La vita come compito

image_pdfimage_print

di Belinda Bruni

«Per arrivare al Signore non devi correre né camminare troppo piano: devi avere un passo costante, continuo e soprattutto sul presente; perché la stanchezza viene se pensi al passato o al futuro.»

Chiara Corbella Petrillo è nata al cielo il 13 giugno 2012. Il dono che ha lasciato al mondo è la testimonianza di una vita vissuta con la pedagogia dei “piccoli passi possibili”, il cammino che ci ricorda che la santità riguarda tutti noi nella nostra vita quotidiana, nelle scelte che facciamo, nel modo in cui ci relazioniamo agli altri, nelle priorità che ci diamo.

Siamo abituati a pensare la santità solo come un’immagine di beatitudine che è nei cieli, a cui rivolgersi per chiedere protezione e grazie; dimentichiamo che la santità è un cammino che inizia su questa terra e che ci interroga qui e ora. Non è per forza un percorso di gloria e grandi imprese, è quello che ci viene chiesto nel nostro presente: il peso che dobbiamo portare, il lavoro che siamo chiamati a fare, le persone che ci sono affidate da amare, il destino che dobbiamo compiere, il fallimento da cui ci dobbiamo rialzare, il successo che non ci deve accecare. Tutto nella Verità.

«Il Signore mette la verità dentro ognuno di noi e non c’è possibilità di fraintenderla.»

Noi siamo creati a immagine e somiglianza di Dio: diventare come Cristo, il Maestro, è il compito di una vita. Siamo “piccoli dei” che devono scoprire la propria elezione e portarla a compimento, mettere a frutto i nostri talenti e non sotterrarli per paura o per convenienza, ci dobbiamo “divinizzare” in spirito di servizio e offerta di sé. Riscoprire il senso di responsabilità che fa ciascuno di noi un cooperatore alla redenzione di Dio Per questo San Paolo scrive: «aggiungo ciò che manca alla passione di Cristo.» Solo una vita donata è una vita degna di essere vissuta.

Nell’Eden il serpente tenta i progenitori promettendo loro di diventare come Dio, offrendogli una maliziosa scorciatoia che aggira la fatica di ascendere dal piano carnale a quello dell’anima e infine alla santità; una scorciatoia senza il percorso che ci purifica da paure, egoismi, pretese. Diventare come Cristo è il cammino di un’esistenza, fatto di passi possibili oggi, di risposte date alle domande quotidiane, di piccole e grandi fatiche che limano le nostre sporgenze, smussano gli angoli, fanno emergere il nostro vero Sé. E non è possibile farlo senza un maestro, perché solo da un maestro possiamo imparare l’umiltà di guardarci dentro.

Victor Frankl, psichiatra ebreo sopravvissuto ai campi di concentramento, ci ricorda quante domande poniamo alla vita, ma come ci dimentichiamo di dare risposte alle domande che la vita pone a noi sotto forma di eventi che ci accadono, opportunità che ci vengono offerte, persone che incontriamo. Sono le nostre risposte che danno senso alla vita e al nostro essere adulti. Cosa mi chiede quello che sta accadendo? Dove mi indirizza? Le risposte possono rovesciare l’immagine che abbiamo di noi stessi, i nostri piani, ma se sono nella verità saranno anche nella libertà, profonda e interiore. Libertà non tanto da qualcosa, ma per qualcosa o qualcuno, perché solo una persona libera può donare se stessa ad una causa, un ideale, agli altri.

Quando Gesù incontra una persona la accoglie senza condizioni, non esige niente e non giudica, ma dimostra piena fiducia in lei e guardandola nella sua realtà concreta la valorizza nei suoi aspetti positivi. Entra in relazione intima con essa, senza difese, vedendo la sua verità; la aiuta a chiarirsi sulla propria situazione di vita e la chiama alla libertà, senza fretta e senza forzature. La conduce a scoprire chi è veramente, a fare luce nel suo cuore, a trovare il segreto nascosto che è la sua Elezione Fondamentale. Dentro una relazione vivificante possiamo prendere coscienza della nostra identità spirituale, del nostro “nome” davanti a Dio, del disegno di Amore in cui siamo inscritti.

Ecco come dovrebbe parlare e agire un cristiano. Abbiamo una vita per imparare a farlo.

Chiara ci ha insegnato che è possibile.

Foto: Idee&Azione

13 giugno 2021