo. La cosa più importante dal punto di vista di Delhi è che questa piattaforma di integrazione regionale rimanga neutrale nella nuova guerra fredda, per evitare di dare un vantaggio a una delle due superpotenze. Ciò può a sua volta far guadagnare all’India il tempo strategico di cui ha bisogno per replicare l’azione di bilanciamento perfezionata dalla Russia con l’ASEAN nel suo complesso.

Nel migliore dei casi, l’India finirà per trovarsi al centro di una rete transcontinentale di integrazione terra-mare che si estende dalla Russia in Europa orientale all’Iran in Asia occidentale e all’Indonesia nel Sud-est asiatico, nel caso in cui riesca a gestire con successo l’emergere della tripolarità in Eurasia e nell’Indo-Pacifico utilizzando la formula concettuale della bi-multipolarità di Baru. Naturalmente potrebbero accadere molte cose che potrebbero mandare all’aria questi piani, ma in generale l’India è già sulla strada per raggiungere questo obiettivo, in misura diversa, quindi potrebbe essere solo una questione di tempo prima che ci riesca.

Pubblicato in partnership su One World

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: One World

22 giugno 2022