Lavarini risponde a Mariano, prosegue la bagarre aristocratica

image_pdfimage_print

di Redazione

Riceviamo e pubblichiamo la risposta di Roberto Jonghi Lavarini a Francesco Alfredo Maria Mariano.

Il signor Francesco Mariano non è nobile e nemmeno duca di nulla, tantomeno di Otranto (storica titolazione dei miei amici principi Comneno) e non fa parte di nessuna seria associazione storico nobiliare, tantomeno di nessuno degli ordini cavallereschi noti e riconosciuti. Negli anni si è creato una tragicomica galassia di pompose sigle che nella realtà non rappresentano assolutamente nulla, se non se stesso e le sue attività commerciali di sedicente consulente genealogico, nobiliare e araldico. Abusa del rispettato nome del marchese Vittorio Spreti, lui si vero studioso di queste materie, ed è in causa legale con i suoi eredi legittimi, in particolare con Roberto Spreti Malmesi Griffo Focas di Cefalonia che, giustamente reclama la restituzione dell’archivio in sua custodia. Il signor Mariano, nonostante una eleganza impostata, si capisce fittizia, e uno studio pieno di attestati, stemmi e bandiere, ori e argenti che luccicano per i poveri fessi, non ha alcuna autorità ma nemmeno credibilità negli ambienti della autentica nobiltà italiana. Ottaviano de Medici di Ottajano è certamente principe ed erede collaterale diretto della dinastia dei signori di Firenze e granduchi di Toscana, ma, ripeto e confermo, può concedere titoli cavallereschi e onorifici ma, certamente, non nobiliari, punto, su questo non ci sono dubbi. Conservo ancora una email ufficiale della sua segreteria con un penoso listino prezzi, manco si trattasse di scarpe o di salumi. La cosa fece inorridire anche sua sorella, Donna Costanza, vera signora, colta e sobria, mia amica e socia onoraria di Aristocrazia Europea. Io sono solo un modesto decurione di montagna ma di queste materie qualcosa ne capisco. I cani che abbaiano non mordono, e lo fanno per avere l’osso dal proprio padrone. E per i palloni gonfiati basta un piccolo spillo per ripristinare i reali equilibri.

Roberto Jonghi Lavarini

Foto: Idee&Azione

22 luglio 2022