L’Armata Rossa nella campagna invernale di 80 anni fa

image_pdfimage_print

di Shane Quinn

Sei settimane dopo l’inizio della campagna invernale dell’esercito sovietico, il 15 gennaio 1942 Adolf Hitler alla fine concordò che il Gruppo Centrale dell’esercito tedesco potesse ritirarsi gradualmente e combattere su una linea più dritta e più corta leggermente più a ovest di Mosca.

La gerarchia nazista sperava che ciò avrebbe rafforzato la posizione difensiva della Wehrmacht e avrebbe consentito loro di respingere i continui contrattacchi sovietici, al fine di ricostituire le forze tedesche per un’altra grande offensiva nell’estate del 1942.

Hitler attribuì il fallimento della sua campagna del 1941 per distruggere l’URSS come dovuto in gran parte ad “uno scoppio sorprendentemente precoce di un rigido inverno in Oriente” [1]. Non menzionò gli errori cruciali che lui stesso e l’alto comando avevano commesso riguardo alla grande strategia e nemmeno diede credito ai sovietici per aver dato uno spettacolo più forte di quanto i nazisti avessero previsto.

Tuttavia, l’inverno russo del 1941-42 fu molto più freddo e più lungo del normale e in effetti fu “uno degli inverni più rigidi mai registrati”, come notato in un articolo di eminenti climatologi (Jehuda Neumann e Hermann Flohn) per il Bollettino dell’American Meteorological Society [2].

Una tabella prodotta in questo studio rivela che la temperatura intorno a Mosca, per il mese di novembre 1941, era in media di ben 6,8 gradi Celsius più fredda rispetto al novembre 1940 [3]. Nel dicembre 1941, la temperatura a Mosca era di 5,2 gradi Celsius inferiore a 12 mesi prima e a gennaio 1942 era di 6 gradi più fredda del gennaio 1941. Anche il mese di marzo del 1942 era sensibilmente più freddo del marzo del 1941, mostrando una temperatura media più bassa di 3,6 gradi, con il termometro ancora ben al di sotto dello zero.

Queste temperature, molto più fredde rispetto a quelle tipiche, si riflettono in modo simile nelle registrazioni pubblicate a Leningrado, la seconda città più grande della Russia sovietica [4]. Tuttavia, il tempo terribile non è stato il motivo principale del deragliamento dell’operazione Barbarossa. I tedeschi avevano poco tempo e non erano stati in grado di raggiungere i loro obiettivi, principalmente a causa degli errori strategici commessi dall’alto comando tedesco; come pure estendere le proprie forze su un fronte troppo ampio il 22 giugno 1941 e due mesi dopo, quando Hitler di propria iniziativa ritardò l’avanzata su Mosca. La Blitzkrieg aveva rallentato in gran parte a causa di ciò.

L’autore militare Donald J. Goodspeed ha scritto: “L’alto comando tedesco aveva tentato troppe cose contemporaneamente. Aveva trascurato l’assioma primario dell’obiettivo unico [prendere Mosca]” [5].

Considerando che alla fine del 1941 i tedeschi erano nelle profondità dell’Unione Sovietica occidentale, che non avevano ricevuto indumenti caldi sufficienti, che avevano problemi con la logistica e le forniture e non avevano ricevuto quasi nessuna nuova divisione di combattimento, la loro prestazione quell’inverno fu abbastanza incredibile. In totale, durante i tre mesi da gennaio a marzo 1942, secondo lo studioso britannico Evan Mawdsley la Wehrmacht inflisse 620.000 vittime all’Armata Rossa; i tedeschi nello stesso periodo persero 136.000 uomini, pari al 22% delle perdite di personale sovietico [6].

Era l’abilità tedesca in corso, di esigere pesanti perdite dai sovietici, che assicurava che Hitler e il suo comando militare rimanessero fiduciosi che sarebbero usciti vittoriosi dalla guerra, in particolare con il progredire dell’inverno e la solidità della posizione della Wehrmacht. Goodspeed ha dichiarato: “È impossibile trattenere l’ammirazione per il successo tedesco in quel terribile inverno, un risultato molto più significativo di tutte le precedenti vittorie tedesche. È impossibile trattenere l’ammirazione, ma è infinitamente triste che gli uomini siano stati chiamati a combattere così bene per una causa così cattiva” [7].

Il 29 gennaio 1942 il generale Georgy Zhukov, comandante in capo dei sovietici, si lamentò di aver perso finora 276.000 soldati nei combattimenti invernali e di aver ricevuto solo 100.000 rinforzi [8]. Nelle sue memorie, Zhukov ha etichettato senza tante cerimonie la controffensiva russa “una vittoria di Pirro” ed ha criticato come il contrattacco sia spesso considerato un trionfo sovietico, definendolo “un abbellimento della Storia” e “un triste tentativo di dipingere sul fallimento” [9]. Le cifre delle vittime di cui sopra supportano le argomentazioni di Zhukov.

Sebbene sembrino giustificate anche le lamentele di Zhukov per non aver ottenuto sufficienti sostituzioni, nei tre mesi dal dicembre 1941 l’esercito sovietico fu rafforzato con 117 nuove divisioni, un numero molto alto [10]. La principale forza nemica, il Gruppo Centrale dell’Esercito Tedesco, ricevette solo 9 nuove divisioni dal dicembre 1941 al marzo 1942.

Hitler fu sollevato nell’osservare che il lento ritiro dei tedeschi a metà gennaio 1942 fu attuato con successo. Nel processo, la Wehrmacht subì notevoli perdite di uomini e materiale. Entro il 31 gennaio 1942, il totale delle vittime tedesche sul fronte orientale ammontava a 918.000, pari al 28,7% della forza d’invasione tedesca originaria del giugno 1941 [11].

In confronto, l’esercito sovietico alla fine del 1941 aveva subito quasi cinque milioni di vittime [12]; questa è la stragrande maggioranza della forza del personale dell’Armata Rossa a metà del 1941. L’arresto dell’avanzata tedesca aveva, nel frattempo, dato nuova vita alle attività di guerriglia antifascista, soprattutto in Jugoslavia e in Grecia. Le forze della Resistenza hanno contribuito a vincolare alcune divisioni tedesche. La Wehrmacht non ha avuto tali difficoltà dalle nazioni dell’Europa occidentale sotto il dominio nazista. I francesi, ad esempio, inviarono un contingente al fianco dei tedeschi per combattere contro la Russia sovietica [13].

In un imprevisto colpo di scena, l’esito positivo della rigida direttiva di Hitler di metà dicembre 1941 – in cui aveva ordinato ai comandanti tedeschi di impiegare dinamite e altri esplosivi per fare esplodere buchi nel terreno ghiacciato [14], da usare come roccaforti di difesa chiamate “ricci” – insieme all’azione di successo di cui sopra del 15 gennaio 1942, sembra aver aumentato lo status di Hitler come comandante supremo dell’esercito tedesco.

Mawdsley ha riconosciuto: “Hitler è uscito meglio da queste battaglie invernali di quanto non abbia fatto Stalin, almeno entro i suoi termini a breve termine. La politica ‘stabile’ salvò il suo fronte orientale. Ironia della sorte, il disastro di Mosca ha probabilmente accresciuto nel breve termine la sua reputazione (e la sua autostima), come leader di guerra, sebbene in modo diverso dalla campagna del 1940 in Francia. Poteva affermare di aver salvato l’esercito tedesco dai suoi stessi errori” [15].

Il 19 dicembre 1941 Hitler si nominò comandante supremo, in sostituzione del feldmaresciallo Walther von Brauchitsch. Quest’ultimo si era dimesso per problemi di cuore e per il deterioramento delle circostanze in Oriente. Hitler aveva insistito sul fatto che “Chiunque può emettere alcuni ordini tattici. Il compito di un comandante in capo è quello di educare l’esercito allo spirito del nazionalsocialismo. Non conosco nessun generale dell’esercito che potrebbe fare questo come voglio che sia fatto” [16].

L’autoassegnazione di Hitler come signore della guerra della Germania nazista non era affatto una cattiva notizia per i russi. Avendo un’esperienza militare limitata, Hitler era destinato a commettere errori nel tempo a venire. In realtà, il leader nazista era stato de facto Comandante Supremo per mesi prima del dicembre 1941.

Il 10 gennaio 1942, Joseph Stalin informò i suoi generali in una direttiva che si aspettava “la completa sconfitta delle forze naziste nel 1942” [17]. Lo slogan del Primo Maggio dell’Armata Rossa diceva: “Nel 1942 raggiungeremo la sconfitta decisiva delle forze fasciste tedesche” e, scrisse Mawdsley [18], la leadership sovietica continuò a dichiarare che questo obiettivo era realizzabile “almeno fino alla fine di giugno 1942” nonostante il fatto che a quel punto i tedeschi fossero centinaia di miglia più in profondità nel territorio russo di quanto lo fosse stata la Grande Armata di Napoleone nel 1812.

A differenza di Hitler, tuttavia, Stalin possedeva un ampio background ai massimi livelli militari, che gli avrebbero dato un valido aiuto mentre la guerra continuava. Lo storico inglese Geoffrey Roberts si rese conto che “Stalin non era un generale, ma aveva esperienza di alto comando sul campo e di servizio nella zona di combattimento, sebbene non in prima linea. Durante la guerra civile russa aveva servito come commissario politico, rappresentante del comitato centrale del partito comunista, responsabile della sicurezza e del mantenimento dei rifornimenti per l’Armata Rossa, incarico che lo aveva coinvolto nel processo decisionale militare di alto livello” [19].

Nel gennaio 1942, il Cremlino cercò di infliggere un colpo mortale ai nazisti eseguendo un gigantesco movimento a tenaglia intorno alle città russe di Rzhev e Vyazma. Una tale mossa, se avesse avuto successo, avrebbe portato all’accerchiamento e alla distruzione della più grande forza tedesca, Il Gruppo Centrale. Se i sovietici fossero riusciti a raggiungere questo obiettivo, la guerra sarebbe praticamente finita [20]. In parte a causa del piano russo, Hitler aveva ordinato con riluttanza il suo ritiro graduale il 15 gennaio.

I sovietici avevano già riconquistato la città russa di Kalinin (Tver) il 16 dicembre 1941, 100 miglia a nord-ovest di Mosca, seguita dal caposaldo di Kaluga il 26 dicembre, una distanza simile a sud-ovest di Mosca. Con Kalinin e Kaluga tornati ora in mano sovietica, Stalin e l’Alto Comando Supremo (Stavka) effettuarono la loro manovra avvolgente più a ovest, concentrandosi su Rzhev e Vyazma. Queste città si trovano a poco più di 130 miglia a ovest di Mosca.

Il Gruppo Centrale non era destinato a essere circondato e distrutto. In aspri combattimenti i tedeschi si aggrapparono a Rzhev. Il loro formidabile comandante, Walter Model, lanciò assalti sostenuti e vigorosi contro le truppe sovietiche in arrivo. Mawdsley scrisse: “Il generale Walter Model fu incaricato di assumere la 9a armata sulla parete settentrionale della posizione tedesca… Ufficiale dalle straordinarie capacità, Model iniziò un’ascesa fulminea e si sarebbe affermato come il miglior specialista difensivo dell’esercito tedesco, il ‘vigile del fuoco’ di Hitler” [21].

Hitler descrisse ripetutamente Model come “il salvatore del fronte orientale”. Per la sua azione di successo a Rzhev, il 1 ° febbraio 1942 il Führer assegnò personalmente a Model la Croce di Cavaliere con foglie di quercia e lo promosse colonnello generale [22]. Model, di cui Hitler si fidava a causa della sua posizione filo-nazista, era l’unico comandante che poteva persuadere Hitler a decidere le ritirate, addolcite con una politica “scudo e spada”.

Attraverso questo stratagemma Model aveva suggerito un ritiro ad Hitler, ma il generale sottolineò poi che sarebbe seguito un audace contrattacco, in cui il territorio perduto sarebbe stato rapidamente riconquistato, o almeno così speravano. Il personale militare tedesco rimase spesso stupito, a testimoniare come la politica dello scudo e della spada di Model convinse prontamente Hitler ad autorizzare ritiri temporanei [23]. Altri generali avevano rischiato di essere licenziati per aver proposto tanto.

Verso la metà di gennaio 1942, la 29a e la 39a armata sovietica aggirarono Rzhev e avanzarono verso sud-ovest in direzione di Vyazma. Ancora più a sud, le divisioni del generale Zhukov si avvicinarono a Vyazma. Nonostante queste minacce, Vyazma rimase sotto l’occupazione nazista e la 29° e la 39° armata sovietica si trovarono tagliati fuori dalle linee tedesche, poiché il generale Model colmava il divario di Rzhev [24]. L’avanzata russa si fermò e le tenaglie non si chiusero mai.

Altrove, un tentativo russo di superare la 9a armata tedesca venne fermato davanti a Vitebsk, nel nord-est della Bielorussia. A sud di Leningrado, un’offensiva sovietica lungo il fiume Volkhov non riuscì a raggiungere i suoi obiettivi e provocò l’annientamento della 2a armata d’assalto sovietica [25]. L’8 febbraio 1942, sei divisioni tedesche furono circondate dai russi nella località urbana di Demyansk, 235 miglia a nord-ovest di Mosca [26]. I tedeschi accerchiati continuarono a combattere e la loro sopravvivenza fu resa possibile dalle forniture di cibo e medicine inviate dall’aria dalla Luftwaffe.

Nella città russa di Kholm, a circa 200 miglia a sud di Leningrado, un misto di unità dell’esercito tedesco e della polizia fu circondato alla fine di gennaio 1942, quando la 33a e la 391a divisione di fucili sovietici strinsero l’anello attorno a Kholm (la tasca di Kholm). Anche su questa città i tedeschi ricevettero rinforzi da lanci aerei della Luftwaffe. Si aggrapparono a Kholm nonostante i ripetuti assalti sovietici, le pesanti perdite e un’improvvisa ondata di tifo esantematico, una malattia batterica letale [27].

Il successo delle manovre della Luftwaffe, a Demyansk e Kholm, potrebbe aver rassicurato Hitler che l’inverno successivo sarebbe stato possibile salvaguardare la 6a armata tedesca intrappolata a Stalingrado [28]. Certamente, le operazioni di Demyansk e Kholm hanno dato credito al capo dell’aviazione nazista Hermann Göring, rincuorato qui dalla dimostrazione della Luftwaffe. Più tardi, Göring era ottimista che la stessa impresa sarebbe stata possibile a Stalingrado, fino a quando la 6a armata non fosse stata sollevata.

Non fu così, perché gli aeroporti tedeschi erano più lontani da Stalingrado che a Demyansk e Kholm. Anche la 6a armata era varie volte più grande e sarebbe stato necessario nutrire più bocche per sostenerla.

Si prevedevano focolai di tifo nel tardo inverno, come avevano afflitto i tedeschi nella tasca di Kholm. Tali eventi furono predetti accuratamente dall’alleato di Hitler, l’autocrate rumeno maresciallo Ion Antonescu, che il 13 novembre 1941 disse: “Secondo la mia esperienza, a febbraio scoppia il tifo esantematico. Dobbiamo organizzarci per allora. Dobbiamo limitare l’area della malattia, inviare bagni e disinfestare treni, perché altrimenti a febbraio avremo un’epidemia su larga scala… Il disastro arriverà a febbraio, quando una persona è indebolita dall’inverno, perché non si è nutrita adeguatamente” [29].

Nell’URSS sudoccidentale, il 31 dicembre 1941 la 302a divisione sovietica di fucili da montagna, guidata dal colonnello Mikhail K. Zubkov, liberò la città di Kerch nella Crimea orientale. Più di quattro mesi dopo, Kerch sarebbe stata nuovamente presa dai tedeschi il 14 maggio 1942. Nell’estremo sud della Crimea, l’11a armata tedesca del generale Erich von Manstein aveva “occupato le rive del Mar Nero” e i tedeschi godevano “dell’accesso ai granai dell’Ucraina”, come scrisse Leopold Trepper, un agente di alto livello dell’intelligence antinazista [30].

Le forze di Manstein erano ancora bloccate fuori Sebastopoli, la città più grande della Crimea, che resistette eroicamente. Sebastopoli non sarebbe caduta in mano agli invasori fino al pieno dell’estate [31]. L’operazione russa più promettente ebbe luogo vicino a Kharkov, la quarta città più grande dell’URSS, che era stata catturata dalla 6a armata tedesca il 24 ottobre 1941.

A metà gennaio 1942, i sovietici lanciarono attacchi gemelli intorno a Kharkov [32]. I tedeschi riuscirono a fermare il braccio sovietico settentrionale a Belgorod, 45 miglia a nord di Kharkov ma i russi fabbricarono un profondo cuneo nelle linee tedesche vicino a Izyum, a circa 70 miglia a sud-est di Kharkov. Solo dopo lunghi combattimenti la Wehrmacht fu in grado di ripristinare la situazione e impedire all’Armata Rossa di avanzare verso sud su Kharkov, possibilmente riconquistando la città.

Note:

[1] J. Neumann and H. Flohn, “Great Historical Events That Were Significantly Affected by the Weather: Part 8, Germany’s War on the Soviet Union, 1941–45. Long-range Weather Forecasts for 1941–42 and Climatological Studies”, Giugno 1987, Jstor, pag. 7 di 11

[2] Ibid., pag. 1 of 11

[3] Ibid., pag. 4 of 11

[4] Ibid.

[5] Donald J. Goodspeed, “The German Wars” (Random House Value Publishing, Seconda Edizione, 3 Aprile 1985) pag. 403

[6] Evan Mawdsley, “Thunder in the East: The Nazi-Soviet War, 1941-1945” (Hodder Arnold, 23 Febbraio 2007) pag. 147

[7] Goodspeed, “The German Wars”, pag. 405

[8] Mawdsley, “Thunder in the East”, pag. 128

[9] Ibid., pag. 127

[10] Goodspeed, “The German Wars”, pag. 407

[11] Jacques R. Pauwels, “The Myth of the Good War: America in the Second World War” (Formac/Lorimer; Seconda Edizione 1 Settembre 2015) pag. 73

[12] Ian Johnson, “Stalingrad at 75, the Turning Point of World War II in Europe, Origins: Current Events in Historical Perspective”, 15 Agosto 2017

[13] Goodspeed, “The German Wars”, pag. 407

[14] Chris Bellamy, “Absolute War: Soviet Russia in the Second World War” (Pan; Main Market edition, 21 Agosto 2009) pag. 447

[15] Mawdsley, “Thunder in the East”, pag. 148

[16] Goodspeed, “The German Wars”, pag. 406

[17] Geoffrey Roberts, “Stalin’s Wars: From World War to Cold War, 1939-1953” (Yale University Press; Prima Edizione, 14 Novembre 2006) pag. 116

[18] Mawdsley, “Thunder in the East”, pagg. 118-119

[19] Roberts, “Stalin’s Wars”, pag. 12

[20] Goodspeed, “The German Wars”, pag. 407

[21] Mawdsley, “Thunder in the East”, pag. 123

[22] C. Peter Chen, “Walter Model”, World War II Database, Aprile 2007

[23] Samuel W. Mitcham Jr., “Hitler’s Field Marshals and Their Battles” (Guild Publishers, 1988) pag. 319

[24] Bellamy, “Absolute War: Soviet Russia in the Second World War”, pag. 347

[25] Goodspeed, “The German Wars”, pag. 408

[26] Ibid.

[27] Ibid.

[28] Ibid.

[29] Dennis Deletant, “Hitler’s Forgotten Ally: Ion Antonescu and His Regime, Romania 1940–1944” (Palgrave Macmillan; Sesta Edizione, 12 Aprile. 2006) pag. 176

[30] Leopold Trepper, “The Great Game: Memoirs of a Master Spy” (Michael Joseph Ltd; Prima Edizione, 1 Maggio 1977) pag. 132

[31] C. Peter Chen, “Battle of Sevastopol, 30 Oct 1941 – 4 Jul 1942”, World War II Database, Gennaio 2008

[32] Goodspeed, “The German Wars”, pag. 408

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

Foto: Wikipedia

7 febbraio 2022