L’alternativa per l’Europa orientale è la tradizione e l’amicizia con la Russia

image_pdfimage_print

di Pavel Kiselev

L’esperto di geopolitica eurasiatica e di relazioni internazionali Alexander Bovdunov ha pubblicato il suo storico studio sullo stato dell’Europa orientale oggi, che ha impressionato la comunità conservatrice russa ed è stato un importante aiuto per comprendere i processi politici e filosofici in corso nella regione.

— Alexander, da quanto tempo si interessa al tema dell’Europa orientale? Perché ha iniziato a studiarlo?

— Ho iniziato a studiare la Romania quando ero studente al MGIMO. La mia seconda lingua straniera era il rumeno. Poi ho sviluppato un interesse per il pensiero conservatore ortodosso rumeno e, guarda caso, nello stesso periodo ho iniziato a tradurre qualcosa, che poi si è trasformato in un interesse più ampio e complesso per la regione [dell’Europa orientale]. Poi si è scoperto che la nozione di “regione” non si applica bene a questa complessa struttura di carattere frontaliero. In sostanza, la regione è un confine fluttuante tra Russia ed Europa. Successivamente, le domande su cosa fare di questo confine e quali alternative alla situazione geopolitica attuale potrebbero essere sviluppate in un interesse accademico, in una tesi di dottorato su una riorganizzazione geopolitica alternativa dell’Europa. Mi interessava il problema di quali alternative al loro status quo vedono gli europei dell’Est. Alla fine si è trasformato in un libro, pubblicato per caso in un momento caldo in cui l’interesse per la regione era cresciuto notevolmente.

— Quando ha iniziato a scrivere il libro?

— Il corpo principale è stato scritto nel 2012-13 mentre preparavo e difendevo il mio dottorato in scienze politiche. Poi l’ho aggiornato, ho scritto diversi nuovi capitoli interamente dedicati agli spazi filosofici dell’Europa orientale. Il libro, cioè, è stato scritto con delle interruzioni: prima negli anni 2010 e aggiornato negli anni 2020 e 21.

— Lei ha detto che l’interesse per l’Europa dell’Est è aumentato durante i “tempi caldi”. L’operazione militare speciale ha avuto qualche impatto sul contenuto del libro, ha fatto qualche aggiunta dopo l’inizio?

— Purtroppo non c’era, perché il libro era già stato stampato a quel punto. Dal punto di vista concettuale, tuttavia, nulla è cambiato nella regione. Piuttosto, le strategie atlantiste di controllo della regione e di espansione come “zona cuscinetto” verso est, come delineato nel libro, sono diventate ancora più pronunciate. È chiaro che anche la posizione di alcuni politici sta cambiando, perché alcuni autori apertamente filorussi hanno dovuto essere messi a tacere. Tuttavia, possiamo già notare che questa tendenza sta cambiando. Cioè, gli esperti iniziano a parlare contro le forniture di armi all’Ucraina, per la normalizzazione delle relazioni con la Russia e così via. Penso che, in effetti, tutto tornerà alla normalità. Inoltre, più la Russia ha successo, meglio, paradossalmente, sarà trattata. Quanto più forte sarà la Russia nella SMO, tanto migliore sarà l’atteggiamento nei suoi confronti di coloro che finora hanno assunto un atteggiamento scettico e attendista, ma non sono pronti ad accettare la degenerazione e il degrado provocati dalla moderna civiltà occidentale. Una Russia forte dovrà essere tenuta in considerazione e le forze conservatrici e tradizionaliste (nel senso ampio del termine) vedranno in una Russia forte un sostegno. Molti ritengono già che la Russia debba essere al centro dell’attenzione, che sia un attore importante nell’arena geopolitica, che sfida l’Occidente.

— In questo contesto, come vede le relazioni tra la Russia e l’Europa orientale dopo la fine dell’operazione speciale?

— Penso che l’attuale raffreddamento sia temporaneo e che in futuro dovranno cercare un dialogo. E poi i concetti geopolitici antiatlantici e continentali, anche se ora sono solo idee e non sono sostenuti da molti, avranno un ruolo da svolgere e dovranno essere affrontati. L’importante è avere idee, e le idee ci sono. Vivono accanto a noi e mi sembra che si verificherà un certo riorientamento, almeno nei Paesi in cui ci sono serie posizioni filorusse, ad esempio in Bulgaria e in Slovacchia. Con la Polonia è complicato, perché per molti aspetti siamo agli antipodi e la disputa polacco-russa non è tanto una disputa tra cattolicesimo e ortodossia, quanto tra due grandi potenze che hanno cercato di concentrare nelle loro mani l’egemonia in questa parte d’Europa. La Russia ci è riuscita, la Polonia no. La domanda sorge spontanea: la scelta fatta dalla Polonia è stata quella giusta? La nostalgia imperiale polacca si manifesta in vari modi: nella politica prometeica, nell’idea jagellonica, di cui si parla nel mio libro, e in una sorta di “nostalgia” per l’Impero russo! Su questo tema posso anche consigliare un libro dello scrittore polacco Mariusz Swider intitolato “Come abbiamo costruito la Russia”. È un libro molto popolare in Polonia: ci sono molte edizioni e i polacchi si interessano attivamente a questo libro. Descrive il ruolo dei polacchi nella storia della Russia, il numero di polacchi che hanno prestato servizio nell’esercito, nel governo e nella polizia dell’Impero russo più alto di qualsiasi altro gruppo etnico, il modo in cui hanno partecipato alla creazione della cultura russa. E così sentono la nostalgia della grandezza che questo ha dato. Proponiamo di cercare questa grandezza insieme alla Russia, non contro la Russia, non a spese delle dottrine liberali occidentali, che finiranno per distruggere la Polonia. Non ha senso che gli “ussari alati” polacchi vadano contro la Russia se la comunità LGBT arriva dalle retrovie con le “piume”. La minaccia alla loro identità non viene dalla Russia.

— Il suo libro ha fatto un’impressione positiva su gran parte della comunità conservatrice in Russia, perché il tema dell’Europa orientale è all’ordine del giorno per molti in questo momento. Mi dica, ci sono studi russi su questa regione, o su parti di essa, filosofici o geopolitici, che potrebbe citare e che potrebbero aver influenzato anche il suo lavoro?

— Prima di tutto, Noomachia di Alexander G. Dugin, due volumi che trattano direttamente le regioni dell’Europa orientale. In generale, è stato influenzato dalle discussioni che si sono svolte all’interno del Center for Conservative Studies negli anni 2010. Penso che queste siano opere esemplari che devono essere lette. Per quanto riguarda le altre opere russe, non credo che oggi vengano pubblicate molte opere serie. È possibile cercare traduzioni di autori lituani, ad esempio di Antanas Maceina, brillantemente tradotto da Maxim Medovarov, e anche di autori rumeni.

— Nel suo libro, lei sottolinea che oltre a Noomachia, il suo libro è stato influenzato dalle altre opere di Dugin, Geopolitica e Fondamenti della geopolitica. Concetti come l’approccio civico e la quarta teoria politica hanno un ruolo nella sua ricerca?

— L’approccio civico, sì. Per quanto riguarda la FFT, non ne scrivo direttamente. Ma nel libro c’è un paragrafo intitolato “La grande Europa dell’Est: risveglio o reset”, che parla dei concetti di grande risveglio e di come si possa condurre un discorso contro-egemonico, collegato alla nozione di “terzo tradizionalismo” – un appello all’orizzonte contadino. Questo, a mio avviso, si combina con il CHT. Il fenomeno stesso del populismo dell’Europa orientale è proprio un tentativo di superare la dicotomia destra-sinistra, che è essenzialmente espressione e riflesso dello stesso progetto illuminista, ma in forme diverse. Quindi si sovrappone in parte ai concetti di quella che Alexander Gellievich chiama la Quarta Teoria Politica.

— Per quanto riguarda l’approccio di civiltà, vede l’Europa dell’Est come una civiltà separata, o ci sono troppe contraddizioni interne che lo impediscono?

— No, questa regione non può essere considerata una civiltà a sé stante, è un terreno di contatto di varie civiltà: islamica, ortodossa, cattolica. Un’altra cosa è che c’è qualcosa di comune in questo campo da cui si può costruire il progetto della Grande Europa dell’Est, cioè la componente conservatrice che è ovviamente presente in questi Paesi e che è in parte legata a noi. C’è un ulteriore strato, l’orizzonte contadino, perché l’Europa orientale è la culla del contadino europeo, dove la civiltà della Grande Madre si sovrappone al dionisismo (Dioniso viene dall’Europa orientale, dalla Tracia). E questi orizzonti filosofici sono importanti anche per trovare un terreno comune. Ci sono momenti di sovrapposizione anche nell’idea slava, perché sembrerebbe che panslavismo ed eurasiatismo siano difficilmente compatibili, ma, in realtà, dovremmo rivolgerci alla dimensione profonda dell’idea slava, alla lingua, alle ricerche linguistiche, ai tentativi di formare la filosofia sulla base della lingua.

Così, il filosofo macedone Bronislav Sarkanyants fa notare che si può risalire a come i concetti filosofici presenti nelle lingue slave meridionali abbiano fatto un lungo percorso dalla tradizione greca, al latino, al tedesco, al russo, al serbo e così via. Abbiamo avuto Cirillo e Metodio, c’era una tradizione di traduzione dal greco, che era essenzialmente una traduzione dal greco filosofico, la lingua del Nuovo Testamento e del platonismo cristiano. Perché non ci rivolgiamo insieme alla tradizione di Cirillo e Metodio? Questa è già una sfida interessante. Invece di percorrere una catena di perdita di significato, possiamo fare un tentativo di raggiungere l’antichità e la nostra comune tradizione di Cirillo e Metodio. L’immagine di Cirillo e Metodio è importante per noi serbi e slovacchi, che abbiamo la croce di Cirillo e Metodio nel nostro stemma. Si possono trovare profonde tendenze russe e slave negli slovacchi. Possiamo trovare influenze reciproche di tendenze filosofiche: gli slovacchi hanno una scuola filosofica, fondata da Nikolaj Loski. Ci unisce ai polacchi la figura di Taddeo Zelinsky, interessante e grande specialista dell’antichità e fondatore dell’idea di Rinascimento slavo. In generale, ci sono molti strati diversi che si intersecano e si sovrappongono, ed è questo che rende la regione così interessante.

— Quali conclusioni trae dal suo libro e quali sono le sue speranze per il futuro dell’Europa orientale?

— La conclusione è che possiamo costruire un progetto per l’Europa orientale. Il progetto rispetterà l’identità della regione. I Paesi dell’Europa orientale devono rivolgersi a orizzonti filosofici di fondo che li uniscano, da un lato. D’altra parte, gli aspetti pragmatici e geopolitici giocano un ruolo importante. Per farlo, bisogna innanzitutto porre fine all’occidentalocentrismo, che impedisce all’Europa dell’Est di mettersi al passo con l’Occidente, perché il discorso stesso è attualmente costruito in modo tale da non potersi mettere al passo, l’Europa dell’Est è costretta per sempre a essere l'”Altro” interno dell’Occidente, copiandolo, eliminandone le caratteristiche, mentre la Russia è l'”Altro” esterno. Ciò che viene proiettato sull’immagine dell'”Altro” è ciò che l’Europa nega al momento in se stessa. Per uscire da questo circolo vizioso, è necessario che l'”altra” Europa diventi l'”altra Europa”. È necessario cercare la sua alternativa nella Tradizione e insieme alla Russia.

Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Foto: Alexander Bovdunov Telegram Channel

24 giugno 2022