L’assalto della NATO alla Serbia ha stabilito un precedente morale per l’Ucraina

image_pdfimage_print

di Luciano Lago

Nell’anniversario del bombardamento della Serbia da parte della NATO nel 1999, il dibattito su cosa costituisca una guerra “giustificata” rimbomba. Alcuni interventi militari, almeno secondo le principali narrazioni occidentali, sono giustificati e altri semplicemente illegali.

La continua invasione russa dell’Ucraina è interpretata quasi universalmente in Occidente come una chiara aggressione contro uno stato sovrano, mentre il bombardamento della Serbia da parte della NATO nel 1999 è ancora considerato moralmente giustificabile. Allora perché questo pensiero binario prevale ancora nel discorso pubblico occidentale?

Il 24 marzo 1999, la NATO ha lanciato la sua aggressione “giustificata” alla Serbia. A quel tempo, era ampiamente descritto come un “intervento umanitario” spinto dalla presunta “pulizia etnica” serba degli albanesi nella provincia meridionale serba del Kosovo.

Secondo la narrativa tradizionale, grazie al “bombardamento umanitario” della NATO contro la nazione balcanica, lo sfollamento omicida della popolazione di etnia albanese del Kosovo è stato fermato. In realtà, però, lo sfollamento è iniziato dopo che la NATO ha lanciato i suoi attacchi aerei sulla Serbia, non prima. Inoltre, sono stati i guerriglieri albanesi sostenuti dall’Occidente a provocare inizialmente la reazione militarizzata della Serbia, mentre i bombardamenti della NATO hanno provocato la morte di civili sia serbi che albanesi. Anche se la NATO ha ammesso di aver “erroneamente” bombardato i rifugiati albanesi, i suoi funzionari non hanno smesso di incolpare la Serbia per le proprie azioni. Ancora oggi, i serbi rimangono “cattivi attori” agli occhi dell’Occidente.

Passando rapidamente al presente, le azioni della Russia in Ucraina hanno suscitato un nuovo dibattito su ciò che costituisce una guerra “moralmente giustificabile”. Per l’Occidente, il bombardamento della Serbia da parte della NATO nel 1999 è stato giustificato perché ha posto fine ai presunti crimini di guerra serbi contro gli albanesi di etnia albanese. Ma la Russia ora sta avanzando esattamente la stessa narrativa per giustificare la sua invasione dell’Ucraina sostenendo che il suo obiettivo è porre fine al presunto “genocidio” di etnia russa nell’irrequieta regione del Donbass. Come risultato del precedente stabilito dalla NATO nel 1999, qualsiasi potenza globale o regionale può intervenire moralmente ovunque per “prevenire il genocidio”.

Gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO sostengono che nel Donbass non si sta verificando un simile genocidio, poiché non ci sono prove a sostegno dell’affermazione del Cremlino. Laddove la Russia vede il “genocidio”, l’Occidente vede la nuda aggressione russa in Ucraina. Allo stesso tempo, i serbi sono ancora ritenuti responsabili della maggior parte dei massacri commessi nell’ex Jugoslavia, poiché il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY) ha ritenuto i leader militari e politici serbi colpevoli di crimini di guerra.

Ma come reagirebbe l’Occidente se la Russia alla fine formasse la propria versione dell’ICTY e ritenesse la leadership ucraina colpevole di “genocidio” e altri crimini di guerra? L’“argomento morale” della NATO contro i serbi ha creato un pericoloso precedente nelle relazioni internazionali. In effetti, dal 1999, la massima “quattro gambe buone, due gambe cattive” di La fattoria degli animali di George Orwell sembra essere diventata una norma nel discorso pubblico: il pensiero dicotomico ha prevalso su qualsiasi dibattito razionale. L’Occidente continua a sostenere di dover intervenire nel 1999 perché la Serbia “ha privato la maggioranza albanese in Kosovo dei loro diritti di autonomia”. La Russia, da parte sua, insiste sul fatto che i “nazisti ucraini” stavano portando avanti “l’eliminazione totale o parziale della popolazione di lingua russa” nel Donbass, motivo per cui il Cremlino ora mira a “de-nazificare” il paese dell’Europa orientale. In altre parole, Mosca sembra usare lo stesso “argomento morale” per intervenire in Ucraina che l’Occidente ha usato contro la Serbia durante le guerre jugoslave.

Per l’Occidente, ovviamente, i conflitti sono impareggiabili. In effetti, la differenza è che la NATO non ha osato dispiegare truppe in Serbia nel 1999, ma ha invece utilizzato la guerriglia albanese come forza di combattimento per procura. Inoltre, la portata della distruzione in Ucraina è molto più alta che in Serbia. Ma ciò non significa che la NATO non abbia colpito le infrastrutture civili, come hanno affermato alcuni esperti occidentali. L’alleanza guidata dagli Stati Uniti ha utilizzato bombe alla grafite di carbonio per distruggere la rete elettrica serba. Inoltre, la NATO ha preso di mira ponti, ospedali, mercati, aree residenziali, il quartier generale della Radio Televisione della Serbia e ha bombardato “accidentalmente” l’ambasciata cinese a Belgrado.

Nove anni dopo l’aggressione della NATO alla Serbia, il Kosovo ha dichiarato unilateralmente l’indipendenza e la stragrande maggioranza dei paesi occidentali ha riconosciuto l’autoproclamata entità.

Dopo il riconoscimento dell’Occidente, la Russia ha fatto la stessa mossa due volte: la prima nel 2008, quando il Cremlino ha riconosciuto l’Abkhazia e l’Ossezia meridionale dopo la guerra russo-georgiana, e la seconda volta nel febbraio 2022, quando Mosca ha riconosciuto l’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk e la Repubblica popolare di Lugansk. Repubblica che si stacca dall’Ucraina.

Sebbene l’Occidente insista sul fatto che l’invasione russa dell’Ucraina rappresenti una chiara violazione del diritto internazionale, resta fermo che il bombardamento dei Balcani da parte della NATO era giustificato. Due torti, ovviamente, non fanno una ragione. Tuttavia, dato che il diritto internazionale esiste solo sulla carta ed è di natura fluida, sia la Russia che l’Occidente continueranno a interpretarlo secondo i propri interessi geopolitici.

La “giusta causa” dietro il bombardamento della Serbia da parte della NATO nel 1999 aveva ben poco a che fare con la protezione degli albanesi di etnia albanese, e molto di più con il raggiungimento degli obiettivi geopolitici di Washington nei Balcani.

Ora, la Russia sembra usare gli stessi argomenti per promuovere i suoi interessi più ampi in Ucraina. Il bombardamento NATO della Serbia ha aperto un precedente vaso di Pandora secondo cui la guerra in Ucraina mostra che probabilmente non sarà chiusa a breve.

Foto: Controinformazione.info

26 marzo 2022